Lo sguardo nei suoi occhi_(1)

453Report
Lo sguardo nei suoi occhi_(1)

Claire era l'unica persona rimasta in ufficio. Era venerdì, e quelli che non si erano presi mezza giornata o un giorno intero erano a pranzo. Era stata invitata, ma aveva bisogno di lavorare più di quanto le servisse per fare un lungo pranzo.

Era strano avere l'intero ufficio vuoto. Ma le piaceva anche il silenzio. Poteva finire il lavoro più velocemente senza che nessuno la distraesse.

Seduto sulla sua scrivania, accanto al suo computer, c'era un libro. Bel bastardo. L'aveva letto in treno, e qualche volta al lavoro, quando voleva prendersi una pausa guardando il computer. Le persone fissavano, quando conoscevano il contenuto del libro. Poteva vederli guardare. Ma non importava. Voleva leggere il libro più che preoccuparsi di ciò che gli altri pensavano potesse passare per la sua mente.

Non sarebbero mai in grado di indovinare, comunque.

Non riusciva a credere a quanto la rendesse bagnata. Arrivata al lavoro, era tentata di entrare, correre in bagno e finire il lavoro che un libro e la sua immaginazione avevano iniziato.

Lavoro sesso. Un capo e una giovane impiegata, era più o meno la trama. Se solo, pensò. Ma no. Nessun capo attraente. Purtroppo, nessuno che trovasse attraente. A meno che le cose non cambiassero presto o lei non trovasse un nuovo lavoro, la fantasia non si sarebbe e non avrebbe potuto avverarsi.

La mente di Claire cominciò a scivolare dal lavoro e di nuovo al libro. Fare una pausa sarebbe fantastico. Stava scrivendo quasi ininterrottamente dalla mattina. Leggere un po' spezzerebbe la monotonia della giornata fino ad ora.

Forse visto che in ufficio non c'era nessuno, pensò, poteva essere un buon momento per mettere in scena almeno metà della fantasia. Sesso in ufficio ancora, ma con un capo immaginario e poche dita che, ormai, sapevano esattamente dove andare e per quanto tempo. Il fatto che indossasse un vestito lo renderebbe facile.

No, non poteva. Era un bel pensiero, ma o era reale o niente.

Il campanello della porta d'ingresso suonò, il che significava che qualcuno era tornato in ufficio. Sbirciò oltre il muro del cubicolo. Era Chris, uno dei suoi colleghi. Nuovo in ufficio. Imbarazzante stargli accanto, dato che era un piede intero più alto di lei.

Chris ha visto la testa di Claire alzarsi e ha fatto un cenno. Lei sorrise e salutò di rimando. Un sorriso amichevole, niente di più. Chris ha chiarito fin dall'inizio che era attratto da lei. Il che era lusinghiero, ma niente di più. Non era mai stata attratta dai neri.

Si appoggiò allo schienale della sedia, chiuse gli occhi e si massaggiò il ponte del naso con il pollice e l'indice. Fissare il computer era uno sforzo assoluto per gli occhi. Non è una gran cosa per qualcuno con emicranie costanti. "Per favore, fammi evitare l'emicrania", supplicò con la testa.

Quando aprì gli occhi, Chris era in piedi sulla porta del suo cubicolo. È saltata. Da quanto tempo era lì?

Quando lei saltò, lui rise. "Scusa, pensavo mi avessi sentito arrivare."

"Mi sono allontanato per un momento lì, ma anche ancora, ti muovi SILENZIOSO."

“Questo è un fatto nuovo su me stesso. Non lo sapevo.

"Beh è vero."

"Dove sono tutti? lui si chiedeva.

"Tutti sono a pranzo, sono usciti prima di pranzo o lavorano da casa", gli disse. "A proposito, pensavo fosse quello che stavi facendo oggi."

“Lo sono, ma ieri ho dimenticato qui le mie cuffie. Corro il sabato e la domenica mattina e non volevo sprecare soldi per un nuovo paio solo per il fine settimana.

Aveva senso che gli piacesse correre. Sembrava un corridore. Gambe spesse e potenti. In forma.

Chris ha notato il libro sulla scrivania di Claire.

"...è un libro interessante."

Lei arrossì un po'.

“Interessante perché pensi che il titolo sia interessante? O interessante perché sai di cosa si tratta interessante?

"Poi il secondo", disse, e fece un sorriso.

Decise di non essere ovvio e di squadrarla dall'alto in basso, come aveva fatto tante volte prima. Sapeva che lei sapeva che era attratto da lei, e sapeva che probabilmente aveva indovinato, correttamente, che era proprio il suo tipo.

Una ragazza bianca bassa e carina. Curvy in ogni posto che gli piaceva.

Amava i grandi seni su una piccola cornice.

"Sì... è interessante", disse, senza più arrossire. Era seccata di essere arrossita un po'. Non le piaceva l'idea che lui lo tirasse fuori da lei. Quasi come se avesse perso terreno nella sua lotta contro le sue avances.

“Pensi che potresti mai farlo? Andare a letto con qualcuno per cui hai lavorato?
Ne fu presa alla sprovvista e glielo fece sapere, con l'espressione sul suo viso. Tuttavia, non sembrò accorgersene. Lo sguardo scioccato alla fine svanì e si trasformò in un cipiglio.

Era infastidita. Non era attratta da lui. Perché non riusciva a capirlo?

"Spero che tu possa vedere, dall'espressione sul mio viso, quanto l'ho trovato inappropriato."

“Sì, lo vedo. E sto aspettando che se ne vada e che tu risponda alla domanda.

«No», disse lei fredda e risoluta.

"Non so se andare a letto con un capo, ma sicuramente con un collega."

Claire alzò gli occhi al cielo.

“Scommetto che lo faresti. Scommetto che potrei anche indovinare chi.

"Scommetto che potresti."

Chris è stato molto avanti oggi. Normalmente le piacevano le cose semplici, ma questa volta era una svolta. Sapeva, tuttavia, che se non fosse stata al gioco, il suo giochetto sarebbe potuto durare per un po'.

"Potrei, se il mio capo fosse qualcuno da cui ero attratta, dormire con loro", ha risposto.

"E un collega?"

Lei sospirò. "Se era qualcuno da cui ero attratto, allora certo."

Lui sorrise. Lei no. E d'ora in poi aveva finito anche con i sorrisi amichevoli.

“Ho detto se era qualcuno da cui ero attratto. Non tu."

Scherzosamente, rise e fece finta di essere ferito.

"Devo anche dire ahi?" chiese.

"Scusa."

"Non ti piacciono i neri?"

"Al momento, sono meno attratta da te come persona che da qualsiasi altra cosa", ribatté lei.

“Ehi, sei tu quello con il libro. Ho pensato che se questo è ciò che ti piace, non avresti problemi a parlarne.

"Solo perché non sono una puritana e sto leggendo un libro come questo, non significa che voglio parlare con te di sesso."

“Senti... sono interessato. Penso che lo sappiamo entrambi come un dato di fatto. Ma considerando che non sembra davvero che accadrà, farò un patto con te. Rispondi ad altre tre domande, dammi qualcosa a cui pensare la notte e ti lascerò in pace.»

Claire non riusciva a credere che finalmente l'avesse detto ad alta voce. Alla fine l'ha ammesso. E non riusciva a credere che pensasse di poterla indurre a pensare che gli doveva qualcosa.

D'altra parte però... significava che l'avrebbe lasciata in pace.

"Per quanto? Non sono d'accordo a meno che non sappia che questo sarà permanente.

“Va bene, è giusto. E una promessa rimarrà una promessa”.

Sentiva che le cose avrebbero potuto muoversi nella direzione che voleva, se fosse stato attento. In caso contrario, avrebbe dovuto mantenere la sua promessa e lasciarla in pace. E non poteva immaginarlo. Le cose che voleva farle.

"Bene. Tre domande.»

Lui sorrise.

"Qual è la cosa più strana che hai mai fatto a letto?"

"Non ne ho idea."

"Pensaci."

"Okay... beh, ho lasciato che un ragazzo mi fottesse le tette prima e mi venisse sul petto e sulla faccia."

"È STRANO per te?"

“La parte dello sperma, sì. Non sto bene con cose del genere sulla mia faccia.

"Amico, è un peccato."

Alzò di nuovo gli occhi.

"Sei mai stato con più di un ragazzo prima?"

"Non l'ho fatto, no."

“Potremmo cambiarlo. Ho un amico che potrei chiamare, potrebbe arrivare subito.»

"NO."

"Va bene, va bene. Ultima domanda. Se tirassi fuori il mio cazzo in questo momento, cosa faresti?

Questo è dove il giorno era andato? Un semplice venerdì. Se solo potesse portare a termine il suo lavoro, potrebbe iniziare il fine settimana.

"E perché vorresti farlo?" chiese, sarcastica.

"Solo per vedere lo sguardo nei tuoi occhi quando l'hai visto."

"Ne ho visti abbastanza per sapere che non mi mostrerai qualcosa di nuovo."

"Forse. Forse no."

“Ti rendi conto che è un po' una cazzata, vero? Cazzo nei pantaloni, cazzo nei pantaloni, hai detto abbastanza per farmi licenziare.

"Lo capisco."

Esasperato. "Va bene, allora perché farlo?"

"Ho una buona sensazione su questo."

La fiducia era odiosa. Voleva farlo licenziare. Aveva sempre avuto l'attenzione degli uomini, ma almeno alcuni la smettono quando sanno che non stanno andando da nessuna parte.

Claire ha notato, tuttavia, che anche se aveva oltrepassato il limite, non l'aveva completamente chiuso. Forse una parte di lei si stava divertendo in un modo che non aveva previsto o ritenuto possibile. Se solo questo fosse un altro ragazzo, sarebbe davvero in grado di vivere la fantasia.

Pensò, se una piccola parte di lei si stava divertendo, allora lascia che gli tolga il cazzo. Una rapida occhiata, lo apprezza per quello che è, poi lo mette via.

"Andare avanti. Vediamo. Uno sguardo, poi se ne va di nuovo. Poi te ne vai.

Chris aprì la zip, senza troppe esitazioni.

Infilò una mano nei pantaloni e tirò fuori, prevedibilmente, un grosso cazzo. Non eretto, ma comunque grande.

Claire iniziò a chiedersi come cambiasse quando era difficile. Quanto è diventato più grande. Quanto più spesso.

Ci fu un lungo silenzio. Solo Chris aveva notato quanto tempo era passato. Claire era completamente inconsapevole di averla fissata molto più a lungo di quanto inizialmente previsto.

"Pensi ancora di non aver visto qualcosa di nuovo?"

Aveva ancora torto. Non era niente di nuovo. Ma era incuriosita a prescindere.

Distolse lo sguardo dal suo cazzo e lo guardò. Poteva vedere qualcosa in quegli occhi. Quegli occhi grandi e belli.

Un lungo, silenzioso. Poi, "... vuoi che lo metta via adesso?"

Claire lo stava ancora guardando negli occhi. Lei non ha risposto. Non hanno interrotto il contatto visivo.

Da dove era seduta, e considerando la sua altezza, il suo cazzo era allo stesso livello della sua testa.

Chris iniziò ad avanzare. Molto presto, fu a pochi centimetri da lei.

Lo stava ancora guardando dritto negli occhi.

Chris afferrò la mano destra di Claire e gliela mise sul cazzo. Era enorme nella sua mano.

Cominciò ad accarezzarlo e non passò molto tempo prima che diventasse duro. Eretto, era ancora più grande nella sua mano. Così grande che si rese conto che avrebbe dovuto usare entrambe le mani.

Perché stava facendo questo?

La lasciò fare per un po', e adorava il fatto che lei lo avesse guardato negli occhi per tutto il tempo.

Si chiese fino a che punto sarebbe arrivato.

Decise di testare l'acqua.

Chris ha rimosso delicatamente le mani di Claire dal suo cazzo. Le afferrò leggermente il lato destro della parte posteriore della testa e del collo e spinse il suo cazzo verso il suo viso.

Claire aprì lentamente la bocca e Chris le toccò le labbra con la punta. In risposta, la sua lingua cominciò a leccare la punta del suo cazzo. È quasi venuto in quell'istante, solo da quello. Era contento di non averlo fatto. Aveva altro che voleva farle.

Quando Chris ha trovato il momento giusto, ha iniziato a far scivolare il suo cazzo più a fondo nella bocca di Claire. Nessuno dei due riusciva a credere a quanto gli stava bene. Così ha continuato. E andando.
Doveva essere stato giù per la sua gola prima di iniziare a tirarsi indietro. Tirò fuori del tutto e lo spinse di nuovo dentro. Fuori, poi dentro. Fuori, poi dentro.

"Cosa faresti se qualcuno entrasse dalla porta in questo momento?" chiese.

Claire non ha risposto. Invece, gli allontanò la mano e iniziò a succhiargli il cazzo da sola.

Ha deciso che voleva che lui la scopasse. Lo voleva dentro di lei. Stava per vivere questa fantasia.

“Fottimi. Giusto qui."

Gli slacciò i pantaloni e li abbassò.

La sollevò, la mise sul bordo della scrivania e le tolse le mutande.

Se fosse stato interessato, avrebbe potuto prendersi un momento in più per vedere come appariva prima di toglierseli. Avrebbe visto quanto le facevano sembrare perfetto il culo.

Si sollevò il vestito. Il suo culo nudo seduto su una superficie leggermente fredda. Lo stava guardando di nuovo dritto negli occhi.

Non volendo trascurare o non ricambiare ciò che lei gli aveva fatto prima, le sollevò il culo in aria. Inarcò la schiena e si sostenne sulle braccia.

Si portò la figa alla bocca e gli mise le gambe intorno alle spalle. La stava tenendo con uno aveva. Ha urlato quando la sua lingua ha trovato per la prima volta il suo clitoride.

Il suo sapore. Com'era bella la sua figa. Non ne aveva mai abbastanza. Potrebbe andare giù con lei per giorni.

La lingua di Chris ha esplorato ogni centimetro di lei. Era tentato di esplorare più a sud, ma decise di non farlo.

L'intero corpo di Claire stava vibrando. Ogni sensazione era intensa. Chiunque potrebbe varcare la porta in qualsiasi momento e vedere tutto. Ma non le importava. Voleva che guardassero.

Poteva sentire le sue gambe stringersi attorno al suo collo. Doveva fermarsi. Non volevo che venisse ancora. Così le ha rimesso il culo sulla scrivania. Lei lo guardò. Poteva vedere che lei voleva, aveva bisogno di lui il prima possibile. Questo contatto visivo rimase ininterrotto, fino a quando il suo cazzo fu finalmente dentro di lei.

Rimase senza fiato e afferrò parti della scrivania per stabilizzarsi. Tutto lui era in lei.

Lentamente Chris ha mosso il suo cazzo dentro e fuori dalla figa di Claire. Era così bagnata.

Le afferrò la parte posteriore del collo con entrambe le mani per tenerla stretta, e lei gli avvolse le gambe intorno alla schiena. Voleva di più, più velocemente. Quindi ha usato le gambe per tirarlo dentro. Era più che felice di lasciarla scopare con il suo cazzo.

“Sei sicuro di non volere che chiami il mio amico? Potresti avere un altro di questi con cui giocare.

Claire sorrise, ma ignorò il commento.

Chris l'afferrò per tutto il corpo e li fece sedere entrambi sulla sedia. Non ci volle molto perché il suo cazzo la trovasse. Per essere di nuovo in lei.

Claire si tolse il vestito. Chris le ha tolto il reggiseno.

I suoi seni rimbalzavano mentre lo cavalcava. Erano incredibili. Era incredibile.

"Voglio venirti in faccia", ha detto.

"Non... succederà", disse, tra un respiro e l'altro.

"Dai. Staresti così bene coperto dal mio sperma.

"No."

Se pensava che avrebbe cambiato idea su questo, si sbagliava.

Smise di farla rimbalzare e iniziò a farla muovere su e giù su di lui, lentamente.

Ha iniziato a leccarle i capezzoli. Succhiandoli. Mordendoli delicatamente.

Chris sapeva che a un certo punto sarebbe venuto presto e voleva provare un'altra cosa prima di finire.

Si alzò, ancora dentro di lei.

"Voglio provare qualcosa."

"Va bene." I suoi occhi erano incredibili. Hanno parlato solo della sua disponibilità a provare qualsiasi cosa.

"Ti scoperò davvero forte."

"Per favore."

Li accompagnò entrambi alla scrivania.

“Senza tirarti fuori, ti farò girare. Sdraiati sulla scrivania o sollevati con le braccia. Ti terrò le gambe.

Chris fece girare Claire. Giaceva per metà sulla scrivania con gli avambracci che la sostenevano, premendole leggermente i seni.

Ha iniziato a scopare forte Claire. Ha iniziato a urlare.

Non era mai stata attratta dai ragazzi neri, eppure eccone uno che la scopava. Fottendola, forse, più forte di quanto non fosse mai stata fottuta. Voleva ogni centimetro del suo cazzo. Ovunque volesse metterlo.

Voleva farlo venire forte. Voleva che la sua fica fosse la ragione per cui lui veniva più duro di quanto avesse mai fatto in tutta la sua vita. Voleva che il suo cazzo la facesse venire più forte che mai.

Proprio mentre pensava questo, è venuta. La sensazione, irreale. Lei arrivò. E venne. E venne. Quasi come se non si fermasse mai.

"Verrai forte per me?" gli chiese.

«Lo sai», disse.

"Voglio ingoiare tutto."

"Allora preparati."

Rapidamente, Claire si inginocchiò sul pavimento e lo prese in bocca. Era vicino. Solo un po' più di attenzione e se ne sarebbe andato.

L'ha portato dentro, per quanto sarebbe andato. Ancora ed ancora. Chris chiuse gli occhi.

Sapeva che non appena avesse chiuso gli occhi, stava per succedere.

Quando è arrivato, sembrava che non sarebbe mai finita.

La bocca di Claire si riempì del suo sperma.

Voleva vedere tutto. Voleva vedere fino all'ultima goccia che le aveva sparato in bocca. Lei lo sapeva e aprì la bocca per mostrarglielo.

E poi ha ingoiato tutto



Quando si sono rimessi i vestiti, Claire si è chiesta come fossero andate le cose così in fretta.

Chris ha afferrato le sue cuffie e sembrava che stesse per andarsene. Il che andava bene. Non era sicura di cosa gli avrebbe detto comunque.

Prima di uscire dalla porta, Chris si voltò.

"Vuoi ancora che ti lasci in pace?"

Lo guardò negli occhi dall'altra parte della stanza. Guardò dentro di lei.

Storie simili

Mai un momento di noia con le mie ragazze

Mai un momento di noia con le mie ragazze Non ho mai pensato alle mie figlie come alle mie amanti, ma poi non mi sono nemmeno fatto scopare da loro. Sono un vedovo di 45 anni, con 2 figlie che hanno Lizzy 19 e Beth 21 anni. Mia moglie è morta circa 3 anni fa e da allora sono single, buttandomi nel lavoro. Vivo da solo e le mie figlie si sono trasferite qualche tempo fa e vivono a casa loro, che si trova dall'altra parte della città. Una sera sono rimasta a casa fino a tardi a controllare il lavoro...

573 I più visti

Likes 0

Un tradimento in famiglia Capitolo 23

Note degli scrittori: Ciao a tutti, a causa di un infortunio alla mano la mia scrittura sarà un po' rallentata. Non smetterò di scrivere, mi prenderò il mio tempo. Sto anche lavorando a una seconda storia che non ha alcun collegamento con questa o con le mie altre due storie. Mi dispiace anche per alcune cose nell'ultimo capitolo e all'inizio di questo, ma si lega alla guarigione fino a un certo punto. A coloro che sono interessati alla storia tutto quello che posso dire è continuare a leggere perché migliorerà. Spiacente, questo è solo più di 8.000 parole, ma il prossimo...

268 I più visti

Likes 0

La Baia Capitolo 5

Il cappuccio nero cadeva allentato sulle spalle di Will. Il suo battito cominciò ad accelerare e il suo respiro divenne affannoso. Inizialmente Will pensò che il cappuccio potesse soffocarlo, ma si rese conto mentre faceva uno sforzo concertato per rallentare il respiro, il cappuccio aveva ben poco effetto sulla sua assunzione di ossigeno. Fu momentaneamente spaventato quando perse la capacità di vedere ciò che lo circondava, ma poiché sembrava che non accadesse nient'altro, la sua paura si attenuò e la sua curiosità cominciò a prendere il sopravvento. Dopotutto, pensò, anche se Jackie non lo aveva detto direttamente, lo aveva invitato a...

186 I più visti

Likes 0

Il padre del mio migliore amico

Il padre del mio migliore amico Era una calda giornata estiva quando ero a casa da sola, indossavo una camicia da notte leggera e trasparente, senza mutandine o reggiseno, solo una cosa comoda da indossare quando ero a casa da sola, la camicia da notte era cortissima e arrivava a malapena alla linea inferiore del mio culo, in topless, solo sembrava un elastico superiore che pendeva sopra il mio grande paio di tette vivace. Di solito mantengo il mio corpo pulito, la mia figa sempre completamente depilata e morbida come la seta. Bing, sui venticinque anni, una donna giovane e attiva...

144 I più visti

Likes 0

Breve incontro universitario

La festa di Capodanno di Steve... …aveva un numero pari di ragazzi e ragazze, ma in qualche modo sapevo che se fossi finita con qualcuno sarebbe stata Ann. Non fraintendermi: non era brutta, solo un po' banale e tozza. Era un po' più bassa di me e piuttosto magra, anche se aveva un bel sedere impertinente. Infatti, quando sono arrivati ​​i balli lenti, Ann e io ci siamo ritrovati insieme e lei mi ha guardato in attesa. Allora ti va di ballare, Ann? Sì grazie! lei rispose e io l'abbracciai mentre lei mi sorrideva. Ray era convinto che le piacessi e...

123 I più visti

Likes 0

Assistenza stradale

Sei pronto per andare? Ho chiesto. Sì, fammi solo prendere alcune altre cose e ci vediamo in macchina. Raccolsi le mie valigie e mi diressi verso il bagagliaio. Ahh questo fine settimana sarebbe stato fantastico. Stavamo andando a trovare degli amici del college. Non avevamo trovato il tempo dalla laurea per riunirci tutti insieme fino ad ora. Erano passati quasi due anni. Non potevo fare a meno di chiedermi se uno dei due fosse cambiato. Mi chiedevo se sarebbero andati fuori di testa una volta scoperto che Stefanie e io non eravamo solo buone amiche. Non so mai come reagirà qualcuno...

900 I più visti

Likes 0

Una Fuck-Bike per Wendy

Wendy sorrise mentre superavano il campo di partenza. Il sole stava già calando sulla folla indaffarata, magliette colorate e chiacchiere nervose sovraccaricavano i suoi sensi. Grazie per averlo fatto, Luke! Mi inventerò presto. Non preoccuparti, Wendy. Lasciami vincere questa volta. Nessuna possibilità, tesoro. Vedrai il mio sedere dall'inizio alla fine. Come sempre. Allora chiedo una scopata di compensazione dopo, mise il broncio, i suoi occhi scintillanti di lussuria. Con piacere, Luke, con piacere. Troviamo un posto dove parcheggiare, ci restano solo 10 minuti. Sei sicuro che riuscirai a gestire le 50 miglia questa volta senza metterti in imbarazzo? Wendy sorrise compiaciuto...

646 I più visti

Likes 0

Non era giusto, il che lo rendeva così CALDO

Questa è una storia vera. Molti di coloro che hanno letto alcune delle mie altre storie (alcune finzioni, altre vere) possono ricollegare questo incidente al punto in cui è iniziato, quando mi sono separato e poi divorziato da mia moglie. Sono divorziato dalla mia ex da un paio d'anni e vado a casa sua per visitare nostro figlio. Una figlia adolescente della sua amica (questa è l'amica con cui voleva che facessi un rapporto a tre in passato) non poteva andare d'accordo con sua madre, quindi sta con la mia ex e guarda nostro figlio mentre l'ex lavora, gioca, qualunque cosa...

485 I più visti

Likes 0

Parte 5 - Sue diventa una star_(0)

Parte 5 continua dalla parte 4… La sua testa pendeva dalla vergogna, la sua tetta pulsava e le faceva male e ora era quasi nera, poi con suo orrore il ragazzo disse. Beh, se non l'hai tenuto giù, le palle tornano dentro. Ha messo tutte le palle nella borsa e poi ha iniziato a farla oscillare come un pendolo. Sue lanciò un urlo da grondaia e disse no stop, per favore se ne vadano. Possiamo fotterti nel culo, il ragazzo ha detto: Sì, sì, toglilo e basta. 'Sei sicuro'. 'Sì, ​​toglilo.' Lentamente le tolse la sacca e la corda attorno alla...

291 I più visti

Likes 0

Parte 5) Eragon - Le piccole cose della vita

**** Lasciatemelo dire adesso. QUESTA NON È LA MIA STORIA, APPARTIENE A GryphonWings se vuoi leggere altre delle sue storie vai qui http://gryphonwings.sofurry.com/ questa è una serie in cinque parti**** *i tag includono Umano, Orale, Non-antropo, Vaginale, Penetrazione profonda, Impregnazione, Dragonessa, Eiaculazione, Anime gemelle, M/F ps. spero che tu lo ami come me È ora, disse tranquillamente Arya uscendo di casa con una piccola pietra in mano. Si fermò proprio di fronte a Eragon e Saphira, tenendolo nel palmo della mano. «Se la pietra diventa rossa, Saphira non è incinta. Se diventa blu, Eragon sarà il padre. Se diventa nera...» la...

145 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.