Dissolutezza: l'invito

759Report
Dissolutezza: l'invito

Dissolutezza:
L'invito


~Prologo~

Mi sono fermato all'enorme villa con la mia macchina. Il parcheggiatore stava aspettando con un sorriso sui loro volti.

"Ciao." Disse il giovane aprendo la mia portiera lato guida.
Ho preso la borsa e la borsa.
"Ecco il tuo biglietto, goditi la serata." Egli ha detto.
"Grazie."
ho sorriso

È saltato sulla mia Buick Enclave ed è partito, lasciandomi lì in piedi sulla ghiaia. Mi sono fermato un attimo e mi sono guardato intorno. Tutto quello che ho sentito è stato il canto dei grilli.

Camminai lentamente verso la porta. Volevo davvero farlo? Ero davvero pronto a varcare quella porta?

Ho suonato il campanello.

Un bianco alto e muscoloso aprì la porta. Era forse 6'5, baffi e pizzetto, testa rasata e spalle larghe. Potevo vedere l'auricolare nel suo orecchio destro.

"Parola d'ordine." Era tutto ciò che ha detto.
"Dissolutezza." dissi tremante.
Mi guardò dall'alto in basso.
"Colore?"
"Rosso." Ho detto.
Aprì la porta e si allontanò.

Ero in.



~Capitolo 1~


Mi chiamo Kelly Adkins. Ho trentadue anni. Lavoro come infermiera di pronto soccorso. Sono sposata da sei lunghi anni con mio marito Courtney. Ci siamo conosciuti al college, alla festa di compleanno di un amico. Aveva questo senso dell'umorismo che mi attirava. Era attraente, motivato e persistente. Ha lavorato per prendermi. E ora, sembra che abbia deciso che non aveva bisogno di lavorare per "tenermi". Il nostro matrimonio è andato in discesa negli ultimi due anni. Immagino sia stato più o meno nel periodo in cui mi sono operato alla cistifellea. Il recupero è stato molto più difficile di quanto lui o io ci aspettassimo. Mi ci sono voluti quasi due mesi per riprendermi e in quel periodo ho guadagnato peso. Sono passato da una taglia 14 a una taglia 24. Odiavo il mio aspetto e, sinceramente, penso che Courtney odiasse il mio aspetto. Avevo ancora una forma e avevo ancora delle curve, ma…. Sono stato ingenuo, mi sono gonfiato. Non avevo lo stesso aspetto di quando ci siamo sposati. Ha messo a dura prova la nostra vita sessuale. Non ho nemmeno più iniziato il sesso, e nemmeno lui. Non facevamo sesso da più di un anno. La mia teoria era semplice, se mio marito non fa sesso con me, lo fa con qualcuno.

Ora sono annoiato.

Al lavoro, circa tre settimane fa, è entrata una donna a seguito di un incidente automobilistico. Si chiamava Noemi. Ho lavorato al suo caso e io e lei abbiamo avuto la possibilità di parlare. È lei che mi ha parlato di "Debauchery". Non avevo mai sentito parlare di quel posto, finché lei non me ne parlò. Abbiamo fatto chiacchiere. Le ho detto che ero sposato, lei è divorziata. Mi ha chiesto dei bambini, io non le ho detto nessuno. Nemmeno lei ne aveva. In qualche modo, in qualche modo, abbiamo avuto una conversazione personale e le ho parlato un po' del mio matrimonio. Può essere più facile parlare con uno sconosciuto piuttosto che con qualcuno che conosci. Non so perché, forse avevo solo un disperato bisogno di parlare con qualcuno. Le ho detto a mio marito che ero più coinquilini che una coppia sposata. Abbiamo parlato della nostra vita sessuale. Le ho spiegato che è passato un anno. Ricordo che i suoi occhi sono diventati grandi. Mi ha chiesto se avevo un desiderio sessuale. Ho riso e le ho detto che l'avevo fatto, ma che mio marito non mi trova attraente. Le ho detto che avevo guadagnato peso e da allora non scherza nemmeno sul sesso, figuriamoci tentare di averlo.

Una notte, mentre controllavo la cartella clinica di Naomi, mi parlò di "Debauchery". Mi ha fornito piccoli dettagli al riguardo, l'unico che mi ha detto è stato "Se vuoi far uscire la tua dea interiore, questo è il posto giusto per farlo". Ho riso e le ho detto “la mia dea interiore è in supporto vitale; ha bisogno di più di un club per uscire. L'ho scrollato di dosso, lei mi ha dato il biglietto e l'ho nascosto nel mio camice. L'avevo completamente dimenticato. Due giorni dopo è stata dimessa.

Due settimane dopo, ero a casa ad aspettare che tornasse mio marito quando mi ha mandato un messaggio per dirmi che era in ritardo. Era sempre in ritardo. Ho visto il conto della carta di credito; Non ero stupido, ero pienamente consapevole che stava vedendo qualcuno. Non l'ho affrontato, anzi ho tenuto la bocca chiusa. Voglio dire, è andato da Tiffany & Co, eppure né lui né io abbiamo gioielli da lì. Ho visto gli acquisti da Lane Bryant, ma non ho ricevuto vestiti. Sapevo cosa stava succedendo. Non ero ancora pronto a farla finita. Gli ho chiesto quando sarebbe tornato a casa, ha detto che sarebbe stato tardi, mi ha detto di non aspettare alzato. Risi tra me mentre versavo un bicchiere di vino. Dopo il mio terzo bicchiere, mi sono ricordata del biglietto che mi aveva dato Naomi. Ho cercato tutto nel mio armadio, prima di trovare il cartoncino nero con la scritta d'argento.

'Dissolutezza'

Sul retro c'era un numero da chiamare. Ho preso il cellulare e ho composto il numero, al terzo squillo ha risposto una donna.

"Ciao?"
"CIAO…. Ehh…. Stavo cercando "Debauchery". Ho detto.
"Sì signora, chi l'ha indirizzata?"
“Noemi… ehm…. Noemi Watts.»
Si schiarì la gola.
"Meraviglioso, come ti chiami?"
«Kelly Adkins.» Ho risposto.
"SM. Adkins, sul retro della tua carta dovrebbe esserci un codice a quattro cifre, puoi leggermelo?"

Ho girato la carta.

"4512" ho letto.

"Eccellente." Lei disse.
Ho messo la carta nel mio portafoglio.

"La tua password sarà 'Debauchery' e il codice colore sarà 'rosso', potresti volerlo scrivere." Ha iniziato.
"Va bene."
"Dovrai portare i risultati del test, tali risultati devono essere entro 72 ore e firmati da un medico." Lei disse.
"Risultati del test?" Ho chiesto.
"Sì signora, risultati STD, dovresti andare a fare il test." Ha detto un dato di fatto.
"OH…. OK."
"Una volta ottenuti questi risultati, dovresti portarli di persona nei nostri uffici." Lei disse.
"Va bene" dissi.

Due giorni dopo mi ritrovai ad aspettare in una stanza giù a Buckhead.

"SM. Adkins? Torna indietro. disse una donna alta e bionda.

L'ho seguita in una stanza dipinta di rosso. Il divano e le sedie erano di pelle nera; il lampadario era fatto di cristalli. Aveva delle foto di boudoir appese alle pareti, alcune nude, altre in lingerie. Mi sono seduto sulla sedia e ho consegnato la cartella di manila che conteneva i risultati del mio test.

"Posso vedere la tua patente?" chiese educatamente.
"Sicuro." dissi frugando nella borsa.
"Ecco."
"Il nostro prossimo evento sociale è questo sabato." Ha detto compilando un modulo.
Ho annuito.

Ci siamo seduti in silenzio mentre scriveva il modulo.

“Ok, ecco la chiave, che è anche la tua entrata.” lei spiegò.
Ho preso la chiave.
“Il tuo colore è rosso, il che significa solo che sei un principiante. Vedrai persone in bianco, quelli sono membri che sono stati qui prima e sono abituati al posto. Puoi indossare il rosso tutte le volte che vuoi. Il rosso fa sapere a tutti gli altri che... sei nuovo. Lei sorrise.
Ho annuito.
"Non ci sono regole per 'Debauchery', l'unica regola è 'no significa assolutamente no', tutto qui."
"Quindi, se un uomo mi dice 'no', allora..."
"No, un uomo non ti dirà 'no', tu gli diresti 'no'."
Mi guardai le mani e risi.
"OK,"
"Fidati di me, avrai una vasta gamma di uomini tra cui scegliere." Disse dolcemente.
“Questo è l'accordo di non divulgazione. Non puoi discutere di “Dissolutezza” con i non membri”. Lei disse.
Ho annuito.
"Eccoti qui, e ricorda, quello che succede a 'Debauchery' rimane a 'Debauchery'."
Presi il pacchetto e mi diressi alla porta.

"Divertiti Kelly."


~Capitolo 2~

Dissolutezza

Entrai in casa, la porta si chiuse alle mie spalle.
"Salve signora, posso prendere il suo cappotto?" chiese un nero alto.

La mia bocca si spalancò mentre lo guardavo. Davanti a me era in piedi, con indosso un paio di jeans, senza top. Il suo petto e gli addominali erano scolpiti. Ero in soggezione del suo corpo. Si avvicinò a me, le sue mani gli toccarono le spalle mentre mi toglieva il cappotto, lentamente dal mio corpo. Poi ha teso la mano, chiedendo la mia borsa. L'ho consegnato. Mentre lo prendeva, sorrise, mostrando una serie di denti bianchi perfetti.

"Grazie." Ho respirato.

Ho lisciato il mio vestito da baby doll incrociato Torrid consapevolmente. Salii la grande scalinata fino al secondo piano. In sottofondo potevo sentire il piano che suonava dolcemente. Ho camminato lungo il corridoio, su un tappeto rosso. La prima stanza in cui sono passato, la porta era leggermente socchiusa. Spinsi la porta aperta e sbirciai dentro.

Dentro c'era un letto matrimoniale della California. Le candele stavano bruciando, potevo sentire i gemiti prima di riuscire a distinguere la coppia sul letto. La donna, una donna bianca anziana era sulla schiena, sopra di lei c'era un maschio bianco più giovane. Stava macinando il suo cazzo dentro di lei. Stava gemendo, afferrandogli il culo e stringendolo. Ero congelato, tutto quello che potevo era guardare Si è tirato fuori da lei e ha iniziato a leccarle la figa. La guardai alzare le gambe, stringere i seni e gemere. Gli accarezzò la testa, passandogli le mani tra i capelli, trascinandogli il viso nella figa.

Uscii e chiusi la porta, percorrendo il corridoio verso il soggiorno che era dritto davanti a me. C'erano cinque stanze aggiuntive che ho superato. L'ultima stanza a destra, poco prima del soggiorno, era aperta. Non c'era nessuna porta, era completamente aperta. Mi sono fermato sui miei passi mentre guardavo quelle che sembravano cinque coppie, tutte intente a scopare. Sulla parete opposta c'era un uomo che scopava una donna da dietro, tirandole i capelli e strofinandole la figa.

"Ti stai divertendo?" mi ha chiesto un uomo.
Io saltai.
"Scusa, non volevo spaventarti." Egli ha detto.
L'ho guardato.

Era alto, circa 6'2, magro. Era bianco. Aveva occhi verdi, capelli castani ondulati.
“Ciao, sono Antonio.” Disse tendendo la mano.
"Ciao Anthony, sono Kelly." dissi stringendogli la mano.
"La prima volta che vedo." Disse guardandomi dall'alto in basso.
Ho annuito.
"Lascia che ti faccia fare un giro." Disse offrendogli il braccio.

Siamo entrati nel soggiorno.

“Questa è la principale area di incontro…. Le persone vengono qui per incontrarsi e salutarsi, sedersi e parlare”. Lui ha spiegato.

La sala era piena di gente, ma non eccessivamente affollata. Tutti gli uomini erano senza camicia. Le donne vestivano tutte di bianco, nero o rosso, presumo che le donne vestite di nero fossero praticamente esperte di "Dissolutezza". Sedevano tutti intorno, sorseggiando champagne e conversando tra di loro.

“Tutti, questa è Kelly…. Kelly, questi sono tutti. disse Antonio.
La mia bocca è rimasta aperta, non mi aspettavo la presentazione.

"Benvenuto Kelly!" dissero tutti insieme.
Salutai timidamente mentre Anthony mi guidava lungo il corridoio.

“Puoi scegliere una stanza privata o puoi scegliere una sala espositiva. Le sale espositive non hanno porte, non hanno alcuna privacy”. Egli ha detto.
“Le stanze private e i bagni sono ad uso dei membri, ovviamente. Qualsiasi cosa succede lì. Egli ha detto.
Ho annuito.
"Al piano di sotto c'è il seminterrato, che è totalmente per guardoni." Iniziò.
“Guardoni? Persone che vogliono essere osservate?
"SÌ." Lui sorrise.
"L'intero piano di sotto è attrezzato con telecamere e tutti i televisori a circuito chiuso mostrano cosa sta succedendo laggiù". Egli ha detto.
"Oh va bene."
"Tutte le stanze hanno la TV, lascia che te lo mostri." Disse entrando in una camera da letto.
“Questa è la stanza del cioccolato; chiedi puoi dirlo dal colore. Ogni stanza è un tema di colore, nel frigorifero puoi trovare vino, champagne e fragole. Se mai il frigorifero è vuoto, basta comporre "0" e verrà effettuata una consegna. Per quanto riguarda la televisione...». Disse prendendo il telecomando e accendendo la TV.
“I televisori mostrano le telecamere dal seminterrato. Vedi questo? Quella è la vasca idromassaggio interna. Egli ha detto.
Ho guardato la TV e mostrava un uomo e una donna che scopavano nella vasca idromassaggio. Stava rimbalzando su di lui, l'acqua schizzava sui lati della vasca.
"Tutti possono rivolgersi a questo canale e guardarli... adorano essere guardati". Egli ha detto.
Ho riso.
"Cos'altro c'è al piano di sotto?"
"Posso mostrartelo se vuoi." Egli ha detto.
"No, non sono ancora pronto per essere in TV." dissi istintivamente mettendomi i capelli dietro l'orecchio.
"Mi piacerebbe guardarti." Disse dolcemente.
Sono arrossita un po'.
"Il seminterrato ha tre camere da letto, tre bagni, una vasca idromassaggio interna, una piscina e una sala BDSM."
"BDSM?"
"Ha fruste, un'altalena sessuale, catene, cose del genere." Egli ha detto.
Ho annuito.
"Qual è il livello più alto?"
“Il livello superiore è più camere da letto, sia di tipo privato che esibizionista, anche lassù troverai le docce di gruppo.” Egli ha detto.
"Oh." Ho detto.
“Le docce di gruppo sono proprio quello che sono, tutti sono all'aperto, lassù può succedere di tutto. L'intero scopo di 'Debauchery' è farti sentire bene e soddisfare ogni tua esigenza di donna. Lui ha spiegato.

Mi guardai intorno, prima di sbirciare da una finestra.

“Fuori, troverai la piscina e le cabine. Le cabanas possono essere chiuse per la privacy o aperte, a seconda dei tuoi gusti. Egli ha detto.
"Molto da accettare." Sospirai.
“Non prendere tutto in una volta. Sei nuovo, vai al tuo ritmo. Antonio mi ha detto.
"Come fai a sapere se un uomo è interessato a stare con te?" chiesi mentre mi allontanavo per far entrare una coppia in una camera da letto.
“Fidati di me, ti si avvicineranno. Non hai nulla di cui preoccuparti. Egli ha detto.

Tornammo nel soggiorno principale. Le donne sorseggiavano i loro cocktail. Alcuni venivano nutriti con fragole da vari uomini. Una donna era contro il muro di pannelli di legno, mentre un uomo la baciava sul collo e le strofinava la figa attraverso la camicia da notte di seta.

"Mi sento troppo vestito." dissi, non rendendomi conto di averlo detto ad alta voce.
"Puoi sempre cambiarti o semplicemente metterti a nudo." disse Antonio.
Ho riso.
"No signore." dissi scuotendo la testa e ridendo.
“Ecco, siediti, rilassati. Ti farò portare della frutta». disse Antonio.
"Ok grazie." Ho detto.

L'ho visto allontanarsi mentre un cameriere portava un flûte di champagne.
"Grazie." Ho detto.

Sorseggiai e mi guardai intorno nella stanza. Ero seduto lì, solo, davanti al caminetto. Era molto da accettare, ma mi sono permesso solo di guardare. Ero nel mio mondo quando è venuto da me.


~Capitolo 3~

"Ciao bella." Egli ha detto.

I miei occhi iniziarono ai suoi piedi. Era a piedi nudi, potevo vedere le vene nei suoi piedi, mi ha fatto pensare che fosse una specie di atleta. I miei occhi si spostarono sui suoi pantaloni, indossava pantaloni di lino beige e una canotta bianca. Attraverso la canotta, potevo vedere una confezione da sei di addominali. Sono andato più in alto e ho visto il tatuaggio tribale sul suo braccio. I suoi muscoli erano bellissimi. Non aveva peli sul petto, il suo pomo d'Adamo era ben definito. Le sue labbra erano appena inumidite. Aveva folti capelli neri, occhi azzurri. La sua linea della mascella era ben definita. Sembrava una replica di Jake Gyllenhaal. Ho dovuto schiarirmi la gola prima di parlare.

"H…. CIAO…." balbettai.
"Sono Gabriele". Egli ha detto.
«Io sono Kelly.» dissi quasi senza fiato.
"Posso sedermi con te Kelly?"
"Sicuro."
Si sedette, dandomi un soffio della sua colonia "Light Blue" di Dolce & Gabbana.
"Vedo che questa è la tua prima volta." Egli ha detto.

Annuii e sorseggiai nervosamente il mio champagne.
Quest'uomo era stupendo.

"Si lo è."
«Anthony ti ha fatto fare un giro?» chiese.
"Sì, ho un tour."
"Cosa ti porta qui?"
Ho scrollato le spalle.
“Non so perché sono qui; Immagino che volessi solo provare qualcosa di nuovo.
"Bene, sei arrivato nel posto giusto."
"Sei un membro Gabriel?"
"Sì, sono un membro da circa un anno ormai."
L'ho guardato, cercando di rubare uno sguardo quando ha girato la testa.
«Ti ho visto quando sei entrato.»
"Ah, l'hai fatto?" Ho chiesto.
"Si, sei bellissima." Egli ha detto.

Il modo in cui l'ha detto sembrava sincero. E sinceramente, non ero stato definito bello da molto tempo.

"Lo dici a tutte le nuove donne?" Ho riso.
«No, per niente.»

ho sorseggiato.

"Vuoi guardare e farti un'idea del posto o ti piacerebbe vivere il posto?"
“Fammi guardare per ora. Sono un po' sopraffatto da tutto". Ho detto.
“Dimmi Kelly…. quand'è stata l'ultima volta che un uomo ti ha servito?" Chiese.
Lo guardai un attimo prima di rispondere.
"Non l'ho fatto." dissi con sincerità.

Si avvicinò a me, mi prese il viso tra le mani e mi baciò. Il suo bacio era elettrizzante. L'unico uomo che avevo baciato in sei anni era mio marito e non mi aveva mai baciato così prima. La sua lingua era morbida e delicata. Ho chiuso gli occhi per un momento e mi sono permesso di godermelo.

"Oh Dio." sussurrai quando si allontanò.
"Venga con me." disse prendendomi la mano.

Mi ha portato in una stanza a tema color viola. Chiuse la porta, chiudendola dietro di sé.

“Non essere nervoso, siamo solo io e te. Nessuno è qui, nessuno può guardare. Egli ha detto.
“Gabriele…. Sono nuovo in questo…. Sono sposato…."
"Shhh" disse mettendomi un dito sulle labbra.
"Non credo di poterlo fare." Ho detto.

Si sedette sul letto, prese il mio bicchiere e lo posò sul comodino.

"Non dobbiamo fare nulla che tu non voglia fare Kelly." Egli ha detto.
“Mio marito ed io non facciamo sesso da un anno…. Forse più a lungo. Non so davvero cosa sto facendo. Ho detto.
“Divertiti, lascia andare le tue inibizioni.”

Il mio cuore batteva forte. Forse era lo champagne, ma non ero sicuro di poterlo fare. Voglio dire, sapevo che mio marito era fuori a fare le sue cose, ma non ero sicura di potermi unire a quella squadra.

"Siediti sul letto." Ha comandato.

Ci ho pensato un attimo e ho deciso di provarci. Non avevo niente da perdere a questo punto. Mi sono seduto.

Gabriel si accovacciò e mi tolse le scarpe, prima la sinistra poi la destra. Ha iniziato a farmi un massaggio ai piedi.

"Sentirsi bene?" chiese.
Ho annuito.
"Sì." Ho sorriso.
"Dimmi cosa ti fa bagnare Kelly." Lui ha sussurrato.
"Non lo so…. Non riesco a ricordare l'ultima volta che mi sono acceso. Gliel'ho detto.

"Allora scopriamolo." disse guardandomi negli occhi.

Gabriel si alzò, in piedi di fronte a me. Si tolse i pantaloni, rivelando i suoi boxer. Rimasi senza fiato per la dimensione dell'impronta nei suoi pantaloni. Era più grande di Courtney, questo era certo. Senza dire una parola, ho allungato la mano e l'ho toccato. Immagino di voler vedere se era reale.

"Alzati Kelly." Egli ha detto.
Mi alzai mentre mi girava, aprendomi la cerniera del vestito. Il mio cuore batteva all'impazzata.
"Non preoccuparti" mi sussurrò all'orecchio.
Il mio vestito è caduto a terra, lasciandomi in un insieme di reggiseno e biancheria intima non corrispondenti.

"Il tuo corpo è stupendo." Disse slacciandomi il reggiseno.
Ho riso.
"Sono serio…. Dovresti saperlo."
"Grazie."
Ha lasciato cadere a terra il mio reggiseno 42DDD.

"Adoro i seni grandi."
Era in piedi dietro di me, le sue braccia intorno a me mentre mi massaggiava i seni con le mani. Ero così abituato a farlo da solo, che avere un altro paio di mani che mi toccavano era un concetto estraneo.
Un gemito mi sfuggì dalla bocca.

"Merda." dissi mentre gli pizzicava i capezzoli.
"Ti piace quello?" chiese.
"Sì." Ho detto.
La sua mano scese lungo il mio stomaco, fino alle mie mutandine, prima di toglierle dal mio corpo.
"Oh Dio." dissi cercando di coprirmi con le mani.
“No, non…. lascia che ti guardi. Egli ha detto.

Rimasi lì, completamente nudo di fronte a uno sconosciuto. Gabriel fece un passo indietro e mi guardò dall'alto in basso.
"Come ti senti?" chiese.
"Scomodo."
Sorrise.
"Sei bellissima Kelly."

Il mio petto scendeva e si alzava velocemente.

Senza istruzioni, mi sdraiai sul letto, sulla schiena, fissando il soffitto. Gabriel si sedette accanto a me, la sua mano mi accarezzò lo stomaco. Si chinò e mi baciò intorno all'ombelico. Le sue labbra erano così morbide. La sua mano mi massaggiava i seni mentre mi baciava lo sterno. Le sue mani erano incredibili sui miei capezzoli.

"Oh Dio." Ho sussurrato.

Si fece strada fino al mio seno, prendendo quello sinistro in bocca. Rimasi senza fiato quando la sua bocca coprì il mio capezzolo. La sua lingua guizzò su di esso. La mia schiena si sollevò mentre mordeva delicatamente il capezzolo prima di baciarlo. Spostò la bocca sul seno destro, ripetendo lo stesso processo. Non potevo farne a meno, avevo bisogno di toccare qualcosa. Gli accarezzai delicatamente i capelli, facendoci scorrere le dita. La sua bocca era così bella. La sua mano scese lungo il mio fianco, fino alla mia gamba. Tenevo gli occhi chiusi, godendomi la sensazione. La sua mano si mosse all'interno delle mie cosce. Ho divaricato le gambe, incerto su cosa sarebbe successo dopo. Gabriel ha continuato a nutrirsi dei miei seni, mentre la sua mano toccava il contorno della mia figa. Anche se ho fatto un taglio ravvicinato, non ero completamente rasato. Le sue dita toccarono delicatamente i capelli, prima di aprire le labbra della mia figa. Il suo dito medio mi accarezzò il clitoride.

"Bene, ora sappiamo cosa ti fa bagnare." Egli ha detto.

Ho aperto gli occhi per vederlo sorridermi. il suo dito strofina il mio clitoride, liberando i miei succhi. Inserì due dita nella mia figa, che ormai era bagnata.

"Oh Dio…. sei così stretto. Egli ha detto.

Si strofinò con il pollice, mentre mi palpava con le due dita. Potevo sentire un orgasmo venire su di me.

“Ecco tutto piccola…. lasciarlo andare." Sussurrò prima di rimettere a posto un seno
Nella sua bocca.
Nel giro di due minuti, sono arrivato.

"Dio mio." dissi senza fiato.
"Sì ok?" chiese.
Il mio cervello stava girando.
"Sì, sto bene." dissi respirando pesantemente.
Non avevo un orgasmo da così tanto tempo. Anche quando abbiamo fatto sesso, non ho mai avuto un orgasmo con Courtney. Questo era qualcosa che il mio corpo non sperimentava da anni, letteralmente.
~Capitolo 4~

Sono entrato in casa mia e sono crollato contro la porta d'ingresso. Era tranquillo. Courtney non era a casa come al solito. Ho gettato le mie borse sul letto e ho aperto la doccia. La colonia di Gabriel era sulla mia pelle. Potevo ancora sentirne il sapore sulle mie labbra. Non potevo credere che questo estraneo completo e totale mi avesse dato un orgasmo. Che cazzo mi ero perso per tutto questo tempo?

"Dove sei?" Ho mandato un messaggio a Courtney.
«Sono a casa del mio amico, ricordi?»
Non mi ha mai detto che sarebbe andato da nessuna parte.
'Stai passando la notte?'
'Non sono sicuro, abbiamo bevuto, posso tornare a casa se ne hai bisogno.'
'No, resta e basta, ci vediamo quando torni.'
'Sei sicuro?'
'Sì, ​​ci vediamo dopo, vado a letto.'

Non avevo intenzione di trattare con Courtney quella sera. Se volesse restare fuori, non mi dispiacerebbe nemmeno. Mi piaceva comunque avere il letto tutto per me.


Tre giorni dopo, ho chiamato dal lavoro. Courtney mi ha chiesto se stavo bene. Gli ho detto che non mi sentivo bene. La verità era che mi stavo preparando per la mia prossima visita a Debauchery. Sono andato a Sweet Samba e ho preso una ceretta brasiliana per la prima volta. Mi ha fatto un male da morire, ma ce l'ho fatta. Mi ha persino depilato il culo. Me ne sono andato e mi sono diretto a Lane Bryant. Non riuscivo a pensare a niente da sabato. Ero pronto ad andare oltre. Ho avuto un senso di colpa quando si è trattato di Courtney. Ho pensato al fatto che adesso anch'io ero un imbroglione. Mi sono sentito in colpa finché non ho visto il nostro conto MasterCard e ho visto che aveva una prenotazione al W Downtown per quel fine settimana. Lo stesso fine settimana avrebbe dovuto essere a casa di sua madre per aiutarla con la macchina. Una volta che l'ho visto, ho smesso di sentirmi male. Ho praticamente smesso di provare qualcosa. Ho preso nuova lingerie e nuove fragranze per il corpo. Ero pronto per la mia prossima visita, più che pronto.

Sabato

"Benvenuto." Disse l'uomo aprendo la porta.
Sono entrato e ho consegnato il cappotto e la borsa.

Salii le scale in soggiorno, portando con me dello champagne. Mi guardai intorno nel grande soggiorno. Ho visto alcune donne vestite di rosso, come me. Speravo di vedere Gabriel, ma mi sono ripromesso che anche se non fosse stato lì, avrei comunque reso questa serata memorabile. Ho visto un ragazzo nero alto e rasato contro il muro, da solo. Ho sorriso mentre ci guardavamo negli occhi. Ha alzato il bicchiere e io ho fatto lo stesso. Si avvicinò a me, lentamente, deliberatamente.

“Ciao” ​​disse.
"CIAO." Ho sorriso.
"Io sono Koogi." Egli ha detto.
"Piacere di conoscerti, sono Kelly." dissi stringendogli la mano.
"Come stai bella questa sera?"
"Sono…. Sono buono." dissi guardandomi intorno.
"È la tua prima volta?"
"No, la scorsa settimana è stata."
Annuì.
“Koogi…. Nome davvero unico. Ho detto.
"I miei genitori sono a dir poco eccentrici." Sorrise sfoggiando un sorriso Kodak.
"Vedo."
"Cosa fai?" chiese.
"Io sono un infermiere, e tu?"
"Agente immobiliare." Disse sorseggiando il suo drink.
"Bello, cosa stai bevendo?"
«Hennesey.»
Ho sorriso.
"Stavi aspettando qualcuno?" chiesi audacemente.
"Ti stavo aspettando."
Sono arrossita un po'.
"Ne dubito."
"Perché? Non pensi che valga la pena aspettare?"
Ho guardato in basso.
"Sicuro." Ho detto.

Koogi si avvicinò a me, abbastanza vicino perché potessi sentirne l'odore.

"Perché non andiamo da qualche parte?" Lui ha sussurrato.
Lo guardai, nei suoi occhi nocciola.
"Va bene."
Ho messo giù il bicchiere e ho preso la sua mano in attesa.

Mi condusse di sopra in una stanza privata. Sbirciò dentro prima di aprire completamente la porta. Entrai e mi fermai accanto al letto a slitta Cherrywood. Ho visto Koogi chiudere a chiave la porta.

"Meglio?" chiese.
"Meglio." Ho sorriso.
“Allora dimmi Kelly…. cosa hai voglia di stasera?" mi chiese avvicinandomi a lui.
"Dio, hai un buon odore." Ho detto.
"Sei bello."
"Grazie, non sono abituato a sentirlo, Dio sa che non lo so..."
Mi baciò, facendo scivolare la lingua nella mia bocca.

Avvolsi le mie braccia attorno al suo corpo alto 6'3, avvicinando il suo viso al mio. Mi sciolsi quando le sue braccia mi avvolsero la vita. La sua bocca si spostò sul mio collo, succhiando e baciando. Chiusi gli occhi e mi mordicchiai il labbro inferiore per l'adrenalina che mi infuriava nello stomaco. Volevo di più. Si tolse la canottiera e la gettò a terra, senza mai interrompere il contatto visivo con me. Feci un passo indietro e aprii la cerniera del vestito, rivelando la lingerie che avevo acquistato di recente. Indossavo il reggiseno a pois rosa e l'insieme di mutandine. Koogi si tolse i pantaloni e li lasciò cadere, mostrando i suoi boxer scozzesi. Ho ricambiato togliendomi il reggiseno e gettandolo sul pavimento. Koogi mi rivolse un sorriso diabolico mentre si toglieva i boxer. Sono quasi caduto quando ho visto il suo cazzo da dieci pollici. Ne sono rimasto intimidito. Mi sono tolto le mutandine. Eravamo entrambi nudi. Mi avvicino a lui, baciandolo, le mie mani appoggiate sul suo petto.

Mi sdraiai sul letto, Koogi che portava il suo corpo sopra il mio. Mi baciò la fronte, baciandomi una scia lungo le guance, fino al collo, allo sterno, prima di fermarsi sul mio seno. Mi leccò e succhiò i capezzoli, prendendone uno in bocca, coprendolo. Ero in paradiso. Le sue mani erano sul letto, l'unica cosa su di me era la sua bocca. Mi ha morso i capezzoli e ha iniziato a baciarmi lo stomaco.

"Oh merda" gemetti mentre mi apriva le gambe.

Koogi mi baciò l'interno coscia, in basso a destra e in alto a sinistra. Allargai di più le gambe mentre si abbassava su di me. Ha iniziato a leccare la mia figa nuda prima di usare le dita per allargare le labbra della mia figa, rivelando il mio clitoride. La sua lingua iniziò a leccare il mio clitoride, le sue labbra baciarono la mia figa. Chiusi gli occhi mentre mi copriva la clitoride con la bocca. Feci scorrere velocemente la sua lingua sul mio clitoride, facendo gocciolare la mia figa.

"Merda." dissi appena sopra un sussurro.

Koogi ha mangiato la mia figa per quelle che sembravano ore. Ogni orgasmo che ho avuto, sono stato costretto a coprirmi la bocca con i cuscini sul letto. Ha mangiato la mia figa più e più volte. L'ha mangiato come se fosse il suo ultimo pasto mentre era nel braccio della morte. Mi ha stretto le gambe tra le braccia, non sono riuscita a scappare. Sono stato costretto a sdraiarmi lì e ad agire con la lingua che mi stava dando. Mi sono ritrovata ad afferrare i miei seni, stringendoli insieme. Ho tenuto le labbra della mia figa aperte, permettendogli un più facile accesso alla mia umidità.

“Oh merda piccola…. ooooooooo... ne avevo bisogno. mi sono sentito dire.
"Ti piace?" chiese.
“Sìsssss.”
gemetti.

Si è seduto dopo il mio terzo orgasmo, chinandosi e baciandomi. Amavo il sapore della mia figa sulla sua lingua. Mi ha fatto impazzire.

"Metterlo in." dissi senza fiato.
"Sei sicuro?"
"Sì, sono sicuro." Ho detto praticamente implorando.

Koogi si alzò a sedere, mi afferrò per le gambe e mi attirò a sé. Mi allargò le gambe e fece scivolare dentro la punta del suo cazzo.

"DIO MIO." Ho detto.
"Non preoccuparti, ti ho preso." Disse massaggiandomi la clitoride con il pollice.

Scivolò ancora un po'.

"Dannazione, sei stretto, piccola." Egli ha detto.

Spinse ancora un po' il suo cazzo dentro di me. Stavo tremando, faceva così male. Ho mosso i fianchi mentre lui spingeva ancora un po' dentro. Siamo rimasti fermi per un momento e poi ho sentito altri pollici invadere la mia figa. Finalmente potevo sentire tutti i suoi dieci pollici dentro di me. Koogi iniziò a muoversi avanti e indietro, dolcemente. Mi sono aggrappato alle sue spalle. Si chinò e mi baciò, spingendo il suo grosso cazzo nero dentro di me.

"Dio, come mi sento così bene." gli dissi all'orecchio.

Mi baciò il collo, le sue mani mi immobilizzarono le braccia sopra la testa. Ho alzato le gambe e le ho aperte. Koogi si stava muovendo con un movimento più deliberato. Ha iniziato ad aumentare il ritmo.

"Oh si!!!" dissi quando iniziò a scoparmi.

Non avevo mai avuto un cazzo così bello in vita mia. Non avevo mai fatto sesso così bene. Mi sono arreso all'orgasmo impetuoso che ha preso il sopravvento sul mio corpo.

"OHHHHHH FUUCKKK" ho urlato mentre la mia figa esplodeva intorno al suo cazzo.

Rimase fermo, tirando fuori il suo cazzo prima di sdraiarsi accanto a me.

"Dio mio." dissi senza fiato.
"Sei stretto come l'inferno." Egli ha detto.
"È passato un anno."
"Un anno da cosa?"
"Dall'ultima volta che ho fatto sesso." Ho detto.
Si girò e mi guardò.
"Un anno??"
"Sì, io e mio marito non facciamo più sesso." dissi salutandolo.
"Che cosa?"
"Lo so…. Lo so…. Non ricordo nemmeno l'ultima volta che ho avuto un orgasmo prima che tutto questo iniziasse. dissi respirando ancora pesantemente.
"Vuoi dirmi che sei sposato e che tuo marito non se la prende tutte le sere?" chiese.
"Sì." dissi mezzo ridendo.
"È un idiota".
Ho scrollato le spalle.
"Non inizia nemmeno, e nemmeno io."
"Beh, stasera l'ho presa con calma, non posso ancora prenderti in giro."
"Lo so, ma dannazione è stato fantastico." Ho detto.
"La tua figa può far scoppiare un enorme carico di sperma a un uomo lì dentro." Egli ha detto.
Mi sono sdraiato lì congelato.
"Sì ok?" chiese.
"Sì, sono perfetto." Ho sorriso.
"Niente sesso in un fottuto anno?"
"Nessuno."
Si è ribaltato sopra di me.
"Bene, dovremo solo cambiarlo." Egli ha detto.
"Per favore fallo." Sorrisi mentre apriva le mie gambe.
La settimana successiva non riuscivo a smettere di pensare a "Debauchery". La mia figa pulsava solo al pensiero di Koogi e Gabriel e di tutte le cose su cui i miei occhi si erano aperti sin dalla prima volta.

"Ehi, vuoi uscire a cena stasera?" chiese Courtney.
“Certo, cosa avevi in ​​mente?” chiesi mentre firmavo un grafico.
"Possiamo fare Maggiano quando torni a casa." Egli suggerì.
Ho annuito.
"Certo, va bene."

Sono tornato a casa, mi sono cambiato i vestiti e ho aspettato che Courtney arrivasse a casa. Ho deciso di andare controcorrente, indossando un vestito. Ho trovato un vestito con top all'americana di Ashley Stewart.
"Ehi, scusa il ritardo, il traffico era pessimo." Egli ha detto.
Non ho detto niente.
"Nessun problema", dissi uscendo dal sito web in cui mi trovavo.
"Sei pronto per partire?" chiese.
"Sì." dissi afferrando la borsa.
“Possiamo prendere la mia macchina; Ho comunque bisogno di benzina. dissi guardando nel portafoglio.
"Già? Di solito hai bisogno di benzina una volta alla settimana. Egli ha detto.
"Sì, ricorda che dovevo fare delle commissioni." Ho mentito.
Annuì.
"Esatto, l'avevo dimenticato."
"Com'era quella di tua madre?" chiesi mentre ero in macchina.
"Bene, aveva bisogno che le sue candele fossero sostituite." Egli ha detto.
Ho annuito.
"Perché non l'ha portato al negozio?"
Lui scrollò le spalle.
"Non lo so; sa che posso farcela.
"Hmmm, devo chiamarla." dissi tirando fuori il cellulare.
«Stasera è in chiesa.» Disse senza battere ciglio.
Ho riso dentro.
"Come fai a sapere?"
"Lei mi ha detto."
Ho annuito.
«Allora la proverò domani, se mi ricordo.»
"Com'è andato il lavoro?" chiese mentre il suo cellulare si spegneva.
Diede un'occhiata al suo telefono, prima di rifiutare la chiamata.
“Il lavoro va bene; sai che è sempre occupato. gli dissi mentre imboccavamo l'autostrada.
"Dimmi, pensi ancora di andare a quella conferenza con tua sorella?" chiese.
«Quello di Dallas?»
"Sì."
"NO." dissi aspettando di vedere la sua reazione.
"Perché no?"
"Soldi, non voglio spendere soldi." Ho detto giocando sul mio telefono.
“Abbiamo i soldi per te per andare…. Dovreste andare."
“No, inoltre, quel fine settimana sei fuori, quindi…. possiamo fare qualcosa forse. Ho suggerito.
Ha emesso un suono.
“Potrei dover intraprendere quella cosa della carriera. Non lo so ancora.
Ho scrollato le spalle.
«Bene, fammi sapere.» Ho sorriso.

We got to the restaurant and sat down in a booth.

“I am starving.” I said looking at the calendar in my phone, trying to figure out when I would be able to get away.
“Have you gotten the credit card bill?” I asked him.
He was in mid-chew and stopped.
“Yeah why?”
“I haven’t seen it; you did get it? Did they send it to your email?” I asked.
“Yeah, why, what’s up?”
“Nothing, I just wondered. I need to call them. I noticed last month the balance was higher than normal. The full amount came out of the joint account. I want to see the statement.”
“Well I used it a little more, had to get some stuff for my mom and for my car.” He said.
“Oh ok…. Well I will call them, get them to resend the statement.” I told him looking at him, waiting for him to look at me.
“Naw, there’s no need, I will show it to you, it’s in my email.” He said.
“You have it now?”
“Yeah….”
“Can you show it to me?” I asked laughing.
“Right now? While I’m eating?”
I shrugged.
“No, its fine.” I said as the waiter came up. I went ahead and ordered a glass of wine.

“When is the career thing you were telling me about?” I asked.
“It may be next week; I have to check.”
“So they expect you all to just leave for two days, but you don’t know the exact date?”
“It’s on my work phone. I think it’s Monday and Tuesday, I would be back Wednesday.”
“So, it is three days.”
He nodded.
“Ok, well…. Whatever the length of time, just let me know as soon as possible.” I told him.
“Of course.” He smiled.
We finished dinner and headed home. We sat in silence. It amazed me how easy it was for my husband to lie to my face. His lies didn’t even make sense anymore. I was done crying myself to sleep, I was done feeling bad. I had learned that while my husband was out, leaving me home alone…. I would be out as well.

~Chapter 5~

Monday Night

“Hey, did you make it to Savannah?” I asked Courtney.
“Yeah, we just got to the hotel.”
“Ok, well…. I had a long day, I am heading to bed.” Ho detto.
“What happened?”
“Teenager shot in the chest, we lost him in surgery. His mother…. God bless her heart. She lost it.” I said rubbing my temples.
“Man, I am sorry to hear that.” He said.
“Yeah, it just took a lot out of me. When will you be home?”
“Wednesday, after work.” He said.
“Ok, so I won’t see you until Wednesday, is this the only career expo you all have planned?”
“As far as I know.”
“Ok.”
“What hotel are you at again?” I asked.
“Hold on….”

The line went dead.

‘What hotel are you at?’ I texted as I got out my car.
“Here is your ticket ma’am.” The valet said.
“Thank you” I smiled while powering my cell phone off and walking inside ‘Debauchery’.

I walked straight to the living room. I looked around the room.
“Looking for me?” a male voice asked.
I turned around to see Koogi, standing in a pair of jeans, no shirt.
“As a matter of fact, I am.” I said feeling my pussy wake up.
“How are you beautiful.” He asked before kissing me.
A moan escaped my lips.
“I am better now.” I smiled.
“I am surprised you are here on a Monday.” He said.
I shrugged.
“I needed the release.” I said taking a glass of champagne.
“I think I know just the thing.” He said.
I followed him upstairs to another room.
“What room is this?” I asked.
“The ‘heaven’ room.” He said pointing at the ceiling.
“Oh wow, they have clouds on the ceiling and sky lights” I said looking up.
“Yeah, and the heavenly bed, like the one from the Westin.”
“Oh God, I love those beds.”
I sat down on the edge of the bed, while Koogi locked the door.
“So you need to release, huh?”
“I don’t know what you or this place is doing to me….” I began.
“You’re being awakened.” He said.
“Maybe so, I know I can’t stop thinking about the shit you did to me.”
“Did you enjoy that?” he asked while his hand moved up my thigh.
"SÌ."
“Let me relax you Kelly.”
He looked in my eyes, I leaned forward and began kissing him. My sexual appetite was becoming insatiable.

“Come in the bathroom with me.” he said after pulling away.
He turned the shower on as I got undressed. He turned the steam option on, removing his clothes before we both stepped in.
“Do you mind if your hair gets wet?”
“No, it’s fine.” Ho detto.
I stood in the shower, letting the water run over my body. Koogi turned on the rainforest shower head.
“Oh wow.” I said as the water came running down.
“Don’t worry.” He said turning me around.
I closed my eyes and stood under the water while Koogi grabbed something behind him.

I felt his hands on my hair, it surprised me and my eyes opened.
“What are you….” I began asking until I realized he was washing my hair.
His fingers felt like magic on my scalp.
“How is that?”
“That feels good.”

I leaned my head back against his chest, as he gave me a head massage. He worked the shampoo in my hair. I had never had a man wash my hair before, and that shit was erotic.
He rinsed my hair and repeated, washing it again.
“God that is amazing.” Ho detto.
“Good, I want to make you feel good tonight baby.”

After washing my hair, he grabbed the Bath and Body Works Country Apply body wash and lathered up the sponge. I stood as he washed my neck, down to my chest, across my breasts. He washed my arms, under my arms. He washed my stomach. The more he touched me, the wetter my pussy got. Koogi sat on the shower bench, lifted my left leg and washed it. He washed my foot, getting in between my French pedicured toes. He used one of the shower hoses and rinsed me down before taking my right foot and doing the same thing. He rinsed my leg before washing my pussy. He was so delicate, as if he were teasing me. His fingers gently going in between the folds of my pussy lips. He used the hose and rinsed my pussy, before turning my around and running the sponge up my ass. He stood up as I rung my hair out. He did one last rinse over my body before turning the shower off.

“Here you are.” He said bringing a towel over.
I graciously took the towel and wrapped my body in it.
“How do you feel?”
“Very relaxed.”
“Good, that is the point.”
“Go and lay on the bed.” He said while checking the cabinets.

Koogi came over to the bed, I was still wrapped in a towel. He had in his hand the lotion bottle. He opened my towel and started planting kisses all over my body. I closed my eyes and enjoyed his mouth. He squeezed the Country Apple lotion on my legs, before rubbing it in. His hands felt incredible on my body. He rubbed the lotion on my feet, giving me a foot massage. He brought my foot up to his mouth, kissing my toes before putting each one in his mouth.

“Oh wow.” I moaned.

He rubbed lotion on my thighs, on my knees before squeezing some more on my stomach.
“You are one of the most beautiful women I have seen.”
I looked at him, sitting up on my elbows.
“I’m not too big?”
“Hell no, I love a plus size woman. Just because your husband doesn’t see what he has, doesn’t mean other men don’t. You are beautiful Kelly.” He said looking directly into my eyes.

I laid back down, staring at the cloud ceiling.

He rubbed the lotion on my arms, paying attention each one individually. He massaged my hands, placing them on his chest. I loved feeling his chest. Each ab was perfectly carved out. His body was so well defined. He finished putting lotion on my body.
“How do you feel?”
“Good.” I said softly.
“Good, now just relax”

He got up, put the lotion back in the bathroom, and started lighting candles. I watched his ass as he moved from candle to candle. He turned the lights out.

“Just relax.” He said climbing on top of me.
Koogi began kissing down my body. His full lips felt incredible against my skin, which by now was hot. He opened my legs, placing each one on his shoulder. I could’ve came just off the excitement and anticipation. He began licking my pussy. He wasn’t doing it like he had done before, he was doing it slowly, making me feel so good. He licked my pussy, kissing my clit. He French kissed my clit. I moaned a soft moan. He slurped my pussy juices up. I had no idea I could even get so wet that my pussy made noises. I could feel an orgasm coming. Without even trying, my hips started moving with the motion of his tongue. My hands began rubbing my body, down to his head. His crew cut felt so good. I could feel the motion of his bobbing up and down on my clit. I found myself moaning louder. I sat up on my elbows, looking down at this man eating and enjoying my pussy. I had never seen anything like that before. I had never really experienced anything like this before, in my entire life.

“Ohhhh shit, I’m…. I’m about to cum.” Ho detto.

Instead of letting up…... Koogi went in even more. I couldn’t hold it; I couldn’t fight it. I exploded, all over his face.

He sat up and looked at me.

“Oh my God, you are amazing.” I said out of breath.
“No baby, you are amazing…... lie back.” he said.

I laid back down, staring at the ceiling. Koogi climbed up next to me, lying beside me.
“You ok?”
I nodded my head.
“New experience.” I said, my voice a little horse.
“Good, you deserve to feel good.” He said rubbing my nipples.
“There’s so much I want to experience.” I laughed.
“Like what?”
“Everything. My husband and I only really did missionary, no foreplay, unless he rubbed my clit. He doesn’t like oral, even though I would like to do it. He never went down.”
“Why did you marry him?”
I laughed.
“I loved him.”
“Loved? Past tense?”
“I love him, but I am not in love with him.”
Koogi nodded.
“I have had more orgasms this month, than in the last two years, if not more.”
“A woman should come daily if she chooses to.” He said.
“I wish. My husband won’t touch me, I thought it was because I gained weight.” I confessed.
“Regardless of your size, you are beautiful.”
“Thanks.”
“What else do you want to experience?”
I laughed.
“I want to cum from every hole.”
“We can do that.”
“I know you can.” I laughed.
We paused for a moment.
“I think about you.” I said softly.
“In what way?” chiese.
“I think about your body, your hands, your mouth…. I get wet when I think about you.”
“I think about you too.”
“Yea right.”
“I do…. I see a woman who has not had her sexuality awaken and you trust me enough to awaken it. I think about you all the time. I think about your moans, how you twist and turn when you are cumming.”
I covered my face with my hands.
“Don’t be shy…... I want to make you feel good every time I see you, every time I get to be with you.”
I smiled.
“When you are with me, I want you to be free.” He said tilting my face towards him.
I reached up and kissed him, sliding my tongue into his mouth. His mouth welcomed me.
“I want some more.” I whispered, shocked at my own boldness.

Koogi smiled, rolled over on top of me. I opened my legs as he eased his dick in. I felt like I was virgin with him. I gasped as he pushed in. I wrapped my legs as his waist, my arms around his neck. I buried my head in the side of his neck as he caught a rhythm. We kissed passionately as he slid his dick in and out of my wet pussy. I scratched at his shoulders and back as he began picking up the pace. I threw my head back in ecstasy while he kissed my neck, licking on my earlobe. The wetness of his tongue on earlobe drove me over the edge. I moaned, scratching at him. It felt so good. His hips began pumping harder. I grabbed at his ass. It was firm to the touch. I could feel the muscles in his ass contracting as he pumped in me. He leaned down, biting my nipples. I screamed out in pleasure. I don’t know what this man was doing to me, but I couldn’t stop.

“Harder.” I cried.
“You want this dick harder baby?” chiese.
"Sì."

I never experienced sex talk, but I discovered I liked it.

He pumped harder and faster. I grabbed onto the sheets. My bottom lip started shaking. God, his dick was incredible.

“YE…. YES…. OH FUCK…. YES!” I screamed.
I could see the smile across his face.
“Fuck me baby…. please fuck me.” I begged.
“Oh shit…. I’m about to cum.” He said.
“Yea…. yes…. Cum baby…. cum in me.” I whispered in his ear.
“AHHHHHHHH……. URGHHHHHH!” he grunted as he released a hot load of cum deep inside me.

We collapsed back on the bed, both of us out of breath.
“Oh shit.” I said as if I was gasping for air.
“You ok?” Koogi asked still inside me.
"Sì."
“You ok?” I asked him.
“I am perfect.” He said.
He eased out of me, causing me to moan.
“Sorry.” He said smiling.
“Do you have to go?” I asked.
“Hell no, I am getting some water, you want some?”
“Yeah, thank you.”
I laid back and stared at the ceiling.
“Here you are.” He said handing me a bottle of water.
I watched as he drank his water down. I slowly sipped mine.
“Yasss…. someone finally let loose.” He said rubbing my leg.
“I know; I don’t know what came over me.”
“You stopped thinking so much.”
“Maybe, maybe I just got introduced to something I’ve never in my life had before.”
“Drink up.” He said.

I finished my water, throwing the bottle away and getting back in the bed.

“You have work tomorrow?” I asked.
“Yeah, I have a closing at ten.” He said.
“Do people spend the night here?” I asked.
“All the time, the busiest nights are the weekend or a holiday.”
“What brought you here?” I asked.
“Took a chance, I was hoping you would be here.” He said.
I laughed.
“And I wasn’t?”
“I would’ve probably gotten some head and left.”
“Oh…. Head?”
“You do know what head is, right?”
“Yes, oral sex. I am not a prude.”
“Have you ever?”
“Yeah, in college, my husband doesn’t like it. So I have done it before I met him.”
“Is he black?”
“Yes”
“A black man doesn’t like head? Wow.”
I shrugged.
“I am out of practice, but I know what it is.”
“You enjoy it?”
“I haven’t done it in so long, I don’t remember.” I confessed.
“Then I need to get you re-acquainted.” He said.

Storie simili

FAMIGLIA DI 4_(0)

[b]FAMIGLIA DI 4, FAMIGLIA INSIEME Mia moglie Pari, sua sorella minore (di un anno), Ara, e la loro madre, Mae. 3 Signore – e io, uomo di casa per così dire, la nostra Famiglia. È diventato un ruolo piuttosto estenuante. Dove viviamo in Asia, io sono uno straniero, nato nel sottosuolo. Ma ormai vivo da molto tempo in Asia e capisco quanto sia importante la Famiglia. Nel caso della famiglia di mia moglie, suo padre è morto (per malattie legate al fumo e all'alcol) più di 15 anni fa; da allora, le 3 Signore sono state insieme, nonostante i singhiozzi e...

1.1K I più visti

Likes 0

Incontri Darkness - Parte I

Incontri Oscurità Mentre tornava a casa lungo la scorciatoia, un sentiero sterrato tra due caseggiati abbandonati, sentì dei passi dietro di lei. Si voltò rapidamente verso i suoi dottori che sollevavano polvere, nessuno lì. Aumentando il ritmo si affrettò lungo il sentiero, la sua ombra di fronte a lei dalla luna piena stanotte. Di nuovo sentì i passi che corrispondevano al suo ritmo; lei si è fermata, loro si sono fermati. Girandosi ancora non vide nessuno. Datti una calmata, Laura! disse ad alta voce mentre scuoteva la testa e continuava a camminare verso casa. Sentì il clic di una macchina fotografica...

857 I più visti

Likes 0

Lucy viene scopata dal padre della sua migliore amica

Erano le 15:00 di mercoledì e il caldo della giornata estiva si abbatteva su Lucy e la sua amica Jillian mentre tornavano a casa da scuola. Il marciapiede era caldo e ricoperto di foglie e noci degli alberi che fiancheggiavano la strada di Jillian. Mentre il sole bruciava, le foglie gocciolavano un aroma caldo che ricordava a Lucy il pot-pourri che aveva annusato in un negozio di candele boutique nella strada principale della sua piccola città. L'aria era calda e l'odore della flora bruciata la fece girare la testa assonnata e soddisfatta. Le due ragazze imboccarono il vialetto di Jillian mentre...

615 I più visti

Likes 0

Polly è la sorella minore di mia moglie

POLLY LA SORELLINA DI MIA MOGLIE! I nomi sono stati cambiati nel caso lo vedesse il nuovo marito della sorellina di mia moglie. Mia moglie Sherry ed io ci siamo sposati circa un anno e mezzo fa e siamo ancora molto innamorati. Era la mia seconda moglie ed era anche sposata prima. Sapevo che proveniva da una famiglia numerosa del Texas, ma non ne vedevo nessuno dal matrimonio. Senza che mia moglie mi dicesse che sua sorella minore Polly era con lei una sera quando tornai a casa dal lavoro. Aveva circa ventotto anni ed era carina quasi quanto mia moglie...

530 I più visti

Likes 0

La mia figliastra senzatetto, parte 3

Mentre Chelsea giaceva a letto con noi, qualcosa si risvegliò dentro di lei. Non voleva più le donne della sua età. Li voleva giovani. Voleva adolescenti. L'emozione di essere il primo per qualcuno è stata travolgente. E l'eccitazione nel guardare il suo ragazzo far scoppiare la ciliegia di Ronnie era quasi più di quanto potesse sopportare. Sapeva che le ripercussioni per essere stata scoperta sarebbero state gravi, ma ora aveva un sedicenne che poteva aiutarla. Potrebbe essere molto divertente. Ronnie giaceva a letto, con la testa appoggiata sul petto del patrigno. Non poteva credere a quello che era successo in meno...

524 I più visti

Likes 0

Raccolta fondi per l'ospedale

Slavia ha 31 anni, non si è mai sposata, è una bellissima donna russa sexy. Lei è a una raccolta fondi in ospedale, tutti i grandi donatori della fondazione dell'ospedale sono lì, facendo a gara per impressionarsi a vicenda con il pavoneggiarsi del piumaggio e con grandi donazioni nel corso della serata. Lo Slavia si sentiva a disagio nel trovarsi al suo interno con il mondo ampolloso dei filantropi danarosi. Aveva tentato di uscire, ma era stata intercettata nell'atrio da una grossa e anziana dama di buona società a cui non piaceva altro che ricordare di ora in ora le storie...

365 I più visti

Likes 0

I 120 giorni di sodoma - 17 - parte1, IL SEDICESIMO GIORNO

IL SEDICESIMO GIORNO I nostri eroi si alzarono vivi e freschi come appena arrivati ​​dalla confessione; ma a ben guardare si sarebbe potuto notare che il Duc cominciava a stancarsi un po'. La colpa di questo avrebbe potuto essere attribuita a Duclos; non c'è dubbio che la ragazza avesse completamente padroneggiato l'arte di procurargli delizia e che, secondo le sue stesse parole, i suoi scarichi erano lubrificanti con nessun altro, il che confermerebbe l'idea che queste cose dipendono esclusivamente dal capriccio, dall'idiosincrasia , e che l'età, l'aspetto, la virtù e tutto il resto non hanno nulla a che fare con il...

1.5K I più visti

Likes 0

S.S. Shotguneagle (Sesta parte)

Non sarebbe del tutto vero se Leah dicesse che il suo spirito non è incrinato. Anche dopo aver ripetuto a se stessa come starà bene, il dubbio è sempre rimasto nella sua mente. La sua mente potrebbe essere ancora intatta al momento, ma la sua volontà di rimanere forte e positiva stava crollando. Si chiedeva quanto tempo sarebbe passato prima di perdere completamente la testa. Non aiutava, inoltre, il fatto che Leah si stesse picchiando mentalmente. Odiava il modo in cui permetteva a questi animali di farsi strada con lei. Leah non ha mai voluto essere un'altra vittima indifesa che non...

1.6K I più visti

Likes 0

Vorresti due di me? Questo avverrà in un futuro molto prossimo….. ….Sono Lisa e ho fatto un grande passo e ho messo insieme segretamente un clone e una combinazione robotica di me stesso. La mia azienda pensava che fosse solo l'ultima ragazza robot che avevo creato. Ho aspettato che il ragazzo giusto lo provasse. Ho finalmente trovato quello che cercavo. Era bello, sexy e giovane. Perfetto…. --------- …Ron…. ...Ho ricevuto informazioni su un'azienda che voleva che qualcuno provasse la loro ultima ragazza robot. L'ho esaminato e sembrava interessante. Li ho contattati e mi hanno accettato come un buon test per lei...

1.6K I più visti

Likes 0

Il nuovo capannone

Stavo costruendo un nuovo laboratorio e avevo bisogno di aiuto. Ho chiamato quattro amici che avevano abilità di falegnameria e per me erano incontri regolari. Sapevamo tutti di essere partner sessuali, ma mantenevamo le cose discrete poiché nessuna delle nostre mogli sapeva delle nostre attività extrascolastiche. Il cemento per il pavimento era già stato versato da due gentiluomini molto energici, ma questa è un'altra storia. Il legname era stato consegnato pochi giorni fa insieme a tutto l'hardware. La stazione della sega è stata allestita in una zona ombreggiata in modo che i lavori potessero procedere rapidamente. Le mogli hanno portato tutti...

1.4K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.