Terrore nella tempesta di neve -- Risoluzione

390Report
Terrore nella tempesta di neve -- Risoluzione

Dopo essermi ammorbidito nella bella figa di Tara, mi sono ritirato con riluttanza e mi sono rannicchiato accanto a lei sulla poltrona.

"Seth, credi nell'amore improvviso?" domandò Tara.

"Cosa intendi per amore improvviso?"

“È l'unico modo in cui posso esprimerlo. Quello che provo per te non può essere chiamato amore a prima vista, dal momento che ho passato la maggior parte dello scorso semestre cercando di ignorarti perché non pensavo fossi abbastanza bravo per me. Siamo cresciuti in situazioni economiche e sociali completamente diverse. La mia famiglia è ricca di vecchi soldi, e i miei genitori guadagnano entrambi abbastanza soldi ora per avere questa villa, il nostro personale, uno yacht e tutti gli altri orpelli della ricchezza senza toccare nemmeno l'interesse dei loro investimenti ed eredità, per non parlare del principio. Potrei vivere in un lusso stravagante per tutta la vita senza mai guadagnare un centesimo da solo.

“Tu, invece, appartieni alla classe operaia inferiore. Ho dato uno sguardo a quel contrasto tra di noi e ti ho liquidato completamente. In realtà ho fatto di tutto per sminuirti e per essere cattivo con te. Anche la scorsa notte, quando mi hai trovato nella mia macchina distrutta, sono stato davvero cattivo con te quando tutto quello che stavi cercando di fare era aiutarmi. Confesso che mi piaceva anche sapere che il mio atteggiamento ti irritava. Era il mio personaggio da puttana snob che cercava di convincermi che ero migliore di te. Dopo le ultime ventiquattr'ore, tutto è completamente cambiato. All'improvviso, penso che mi sto innamorando di te.

Rimasi lì, guardando il suo viso perfetto e il suo perfetto corpo nudo. Ricordavo tutto di ogni incontro che avevamo avuto, dalla prima volta che l'avevo vista all'inizio del semestre, attraverso i nostri leggeri flirt durante i primi giorni che l'avevo conosciuta, il disprezzo che mi aveva mostrato dopo aver scoperto che eravamo diversi , il terrore a cui eravamo sopravvissuti la scorsa notte, gli incontri con i suoi genitori, fino a questo momento in cui i suoi succhi si stavano asciugando sulla mia faccia e sul mio cazzo, e una piccola goccia del mio sperma fuoriusciva dalla sua apertura vaginale. Ho faticato ad esprimermi.

“Tara, non so cosa dire. Penso di aver sempre voluto amarti dal primo momento in cui ti ho visto. Probabilmente era abbastanza ovvio per te, dal momento che non ho una gran faccia da poker. Quando mi hai spento, mi ha fatto molto male, ma, come ti ho già detto, è passato. Non sono mai stato uno che vive nel passato e non voglio iniziare a farlo ora. Proprio in questo momento, voglio lasciarmi innamorare di te, ma non voglio essere ferito di nuovo. Ti ho detto quanto fossi devastato la scorsa estate quando la mia ex ragazza mi ha tradito con un ragazzo che pensavo fosse un buon amico. Non mi soffermo più su questo, e di certo non ti paragonerò a lei, perché sarebbe ingiusto, e io non sono quel tipo di persona. Ma devo chiedermi se ciò che entrambi sembriamo provare non sia colorato dal nostro sollievo per essere sopravvissuti alla nostra esperienza con Zeke. Se è tutto qui, e spero che non lo sia, questi sentimenti svaniranno. Uno o entrambi vorranno andare avanti da soli. Sarà più facile per entrambi se non lasciamo che i nostri sentimenti vengano portati via troppo velocemente. Non voglio mai farti del male, ma devo chiederti di lasciarci vivere il momento per ora. Non posso permettermi di dirti che ti amo in questo momento. Per favore, Tara, possiamo lasciare che i nostri sentimenti fluiscano e crescano naturalmente? Puoi affrontarlo senza odiarmi?

Tara mi sorrise, poi quasi rise. "Uomini! Ora so perché piaci così tanto ai miei genitori. Sei così analitico e logico, proprio come mio padre. Non fa mai nulla senza sezionarlo ed esaminarlo, rimuginarci sopra, formulare un piano di scoperta e azione, e quindi eseguire meticolosamente il suo piano. Ecco perché è così bravo nella pratica legale. Prende decisioni intelligenti e informate su ogni caso che gli viene presentato. Rifiuta quelli che non pensa abbiano merito, e poi getta tutto il suo essere in quelli che crede possano essere vinti. Non ha mai perso una causa, lo sai. Mai."

Tara ha continuato: “A modo tuo, sei proprio come lui. Lo amo completamente. È il mio eroe, quasi un dio ai miei occhi. Posso solo immaginarlo mentre dice le stesse cose che hai appena detto. Sono d'accordo con te. Hai ragione. Quello che sembriamo provare potrebbe essere una specie di scarica di adrenalina o qualcosa del genere. Molti di me pensano che ci sia molto di più, ma se vogliamo essere fedeli a noi stessi, dovremmo prenderlo un giorno alla volta. Non mi piace, ma capisco che è meglio così. Per lo meno, però, avremo sempre oggi. Se non va mai oltre, posso costringermi ad accettarlo. Voglio che tu sappia, però, che le ultime ventiquattr'ore mi hanno cambiato in meglio.»

"Come?" Ho chiesto.

“Mi hai fatto capire quanto sono stato egoista e immaturo. I miei genitori non mi hanno cresciuto per essere uno snob. Hanno cercato di insegnarmi con l'esempio ad essere generoso e ad accettare gli altri. Ricorda cosa ti ho detto del mio lavoro di volontariato all'ospedale pediatrico. Mi è davvero piaciuto. Ho avuto modo di apprezzare quei bambini poveri, danneggiati e gravemente malati. Ho imparato a vedere la bellezza e l'amore in loro. Grazie a Dio l'ho fatto, poiché questa è l'unica ragione per cui sono stato in grado di vedere il buono fondamentale e infantile nel povero Merle. Ha dato la sua vita cercando di salvarmi, semplicemente perché ero gentile con lui e lo ascoltavo. Il povero bastardo non aveva due centesimi da mettere insieme, ma mi ha fatto il regalo più grande e prezioso che qualcuno potesse mai fare.

“Anche tu mi hai mostrato compassione e amore che mi ero quasi permesso di dimenticare. Hai insistito per salvarmi dalla bufera di neve, anche se per mesi avevo cercato di odiarti perché appartenevi alla "classe inferiore". Hai cercato di respingere Zeke, sapendo benissimo che avresti perso. Hai cercato di trovare un modo per farmi sfuggire allo stupro da lui e per salvarmi la vita. Avresti avuto molte più possibilità di sopravvivere se mi avessi voltato le spalle o se ti fossi unito a lui per umiliarmi e violentarmi. Ma la tua anima è troppo pura e piena d'amore per lasciartelo fare. Sei come i miei genitori. Tu dai te stesso. Mi stai proteggendo anche adesso, costringendomi a non affrettare i miei sentimenti romantici per te.

“Ora vedo che le mie sorelle della confraternita mi hanno quasi rovinato. Ho lasciato che diventassero dei modelli per me. Sono tutte principesse superficiali, materialiste e viziate. Ho i soldi per essere accettato da loro e ho permesso loro di rimodellare la mia personalità a loro immagine. Mi hanno fatto dimenticare ciò che è veramente importante nel mondo: amore, compassione, condivisione e famiglia”.

“Parlando di famiglia”, dissi, “devo chiamare la mia. E dobbiamo lavarci e vestirci per cena con i tuoi.» A malincuore, ci siamo vestiti. Guardare Tara vestirsi era per me erotico quasi quanto lo era stato guardarla toglierseli.

"La cena è alle 19:30", disse Tara. Faremo la doccia e ci vestiremo. Ci vediamo alle 6:00 nella sala grande e puoi fare la tua telefonata. Usciremo e parleremo dopo finché la cena non sarà pronta.

«Per me va bene», risposi.

“Dopo cena, ti farò fare un giro completo della casa. Ti mostrerò anche un modo per arrivare al mio appartamento che puoi usare senza che nessuno ti veda, se vuoi. Mi piacerebbe davvero ripetere quello che abbiamo appena fatto, innamorati o no.

Ovviamente ho accettato!

Alle 18:00 precise, Tara mi ha trovato nella sala grande. Indossavo uno dei miei nuovi completi e lei indossava un bellissimo, semplice abito da cocktail al ginocchio che completava, ma non ostentava, il suo bel corpo. Allo stesso tempo, ci siamo guardati l'un l'altro e abbiamo detto: "Wow, stai benissimo!" Poi abbiamo riso. Sara disse: “Guarda, Seth, la tua cravatta si abbina al mio vestito. Quel Lorenzo! Sa che questo è uno dei miei abiti da sera preferiti. Non è un caso che la tua cravatta sia uguale.

"Credi che abbia pianificato tutto questo?"

“Certo che l'ha fatto. Lo fa sempre con papà. Scopre cosa indosserà la mamma quando usciranno e sceglie il guardaroba di papà per essere certo che i loro colori stiano bene insieme. È un inguaribile romantico. Suzette mi ha detto che pensa che formiamo una bella coppia.

"Oh ragazzo," gemetti. "Ora il personale di servizio sta pianificando le mie mosse con te."

“Sì, sei praticamente condannato. Comunque, cosa dirai ai tuoi genitori?" domandò Tara.

“Non credo di voler raccontare loro tutto quello che è successo ieri sera al telefono. Mi limiterò a fornire loro informazioni sufficienti per cercare di soddisfare la loro curiosità. Cercherò di convincerli a venire qui per Natale. Penso che a loro andrà bene, dal momento che non abbiamo parenti viventi diversi l'uno dall'altro. Il Natale è una faccenda piuttosto semplice a casa mia. Dato che è dopodomani, cercherò di convincerli a farmi rimanere qui fino ad allora, se pensi che ai tuoi genitori vada bene.»

"Va decisamente bene", ha detto Tara. Mi prese per mano e mi condusse in una stanzetta accanto alla stanza grande dove c'era un telefono. "Vuoi essere solo per chiamarli?"

"No, vorrei che tu rimanessi", risposi.

“Devo tenere le mani a posto? Devo tenere i vestiti addosso? domandò Tara.

«Per il momento sì. Ho bisogno di essere in grado di formare frasi coerenti e tu lo renderesti impossibile.

Mia mamma ha risposto al secondo squillo. “Seth, tesoro, stai bene? Eravamo molto preoccupati per te. Un uomo ha chiamato stamattina presto e ci ha detto che stavi a casa di un amico, e poi suo padre ha chiamato e ha parlato con tuo padre e ha detto che stavi bene, ma volevamo davvero sentire la tua voce.

“Sto bene, mamma. È stato un periodo davvero folle da quando ho lasciato la scuola per tornare a casa ieri. La tempesta lassù è stata molto peggiore di quaggiù. C'è stato un grosso tamponamento sull'autostrada, quindi sono dovuto tornare a casa da tutte le strade secondarie. Conoscevo la mia strada per aver cacciato nei boschi lì, ma le strade erano orribili, con neve alta e molta deriva. Ho trovato la mia amica Tara, della scuola, bloccata in mezzo al nulla. Stava bene, ma era uscita di strada e aveva distrutto la macchina. Voleva chiamare i suoi perché venissero a prenderla, ma il suo cellulare non aveva segnale, quindi l'ho portata qui a casa sua. Non siamo arrivati ​​fino alle 5 di questa mattina. I suoi mi hanno ospitato e mi hanno dato da mangiare. Tra un po' andiamo a cena.»

Mia madre disse: “Seth, il signor Hawthorne ci ha invitato a venire lì per Natale. Era serio?

“Sì, mamma, lui e sua moglie sono davvero fantastici. Vogliono davvero che tu venga. Mi piacciono molto entrambi e mi piacerebbe restare qui per Natale con loro, ma solo se tu e papà verrete qui, ovviamente.

«Oh, tuo padre è appena tornato dal lavoro», disse la mamma. «Tom, sono Seth al telefono. Vuole che andiamo a casa della sua ragazza per Natale. Vuoi parlare con lui?"

"Ciao, figliolo", tuonò la voce di mio padre nel telefono. “Tua madre ed io eravamo davvero preoccupati quando abbiamo saputo delle strade che hai percorso ieri. Un tizio di nome Lawrence ha chiamato stamattina presto e ha detto che stavi con il tizio per cui lavora, un tizio di nome Joshua Hawthorne III. È quel pezzo grosso dell'avvocato Hawthorne?»

“Sì, papà, è un avvocato e sua moglie è un medico. Sono davvero persone simpatiche.

“E sua figlia, è la tua ragazza? Non hai mai parlato di una nuova ragazza», disse papà.

“Beh, non sono sicuro che potresti chiamarla la mia ragazza, ma l'ho incontrata all'inizio della scuola quest'anno. È in una delle mie classi e recentemente ci siamo avvicinati molto. Dovrai solo incontrarla. So che approverai», dissi.

"Oh, questo significa che è carina." Potevo quasi sentire il luccichio nei suoi occhi. Conosco abbastanza bene mio padre.

«È molto più che carina, papà. È la donna più bella che abbia mai visto, tranne ovviamente per la mamma.

Papà rise. “Seth, non so da dove hai preso la tua lingua vellutata, ma tua madre l'ha sentito, e sta davvero arrossendo. Buon lavoro, figliolo.

«Papà», continuai, «voglio davvero che tu e la mamma conosciate la sua famiglia. Sono davvero persone fantastiche. Molto con i piedi per terra, molto generoso. La nostra famiglia non ha mai frequentato persone ricche, ma so che ti piaceranno. Ragazzi, per favore, venite qui per Natale?

La mamma è tornata al telefono. “Seth, se sono ricchi, non so come ci troveremmo. Voglio dire, cosa dovrei indossare? Cosa devo portare come regalo per una hostess? Penso che saremmo un po' imbarazzanti".

Tara si stava avvicinando a me e poteva sentire entrambi i lati della telefonata. Mi ha strappato il telefono dalle mani. "Sig.ra. Johnson? Questa è Tara Hawthorne, l'amica di Seth. Io e i miei genitori vorremmo davvero che foste nostri ospiti a Natale. Mi piace molto Seth e mi piacerebbe davvero conoscervi entrambi. I miei genitori sono molto presi da Seth e vogliono solo che ci riuniamo tutti così possono incontrare la famiglia dell'uomo che ieri sera mi ha salvato la vita. Non esagero quando dico che sarei morto là fuori nel bosco se tuo figlio non mi avesse aiutato. I miei genitori sono davvero bravi a ripagare i debiti di gentilezza e vogliono condividere il Natale con te per provare a dimostrarlo. Per favore, dimmi che verrai.

“Tara, è così dolce da parte vostra. Dì ai tuoi genitori che ci saremo. Ma cosa dovremmo indossare? Come ci arriviamo? E cosa dovrebbe essere portato?

Tara rispose: “Tu e tuo marito sarete a casa stasera? Ok, dammi il tuo indirizzo. Lawrence, con cui hai già parlato, e sua moglie Suzette verranno stasera verso le 8:00, se per te va bene. Entrambi lavorano per mia madre e mio padre. Lawrence era proprietario di un negozio per uomini e sua moglie ha un grande senso della moda. Ti procureranno nuovi abiti e te li faranno consegnare domani. Non preoccuparti di nessun regalo. Io e i miei genitori non ci saremmo mai aspettati che ti azzardassi con così poco preavviso. E non preoccuparti di trovare il nostro posto. Manderemo un'auto a prenderti. Lawrence e Suzette ti forniranno tutti i dettagli. Io e i miei genitori vogliamo davvero farlo. Significherebbe molto per noi. E, per favore, non preoccuparti di nulla. Ero seduta abbastanza vicino a Seth per sentire molto di quello che tu e tuo marito avete detto al telefono. In realtà siamo solo persone normali. Potremmo essere un po' meglio di alcuni, ma dentro siamo praticamente uguali a tutti gli altri. Da quel poco che ho imparato su di te e tuo marito, so che i miei genitori ti piaceranno e tu piacerai a loro. OK?"

Mia madre sembrava un po' agitata, ma disse: “Bene, va bene, Tara. È abbastanza travolgente per me, ma se renderà felici te e i tuoi genitori, saremmo entusiasti di venire per Natale. Vedremo Lawrence e Suzette intorno alle 8:00.

"Grande!" esclamò Tara. «Seth e io ti chiameremo domani. Ciao!"

Dopo che Tara ha riattaccato il telefono, ho detto: "Non dovevi farlo, sai".

"Si l'ho fatto. Non sei stato attento a pranzo? Mamma e papà hanno chiarito oggi che volevano farlo. Sentono di essere in debito con i tuoi genitori per averti portato in questo mondo in modo che tu potessi salvarmi. Pagano sempre i loro debiti. Inoltre, gli piaci davvero. Ti ammirano. Pensano che tu sia un bravo ragazzo, e lo sei. Inoltre, possono vedere quanto amo, voglio dire, come te, e vogliono farlo anche per me. Dovrai imparare, se continui a uscire con me, ad accettare ciò che ti viene dato. Hai sempre lavorato molto duramente per quello che ottieni, il che è fantastico, e dovresti sempre continuare a farlo, ma accetta un regalo ogni tanto!

«Sei una ragazza fantastica, Tara», dissi.

“Certo che lo spero. Vengo da genitori fantastici. Per favore, Seth, fagli conoscere te. So come sono. Sono persone molto genuine e amorevoli. Hanno sempre voluto un figlio, ma la mamma non poteva più avere figli dopo di me. Avere un giovane intorno è una grande emozione per entrambi, posso dirlo.

Tornammo nella grande sala e ci sedemmo su un divano. Dato che eravamo praticamente esposti al pubblico per chiunque potesse essere capitato, abbiamo resistito ai nostri impulsi e ci siamo semplicemente seduti lì, parlando e tenendoci per mano. Tara ha chiamato Lawrence e gli ha detto cosa aveva promesso che lui e Suzette avrebbero fatto per i miei genitori. Sembrava molto contento di avere l'opportunità di farlo e si affrettò a parlare con sua moglie. Con l'avvicinarsi delle 7:30, ci dirigemmo verso la sala da pranzo della famiglia. Abbiamo preso le stesse sedie che avevamo occupato a pranzo. I genitori di Tara arrivarono poco dopo. Mi alzai e sua madre mi abbracciò e mi diede un bacio sulla guancia. Suo padre si chinò su Tara e le baciò la fronte. Poi hanno cambiato posizione, in modo che sua madre potesse baciare la guancia di Tara mentre suo padre mi stringeva calorosamente la mano e mi attirava in un breve "abbraccio da ragazzo".

"È davvero bello rivederti, figliolo", ha detto mentre prendevamo posto tutti.

"Grazie Signore. Sono onorato di essere qui", dissi.

La mamma di Tara ha chiesto: "Hai chiamato i tuoi genitori?"

Prima che potessi rispondere, Tara interruppe eccitata. “Vengono qui per Natale! Non è fantastico?"

Sua madre disse: “Tara, per favore, lascia che risponda da solo. Seth, raccontami tutto della telefonata.»

«Be', dottor Hawthorne...» cominciai.

Questa volta il padre di Tara lo interruppe. «Seth, una regola di base. Per favore, non chiamarci signore o signora, o signor e dottore. Per te siamo Joshua e Amanda. Mia moglie ed io abbiamo parlato molto di te da quando ci siamo incontrati stamattina, e ci piaci molto entrambi. Vogliamo che tu ci tratti come amici e speriamo che tu ci permetta di guadagnare quel titolo.

«Josh», disse Amanda, «sei pessimo quanto Tara con le interruzioni. Seth, per favore, vai avanti.

“Ho chiamato i miei alle 6 di questa sera. Non ho detto loro molto di quello che è successo a me e Tara ieri sera. Preferirei farlo di persona. Ho appena detto che le strade erano orribili, ho trovato Tara nella sua macchina distrutta e l'ho portata qui. Ho detto loro che non siamo arrivati ​​fino alle 5 del mattino e che mi hai sistemato nella stanza degli ospiti. Ho detto che abbiamo pranzato insieme e che avremmo anche cenato. Hanno detto che Lawrence e il signor Hawthorne, voglio dire Joshua, li avevano chiamati per assicurarli che stavo bene e che tuo marito mi aveva invitato a restare per Natale e che volevi che venissero anche loro. Mia madre era davvero preoccupata di imporsi su di te e di adattarsi a te. Fu allora che Tara prese il telefono e parlò con mia madre.

«Sì, mamma», disse Tara. "Sembrava davvero carina al telefono, ma era davvero riluttante a venire qui con i 'ricchi'. Ho cercato di assicurarle che eravamo davvero persone a posto e che tu e papà volevate solo incontrarli per ringraziarli per quello che Seth ha fatto per me ieri sera. Mi ha chiesto cosa indossare, cosa portare e come arrivare qui. Le ho detto che non volevamo che portassero niente. Per quanto riguarda i vestiti, le ho detto che stasera avremmo chiesto a Lawrence e Suzette di andare laggiù, prendere le loro misure e portare loro dei vestiti nuovi domani. Ho anche detto che avremmo mandato un'auto a prenderli a Natale. Penso di averla lasciata senza fiato, ma alla fine ha accettato.

«Ben fatto, tesoro», disse Joshua. "È bello vedere che i tuoi ricchi amici del college non ti hanno rovinato completamente."

“Papà, l'hanno quasi fatto. Seth e io ne abbiamo parlato questo pomeriggio. Per quanto orribile sia stata ieri sera, mi ha ricordato quello che voi ragazzi avete sempre cercato di insegnarmi. Le persone hanno bisogno di dare se stesse per aiutare altre persone. Qualunque cosa tu abbia, devi condividerla con gli altri. Il povero Merle l'ha fatto per me, solo perché ero gentile con lui. Non aveva niente da dare se non la sua vita, quindi l'ha data. Seth avrebbe potuto finire per pagare lo stesso prezzo, dal momento che ha scelto di fare per me ciò che riteneva giusto, anche se ero stato terribile con lui. I miei amici del college non l'avrebbero mai capito. Volevo adattarmi a loro, quindi ho voltato le spalle a quell'insegnamento morale di base che hai cercato di instillarmi. Sono diventata una stronza ricca presuntuosa e meschina. Mi vergogno così tanto, ma ora ricordo la differenza tra giusto e sbagliato.

È arrivata la prima portata della nostra cena gourmet. La conversazione al tavolo si è spostata sul college e su cosa volevamo fare dopo la laurea. Tara era orientata verso la facoltà di medicina, quindi poteva lavorare con bambini con bisogni speciali come pediatra, chirurgo pediatrico o oncologo pediatrico. Ho detto che volevo continuare la mia doppia specializzazione nella scuola di specializzazione, sperando di ottenere un MBA e un master in ingegneria elettronica. Dato che ho sempre amato le auto, avevo l'obiettivo di ottenere un lavoro nell'industria automobilistica. Dopodiché, si trattava principalmente di chiacchiere.

Mentre stavamo finendo il deserto, il papà di Tara ha detto: “Seth, se continui a guadagnare voti come hai fatto finora, potresti essere in grado di guadagnare una borsa di studio completa in una buona università. Ma prima devi superare gli studi universitari. So che lavori in quel garage e guadagni abbastanza bene per quel tipo di lavoro, considerando che non hai certificazioni o formazione formalizzata. Ovviamente sei un ottimo meccanico e tecnico automobilistico, o il tuo datore di lavoro non potrebbe mai permettersi di pagarti quello che fa. È quello il lavoro a cui intendi tornare durante le estati?

“Questo è il mio piano a questo punto. Potrei dover prendere un semestre libero a un certo punto per lavorare a tempo pieno in modo che i miei prestiti studenteschi non mi sfuggano completamente di mano. Ne ho già parlato con il mio capo e mi ha assicurato che posso lavorare tutte le ore che posso sopportare. Mi paga molto bene. Lo aiuto con i suoi libri e so che mi sta pagando una percentuale molto più alta della fatturazione che genero rispetto a quanto abbia mai pagato a chiunque altro. In realtà non guadagna molto sul lavoro che faccio. Dice che non gli importa. Lui e mio padre hanno prestato servizio insieme in Vietnam e afferma che mio padre gli ha salvato la vita. Dice di essere orgoglioso di avere il figlio del suo amico eroe di guerra che lavora per lui.

«Il tuo capo sembra un brav'uomo, figliolo», disse Joshua. “Uno che capisce i debiti che ha e l'importanza di pagarli. Questa è praticamente anche la filosofia di vita di mia moglie e della mia. Dovrai fare una sorta di tirocinio o tirocinio per completare i tuoi studi universitari. Hai capito cosa farai?"

Dissi: “Ho fatto alcune domande e i miei consulenti accademici stanno lavorando per procurarmi dei contatti. Questo è uno dei motivi per cui potrei dover prendere un semestre libero per lavorare in officina. Dovrò comunque pagare le tasse scolastiche e le mie spese di soggiorno, e la maggior parte di quegli stage non paga quanto guadagno al garage.

«Va bene, Seth, ascoltami», disse Joshua. “Dalle mie precedenti domande su di te, sapevo del tuo interesse per una carriera legata all'auto. Ho lavorato di nuovo al telefono questo pomeriggio. Uno dei clienti fissi della mia azienda è il proprietario di un team NASCAR. Come forse saprai, quel tipo di auto non può utilizzare molte apparecchiature elettroniche in auto, ma alcuni team stanno diventando molto sofisticati con il loro uso dell'elettronica nei loro negozi. Il suo negozio di ricerca e sviluppo di motori si trova a circa cinquanta miglia da qui, e sente che sono in ritardo nello sviluppo e nell'uso di supporti elettronici per test, modellazione e quel genere di cose. Ho chiesto a uno del mio staff di compilare un curriculum per te basato sulla ricerca che ti ho detto di aver fatto, completo della tua trascrizione, e gliel'ho inviato per e-mail questo pomeriggio. Vorrebbe parlarti del lavoro estivo e possibilmente di uno stage quando sarà il momento. Ti pagherebbe uno stipendio più alto di quello che guadagni al garage per iniziare, con aumenti man mano che ti dimostri. Mi rendo conto che è tutto molto improvviso, ma se vuoi, puoi chiamarlo domani e vederlo prima di dover tornare a scuola.

Mi sono seduto lì sbalordito. Alla fine, ho detto: “Sembra fantastico. Grazie! Ma perché lo fai per me, Joshua?

Joshua sembrava perplesso dalla mia domanda. "Perché? Perché non dovrei? Ti devo la vita di mia figlia. Mi piaci. Hai il potenziale e l'etica del lavoro per andare molto lontano in questa vita. Ovviamente sei molto analitico e orientato agli obiettivi. Inoltre, non ho fatto altro che fare qualche telefonata e chiedere a qualcuno di scrivere un curriculum fantasma, cosa che avresti potuto fare tu stesso. Devi ancora intervistare per il lavoro ed esibirti. Avevi solo bisogno di un contatto.

«Questa potrebbe essere una grande opportunità per te, Seth», disse Amanda.

«Domani è la vigilia di Natale», dissi a Joshua. Questo tizio sarà nel suo ufficio domani?"

«Dovrai chiamarlo a casa sua. Aspetta la tua chiamata alle 11:00. Domani dopo colazione ti darò qualche informazione in più su di lui e sulla sua squadra. Puoi chiamarlo dal mio studio», disse Joshua.

Ho risposto: "Non so come ripagarti".

“Figliolo, mi hai pagato in anticipo. Mi hai già pagato per intero per tutti i favori che io e mia moglie potremmo mai fare per te o per qualsiasi regalo che potresti ricevere da noi. E dovresti sapere che so che Tara è pazza di te.

"Papà!" esclamò Tara. "Perché vorresti dirlo?"

“Dai tesoro, pensi davvero che io sia così cieco? Hai portato dei ragazzi a casa prima, ma non li hai mai guardati come fai con Seth. Ricordati che ti conosco abbastanza bene. Ho contribuito a crearti e ti conosco da tutta la vita.

“Ora, Seth, voglio che tu capisca che questo contatto che ti sto dando ha ben poco a che fare con i sentimenti che tu e Tara potete o meno provare l'uno verso l'altra. Ha tutto a che fare con i sentimenti che io e mia moglie abbiamo nei tuoi confronti. Se tu e Tara decideste di continuare la vostra relazione, sarei molto felice. In caso contrario, non cambia il debito che Amanda e io abbiamo con te. Sembri il tipo di giovane che ogni genitore sarebbe orgoglioso di avere come figlio. Hai solo bisogno di una pausa. Sto cercando di dartelo.

“Ora perché voi due non andate a passare una buona serata. Mia moglie ed io siamo entrambi piuttosto stanchi e non abbiamo passato molto tempo insieme nell'ultimo giorno o giù di lì, figuriamoci dormire secondo un programma civile. Ci vediamo a colazione verso le 8 di domani mattina. Indossa qualsiasi cosa. Sarò in jeans e la mia vecchia felpa della confraternita.

Amanda rise. "Ho detto a Lawrence di buttare via quella cosa mangiata dalle tarme anni fa!"

“Sì cara, lo so che l'hai fatto. Tre tempi diversi. Ma Lawrence è mio amico, e sa quanto significhi per me quel vecchio straccio, dato che lo indossavo quando ti ho incontrato per la prima volta. Mi ha sempre chiesto se va bene sbarazzarmene, e io ho sempre detto di no. Comunque, Seth, indossa solo quello che vuoi. Jeans e una maglietta o qualsiasi altra cosa in cui ti sentiresti a tuo agio. Il nostro "codice di abbigliamento" è per gli ospiti. Mi piacerebbe se ti sentissi più come una famiglia. Penso di poter parlare per mia moglie quando dico che vorremmo che tu ci vedessi come i tuoi zii preferiti o come genitori sostitutivi.

«Assolutamente», disse Amanda. "Probabilmente hai una brava madre e un padre, e non vorremmo mai interferire con quella relazione, ma sento che tu sei il figlio che non potrei mai avere, e ovviamente hai completamente affascinato Josh!"

"Mamma per favore!" Tara ridacchiò. «Stai facendo arrossire il povero Seth. E tu dici che posso venire forte! Ora so da dove l'ho preso. Dai, Seth, andiamocene di qui prima che comincino a organizzare una nuova cerimonia di battesimo per te!»

"Ci vediamo domattina, gente", ho gridato da sopra la spalla, mentre Tara mi trascinava praticamente fuori dalla sala da pranzo.

«Lascia che ti mostri un po' di più della casa», disse Tara quando fummo fuori portata d'orecchio dalla sala da pranzo. "Penso che ti piacerà il mio piccolo 'appartamento'. Ti mostrerò anche come arrivare dalla tua stanza alla mia senza che nessuno ti veda."

Siamo andati nell'area ricreativa. Accanto alla sala del teatro, che avevo già visto, c'era una stanza con un tavolo da biliardo e un bar. Dietro il bancone c'era una porta. “Questa zona della casa è stata completamente rifatta circa dieci anni fa. Questa porta conduceva agli alloggi della servitù, prima che costruissimo le case a schiera. Ora, questa porta non viene mai utilizzata. Seguimi."

Attraversammo la porta in un corridoio evidentemente in disuso che conduceva a una piccola tromba delle scale. In cima alle scale c'era un corridoio. Tara disse: «La stanza con il tavolo da biliardo era la cucina della servitù, e queste stanze quassù erano le loro camere da letto. Quando abbiamo aggiunto la piscina coperta, abbiamo demolito i vecchi alloggi della servitù e costruito un nuovo muro che ora forma il solido muro di fondo della copertura della piscina a due piani. Poiché questo vecchio muro con le porte è strutturale, è stato più semplice lasciarlo in posizione e affrontarlo con una nuova muratura sul lato della copertura della piscina. Le uniche stanze che non furono demolite erano alle due estremità di questo corridoio. La porta all'estremità destra del corridoio immette in una stanza che ora è adibita a deposito della biancheria per le suite degli ospiti. La tua stanza è proprio dall'altra parte del corridoio. La porta all'estremità sinistra del corridoio era la stanza della mia tata, che ora è il mio ripostiglio. Ha una porta che si collega alla mia camera da letto.

“Tutto il personale lascia la casa principale entro le 22:00 e non torna prima delle 6:00. L'unico modo in cui qualcuno di loro sarebbe nella casa principale tra quelle ore è se mamma, papà o io li chiamassimo. Possiamo fare "incursioni notturne" tra le nostre camere da letto e nessuno lo saprà. Ora, lascia che ti mostri casa mia.

Aprimmo la porta ed entrammo in una stanza rivestita di scaffali e attaccapanni. Tara teneva qui i suoi bagagli, i vestiti fuori stagione e una varietà di scatole di vecchi libri e altra spazzatura. Che topo da soma! La porta di questa stanza si apriva nella sua cabina armadio. Da lì, eravamo nella sua camera da letto. In realtà era piuttosto "da ragazza", decorato con molto rosa, alcuni enormi vecchi animali imbalsamati e una raccolta di foto, nastri e trofei della sua prima adolescenza, quando saltava sui cavalli. Aveva anche un letto king size.

La stanza accanto era il suo soggiorno. C'erano un divano, un enorme centro di intrattenimento, console per videogiochi, la sua area studio con computer e scaffali per libri e un minuscolo angolo cottura con un piccolo lavandino, armadietti e un piccolo frigorifero. Accanto a quella c'era un'altra porta. "Quello è il mio bagno", disse Tara. «Posso mostrartelo un'altra volta. Probabilmente dovremmo tornare alla casa principale prima che qualcuno si chieda dove siamo andati.»

Quando siamo tornati nella stanza con il tavolo da biliardo, Tara mi ha chiesto di fare un gioco. "Ero piuttosto bravo con la stecca da biliardo al liceo", dissi. La verità era che non avevo perso una partita durante i miei anni da junior e da senior, e nelle centinaia di partite giocate al primo anno al college, ne avevo perse solo due, ma non avevo intenzione di vantarmi.

Tara ha detto: “Ne ho suonati alcuni e conosco le basi, ma vacci piano con me. Mi ha lasciato rompere, e ho affondato tre palle di fila, e poi ho sbagliato un tiro combinato in banca. Quando Tara ha preso il suo turno, ha gestito il tavolo in pochissimo tempo. “Scusa, Seth,” rise. “Immagino che avere un tavolo in casa e un padre con la passione per il biliardo abbia aiutato il mio gioco. Giochiamo ancora."

Questa volta ho rispolverato il mio "A-game" e ho fatto dei buoni tiri, giocando in modo aggressivo e preparando una buona difesa. Vorrei poter dire che guardare Tara chinarsi sul tavolo con quel vestito mi ha distratto, ma la verità è che ha giocato un po' meglio di me, e alla fine ha vinto. Invece della tradizionale stretta di mano dopo la partita, tuttavia, Tara mi ha dato un bacio lungo e appassionato. Poi disse: “Dovremmo andare a letto. Andiamo a vedere se i miei sono ancora svegli così possiamo darci la buonanotte.»

Ci siamo diretti verso l'ala dei suoi genitori. Joshua era nel suo studio al telefono, indossava una vestaglia e pantofole. When he saw us at the door, he put the call on hold and came over to us.

“Your daughter is a pool shark, Joshua,” I said, smiling.

“Oh, she pulled her ‘I know some of the basics’ routine on you, did she? I guess I should have warned you. I’m a pretty good pool player myself, but she can beat me about half the time. Maybe you and I can shoot a couple of games tomorrow, son.”

“I’d like that, Joshua. We just came to say goodnight. I’m still a little tired from last night, so I’m going to bed. Is Amanda still up?”

“She’s in the room across the hall watching some stupid sit-com. I was actually glad for this phone call, since it gave me an excuse to get away from it. But I’d better get back to the call. Goodnight, you two.” He kissed Tara on the forehead and shook my hand warmly.

We went into the TV room and said goodnight to Tara’s Mom. Again, she hugged me and kissed my cheek. While we were still in the room, Tara made a point to ask me if I could find my way to my room, and I said I could. We walked out of the room together. When we got to the stairway that led to the guest rooms, Tara pulled me close for a goodnight kiss. It was friendly, but not hot. In other words, it was for the benefit of her folks and any staff who might see or hear. While we embraced, she whispered, “Come to my room about 10:15. Just walk in. I’ll be waiting.” She walked away toward her stairwell, and I went up mine.

When I got to my room, I changed into pajamas and hung up my suit and tie. I tried playing solitaire to pass the time until it was safe to go to Tara’s, but I couldn’t get her out of my head. I was still a little shaken by the events that had brought us together, and the memory of our love-making next to the pool this afternoon had me wondering what pleasure lay ahead of me at the other end of that dark hallway. The minutes dragged by, but finally I crept out of my room and made my way to hers.

I came out of her closet into her bedroom, but she wasn’t there. I went into her living room, but she wasn’t there either. Then I saw that her bathroom door was partially open. I walked to the door, but didn’t look in. “Tara?” I whispered.

“Come in, Seth,” she said.

There she was, in her tub, surrounded by a mound of bubbles. Her long blond hair was pinned up in a loose bun on top of her head. “Care to join me?” she said.

It sounded pretty good to me, so I stripped off my pj’s and climbed into the tub facing her. She bent her knees to give me room and leaned forward to kiss me. “Are you really as tired as you told Daddy you are?”

“Why?” Ho chiesto. “Do you plan to keep me up for awhile?”

“From what I just saw, you already are up,” Tara said, giving me a sultry grin, “and I plan to keep you that way as long as possible this evening. Afternoon sex is great, but it just makes me hornier in the evening.”

“I know what you mean,” I said, wiping the bubbles away so that I could look at her beautiful breasts. I took a wash-mitt and, working mostly by feel, began to slowly wash the entire front of her body. Lei ha fatto lo stesso per me. By the time she was done, I was sure that my cock and balls had never been cleaner.

Tara said, “Turn around so I can wash your back.” I happily complied, and then returned the favor, washing her long, slender back and her tight, sexy ass. Then we got out of the tub and dried each other thoroughly.

“Come to bed, baby,” Tara whispered, turning and walking out of the bathroom. She turned down the covers, revealing a set of burgundy silk sheets. She climbed up on the bed, her firm C-cup breasts swaying only slightly, and with her succulent ass turned toward me, picked up the alarm clock on her nightstand. “I’m setting the alarm for 5:30am. That should give you plenty of time to get back to your room before anyone is moving around the house. Now get over here and screw me silly. Do you have any idea how tough it’s been on me keeping my hands and mouth off of you this afternoon and evening? God, I’ve been going crazy ever since we got dressed this afternoon!”

I got into bed with her and kissed her. Bathing with her had made me so hot for her that I could have just fucked her like an animal, but I forced myself to control my impulses. I lay next to her and held her close, kissing her, caressing her, fondling her breasts, flat belly, and buttocks. I had been with some good-looking girls in my time, but Tara was almost painfully beautiful. I just wanted to worship this blond goddess with my lips, tongue, and fingers.

Again, Tara was the aggressor. After I had cuddled, caressed, and kissed her all over for awhile, she suddenly pushed me over onto my back. She said, “Remember this afternoon when I said I didn’t want your first time cumming with me to be in my mouth?”

“Yes,” I said breathlessly.

“Well,” she whispered with a huge grin on her face, “this won’t be your first time cumming with me.” With that, she started kissing her way slowly down my body. She licked and sucked my nipples, gave little love bites to my abs, and then took hold of my pulsing hard-on with her delicate fingers. Agonizingly slowly, she moved her face closer and closer to my manhood, licking her lips sensuously. When her mouth was about an inch from my mushroom, she looked at me, gazing deep into my eyes. She smiled and said, “I hope you enjoy this as much as I think I will.” Her pink tongue slowly extended from her lips and flicked at the drop of pre-cum on my cock. “Mmmmmm!” was all she said. Her tongue bathed my hot member, first moistening the tip, then working up and down my shaft, making everything glisten with her saliva. Then she went to work on me, slowly engulfing me in her talented mouth. She went slowly, then quickly, then slowly again, giving me the most amazing blowjob I had ever had. She worked me into her throat, swallowing for a moment or two, and then released me so she could suck a testicle into her mouth. Every few seconds, she changed her technique and rhythm, so I never knew what would happen next. The sensations were unbelievable. I would have been happy to have her continue this until daybreak, but soon I realized that I was going to explode.

“Tara, baby, I’m going to cum!”

Pausing for just a second, she smiled at me and said, “I know. Let go, honey, let go.”

Gently, she massaged my balls with one hand, stroked the base of my shaft with the other, and held me tight with her lips, stroking the underside of my shaft with her tongue, and swallowing. Through spurt after spurt of my exploding cock, she swallowed every droplet, making contented moaning sounds. When I finally stopped shooting, she stroked my shaft and sucked hard, as though she wanted to be sure she had coaxed every bit of my cum from me. Then, she released me, licked her lips, swallowed one last time, and said quietly, “I loved that.”

She moved up and lay down next to me. “After the way you made me feel when you made love to me this afternoon, Seth, I had to start our first night together that way. I hope you liked it.”

“Liked it? Are you crazy? That was the most amazing thing I have ever felt! No one has ever made me cum that hard. But now it’s your turn to cum.”

Hearing this, Tara rolled partway onto me and began to kiss me passionately. I went to work on her one breast, caressing it, feeling its fullness, fondling the nipple until it was erect. I pulled her over me and, grabbing her hips, positioned her so she was straddling my chest. With one hand, I teased her other nipple to hardness, while playing with her pussy with the other hand. I lifted her by her ass and drew her toward me until her baby-smooth crotch was poised over my mouth. Looking up at her, I smiled as I lowered her glistening lips to mine. She tasted better than any girl I had ever been with – an intoxicating blend of musk and sweetness that made me crazy with passion. Mimicking the way she had orally pleasured me, I threw everything I had at her, licking her outer and inner labia hard, then gently, curling my tongue to enter her, fingering, licking, kissing, and sucking everything, sometimes fast, sometimes slow, sometimes forcefully, sometimes gently, until she was drowning me in nectar. She was writhing and moaning, panting like a marathon runner at the end of the race. Even when she started grunting, “Enough, enough, I can’t take any more,” I kept going. After her third orgasm, she finally pushed herself away from my mouth.

“Good God, Seth, I’m going to pass out! You have to let me rest!” she cried. She dragged herself down until she was sitting on my thighs, safely out of my reach. “Shit, Seth, my clit is almost sore! Were you trying to kill me?” she laughed.

“Not at all, baby,” I replied. “I just wanted you to feel sensations as intense as the ones you gave me. That’s how well you pleasured me. I was just following your family’s example and re-paying my debt.”

“Paid in full, with interest,” she sighed, as she stretched her body out on mine. We kissed and held each other for a while, tasting our juices on each other’s face and tongue. Finally, Tara raised herself up on her hands and looked at me, a devilish smirk on her face. “I think I’ve recovered enough to go forward with the night’s activities,” she said. She reached behind her and found my rock-hard erection. “It seems like you’re ready too.”

She pushed herself up onto her knees and worked herself down my body until she could point my cock at the entrance to her womanhood. “Lie back and let me do all the work,” she said, as she rubbed my mushroom against her, lubricating it with her juices. Slowly, she settled herself down. We both watched, fascinated, as I disappeared into her. When she had taken all of me, she relaxed. Almost in unison, we both said, “Oh my God, that’s good.” Stupid as it may sound, we both started to giggle, then laugh. The sillier we got, the more we moved. Finally, she said, “I never thought I would lose it laughing while fucking a guy!”

I said, “It’s a first for me too, but the movement feels pretty damn good.”

Tara took a deep breath, trying to get herself under control, and then said, “You’ve got that right. But let’s see how much better we can make it feel.”

She started to move up and down on me, slowly at first, almost pulling off me at the top of the stroke, and then grinding herself against me at the bottom. She started varying her movements, left and right, forward and back, sometimes rotating her pelvis as she fucked herself with me. Gradually, her pace increased. When she leaned back, I played with her clit or rolled her nipples with my fingers. When she leaned forward, I would lick and suck on her beautiful tits or kiss her lovely face. I was in heaven, and she seemed to be there, too. Everything about her was incredible. Her skin was exquisite, her long blond hair shone in the dim light of the room, her gorgeous tits with their tiny, hard nipples were perfect, the sight of her tight body sliding up and down on my manhood was wonderful to see, and the pulsing, wave-form sensations of her pussy muscles tightening and relaxing on my penis were awesome. Slowly, we found our way to a glorious shared orgasm.

Tara slowly moved herself off my softening cock and lay next to me. We kissed and cuddled, completely spent but very much satisfied. As I felt myself drifting off to sleep, I heard Tara whisper, “I love you, Seth.”

I awoke around 5am. I looked at Tara, still sleeping peacefully next to me. Although she was obviously still asleep, her relaxed face still bore a slight smile. I spent a minute just studying her facial features. Then, being careful not to disturb her, I carefully pulled the covers off her so I could gaze at her incredible body. The longer I looked at her, the more I wanted her. Moving carefully, I positioned myself at the foot of the bed, and gently spread her legs apart. Using the most delicate movements I could, I began to lick and kiss her sex. Gradually, she began to respond. Her clit began to wake up, and moisture other than my saliva started to appear. I could hear gentle sighs, then quiet moans, and then her sleepy voice whispering, “Darling, what are you doing?”

“I don’t like the sound of an alarm clock, so I thought I would lick you awake,” I said.

“Oh my God, you’re amazing! Make love to me, Seth. I want you inside me,” Tara breathed.

I re-positioned myself so I could begin to feed my erection into her wet, willing pussy. We made gentle love in the dim light of the pre-dawn.She said nothing, but her beautiful smile didn’t fade as I got dressed and made my way back to my room. When we were done, I kissed her. “I heard what you said when we were going to sleep, honey. I love you too.”

She said nothing, but her beautiful smile didn’t fade as I got dressed and made my way back to my room.

Storie simili

Marta - capitolo 1

Martha stava dormendo profondamente sul pavimento della sua camera da letto quando Zeus, il cane del suo vicino, le morse una spalla. Martha sussultò per il dolore, poi tubò il cane finché non lo lasciò andare. Poi si è posizionata e ha rivestito il cazzo del cane con la sua fica, poi l'ha aiutata a scoparla. Zeus ha scopato Martha fino a quando non è entrato nella sua vecchia fica, si è meravigliato. Zeus l'aveva morsa un paio di volte, ma poiché Martha era solo una puttana della spazzatura, non aveva scelta su come veniva usata. Andò al frigorifero, tirò fuori...

1.2K I più visti

Likes 0

Così com'è - Parte 2

Stuie, si è frettolosamente pulito e ha chiuso la cerniera per essere di nuovo presentabile. Poi pensò tra sé e sé: Che fretta c'è? Questo è stato imbarazzante, ma sicuramente Julie era abbastanza grande da capire le circostanze e come erano i ragazzi e tutto il resto. Forse è scappata in quel modo per l'imbarazzo. Ha vissuto un momento di panico e ha pensato di sicuro non ha intenzione di dire alla mamma quello che è successo. No, aveva bisogno di prendersi un po' di tempo per pensare a cosa le avrebbe detto per alleviare l'imbarazzo prima di vederla di nuovo...

1.2K I più visti

Likes 0

Ahh... Lochy Parte 5

NOTA: Ehi lettori, alla maggior parte di voi non è piaciuta la parte 3, quindi per questo lascerò cadere la roba di pietra. Cazzo sa cosa stavo pensando... forse non stavo pensando affatto. Ahh... Lochy Parte 4 Cambio di direzione Gyaaahhhhh... gemetti Mi sono svegliato nelle prime ore del mattino, la testa che mi girava per il dolore e la confusione. Non sapevo dov'ero... Chi è il letto in cui mi trovo?, Chi è la stanza? Trovare il mio telefono sarebbe stata la prima priorità una volta che avessi avuto abbastanza forza per muovermi. Cercando di rilassarmi un po', ho cominciato...

1.3K I più visti

Likes 0

Commercio equo e solidale

Fa un lavoro stressante. Le scadenze sono strette e lui è costantemente sotto controllo. La paga è buona, ma a volte si chiede se ne vale la pena. Se non fosse stato per la sua moto, è una buona possibilità che avrebbe perso la sanità mentale molto tempo fa. Diversi anni fa, si è comprato una motocicletta usata. È una moto sportiva, o un razzo inguinale, anche se quel secondo mandato lo ha sempre infastidito per qualche motivo. Gestisce le curve come nient'altro, è stupido veloce e con lo scarico personalizzato che ha indossato emette un suono incredibile. Ha speso un...

1K I più visti

Likes 0

Non era giusto, il che lo rendeva così CALDO

Questa è una storia vera. Molti di coloro che hanno letto alcune delle mie altre storie (alcune finzioni, altre vere) possono ricollegare questo incidente al punto in cui è iniziato, quando mi sono separato e poi divorziato da mia moglie. Sono divorziato dalla mia ex da un paio d'anni e vado a casa sua per visitare nostro figlio. Una figlia adolescente della sua amica (questa è l'amica con cui voleva che facessi un rapporto a tre in passato) non poteva andare d'accordo con sua madre, quindi sta con la mia ex e guarda nostro figlio mentre l'ex lavora, gioca, qualunque cosa...

574 I più visti

Likes 0

Sam & Alicia 9

Ho scritto questo supponendo che tu abbia già letto Sam & Alicia da 1 a 8. Quando mi sono svegliato la mattina dopo, Katrina era appoggiata su un gomito e mi guardava. Sembrava felice. “Buongiorno dormiglione. Avete dormito bene? “Sì, ho dormito come un sasso. Sembri felice. Vuoi un'altra scopata? “Sì, mi sento molto felice. Dovrei essere scioccato da tutte le cose che ho imparato su di te ieri sera, ma non lo sono. Invece mi sento orgoglioso che tu mi abbia incluso in tutto il tuo sesso. I miei genitori sarebbero inorriditi se lo sapessero, ma sono solo entusiasta di...

597 I più visti

Likes 0

Una nuova esperienza

Anita era così eccitata domenica mentre doveva partecipare alla festa di compleanno della sua migliore amica a casa sua. Erano le 16:30 quando era uscita di casa, tutta vestita e orgogliosa del suo aspetto. Ooooooooo! le persone rimarranno davvero sbalordite quando la vedranno con questo nuovo vestito rosso. Saranno davvero gelosi di lei oggi. pensando questi pensieri a se stessa. Finalmente era arrivata a destinazione. era la sua prima volta a casa del suo amico poiché conosceva solo il Block e non c'era mai stata prima. Ha iniziato a localizzare l'appartamento. Mentre lo faceva, suonava in un appartamento nel caso in...

496 I più visti

Likes 0

Il regalo di compleanno - Appena maggiorenne_(0)

Era il suo diciottesimo compleanno e tremava per l'eccitazione mentre si avvicinava al bar. L'uomo che stava incontrando le aveva detto di vestirsi il più da troia possibile, quindi indossava un top di pizzo senza reggiseno, le sue piccole tette vivace con i capezzoli rosa stretti completamente scoperti e una minigonna che le copriva a malapena il culo. Questa non sarebbe stata la sua prima volta in alcun modo, ma sarebbe stata la sua prima volta con un adulto e lei aveva parlato con lui online per settimane ma lui si rifiutava di scoparla finché non fosse diventata legale. Mentre si...

463 I più visti

Likes 0

Harry Potter e il libro degli incantesimi dei desideri - Capitolo 31 - Pozioni correttive

Harry Potter e il libro degli incantesimi dei desideri Capitolo trentuno – Pozioni correttive Dichiarazione di non responsabilità: questa storia non riflette gli atteggiamenti o i personaggi della serie di Harry Potter, né ha alcuna affiliazione con il suo autore. Codici della storia: Mf, x-mast, ncon, reluc, cream pie, magic, unif, voy La Scuola di Magia e Stregoneria di Hogwarts era diventata un terreno fertile per sesso, scandali e gravidanze adolescenziali con il passare del mese di aprile. Harry, Ron e Hermione erano al centro della controversia, e anche se gli studenti del quarto anno sapevano che il loro comportamento era...

473 I più visti

Likes 0

Peccati notturni pt. 5

Parte 5 Nota dell'autore: Questo è dal punto di vista del Padre il giorno della Parte 4. Non c'è molto sesso qui, ho pensato che sarebbe stato troppo forzato, ma fa progredire la storia. Godere! e ricorda di votare e lasciare un commento su ciò che vorresti vedere. Mi ero svegliato troppo presto stamattina, erano le 5 del mattino e Lori non doveva alzarsi fino alle 7, quindi ho pensato di scansionare i file video notturni della stanza di Loris. Ho iniziato poco prima che Lori andasse nella sua stanza. Ho notato che quella notte era al desktop e potrebbe dover...

392 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.