Fatina dei denti_(2)

597Report
Fatina dei denti_(2)

"Sei sicuro che verrà?" chiede Corey con una leggera balbuzie, a causa della mancanza del suo dente anteriore.

"Positivo", le assicura suo fratello maggiore, Simon. Ha appena trascorso gli ultimi trenta minuti cercando di convincere la sorella minore a mettere il dente perduto di recente sotto il cuscino prima di andare a letto.

"Carol dice però che non esiste la fatina dei denti", sostiene Corey. "Dice che la mamma mi mette i soldi sotto il cuscino mentre dormo."

“Ma la mamma non è qui stasera”, le ricorda Simon. "Se lasci il dente sotto il cuscino e non c'è più al mattino, non può essere stata la mamma."

"Immagino che abbia senso." Non si convince facilmente. Corey, o Corinthia, è una giovane ragazza con lunghi capelli castani impossibili da tenere lisci. Simon è suo fratello maggiore, che si prenderà cura di lei stasera.

Quella mattina Corey aveva annunciato a colazione che il suo ultimo dente da latte era finalmente caduto, scatenando immediatamente le normali chiacchiere di fatine dei denti e soldi. Simon l'aveva presa in giro al punto da convincerla a farla finita da sola addentando un piatto di ceramica. Sapendo che non sarebbe stata a casa quella notte, la madre lasciò a Simon il compito di agire come fatina dei denti, in parte come punizione per aver eccitato Corey in primo luogo.

"Sei pronto per andare a letto adesso?" chiede Simon con voce condiscendente mentre Corey mette il dente sotto uno dei suoi due cuscini.

"Non sono stanca", piagnucola.

"Peccato. Devi dormire altrimenti la fatina dei denti non verrà. Ti sei lavato i denti?" Lui le afferra il mento e le pizzica le guance così da poterle guardare dentro la bocca.

"Fava troppo male." Striscia i piedi con le mani dietro la schiena con aria colpevole.

"Immagino che non abbia importanza saltarlo per una notte", sospira. "Hai bisogno di una luce notturna?"

"No", risponde con orgoglio.

"Un bicchiere d'acqua? Per usare il bagno?» suggerisce qualsiasi cosa gli venga in mente. Vuole che lei si addormenti il ​​più presto possibile, così non dovrà restare alzato fino a tardi anche lui.

"No e no", risponde con sicurezza.

"Va bene allora, è ora di andare a letto." La prende facilmente tra le braccia e la adagia sul suo grande letto.

"Buonanotte, Simon", sbadiglia chiudendo gli occhi. Nonostante la sua precedente dichiarazione, sembra pronta ad addormentarsi così com'è.

"Lascerò la porta socchiusa", la informa mentre lascia la stanza.

"Perché?" è confusa.

"Così la fatina dei denti può entrare e uscire", risponde. In realtà vuole poterla sentire quando finalmente si addormenta, oltre ad evitare di girare la maniglia più tardi rischiando di svegliarla. Fortunatamente è giovane e per nulla saggia.

-------------------------------------------------- -------------------------------------------------- -------------------------------------------------- -------

Simon trascorre le due ore successive giocando ai videogiochi sulla televisione del soggiorno con le luci spente e l'audio disattivato. È così assorto che non si ferma nemmeno a controllarla finché non si rende conto di quanto sia tardi. Ritorna velocemente in punta di piedi nella sua stanza e la trova respirare profondamente attraverso il naso. Sicuramente sta dormendo.

Giusto per essere sicuro, sussurra il suo nome nella stanza un paio di volte prima di aprire la porta e insinuarsi dentro. Borbotta in risposta, ma per il resto rimane morta al mondo. La sua testa è leggera, il che gli rende facile far scivolare la mano sotto il cuscino. Presto nota che anche la sua mano sinistra è passata sotto di essa. Stringe forte il dente, rifiutandosi di lasciarlo andare.

"Andiamo, Corey," geme mentre cerca di staccarle delicatamente le dita.

"Questo ti fa il solletico, Simon", ridacchia nel sonno.

"Perché sei così fastidioso?" sussurra.

"Sei cattivo", inizia a piagnucolare.

"Okay, mi dispiace," la zittisce. "Per favore, apri la mano", le sussurra all'orecchio.

"NO." All'improvviso sorride. "Non puoi averlo, Simon."

Non è sicuro se sia mezza sveglia, completamente sveglia o semplicemente stia sognando, ma gli sta dando sui nervi. "Consegnamelo o ti faccio il solletico", la minaccia.

"Non soffro il solletico", borbotta.

"Che cosa? Sì, lo sei", continua a discutere con la ragazza addormentata. "Non puoi sopportare quando ti tocco qui." Le colpisce il collo, facendola rabbrividire. Lei però non si lascia andare. "E qui?" Lui sposta la mano sull'ascella e riprova. Questa volta la sua mano sinistra si sposta, cercando di allontanare le dita di lui, ma in qualche modo riesce a mantenere la presa sul dente. "Dio, sei un tale monello."

"Lo dico alla mamma", geme.

"Questa è la mia battuta", le sibila mentre fa scorrere le mani su diverse parti del suo corpo, cercando di suscitare una risposta. Lei non reagisce finché lui non le sfiora accidentalmente uno dei capezzoli sotto la camicia da notte.

"Non farlo, Simon", piagnucola.

"È questo il tuo punto debole?" Un sorriso malizioso si allarga sul suo volto. I suoi capezzoli sembrano essersi induriti e ora stanno praticamente spuntando attraverso la camicia da notte. "Cosa ne pensi di questo?" Le pizzica quello sinistro, facendola strillare. Lei però stringe solo più forte il pugno.

Nei minuti successivi lui alterna i suoi piccoli capezzoli duri, facendola gemere e respirare profondamente ma nient'altro. Alla fine semplicemente si arrende e la guarda accigliato. "Simon, ho caldo", sussurra all'improvviso. "Le mie gambe."

"Mocciosa viziata," mormora mentre le toglie le coperte dalle gambe, solo per scoprire che la camicia da notte le si solleva sui fianchi. Lì, in bella vista, ci sono le sue mutandine di cotone rosa, che delineano il piccolo triangolo che è il suo inguine.

"Così va meglio", sospira allargando le gambe. Simon volta la testa per un attimo ma si ferma quando nota una macchia scura. La sua curiosità ha la meglio su di lui e lui lo tocca davvero.

"Sei bagnata, piccola troia?" ansima.

"Cos'è una troia?" geme.

"È quello che sei", risponde mentre le infila l'indice nel cavallo, spingendole dentro il tessuto delle mutandine.

"Non farlo", inspira profondamente.

"Perché? Evidentemente ti piace." Continua finché non raggiunge il suo imene.

"Sembra strano." Lei sussulta.

Simon ancora non riesce a capire se è sveglia o no. "Lasciamelo fare per un po'", la esorta. In qualche modo questo la fa rilassare, permettendogli di infilare ulteriormente il dito dentro di lei finché non sente la piccola barriera di pelle spezzarsi.

"No", ansima mentre le lacrime iniziano a rigarle il viso. Lei si mette in posizione eretta, seppellendo il viso nel suo petto. Lui le massaggia affettuosamente la nuca con una mano mentre continua a palpeggiarla con l'altra. Adesso gli sta mordendo la camicia, cercando di trattenere un grido.

"Sei così tenera", le sussurra all'orecchio mentre gioca con i suoi capelli. Lei semplicemente annuisce, non sapendo come rispondere. Evidentemente è sveglia adesso. "Vuoi che mi fermi?" chiede con cautela.

"Tipo." Lei annuisce di nuovo senza lasciare che il viso si stacchi dal suo petto.

"Ma non del tutto?" lui curiosa. Lei scuote leggermente la testa. "Bene, allora continuiamo." Lui infila il dito più in profondità, allungando le mutandine al limite.

"Ahi." Gli morde di nuovo la camicia. "Fa male."

"Dovrebbe essere così", le assicura mentre le tira i capelli finché lei non alza la testa per affrontarlo. Poi le pianta prontamente un bacio sulle labbra, lasciando che la sua lingua si tuffi nella sua bocca ed esplori lo spazio tra i suoi denti.

"Perché mi stai baciando?" chiede quando lui si tira indietro.

"Perché sei carino", risponde.

Non può fare a meno di sorridere leggermente. "Lo sono?"

“Più carino del normale.” Lui annuisce. Chiude gli occhi e si sporge verso di lui, invitandolo a baciarla di nuovo, cosa che fa. Dopo un momento si rende conto che sta trascurando il suo dito dentro di lei. Lo tira fuori completamente, insieme alle mutandine, suscitando un cigolio. Non si ferma finché la biancheria intima di cotone rosa non le arriva fino alle caviglie.

"Fa freddo", ansima mentre la sua scintillante fica bagnata incontra l'aria.

"Non preoccuparti." Lui le infila due dita dentro quasi immediatamente, lasciandola senza fiato e facendola ansimare.

"È troppo pieno", grugnisce.

"Non è abbastanza pieno", non è d'accordo mentre curva le dita finché non spingono l'interno delle sue pareti nel suo stesso osso pubico.

La sua testa scatta all'indietro mentre le sfiorano il punto G.

"Cosa fai?" sussulta. Lui non risponde mentre continua a strofinarsi contro la carne spugnosa fino a farle respirare affannosamente. Sussulta ogni pochi secondi e suda copiosamente. "Sto per urlare", lo avverte mentre afferra il lenzuolo sotto di sé. Lui le copre la bocca con la sua per soffocare il suono mentre la tira su con forza, affondando le dita nel suo punto G.

I suoi occhi roteano all'indietro mentre sussulta. Un liquido trasparente schizza fuori intorno alle sue dita mentre la fica di lei le stringe. Lei ha le convulsioni e strilla nella sua bocca. Le sue dita dei piedi sono arricciate e le sue nocche sono bianche.

Quando finalmente rimuove la bocca dalla sua, lei ansima immediatamente per respirare. "Cosa mi hai fatto?" chiede.

"Ancora niente." Si alza correttamente e procede a sbottonarsi i jeans e ad abbassare la cerniera.

"Cosa mi farai?" modifica la sua domanda.

"Ti scoperò fino a farli impazzire," risponde onestamente mentre il suo cazzo esce dai pantaloni. È già completamente gonfio per lo spettacolo del suo primo orgasmo.

"Vuoi scoparmi?" ripete con voce incerta. "Farà male?"

"Potrebbe." Lo ammette.

"Ma lo farai comunque", si rende conto.

Lui non risponde ma si sposta invece sul letto, spingendo le gambe di lei verso il busto per farsi spazio per inginocchiarsi sotto di lei. Il suo cazzo duro è già pericolosamente vicino alla sua fica ancora gocciolante. Può praticamente sentirne il calore mentre sfiora le sue labbra scintillanti. Il suo respiro sta diventando affannoso per l'attesa.

"Fallo e basta", si arrende. "Fatela finita."

"Oh no." Scuote la testa. “Voglio godermi questo. Voglio che tu ti diverta." Lui spinge la punta del suo cazzo nella sua fica. È così bagnato che non c'è assolutamente alcuna resistenza. Sussulta quando sfiora il suo punto G mentre entra, ma si calma quando la punta lo supera.

"Mi sento così piena", geme quando finalmente si ferma. La sua fica viene effettivamente allargata attorno a lui e il suo cazzo quasi le tocca la cervice. Potrebbe essere giovane ma lei è più giovane e molto più piccola. Quando lui avanza, la punta allarga l'apertura fino al grembo, ma non può effettivamente scivolare all'interno. "Posso sentirlo." Lei si afferra lo stomaco e pizzica i rotoli di carne, facendo sembrare che il suo cazzo stia effettivamente sporgendo da lei, anche se questo è completamente impossibile.

"Cosa volete che faccia?" chiede mentre fa diversi respiri profondi, assicurandosi di non perdere il controllo e di non iniziare già a venire.

Lei lo fissa a lungo con gli occhi spalancati prima di rispondere. "Voglio che tu mi scopi senza senso", usa le sue stesse parole. “Voglio che tu scopi tua sorella troia finché non urla. Fammi fare pipì di nuovo così.

"Come si desidera." Lui si spinge dentro di lei senza preavviso, quasi spingendola attraverso la sua piccola cervice, facendola strillare di dolore. Lui si tira indietro completamente e le lascia riprendere fiato prima di riportare il suo cazzo nella sua fica stretta e bagnata, grattandole di nuovo il punto G all'inizio.

"OH." Si copre parte del viso con le mani e inizia a infilarsi le dita in bocca. "Vorrei che rimanesse in quel posto."

"Qui?" le chiede mentre le infila la punta del cazzo nel punto G, togliendole di nuovo il fiato. Dura solo un momento però mentre scivola rapidamente oltre, colpendo la sua cervice e facendola urlare tra le mani. "Fa male?" è curioso. Lei annuisce mentre le lacrime le rigano il viso. "Vuoi che mi fermi?"

Scuote la testa mentre toglie le dita dalla bocca per poter parlare. “Fammi più male. Quando colpisci quel punto ti senti così bene che toglie il dolore. Più fa male, meglio ci si sente quando si ferma. Spingilo più in profondità", implora. “Fammi urlare e piangere. Voglio che tu mi faccia così male che non lo sopporto."

Simon non ha bisogno di dirselo due volte. La afferra per la vita e la solleva in grembo mentre si sdraia sulla schiena. Poi la solleva da sé, assicurandosi che la punta del suo cazzo prema nel suo punto G prima di spingerla sui fianchi, facendo scivolare il suo cazzo dal tessuto spugnoso e scivolare fino al suo piccolo grembo.

Il contrasto tra la bella sensazione e l'improvviso inizio del dolore è troppo per lei. Lei sta urlando a squarciagola mentre altro fluido chiaro fuoriesce dalla base del suo cazzo. Senza pensare, lui si infila la mano sotto la sua maglietta, afferrandole e torcendole i capezzoli, cercando di causarle più dolore o semplicemente di distrarla.

Lei risponde tirando indietro la testa, il bianco dei suoi occhi è di nuovo visibile mentre ha le convulsioni. La sua fica ha spasmi, afferrando il suo cazzo e premendo il punto G contro di esso, sostituendo il dolore. Anche il suo grembo trema attorno alla punta, causandole ogni volta più dolore. Il suo corpo è in un tiro alla fune, cercando di decidere cosa dire al suo cervello.

Il dolore sembra però avere la meglio poiché Corey ha fatto ricorso a mordersi la lingua solo per farle più male. "Più profondamente," implora mentre si alza dal letto con i piedi e si lascia cadere di nuovo sul suo cazzo. La testa però è incastrata oltre la cervice e tutto ciò che fa è scoparsi dolorosamente il grembo. "Più forte." Lei spinge sulle sue mani, cercando di fargli torcere ancora di più i capezzoli. I suoi occhi tremano e sta per svenire ma continua a strofinare il suo grembo sul suo cazzo, nel disperato tentativo di fargli male ancora un po' di più.

All'improvviso ricomincia a urlare mentre qualcosa di caldo le riempie il grembo. Simon ha perso il controllo di se stesso e ora sta riempiendo la sua sorellina con il suo sperma. Non è molto ma le sembra comunque tanto e, ovviamente, ogni spasmo del suo cazzo le fa male alla cervice. Sta quasi canticchiando tra sé. Lei è già svenuta quando lui si ferma.

Invece di tirarsi fuori, lui resta semplicemente immobile, aspettando che il suo cazzo si sgonfi dentro di lei. Per qualche ragione però non è così. È troppo sensibile per continuare a scoparla ma il sangue continua a gonfiarsi. La vista di lei crollata sopra di lui è ancora emozionante. Vuole scoparla tutta la notte ma sa che dovrà aspettare che si svegli di nuovo. Forse può convincerla a provare alcune posizioni diverse o anche orale. Rispetto a tutto quello che credeva di sapere due ore prima, quando era andata a letto, adesso tutto è possibile.

Storie simili

Leila ottiene il suo primo desiderio di compleanno

Si chiamava Jess. Era la tipica ragazza media di 16 anni. Bellissimi capelli castani lunghi fino alla vita, occhi azzurri penetranti e un'abbronzatura dorata. Le sue tette molto più di una manciata e il culo altrettanto bello. Non mi sono mai considerata lesbica, ma spesso la fissavo e mi chiedevo che aspetto avesse il suo bellissimo corpo nudo. Che sapore avrebbe avuto, che sensazione aveva la sua pelle liscia contro la mia. Io stessa ero una ragazza geek di 15 anni, la bocca piena di metallo, occhiali nerd dalla montatura spessa. Petto piatto, corpo minuto, capelli biondo sporco. Ma il mio...

617 I più visti

Likes 0

Raccolta fondi per l'ospedale

Slavia ha 31 anni, non si è mai sposata, è una bellissima donna russa sexy. Lei è a una raccolta fondi in ospedale, tutti i grandi donatori della fondazione dell'ospedale sono lì, facendo a gara per impressionarsi a vicenda con il pavoneggiarsi del piumaggio e con grandi donazioni nel corso della serata. Lo Slavia si sentiva a disagio nel trovarsi al suo interno con il mondo ampolloso dei filantropi danarosi. Aveva tentato di uscire, ma era stata intercettata nell'atrio da una grossa e anziana dama di buona società a cui non piaceva altro che ricordare di ora in ora le storie...

466 I più visti

Likes 0

La mia presentazione_(0)

Ciao, ora ho 54 anni e vorrei raccontarti la mia storia di vita. Quando avevo sette anni, fui messo in un orfanotrofio dal tribunale. Non che io abbia fatto qualcosa di sbagliato, è dove i miei genitori che hanno perso la custodia su di me e due fratelli. Quella volta non lo sapevo, ecco perché desideravo tornare a casa. Quindi sono scappato abbastanza regolarmente. Fu diversi anni dopo che seppi la verità. Comunque, a causa della mia abitudine di scappare a volte, sono stato in diversi orfanotrofi. Là dove buoni e cattivi da loro. Già abbastanza giovane (8 o 9 anni)...

842 I più visti

Likes 0

Stordimento commemorativo, seconda parte

In circostanze diverse, avere Joe tra le mie gambe sarebbe stato un paradiso. Ma con Keith e Rob che si tenevano un braccio e una gamba ciascuno e il puzzo di birra ed erba nell'aria che veniva fuori da loro, era come un incubo diventato realtà. Cerco di allontanarmi dalle labbra di Joe mentre si muove per baciarmi la figa, solo che lui mi afferra per la vita e mi tira sulle sue labbra. Quando le sue labbra toccano le mie labbra esterne, tremo per il suo respiro caldo che tocca la mia pelle fredda. La sua lingua segue le mie...

516 I più visti

Likes 0

Harry Potter Adventures: Capitolo 4 - Parte 2 di 3 - La ricompensa di Ron

Questa storia non riflette gli atteggiamenti oi personaggi della serie di Harry Potter, né ha alcuna affiliazione con l'autore. Capitolo 4 – parte 2 Harry, Ginny, Katie e Demelza sono entrati tutti nella sala comune di Grifondoro per trovare le celebrazioni della festa in pieno svolgimento. La stanza era buia tranne che per le luci brillanti che emanavano dalle punte delle bacchette delle persone, mentre le agitavano come bastoncini luminosi. La musica suonava ad alto volume dallo stereo e qualcuno era andato nelle cucine e aveva portato da bere alla festa. Eccitate ragazze del 4° anno ballavano sui tavoli mentre erano...

1.7K I più visti

Likes 0

Vengono indietro

Debbie era seduta a un tavolo sorseggiando un drink all'Halfway House Bar quando ha sentito Cripes Deb, è passato molto tempo. Il proprietario della voce si lasciò cadere sul sedile accanto a lei. Era qualcuno che Debbie non vedeva o non sentiva da molto tempo, né voleva. Si chiamava Mick ed era un amico di suo figlio. Da piccola Debbie era stata praticamente una ninfomane. Se avevi droga e un cazzo, avevi Debbie. Ciò aveva portato Debbie ad avere un figlio e ad abbandonare la scuola. Aveva conosciuto suo marito subito dopo la nascita di suo figlio. Dopo essersi ripresa dalla...

1.5K I più visti

Likes 0

La mamma ha beccato me e papà

Sono un giornalista investigativo per un giornale di medie dimensioni nello stato della California. Scrivo anche storie freelance per varie riviste. Quindi sono sempre alla ricerca di storie di interesse umano. Conoscevo una storia che mi affascinava, accaduta diversi anni fa. Era stato pubblicato solo su articoli di giornale, ma sentivo che avrei potuto vendere un articolo a riguardo. Ma per essere pubblicato richiederebbe un resoconto scritto con estrema attenzione. Alcuni anni fa un uomo nella mia città natale è stato condannato a diversi anni di carcere per rapporti sessuali illegali con la figlia minorenne. Il suo nome non è mai...

482 I più visti

Likes 0

Il dispositivo di controllo mentale Breve: brama di pompino della madre

Il dispositivo di controllo mentale in breve Voglia di pompino della madre Con il mio pseudonimo3000 Diritto d'autore 2020 Nota: grazie a WRC264 per aver letto questo beta! Dean Michaels sedeva sulla panchina del parco, digitando sul suo laptop, il suo dispositivo di controllo mentale seduto accanto a lui. Stava per testarlo per la prima volta. Entrò il primo comando. e tutti quelli che avevano meno di diciotto anni cominciarono a lasciare le vicinanze. Aveva viaggiato lontano da casa sua per testare il dispositivo. Guidato per due ore in modo che non ci fosse alcuna possibilità che qualcuno qui intorno lo...

1.2K I più visti

Likes 0

LA MIA PRIMA AFFARE SERIA - PARTE 1

All'età di 13 anni ho subito un'operazione per rimuovere un tumore nella parte posteriore del cervello. Dopo l'operazione sono rimasto cieco. È stato un grande shock e mi ci sono voluti mesi per accettarlo. A volte mi ribello ancora al fatto, ma che diavolo, mi sto godendo la vita ed è per questo che sto scrivendo questo. Sono rimasto a casa per quasi un anno, ma poi sono stato mandato in una scuola per bambini ciechi. Era lontano da dove viviamo, quindi sono dovuto stare nel collegio della scuola. In realtà avevo completato il Grade 8, ma hanno pensato che fosse...

880 I più visti

Likes 0

Impero perduto 62

0001 - Tempo 0003 - Conner- Thomas 0097 - Asso - Zimmel 0098 - Lucia 0101 - Shelby (nave madre) - Lucie 0125 - Lars 0200 - Elena 0301 - Rodrick 0403 - Johnathon 0667 - Marco - Marrone 0778 - gen 0798 - Celeste - Shelby (umana) 0908 - Tara - Mara -------------------------- Non cresciuto - non numerato ------------------------ 3 - a bordo di Shelby 2 in re-gen 1000 - Sherry - perso al momento 0999 - Zan - anch'esso perso -------------------------------- Conosciuto e OR numerato ------------------------------- 0501 - Taddeo ???? - Lena --------------------------- Derrick osservò Jonathon apparire dal portale...

676 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.