La bambina che pensa diversamente

424Report
La bambina che pensa diversamente

Lascia che ti racconti una storia. Una storia sulla bambina, che la pensa in modo molto diverso da tutti gli altri.

Sedeva da sola tremando, i suoi vestiti spariti e proibiti. Si guardò intorno in quel luogo sconosciuto, incapace di trarre alcun conforto dalla sua atmosfera lontana. Si guardò i piedi. il materiale spietato premeva nella sua carne, provocandole formicolio alle dita dei piedi e alla fine diventando fredde e insensibili. Come osava pensare di togliersi quelle scarpe logore che le mordevano i teneri piedini? Non li avrebbe rimossi. Impossibile rimuoverli. Il suo corpo le urlava di strapparli via, ma la sua mente glielo proibiva. Sapeva che se li avesse rimossi, non si sarebbe abituata abbastanza da poter esibirsi senza vacillare dappertutto. E un'oscillazione le costerebbe la carne.

Si sedette e aspettò, poiché era appena passato mezzogiorno. Mancano ancora ore. Cercando di distogliere la mente dal freddo nei suoi piedi, tirò fuori la carta dalla borsa e decise di disegnare. Mentre il pennarello scorreva sulla pagina, la sua mente rimase ferma. Erano crampi, ma è quello che succede quando impari a indossare un materiale che morde. Terminando il suo disegno lo dedica a Lui, il rapitore della notte.

Il suo rapitore le dice di prepararsi. Si inserisce in bocca la pallina di gomma rossa, stringendo bene le cinghie. Le cinghie tirano la palla così indietro che rende difficile respirare. Come osa pensare di lasciarlo un po' sciolto? Non l'avrebbe allentato. Impossibile allentarlo. Il suo corpo le urlava di strapparlo via, ma la sua mente glielo proibiva. Sapeva che se l'avesse lasciata libera, sarebbe stata in grado di stringere la palla abbastanza forte tra i denti. E una presa allentata le sarebbe costata la carne.

Si costrinse a respirare attraverso il naso. Era difficile, ma poteva farcela, e poteva farlo senza lottare troppo.

Si tolse gli occhiali, il suo corpo si irrigidì senza di essi. Senza gli occhiali non poteva vedere, avrebbe dovuto girare da una parete all'altra per assicurarsi di non cadere in quel posto sconosciuto. Prese la benda e si alzò. I suoi piedi freddi e insensibili le urlavano. Si diresse verso la camera da letto. All'angolo. Lei emise un forte gemito mentre posizionava le mollette sui capezzoli già ammaccati. Mettendosi la benda sugli occhi, la legò stretta. Non potrebbe aprire gli occhi se lo volesse. Ed eccola lì.

Le aveva detto che sarebbe tornato a casa per le tre. Aveva circa quattro minuti da aspettare. Rimase lì lì per quattro minuti... cinque... sei... sette... otto... Stava perdendo la cognizione del tempo. La sua mente le diceva che sembrava solo più lunga di prima, con quelle scarpe pungenti e la palla asfissiante, e la benda che la lasciava nell'oscurità. Le sue gambe cominciarono a tremare. Non riusciva a fermare il tremore. Come osa pensare di sedersi? Non si sarebbe seduta. Non potevo sedermi. Il suo corpo le urlava di sedersi dov'era, ma la sua mente glielo proibiva. Sapeva che se si fosse seduta, non sarebbe stata in grado di alzarsi in tempo prima che Lui tornasse a casa. E una schiava seduta le costerebbe la carne.

Le lacrime iniziarono a cadere sotto la benda. Le si formò un nodo alla bocca dello stomaco e un nodo cominciò a gonfiarsi in gola. Questo era troppo. Non era sicura di poter resistere ancora a lungo, ma sapeva di non avere altra scelta che restare lì, nella sua sofferenza. Dovevano essere tre, se non più tardi. Dove era lui? Inclinò la testa verso il soffitto, non riuscendo più a controllare i singhiozzi. Ha gridato intorno alla palla. Dove era lui? Ha detto che sarebbe stato qui. Ha mentito. Ha bisogno di essere qui per liberarla. Per liberarla. Non sarebbe venuto. Era impotente e stava perdendo la speranza. I suoi singhiozzi divennero più forti. Si stava arrabbiando. Ma la sua rabbia era solo una maschera della sua paura. Lei urlò contro la palla, ma la cosa rossa non lasciò che il suono le uscisse dalla gola, e quel suono rimase lì, artigliandole nell'esofago. Era intrappolata. E il pensiero la riempì e la travolse. Non si sarebbe mai liberata da questa agonia. Di materia che morde, di palline che soffocano, di gambe che tremano.

Batté i piedi, ma si fermò subito. Il suo pestaggio fece sì che le mollette penetrassero nei suoi teneri capezzoli. Lei piagnucolò, il corpo tremava sempre di più ogni momento che passava. Voleva fermare il tremore, voleva fermarsi, ma la sua forza di volontà non poteva competere con il doloroso tremore. E ad ogni scossa, le mollette si muovevano e minacciavano di staccarsi. Come osa pensare di rimuoverli? Non li avrebbe rimossi. Impossibile rimuoverli. Il suo corpo le urlava di toglierseli, ma la sua mente glielo proibiva. Sapeva che se li avesse rimossi, sarebbe stato troppo doloroso rimetterli prima del Suo ritorno. E le mollette rimosse le sarebbero costate la carne.

C'era qualcosa di sbagliato. La sua caviglia scricchiolava. Cercò di calmarsi e di smettere di tremare, ma era inutile. Non poteva fermare il tremore, proprio come non poteva impedire alla caviglia di crollare da sotto di lei. Cadde mentre gridava di dolore, ma le sue grida erano bloccate dietro la palla di gomma rossa. Si afferrò forte la caviglia mentre tremava. La sua mente le urlava contro. Come hai potuto!? Osi cadere! Osi sederti lì e piangere! Ma non aveva scelta. Per quanto la uccidesse dentro, non poteva andare avanti. Zoppicò verso il soggiorno. Sollevò leggermente la benda, quanto bastava per abbassare lo sguardo sul suo piccolo cellulare. Gli ha inviato un messaggio su quello che è successo. Lui rispose e le disse di sedersi. Quindi eccola lì seduta, distrutta e piangente. Quella povera ragazzina aveva fallito. È stata un fallimento. Non poteva compiacerlo. Il suo corpo tremava ancora. Voleva morire. In quel momento, desiderò essere a casa per poter dormire e non svegliarsi. Sicuramente non lo farebbe con una bambina che non sa seguire semplici istruzioni. Diede un'altra rapida occhiata al cellulare... tre e cinquanta.

Riportò la benda al suo posto e rimase lì seduta stringendosi la caviglia. E aspettò... Aprì la porta solo pochi minuti dopo. Il suo corpo tremò ancora di più quando lo sentì camminare verso di lei. Poteva sentirlo sedersi sul tavolo di legno davanti a lei. Le prese la caviglia e la controllò. Controllò anche l'altro. Si tolse le scarpe che mordevano. Qui le assicurò che la sua ferita non era nulla di grave e le ordinò di rimuovere la palla, le mollette e la benda. Allentò le cinghie della palla e si tolse dalla bocca la cosa asfissiante. La mascella le faceva male e gemeva. Aprì le mollette e rimosse le cose che digrignavano dai suoi capezzoli. Slegò la benda e si tolse la cosa oscurante dai suoi occhi. Strizzò gli occhi e aprì lentamente gli occhi. I suoi occhi impiegarono un momento per comporre il numero e poi rimase seduta lì. Rotto. Come osa fallire? Non sarebbe stata in grado di rimediare al suo fallimento. Non potevo rimediare al suo fallimento. Il suo corpo le urlava, e anche la sua mente urlava. Sapeva che il suo fallimento le sarebbe costato caro. E le costerebbe la carne.

La lasciò, spostandosi in camera da letto. Un attimo dopo la chiamò. Lei doveva sedersi sulla sedia nell'angolo. Lui le trattenne le mani dietro la schiena, le sue ginocchia erano tenute distanziate. I suoi piedi erano legati insieme, le sue aperture lasciate non protette. Ha sostituito la palla che soffoca e la benda che la lascia nell'oscurità. Saltò quando il suo piccolo pulsante cominciò a vibrare. La stava facendo contorcersi e gemere, le vibrazioni la penetravano e tutto ciò che poteva fare era restare lì, impotente.

Era terrorizzata. Si supponeva che le vibrazioni portassero ondate di piacere, ma la penetrazione faceva sempre male. La sua mente e il suo corpo erano pieni di emozioni contrastanti, mentre sedeva lì e sopportava impotente. Il suo corpo si tese. La sua mente le urlava contro. Voleva che tutto questo finisse, ma voleva renderlo orgoglioso. Aveva così paura di lasciarsi andare. Come osa pensare di rilasciare. Non avrebbe rilasciato. Impossibile rilasciare. Il suo corpo le urlava di lasciarsi andare e di liberarsi, ma la sua mente glielo proibiva. Sapeva che se fosse stata rilasciata, sarebbe stato un disastro. E un pasticcio le sarebbe costato la carne.

Lo pregò di lasciarla liberare, lui la prese in giro e rifiutò. Continuò a supplicare finché Lui disse di sì. Swish, swish, swish! Onde dopo ondate di sollievo e di piacere si riversarono dentro di lei. La lasciò liberare di nuovo. La sua mente stava urlando. Cosa fai?! Non puoi rilasciare! Segue la punizione. Segue il dolore. Le ha strappato le vibrazioni. Saltò e sperò che Egli non la vedesse sussultare mentre le vibrazioni la abbandonavano. Qualche istante dopo si sentì addosso un panno. Saltò, così sensibile ad ogni leggero tocco. Ha tolto l'asfissia e l'oscurità. Ansimava e continuava a tremare. Dopo che le onde continuavano a rotolare dentro di lei, ma si fermarono rapidamente quando fu informata della sua emorragia. Il terrore ha sostituito il piacere. Deve essere disgustato, insultato e scontroso. L'avrebbe sicuramente ferita per questo.

La lasciò andare e la portò nell'altra stanza. Le ordinò di sdraiarsi e tirò una coperta attorno al suo corpo nudo e tremante. Allora era al telefono. Era troppo impegnata ad aspettare il dolore, riusciva a malapena a prestare attenzione a ciò che la circondava. La informò che sarebbe tornato e uscì dal luogo sconosciuto. I suoi occhi sbatterono le palpebre. Erano pesanti. Come osa pensare di dormire? Non avrebbe dormito. Non riuscivo a dormire. Il suo corpo le gridava di chiudere gli occhi e dormire, ma la sua mente glielo proibiva. Sapeva che se si fosse addormentata, lui l'avrebbe trovata con gli occhi chiusi. E una schiava addormentata le costerebbe la carne.

Tornò e le ordinò di pulire e prendere tutti i bisogni femminili di cui aveva bisogno per farlo. Dopo la pulizia, ritornò e si inginocchiò davanti a Lui. Aveva bisogno di compiacerlo e lei doveva fare proprio questo. Si concentrò intensamente mentre lo dava piacere con la bocca. Il suo unico obiettivo era liberarlo. E lo rilasciò.

La riportò in camera da letto e sul letto. Le lenzuola erano fredde e la facevano solo rabbrividire ancora di più. La attirò a sé. Il suo istinto le urlava. Le hanno detto che era troppo vicino. Si fidava troppo di Lui. Era proprio come qualsiasi altro maschio, una potenziale minaccia. Come osa pensare di allontanarsi? Non si sarebbe tirata indietro. Non potevo allontanarmi. Il suo corpo le urlava di allontanarsi, ma la sua mente glielo proibiva. Sapeva che se si fosse allontanata, l'avrebbe considerata disobbediente. E una schiava disobbediente le costerebbe la carne.

Lei lo massaggiò sperando di metterlo di buon umore, ma Lui la rimise in un angolo, china sulla sedia. Sentì il sottile bastone di legno e le punture che le lasciò sulla schiena e sulle cosce. Lei gridò forte, desiderando che tutto finisse. Le ha tirato su il piede e le ha punto il fondo. La rimise sulla sedia, questa volta rivolta all'indietro. Le sue mani dietro la schiena. La bendò e le mise una O in bocca, strappandole gli angoli delle labbra. Le trattenne i piedi e le braccia dietro la schiena. Lasciò che le mollette le affondassero di nuovo nei piccoli capezzoli doloranti. Lei gridò forte, avrebbe voluto urlare in agonia. Mentre la lavorava, una delle mollette digrignava sempre più forte. Sentì un leggero tonfo, ma non ci pensò niente. La sua mente era troppo concentrata sui capezzoli doloranti. Cos'è questo che afferma? Una molletta è caduta? Come? Poteva ancora sentirne il digrignamento sul capezzolo ferito. Se lo rimise, rimproverandola per non averglielo detto. Cadde di nuovo, il dolore non era diverso, ma lei fece fatica a dirgli la O che aveva in bocca. Ha dato uno schiaffo all'altro. Sentì il bastone sul piede malato, quello che stringeva solo poche ore prima. L'ha ferita e ha urlato. La punse ancora e ancora, poi di nuovo all'altro piede, poi avanti e indietro e avanti e indietro. Ha urlato e urlato, ha cercato con tutte le sue forze di allontanarsi. Voleva che finisse. Non poteva gestirlo. Le lacrime cadevano ininterrottamente da sotto la benda. Il moccio cominciò a colare dal suo naso mentre singhiozzava e singhiozzava.

Con la stessa rapidità con cui sono iniziate le punture, si sono fermate. Ma non poteva fermarsi. Il suo corpo tremava più forte di quanto avesse fatto per tutto il giorno. Lei continuava a singhiozzare. La bava e il moccio le colava dal viso. Sicuramente era disgustato alla sua vista. Chiunque lo sarebbe. Era distrutta e senza speranza, era distrutta. Non aveva voglia di combattere. Sentì le Sue chiavi tintinnare, e poi la porta aprirsi e chiudersi. Poi silenzio. Silenzio, tranne che per i suoi singhiozzi. L'ha lasciata lì. L'ha lasciata sola e indifesa. Non sarebbe riuscita a liberarsi nemmeno se ci avesse provato. Era terrorizzata. Era una minaccia e lei si era fidata di lui. Come osa fidarsi di Lui? Non avrebbe dovuto fidarsi di Lui. Non avrei mai dovuto. Il suo corpo le urlava di scappare, anche la sua mente lo urlava. Ma non aveva voglia di combattere. Nessuna voglia di scappare. E le costerebbe, forse la vita.

La porta si aprì di nuovo, il suo cuore fece un balzo dietro il seno dolorante. La sentì chiudersi e i Suoi passi arrivare verso di lei. L'avrebbe salvata. L'avrebbe rilasciata e liberata. Il suo respiro accelerò mentre lui le toglieva la benda. Erano lacrime vere, davvero, ma era così felice che lui la stesse salvando. Rimosse la O e cominciò a liberarla dai suoi legami. Stava ancora piangendo, ma piano. Grazie. Grazie per averla liberata. L'ha portata fuori da quella stanza. Si inginocchiò davanti a Lui. Si formò un nodo in gola alla realizzazione che, per la seconda volta nell'arco di poche ore, Lo aveva deluso. Lo aveva deluso.

Le parlò con tono severo, ma lei poteva sentire la gentilezza di fondo. Si stava prendendo cura di lei. Non le avrebbe dato il dolore della punizione che si aspettava. La sua mente era così confusa. Il dolore che aveva appena sopportato era quasi insopportabile, ma andava comunque bene. L'ha salvata. Si è preso cura di lei e l'ha liberata. Nessun altro aveva fatto una cosa simile. Poteva davvero fidarsi di Lui? Non era più una minaccia? No, era ancora una minaccia e lo sarà sempre. Ma poteva fidarsi di Lui, e lo fa. La bambina si fida del suo rapitore. Si sarebbe lasciata ferire da Lui e avrebbe mostrato con orgoglio i segni. Avrebbe lasciato che Lui la sottoponesse a tutte le sofferenze del mondo e avrebbe pregato che non le facesse del male. La sua visione stava cambiando. Anche se leggero, era ancora lì. Un barlume di speranza, una scintilla, un inizio. Contro la sua precedente formazione, contro il suo istinto e la sua mente, fino a quel momento aveva dimostrato di non essere come gli altri, ma gentile. Sapeva che avrebbe potuto ferirla, avrebbe potuto farla piangere e urlare. Sapeva che la Sua gentilezza non era debolezza e Lo ringraziò per aver cambiato la sua vita. Come osava credere che fosse come gli altri? Non ci avrebbe creduto adesso. Non potevo crederci adesso. Il suo corpo le ricordava le Sue inflizioni, ma la sua mente gli proibiva di controllarla. Sapeva che poteva fidarsi di Lui. E la bambina sapeva che fidarsi di Lui l'avrebbe cambiata. Le avrebbe cambiato la vita...

Storie simili

Brianne

Era bella come sempre oggi. Indossava una gonna blu, piuttosto corta, e una maglietta verde. Lei stessa era piuttosto bassa, solo circa 5'4 . Aveva capelli di media lunghezza, castani, leggermente ricci, che le arrivavano fino alla spalla. I suoi seni erano di taglia media, probabilmente una coppa C. Aveva anche un bel sedere, era leggermente grande sulla sua piccola struttura. I suoi occhi erano sorprendentemente verdi e il suo sorriso era sempre gentile e caloroso. Avevo una cotta per lei da quando potevo ricordare, fin dalle elementari. Il suo nome era Brianne. L'ho vista camminare accanto a me a pranzo...

1.7K I più visti

Likes 0

Con il mio fratellino

Ciao lettori mi chiamo Anitha (Anu), 21 anni, del Kerala. io vivere con mia madre e più giovane fratello. Mio padre è morto quando io era ancora giovane. I miei fratelli si chiama Sanjay (Sanju) ha 18 anni Anni. Entrambi ci sono piaciuti sorella e fratello normali. Noi usati per combattere tra di loro. Mio mia madre ha ottenuto un lavoro governativo come mio padre mentre era al governo servizio. Dato che la mamma va per lavoro, io e mio fratello prendeva tempo da trascorrere insieme. Ho dimenticato di menzionare su me stessa. Ho avuto una buona figura di 32-26-30. Ero...

1.5K I più visti

Likes 0

La morte veste SEMPRE di nero - Capitolo 1

Capitolo 1 L'ombra a forma di uomo nel cortile del vicino dall'altra parte della strada non si era mossa negli ultimi 20 minuti, ma era del tutto possibile che gli occhi di Glenn gli stessero giocando brutti scherzi mentre la sua mente in preda al panico lavorava a tempo pieno sul suo dilemma. Erano passate due settimane da quando il contratto era stato adempiuto dalla gilda degli assassini di Ar e lui doveva ancora inviare loro il pagamento, ovviamente, non lo avevano esattamente cercato nemmeno per il loro oro, ma era ancora estremamente preoccupato. Silas aveva visto cosa succede alle persone...

1.5K I più visti

Likes 0

Negozio di caramelle

Ok, iniziamo con i dettagli. Ho 16 anni circa 6 piedi di altezza e un peso medio di circa 75 kg oh e il mio nome è franco (so che è un nome fuori nome questi giorni) Era la fine delle vacanze estive e stavo tornando dal negozio di kebab donna quando ho visto la ragazza che era al mio corso di geografia e segretamente mi piaceva. Il suo nome è Brenda, è alta circa 5 piedi e 7 pollici ed era magra ma non troppo, le sue tette non sono le più grandi della scuola ma le stanno comunque bene...

1.3K I più visti

Likes 0

Porca puttana

Sono stato gangbanizzato da 37 uomini in una sporca sala VIP in cima a un bar di New York, mio ​​marito mi ha portato a una festa e se ne è andato con un'altra bionda, mi sono seduto al bar tutto solo quando 15 uomini si sono avvicinati a me, loro mi ha detto che ero molto bella e ho chiesto se potevano farmi delle foto, ho detto ok, ma hanno detto che era troppo affollato nel bar possiamo andare in una stanza dove è un po' più tranquilla, ho detto ok, uno dei gli uomini mi hanno portato di sopra...

1.4K I più visti

Likes 0

Ricatto e cetrioli

Questa è un'opera di finzione. La prima volta che scrivo, le critiche costruttive sono sempre consentite, non c'è molto sesso perdonami, volevo introdurre i personaggi. RICATTO E CETRIOLI Dovremmo prendere dei cetrioli, ho sentito dire da una ragazza. Io, Justin Hunter, ero seduto da solo in una delle quattro mense della Forrester University. Questo in particolare era il terzo più grande e la ragazza che ha detto che era seduta a un tavolo di fronte al mio. Avevo quasi finito di mangiare quando queste due ragazze vennero a sedersi a un tavolo accanto al mio. Sedevano fianco a fianco su un...

999 I più visti

Likes 0

Picchiato al rifugio

Sono un uomo di 35 anni che vive da solo in una capanna isolata nel bosco. Sono 6'1 con capelli biondi e occhi azzurri. Non ho mai avuto problemi portare a casa le donne. Sono un veterinario e ho un ufficio in città. Faccio anche volontariato in un canile nei fine settimana. I proprietari salva i cani e trova loro una casa una volta che li ho esaminati. Alcuni entrano piuttosto brutte, quindi impiegano un po' più di tempo a guarire. Altri sono belli cani che sono stati semplicemente abbandonati da qualche parte. Il vicino più vicino vive a 15 miglia...

844 I più visti

Likes 0

Megan e la mamma vengono beccate

Sono un ragazzo piuttosto fortunato, uno dei pochi a cui piace davvero il proprio lavoro. Mi chiamo Dougray e sono un agente di polizia di ventitré anni, o poliziotto se preferisci, che serve il mio grande paese nelle bellissime e remote Highlands scozzesi, di solito di pattuglia stradale. È un numero facile, la maggior parte delle volte mi limito a parcheggiare in un posto tranquillo con il radar della velocità acceso e magari accosto qualche poveraccio per eccesso di velocità circa una volta ogni due ore e gli faccio una multa. Principalmente, sono seduto in macchina leggendo un libro o vincendo...

787 I più visti

Likes 0

Dipendenza_(0)

Godetevi la storia e lasciate un commento. Dipendenza Allora Doc, ahh domanda folle - è possibile essere um, tipo, dipendenti da una persona? Era una domanda folle e Tom era in qualche modo imbarazzato anche solo a farsela, ma era una domanda su cui si stava ponendo da giorni ormai. Il dottore, in realtà uno psicologo, era un uomo calvo con gli occhiali sulla cinquantina, che aveva sentito un sacco di cose più folli nei suoi vent'anni di pratica. Sapeva che Tom era serio e aveva bisogno di maggiori informazioni prima di poter dare una risposta. Pensi di essere dipendente da...

872 I più visti

Likes 0

Nika e suo padre

Nika entrò in camera da letto cercando suo padre. Era preoccupata per lui, perché beveva molta vodka e whisky. Da quando suo fratello è rimasto ucciso in un incidente, riusciva a malapena ad alzarsi dal letto per andare al lavoro, non usciva mai di casa se non per prendere altre bottiglie per bere via il dolore. Aveva subito tre tragedie, prima sua moglie era stata assassinata, poi sua figlia (lei, Nika) era stata violentata e ora suo fratello. L'alcol sembrava essere l'unico modo per lenire il dolore. Anche lei soffriva, le mancava suo zio, ma lui non poteva essere aiutato, suo...

741 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.