S.S. Shotguneagle (Sesta parte)

612Report
S.S. Shotguneagle (Sesta parte)

Non sarebbe del tutto vero se Leah dicesse che il suo spirito non è incrinato. Anche dopo aver ripetuto a se stessa come starà bene, il dubbio è sempre rimasto nella sua mente. La sua mente potrebbe essere ancora intatta al momento, ma la sua volontà di rimanere forte e positiva stava crollando. Si chiedeva quanto tempo sarebbe passato prima di perdere completamente la testa.

Non aiutava, inoltre, il fatto che Leah si stesse picchiando mentalmente. Odiava il modo in cui permetteva a questi animali di farsi strada con lei. Leah non ha mai voluto essere un'altra vittima indifesa che non poteva fare nulla per impedire che accadesse. È per questo che suo padre l'ha iscritta a così tante classi di combattimento, che Leah ha imparato ad amare. Tutto il suo addestramento l'ha resa un'avversaria formidabile. Per quanto le piacesse allenarsi, Leah era grata di non aver mai dovuto usarlo per proteggere se stessa o gli altri.

C'erano solo alcuni casi in cui doveva ricorrere alla difesa fisica a causa di uomini vivaci. Li avrebbe informati che il prezzo di toccarla in modo inappropriato sarebbe una mano gravemente ferita e che il prezzo sarebbe salito solo se avessero insistito. La maggior parte di loro ha capito, allontanandosi con un polso slogato. In un'occasione, mentre Leah stava passando una brutta giornata, si ruppe la mano destra di un uomo di 20 anni, dopo aver afferrato una manciata della sua tetta sinistra. Non aveva intenzione di romperlo, ma non le dispiaceva. Il ragazzo è dovuto andare in ospedale. Ha cercato di citare in giudizio Leah per aggressione, ma, sfortunatamente per lui, c'erano molti testimoni che lo hanno visto violentare una ragazza in pubblico e hanno detto che la ragazza si è solo difesa dal viscido. Non era il più acuto furbo nella cassetta degli attrezzi.

Leah non poteva pensare a un momento migliore di adesso per usare tutto ciò che ha imparato dal suo addestramento per inabilitare i suoi rapitori e fuggire da questo incubo. C'è stato solo un momento opportuno che ha avuto e ha fallito miseramente. È stato quando Kenny è sceso nella sua cella quella notte. Il suo errore è stato sottovalutarlo. Pensava che Kenny avrebbe usato la sua forza bruta per sopraffarla. Il suo addestramento nell'esercito è stato sufficiente per sottometterla.

I suoi allenatori di tanto in tanto ricordavano a Leah di non sottovalutare mai i suoi avversari. Una regola che ha rapidamente dimenticato in circostanze terribili. Non avrebbe mai pensato che sarebbe stata in questo tipo di pasticcio. Tutta la logica e il ragionamento furono spazzati via dalla rabbia. Odiava ammettere di essere entrata senza usare la testa. Di conseguenza, era stata estremamente violentata due volte nel peggior modo possibile. Si spera che la terza volta sarà il fascino.

È passata una settimana dalla sua sessione con Buddy. Se c'era una cosa per cui Leah doveva essere grata, era che i suoi rapitori avessero dedicato molto tempo per riprendersi. Un rivestimento d'argento molto cupo, ma l'avrebbe accettato. L'eccessiva lotta di Leah contro i suoi legami, quando è stata messa a testa in giù, ha fatto un numero sul suo corpo. Il suo collo era gravemente dolorante a causa del collare che indossava, per tenere la testa ferma quando era sott'acqua. Si è anche fatta male alle caviglie e ai polsi per la lotta. Non appena l'adrenalina si è esaurita, il dolore è iniziato.

Kenny era sceso un po' più tardi per abbattere Leah. Ancora una volta, alla fine della sessione, non ha litigato. Era fisicamente e mentalmente affaticata dopo essersi torturata a lungo. A Kenny piaceva vedere Leah appesa a testa in giù completamente nuda e indifesa. Era quasi tentato di iniziare la sua sessione con lei proprio in quel momento. Ma gli piaceva che le sue donne fossero fresche quando iniziava con loro. Poteva vedere chiaramente che Leah era oltre l'angoscia. Kenny l'ha sentita solo diverse volte mentre lavorava per liberarla e riportarla nella sua cella. Le stava dicendo cosa aveva in serbo per lei quando era di nuovo il suo turno, ma Leah era praticamente fuori e non sentiva niente di quello che stava dicendo.

Leah ha avuto problemi a dormire ogni notte da allora. Gli incubi stavano cominciando a farsi sentire. Sperava persino che la sua situazione fosse un incubo da cui potesse svegliarsi. Non molta fortuna. Cibo e acqua continuano ad essere consegnati ogni giorno da uno dei tre. Le hanno persino portato altre pillole da prendere ma si sono rifiutati di prenderle dopo quello che è successo l'ultima volta. Chi ha consegnato il cibo a volte ha consumato uno degli antidolorifici davanti a Leah per dimostrare che era solo una medicina e nient'altro. Non voleva ancora prenderlo, ma il dolore che provava suggeriva il contrario.

L'hanno ancora lasciata nuda nella sua cella. Anche se la temperatura in cantina era calda, Leah desiderava molto qualcosa per coprirsi. Ormai, pensava che si sarebbe abituata a essere nuda. Non era così. Leah lo odiava ancora con passione. Ogni volta che qualcuno di loro veniva a controllarla, si copriva come meglio poteva. Gli uomini si divertivano a guardarla mentre cercava di proteggere il suo corpo nudo dai loro occhi.

Stava anche perdendo l'appetito. Essere imprigionati per atti perversi può fare questo a una persona. Non era sua intenzione morire di fame. Non aveva davvero fame. Ma questo non ha funzionato con i suoi rapitori. Anche dopo aver detto loro che aveva fame, le avrebbero ricordato le conseguenze per non aver mangiato. Per soddisfarli, Leah avrebbe preso qualche boccone dal cibo che gli era stato consegnato.

Questo è ciò che sta accadendo nell'ultima settimana. Anche la noia stava mettendo a dura prova lei. Cercò di tornare a praticare le sue tecniche di combattimento ma perse rapidamente interesse. Passava le sue giornate a letto, contemplando la sua situazione. Di tanto in tanto saltava fuori dal letto per sgranchirsi le gambe e camminare per lo spazio limitato.

Cercò di concentrare i suoi pensieri sui tre individui responsabili delle sue circostanze. Leah ha cercato di raccogliere tutte le informazioni che aveva su di loro che l'avrebbero aiutata a trovare le loro debolezze. I suoi pensieri vanno alla sua famiglia e ai suoi amici. Devono sapere che qualcosa non va ormai. Il pensiero che fossero molto preoccupati per lei la uccideva un po' dentro. Le lacrime erano difficili da trattenere. Se li asciugò dal viso quando li sentì rotolare sulle sue guance.

Leah probabilmente l'avrebbe perso ormai, ma il pensiero del suo ragazzo la faceva andare avanti. Poteva vederlo che le diceva di non arrendersi e combattere. Continua a combattere.

"So che è difficile in questo momento, piccola, ma devi continuare a combattere. Non dare soddisfazione a questi stronzi", Leah poteva sentire il suo ragazzo, Todd, dire.

"Lo so. È così difficile. Mi hanno già fatto così tanto. Non so se posso farlo."

"Lo so, lo so, piccola, ma ho bisogno che tu continui a combattere. Per favore. Non arrenderti. So che puoi farcela. Resta forte."

"Ci sto provando... ci sto provando..."

Leah era sdraiata su un fianco e fissava il muro. Todd sapeva sempre cosa dire per farla sentire meglio. Dopo aver frequentato così a lungo, sa cosa direbbe se fosse qui in questo momento. Voleva davvero, davvero che lui fosse qui in questo momento.

Immaginare cosa avrebbe detto Todd, tuttavia, è stato sufficiente per riportare un po' di motivazione in Leah. Mentre giaceva lì nuda, si ricordò del fuoco che aveva avuto il primo giorno di prigionia. L'aveva perso per un po', ma stava lentamente tornando da lei. La sua espressione cambiò da cupa a feroce. Il suo cuore iniziò a battere più forte mentre immaginava tutte le cose orribili che voleva fare a questi criminali.

Leah si sedette sul letto. Fece dondolare le gambe sul bordo del letto, lasciando che i suoi piedi toccassero terra. Sembrava che fosse pronta a fare qualcosa, ma trovarsi in una cella limitava le sue opzioni. Invece, si è semplicemente seduta lì e ha cercato di escogitare un piano per fuggire. Questa volta doveva entrare senza sottovalutare nessuno dei suoi rapitori.

Tutto ciò di cui aveva bisogno era che uno di loro entrasse in cella con lei con la guardia abbassata. Forse potrebbe fingere di svenire, costringendoli a controllarla per vedere se è viva. Probabilmente avrebbero preso notevoli precauzioni nel caso stesse fingendo. Leah pensò che se fosse stata in una posizione in cui potesse attaccarli con il minimo sforzo, forse sarebbe stato sufficiente per un attacco a sorpresa. Ha iniziato a pensare a diverse posizioni che riteneva migliori l'avrebbero favorita in un...

La concentrazione di Leah si ruppe quando sentì qualcuno aprire la porta della cantina. La spaventò, ma riuscì a mantenere la calma, rimanendo immobile. Poi seguì il suono familiare della porta che si apriva. Leah dovette aspettare ancora qualche secondo per vedere chi fosse, dato che l'area intorno alla porta era sempre buia. Era Alfa.

Indossava una maglietta a maniche lunghe di colore scuro. Era un po' stretto, mettendo in mostra la parte superiore del corpo tonica. Leah non aveva mai notato quanto fosse in forma prima. Non le importava. Indossava pantaloni cargo con stivali marroni. L'ultima cosa che indossava erano guanti di pelle. Leah non sapeva cosa significasse, ma era più concentrata sulla borsa che aveva in mano.

"Buonasera, bella. Come stiamo oggi?"

"Vaffanculo." Leah distolse lo sguardo da Alpha.

"Questo è lo spirito." Alpha era proprio fuori dalla sua cella con in mano ancora la borsa.

"Ho qualcosa per te."

"Buon per te. Adesso vai a farti fottere."

Alfa ridacchiò. Aprì la borsa per prendere un paio di oggetti. Erano scarpe.

"Qui."

Alpha spinse le scarpe attraverso le sbarre, seguito dalla borsa che fu un po' più difficile. Leah non poteva fare a meno di guardare per vedere cosa stesse combinando. Vide le scarpe per terra e la borsa finalmente farsi strada tra le sbarre e cadere a terra sul pavimento della sua cella.

"Quelli sono vestiti da indossare e scarpe."

Leah lo guardò con confusione e rabbia. Non era sicura di cosa pensare. Doveva essere un trucco. Perché dovrebbe volerla vestita adesso? Non si sono divertiti a umiliarla facendola nuda tutto il tempo? No, doveva essere un trucco. Non sarebbe caduta in un'altra delle loro trappole. Non questa volta.

Alpha poteva vedere che Leah non stava comprando la sua generosità. Non la biasimava. Se fosse stato al suo posto, avrebbe pensato lo stesso. Invece ha proceduto ad aprire la porta della sua cella. Leah balzò in piedi, pronta ad attaccare quando entrò. Invece, dopo averlo sbloccato, Alpha ha lasciato la porta della cella spalancata. Poi si allontanò verso la porta della cantina. Leah non distolse gli occhi da lui.

Alpha ha riaperto la porta della cantina e, proprio come la porta della sua cella, l'ha lasciata spalancata. Tornò al centro della stanza. Leah non si mosse dalla sua posizione.

"Non è questo che volevi? Una possibilità di fuga?" ha chiesto sinceramente Alpha. Leah si limitò a guardarlo con lo stesso sguardo acceso.

"So cosa vuoi. È lo stesso di tutti gli altri prima di te: una possibilità di uscire di qui. Hai provato un paio di volte senza successo. Così ho pensato di darti la possibilità di scappare."

Ancora nessun movimento da parte di Leah.

"Ti starai chiedendo se questo è un qualche tipo di trucco. Non ti biasimo. Ma non c'è nessun trucco. Questo è reale. L'unico problema è che devi passare attraverso di me. Questo è tutto."

Leah guardò la borsa dei vestiti. Se avesse intenzione di acquistarlo, avrebbe dovuto adottare misure attente. Non ci sarebbe motivo per lui di iniziare a dire la verità. Leah continuava a non muovere un muscolo. Ma Alpha sapeva che si stava avvicinando a lei.

"Non ho niente con me. Niente armi. Niente." Alpha fece un giro lento in modo che Leah potesse vedere che non aveva niente su di lui. È persino arrivato al punto di sollevare la maglietta per rivelare il busto solo per trovare nient'altro che pelle. Ha capovolto le tasche per dimostrare ulteriormente che non nasconde nulla.

Leah non aveva molto tempo, ma cercava di pensare velocemente. Se stava dicendo la verità, allora avrebbe dovuto farlo in fretta prima che cambiasse idea. Poi di nuovo, questa potrebbe essere un'altra trappola. Probabilmente sta aspettando che lei lo segua in modo da poter far scattare la sua trappola. Ma con un nome come "Alpha", il suo ego stava probabilmente avendo la meglio su di lui. Senza dubbio era a conoscenza dell'allenamento di Leah in diversi stili di combattimento. Leah pensava che forse Alpha pensa che probabilmente potrebbe prenderla.

Alla fine, Leah non sapeva quando sarebbe dovuta scappare alla prossima occasione. Questo è quanto di più vicino è riuscita a sfuggire a questo buco infernale. Raggiunse lentamente la borsa dei vestiti. Prese lentamente ogni capo di abbigliamento, esaminandolo attentamente. Leah si aspettava quasi che i vestiti fossero dispregiativi o da troia. Invece, l'abbigliamento era normale nel senso che sembrava un normale abbigliamento da giorno.

Nella borsa c'erano jeans, una semplice camicia bianca, scarpe da tennis e una giacca leggera, con biancheria intima e reggiseno. Nemmeno il reggiseno o la biancheria intima erano sexy! Voleva davvero darle una possibilità di scappare?

Senza pensarci più, Leah indossò rapidamente tutti i vestiti dalla borsa. Alpha è rimasto lì a guardare il suo vestito. Dopo aver allacciato l'ultima scarpa da tennis, Leah si alzò sentendosi molto più a suo agio. Quel conforto ha raggiunto solo un certo punto. Anche se la sensazione di essere completamente vestita era un sollievo, aveva ancora bisogno di uscire da lì. Leah rimase nella sua cella, in attesa che Alpha facesse la prossima mossa.

"Così?" chiese.

"'E allora?" Leah sputò indietro.

"Non vuoi andartene?" Alpha indicò con la mano la porta aperta. La porta della sua libertà.

"Tutto quello che devo fare è passare attraverso di te?"

"Esatto. Nient'altro."

"Allora qual è il piano? Dopo che ti ho preso a calci in culo e ho provato ad andarmene, gli altri due stronzi mi aspetteranno là fuori?"

"Non c'è nemmeno qui. Siamo solo noi. A loro non piace quando faccio questo. Pensano che sia un inutile alto rischio."

"È?"

"Loro pensano di sì. Non vedo il rischio."

Questo figlio di puttana compiaciuto, pensò Leah. Sapeva cosa dire per premere i suoi pulsanti. Ha funzionato. Tutta la rabbia e la rabbia che Lea aveva accumulato dal primo giorno di prigionia tornò a rifluire. Alpha vide la sua espressione cambiare. Era quello che stava aspettando. Leah potrebbe essere stata estremamente incazzata, ma il suo ragionamento logico non l'ha lasciata. Sapeva che Alpha non avrebbe sferrato il primo attacco. Leah avrebbe dovuto fare la prima mossa se avesse mai voluto attraversare quella porta.

Rilassando il battito del cuore, Leah fece il primo passo fuori dalla sua cella. È la prima volta che esce di sua spontanea volontà. Dopo essere uscita completamente dalla sua cella, Leah si fermò di nuovo. Alpha era a soli 10 piedi da lei adesso. Se avesse stretto ancora di più i pugni, l'unghia le sarebbe sicuramente penetrata nella pelle. È stato sorprendentemente facile per lei imbrigliare la sua rabbia e determinazione. Ma Alpha poteva dire dal suo sguardo che quelle emozioni erano vive e presenti.

Alpha rimase immobile, in attesa che Leah facesse la sua prima mossa. Aveva ancora quel sorriso che Leah cominciava a detestare con passione. Avrebbe provato un grande piacere dopo averglielo asciugato dalla faccia.

"Iniziamo?" Alfa suggerito.

Non un secondo dopo, Leah ha caricato il suo rapitore.

Cercare di sferrare un pugno ad Alpha era come cercare di sferrare un colpo a un fantasma. Leah ha oscillato diverse volte prima che Alpha la spingesse via da lui. Inciampò, quasi cadendo a terra. Si voltò e vide Alpha in piedi con le braccia incrociate, senza mai togliere quel dannato sorriso.

Cazzo, è veloce, pensò Leah! Tutte quelle oscillazioni e non potevo toccarlo! Leah si ricompose, pronta per il prossimo incontro.

"Non male. Il tuo allenamento ti ha decisamente insegnato bene. Ma dovrai essere un po' più veloce di così."

Invece di attaccarlo, questa volta Leah si avvicinò con cautela a lui. Pensava che il modo migliore per picchiarlo sarebbe stato gettarlo alla sprovvista. In qualche modo ha funzionato. Alpha era sorpreso di non essere più corsa da lui. Pensava che lo avrebbe intimidito ancora un po'. Ma non appena fu a portata di mano da lui, Leah, con la velocità della luce, lo colpì ancora una volta.

Potrebbe averlo colto leggermente alla sprovvista, ma Alpha è riuscita a bloccare tutti i suoi attacchi. Anche aggiungendo calci nel mix, Leah non riusciva a collegare nessuno degli swing. Essendo in grado di controllare il suo respiro, con rabbia accumulata combinata con determinazione, Leah è stata in grado di attaccarlo per molto tempo. I suoi attacchi implacabili, tuttavia, non erano sufficienti a causare alcun tipo di dolore ad Alpha.

Alpha lo fece sembrare senza sforzo mentre si difendeva dalla piccola e feroce creatura di fronte a lui, che era determinata a metterglielo sul culo. Alpha avrebbe spostato i combattimenti nella stanza. Le volte in cui Leah sentiva la mancanza di Alpha, metteva a segno un pugno o un calcio su un muro o sui mobili della stanza. Quei pugni fuori luogo le hanno causato tagli su entrambe le nocche, facendole sanguinare.

Leah era troppo sconvolta per preoccuparsi delle sue ferite. Presto perse la concentrazione e iniziò a perdere il fiato. I suoi grugniti si trasformarono in forti urla. Era oltremodo frustrata dal fatto che non poteva causargli lo stesso dolore fisico che lui e i suoi compari hanno causato a lei.

Alpha non aveva risposto a nessuno dei suoi pugni. Ancora. Quando l'avrebbe toccata, sarebbe stato per allontanarla da lui. Dopo la quinta spinta, Leah si prese un momento per controllare il suo respiro. Si chinò appoggiando le mani sulle ginocchia, facendo respiri profondi. Non poteva affrontarlo. Sapeva fin troppo bene che Alpha avrebbe avuto quel sorriso compiaciuto sul viso.

Alpha rimase immobile, fissando la stanca Leah. Potrebbe essere sembrata arruffata dopo aver tentato di combattere Alpha, ma sembrava che Alpha non avesse ancora iniziato!

"Devi lavorare sulla tua respirazione. Stavi andando bene all'inizio. Fino a quando non hai perso la concentrazione. Dovremo lavorare su questo."

Questo fece sì che Leah guardasse Alpha con uno sguardo malvagio. Quando ha sentito di avere abbastanza aria nei polmoni, si è lanciata di nuovo sul suo rapitore.

Passò qualche altro round in cui Leah mancava e veniva spinta da Alpha. Tutto il suo addestramento è andato fuori dalla finestra. Tutto quello che vide era rosso. Pensò che se solo fosse riuscita ad avvolgergli le mani intorno al collo una volta sola, sarebbe tutto finito.

Si raddrizzò. Senza distogliere lo sguardo da lui, era pronta per un altro tentativo. Alpha ha suggerito ulteriori consigli sulle sue tattiche di combattimento.

"Lasci la regione del busto esposta troppo a lungo. Cerca di tenere i gomiti piegati all'interno per compensare-

Leah non voleva più sentire i suoi consigli. Lo ha caricato ancora una volta prima che potesse finire la sua frase. Le faceva bollire il sangue sentire il suo rapitore offrire consigli su come combattere. Contro di lui! Il nervo di questo stronzo, pensò Leah.

Alpha era di nuovo pronto per lei, anche dopo che lei non gli aveva lasciato finire di dare i suoi consigli. Questa volta, Alpha è rimasto un po' impressionato. Sembrava che tutta questa frustrazione che aveva accumulato combattendo contro di lui, l'avesse portata a combattere più velocemente e più acutamente. Alpha pensava che fosse ora.

Ne è valsa decisamente la pena aspettare per lui. Leah era in forma quasi perfetta. Ha combattuto come una guerriera. Riuscì persino a colpirgli le costole e lo stomaco. E uno in faccia per buona misura. Erano anche dei veri successi. Alpha ha davvero cercato di bloccare i suoi attacchi e schivarli. Non sapeva dove trovasse tutta quell'energia, ma Alpha aveva sperato che ce ne fossero altre in arrivo.

Dopo la croce giusta sul suo viso, Alpha riuscì a scivolare via da lei prima che potesse assestare un altro pugno. Indietreggiò di qualche metro, asciugandosi il sangue dalle labbra. Leah pensava che non fosse abbastanza sangue. Mentre si asciugava il rivolo di sangue rimasto, il sorriso di Alpha si allargò.

"E' stato eccellente! Semplicemente eccellente! Sapevo che eri la ragazza giusta. Sapevo che non avresti deluso. Non ho mai avuto una sfida come te prima. E non vedo l'ora di trasformarti nel mio prossimo trofeo."

"Lo vedremo, stronzo." Con ciò, Leah ha continuato il suo assalto ad Alpha. Ma è riuscita a tirare solo un pugno. Alpha le prese il pugno con la mano sinistra, tenendolo stretto con una presa mortale. L'ha fatto sembrare così semplice. Anche quando lei cercò di strappare la mano dalla sua presa, lui non si mosse di un centimetro. Era come se la sua mano fosse bloccata nel cemento indurito.

"Perché aspettare?" disse Alpha con un sorriso malvagio. Leah cercò eccessivamente di allentare la presa sul suo pugno. Era anormale. Semplicemente non si sarebbe mosso. Provò a prenderlo a calci e pugni, sperando che lo facesse mollare. È stato fino a quando Leah ha deciso di mordersi la mano che Alpha ha reagito.

Lui strinse più forte la presa sui suoi pugni, sparandole dolore alle ossa ora doloranti. Leah gridò mentre cadeva in ginocchio. Alpha finalmente la lasciò andare. Il danno era già fatto. Anche dopo aver provato a lenire la sua mano, era come se le ossa fossero diventate polvere. Ha avuto difficoltà a stringere di nuovo il pugno. Leah impiegò solo qualche secondo in più per rendersi conto che Alpha aveva reso inutile uno dei suoi pugni destri.

"Quando avremo finito, ti porterò una borsa di ghiaccio per calmare la tua mano. Ne avrai bisogno per riprenderti."

Era difficile nascondergli il suo dolore. Ma è riuscita a rimettersi in piedi. Tenendo la mano destra sul fianco, sollevò l'altra preparandosi per un altro incontro. Alpha era contenta di non voler arrendersi.

"Ti consiglierei di fermarti ora. Altrimenti, sarà molto più difficile che inizi il vero divertimento."

Leah non ha detto una parola. Non ha cambiato posizione. La sua espressione era un misto di dolore e cattiveria. Ha deciso di non fare la prima mossa questa volta. Se voleva farle fare qualcosa, doveva essere lui a fare la prossima mossa.

Dopo aver capito i suoi desideri indiretti, Alpha le si avvicinò.

"Sai che non c'è vergogna ad arrendersi, Leah. Alla fine tutti colpiscono un muro. Hai fatto molto di più di quanto pensassi. E sono molto impressionato da te. In effetti, lo siamo tutti."

Leah ancora non reagì quando Alpha si fermò a meno di un piede da lei. Sapeva già di essere stata sconfitta. La sua mano destra le faceva ancora male qualcosa di feroce. La maggior parte della sua energia era nell'ignorare il dolore e nel cercare di non piangere. Alpha poteva dire il conflitto che sentiva sul viso.

"Cosa ne dici, Leah? Sei pronto a fermare tutto questo e fare qualcosa di più divertente, invece? Alpha ha aspettato, incrociando le mani dietro la schiena. Sperava che lei rifiutasse la sua offerta e cercasse di colpirlo ancora una volta con il suo funzionamento mano Lei ancora non lo ha deluso.

Questa volta, Alpha le prese il polso sinistro quando cercò di mirare al suo viso. Con un paio di rapidi movimenti, strinse forte la presa sul suo polso e le fece ruotare il braccio, costringendo il suo corpo nella direzione opposta. Quelle due semplici manovre la fecero sottomettere controvoglia. Il suo braccio era disteso con forza. Spostò la mano sul dorso del palmo di lei, in modo che il pollice premettesse forte su di esso. Completò la sua tecnica alzando dolorosamente il braccio di lei. Leah pensava che Alpha fosse pronta a separare l'intero braccio sinistro dal corpo.

Emise un urlo assordante e penetrante. Il dolore che sentiva alla mano destra non era niente in confronto al dolore che sentiva ora dall'intero braccio sinistro. Un altro centimetro in qualsiasi direzione e il suo braccio sarebbe saltato via, sentiva.

I suoi lamenti si trasformarono in guaiti silenziosi. Alpha stava aspettando che si calmasse prima di parlare di nuovo.

"So come ti senti in questo momento. È doloroso, lo so. Non consiglierei nessun movimento improvviso a meno che non ti dispiaccia subire danni permanenti."

Non c'era bisogno di dirlo a Leah. Era già abbastanza difficile non muovere un muscolo.

"Ti dirò una cosa però. Non sono un uomo senza pietà. Ecco."

Alpha ruotò con cautela il suo corpo tenendolo per il braccio. Potrebbe averlo fatto lentamente, ma è stato straziante per Leah. Piangeva per ogni piccolo passo che Alpha faceva.

"Owww! Fermati! Per favore! Mi stai facendo male al braccio!" Le lacrime hanno iniziato a scorrere.

"Va tutto bene, ci siamo quasi."

Hanno ruotato di 30 gradi a destra. Si fermò finché non furono nella posizione in cui voleva che fossero.

"Guarda in alto, tesoro."

Anche alzare la testa era una sfida. La prima volta che ci ha provato, ha abbassato la testa piangendo più forte.

"Rimarremo così finché non vedrai quello che voglio che tu veda."

Leah non sapeva quanto sarebbe durata in quella posizione. Sapeva solo che non voleva essere in quella posizione per un altro secondo.

Ogni centimetro in cui ha forzato la testa le ha causato dolori lancinanti in tutto il braccio. Le grida ei guaiti erano troppo difficili da evitare per lei. Dopo molti sforzi e sforzi da parte sua, Leah è stata in grado di guardare ciò che Alpha voleva che vedesse. Era la porta della cantina. La porta è stata ancora lasciata aperta da Alpha.

"Eccola. La tua porta verso la libertà. Tutto quello che devi fare è liberarti dalla mia presa e puoi andare. Non ti fermerò."

All'insaputa di Alpha, Leah ha cercato di liberarsi dalla sua stretta dolorosa da quando l'ha conquistata in quel modo. Ma anche il più piccolo tentativo di staccarsi era una seccatura. Leah sapeva che Alpha sapeva che non poteva scappare. Questo era il suo modo di tormentare la povera ragazza. La sua unica risposta fu abbassare la testa e piagnucolare ancora un po'.

"Davvero? Per tutto questo tempo volevi andartene. Adesso non te ne vuoi andare?"

Alpha continuava a torturare la ragazza. Non ha detto niente. Ho appena prodotto più lacrime.

"Beh, se non vuoi andare, l'altra opzione sarebbe quella di prendere quello che c'è su quel tavolo lì."

Durante il suo calvario, Leah non ha notato l'oggetto che era sul tavolo accanto a lei. Non si è nemmeno accorta del tavolo che era a portata di mano!

Alzò lo sguardo (dolorosamente, di nuovo) per vedere quella che sembrava una cintura molto piccola. Dopo un'ulteriore ispezione, si rese conto che era una specie di collare. È stato sganciato. Leah sapeva cosa Alpha voleva che ne facesse.

"Questo è un collare speciale fatto apposta per te. Se lo metti, significa che appartieni a noi. Appartieni a questo posto. Farai tutto ciò che ti diciamo di fare o ne soffrirai le conseguenze. E fidati, non vuoi sapere cosa significa".

Leah non aveva intenzione di mettersi quel collare. Ma non appena Alpha terminò la frase, applicò più pressione sulla sua presa. Il dolore era oltremodo insopportabile. Proprio quando pensava che non potesse peggiorare, il dolore è triplicato. Leah gridò ad alta voce seguita da altri pianti.

"Bene?" Alfa ha aspettato.

Leah emise un forte grido. Odiava quanto potere avesse su di lei. Voleva davvero sfidarlo. Si rivelò piuttosto difficile farlo quando le sembrava che il braccio stesse per essere staccato dal suo corpo. Sapeva cosa doveva fare per porre fine a questo tormento. Era l'ultima cosa che voleva fare. Non c'era altra scelta.

Senza guardare, Leah afferrò il colletto. Ha mancato alcune volte prima di atterrare sull'oggetto. Una volta che l'aveva in pugno, Alpha l'ha informata su cosa fare dopo.

"Mettiti il ​​collare. Ma ricorda: una volta che lo indossi, la tua vita appartiene a noi. Faremo di te quello che vogliamo. Se andrai contro di noi, troverai la vita molto più dura di quanto pensassi. Fai la tua scelta."

La mente di Leah le diceva di gettare via il collare. Ma la paura l'ha fatta trattenere. Anche se fosse riuscita a liberarsi dalla sua presa, non c'era modo che l'avrebbe lasciata andare. Ha visto la sua faccia. Tutti i loro volti. Alpha sapeva cosa stava facendo. Non era stupido. Nessuno di loro lo era. Questa non era sicuramente una buona cosa.

Leah voleva pensare ancora un po' alle sue opzioni finché Alpha non avesse continuato ad aggiungere dolore al braccio.

"Prendi una decisione. Non hai tutto il giorno."

Senza più sfida in lei, Leah si avvolse lentamente il colletto intorno al collo.

Leah non ha mai indossato un collare. Mai dovuto. Gli unici accessori che indossava al collo erano sciarpe o collane. Leah non sapeva cosa aspettarsi dall'indossare un collare. Non le ci volle molto per scoprire che era abbastanza difficile indossare l'oggetto con una mano sola.

Per tutto il tempo, Alpha aveva ancora la sua dolorosa presa su Leah. I piagnucolii arrivavano ancora. Era qualcosa che Leah non poteva aiutare. Aveva bisogno di una sorta di sollievo e in fretta. Anche dopo essere riuscita ad avvolgere il collare intorno al collo, aveva difficoltà a legare insieme le due estremità. Un'estremità del collare si inserisce in una fessura all'altra estremità del collare. Una volta collegati, c'era solo un modo per riaprire il collare.

Dopo alcuni, strazianti, minuti, Leah riuscì a collegare insieme le due estremità. Si strinse un po' intorno al suo collo, ma riuscì a respirare bene. Il disagio che ne derivava non era insopportabile. Era qualcosa a cui avrebbe dovuto abituarsi. A cui Leah non voleva abituarsi.

"Molto bene." Alpha non allentava ancora la presa. "C'è solo un'altra cosa di cui ho bisogno da te prima di lasciarti andare."

Questo fece gemere Leah. Il tempo non la stava affatto aiutando ad abituarsi al dolore. In effetti, sembrava che stesse peggiorando le cose! Ha emesso un grido forte, ma breve, indicando la sua angoscia che Alpha conosceva molto bene.

"Prima di lasciarti andare, voglio sentirti dire qualcosa. Questo è tutto. Dopo aver detto quello che voglio che tu dica, lascerò la presa sul tuo braccio e sarai libero dal dolore. Te lo prometto. È quello va bene con te?"

Alpha che fingeva di essere sincero con il benessere di Leah la fece incazzare. Ma lei capiva cosa voleva da lei e sapeva che se lei non avesse assecondato i suoi stessi giochi malati, il suo tormento sarebbe solo peggiorato.

Gocce di sudore le gocciolavano sul viso. Con pochi respiri profondi, annuì vigorosamente con la testa.

"Cos'era? Non ti ho sentito. Devi parlare, cara." Alpha strinse ancora un po' la presa. Leah era stupita che Alpha fosse in grado di aggiungere più dolore al suo braccio. Proprio quando pensava che non potesse andare peggio, Alpha le ha dimostrato che si sbagliava.

"OW!!! S, S!!! OKAY! S! CAZZO!" Leah aveva le vertigini e sapeva che presto sarebbe svenuta. Ma finché Alpha fosse stato in grado di infliggere più dolore nella sua presa professionale, non le sarebbe stato concesso quel misericordioso rilascio.

"Bene. Quello che voglio che tu dica è questo: 'Tu. Sei. Il mio. Maestro.' Una volta che avrai ripetuto quelle parole, ti lascerò andare. Hai la mia parola".

L'orgoglio di Leah è stato praticamente sostituito dalla disperazione. C'era ancora una piccola parte di lei che voleva ribellarsi e mostrargli che non sarebbe stata sottomessa così facilmente. Ma quella piccola parte di lei è stata offuscata dalla sfortunata realtà che è stata picchiata in ogni modo possibile.

Ogni volta che voleva reagire, fallì. Miserabilmente. Tutti gli anni di addestramento per difendersi stavano rapidamente andando a rotoli. Pensava di essere più che capace di respingere tutti i tipi di brividi. Ma questi tre non erano i tipici brividi. Erano qualcosa di diverso. Qualcosa di peggio.

È ovvio che lo fanno da molto tempo. Quanti altri c'erano prima di Leah era un'altra domanda. La loro idea di ferire e umiliare le donne aveva molta più "finezza". Da soli, non sarebbero in grado di gestire le operazioni. Era troppo lavoro per una persona. I tre che lavorano insieme hanno permesso loro di portare a termine con successo i loro atti orribili senza alcuna interferenza da parte di nessuno. Vittime o autorità.

Se sono stati in grado di trattenere Leah per così tanto tempo, e di fare questo ad altre donne in passato, sapevano benissimo come coprire le proprie tracce. Questi erano mostri attenti. Mostri ben disciplinati. Il che li rendeva molto, molto pericolosi.

Questi erano anche quelli che facevano ampiamente i loro compiti. Sapevano chi, cosa, dove, quando e perché, quando si trattava di catturare Leah. Sapevano anche di cosa era capace ed erano preparati anche per quello.

Anche pensando a tutto questo, Leah non riusciva a scrollarsi di dosso una domanda che aveva in mente da un po' di tempo. Se sono così attenti a catturare e proteggere le loro vittime, perché dovrebbero rischiare di rapire qualcuno come lei?

Sicuramente sanno chi è. Leah li ricorda quando hanno detto di riconoscerla dai video che aveva postato. La sua notorietà la rende più desiderabile? Se era così, ipotizzò Leah, da parte loro si trattava di un grosso errore. Potrebbe non essere stata ancora trovata, ma il suo status di popolare videogiocatrice avrebbe ricevuto molta attenzione dopo essere stata via per così tanto tempo.

Era l'unica speranza che le restava di uscire di qui tutta intera. Leah doveva credere che qualcuno si stesse avvicinando di un passo ogni giorno scoprendo dove si trovava. Ma si stava chiedendo se fosse una falsa speranza a cui si stava aggrappando disperatamente. Senza quell'idea positiva, teme che la sua sanità mentale se ne andrà presto.

Leah didn't want to give up. She wanted to keep fighting but it wasn't helping her the least bit. At the most, the only thing she can do is persevere. It's becoming more evident that anything else besides that was pointless. As soon as they knew she was no longer going to put up a fight, they would go to town on her. The fight might be gone from her, but her spirit was still intact.

It was the last thing she wanted to do. At that moment, she understood how victims would give up at a certain point. In her defense, she did not give up so easily. At least that's what she reasons with herself. You'd be surprised how simple your options are when it feels like your entire arm is about to turn into dust.

Leah made her decision. Instead of fighting, she was going to endure. The longer they have their "fun," the more time she gains in securing her rescue. It wasn't going to be easy, but she wasn't going to make it easy for them either.

"Bene?" Alpha asked, making sure his grip hasn't loosened.

"You ... You..."

Leah had trouble saying the words. It wasn't just her concentration being disrupted by the pain from her arm. This was a degradation she never thought to experience. Even knowing what she must do to survive, that proud part of her wouldn't let her say the demeaning words so easily.

"Yes? 'You, ' what?"

Alpha was patient. He was relishing the moment. Leah produced more tears and gritted her teeth before continuing.

"You ... You are ... You are..." Leah was fighting with herself mentally. Her pride arguing with her not to this. Not to give in so easily. It wasn't about giving up, Leah told that part of her. This is about survival. This is about me being smart. I have to make them think they've won. They may think they are different than other typical scumbag rapists, but they're all the same. Once they think they have defeated me, they will let their guard down. And that's when I make my move.

" ... My master."

Her heart felt heavier saying the last two words. She was mentally telling herself to be strong.

"Buono."

Not a millisecond later did Alpha finally let her go. For a moment, Leah feared the worse, thinking he dismembered her arm from her body. It wasn't until she saw her arm did she realize it was still attached. Falling down to the cold concrete, Leah curled her arm close to her body gripping her hurt wrist with her other injured hand. The pain took its time melting away from Leah's arm. Rubbing it furiously didn't seem to do the trick but it was all she could do.

Her breathing was short and heavy. Closing her eyes, she concentrated on calming down and focusing on getting rid of the pain. Alpha just stood there watching her recover from the arm abuse he inflicted. A small smile grew on his face as he kept staring at the poor girl. The fight session was something new for him. The previous girls also put up a fight but they were nowhere nearly as skilled as Leah was. She put up an impressive fight, but she had no idea what kind of training he had in his background. In due time, he would tell her all about it.

Alpha folded his arms behind him before he spoke again.

"I need you to stand up, Leah," Alpha commanded.

Leah didn't move. Her arm was feeling better but she didn't want to do anything more for the bastard that was hurting her. Physically, she was recovering fine, but her pride was still hurt. Even though she agreed with herself to comply with the sick games in order to survive, her pride was still getting the best of her. It was telling her that if these assholes wanted to make her do something she did not want to do, then they were going to have to do it themselves. She continued to lay in a fetal position, clutching her arm.

"Last time I'm going to say it: stand up." His tone may not have changed but Leah could tell he was being serious. The only thing she did was open her eyes to look up at him. She wanted to be ready for anything he was about to do. At the moment, Leah believed she had some advantage. She would pretend to be weaker than she looks so that when he approached her, she would attack him in the last second.

After considerable time had passed, Alpha didn't move from his spot. His smile just got a little wider. He proceeded to take something out of his pocket. It was a small remote control.

"That's okay. It's more fun to use this anyway." With that he pressed one of several buttons from the remote.

Leah's eyes widened with horror when she felt the collar around her neck tightened. Her airway was severely constricted, making her unable to breathe. Without taking in a huge breath before restricting her to breathe, Leah had very little air to keep her conscious. She clawed at her collar, hoping it would be easy to take off. While trying to take the collar off, her whole body was shaking and writhing uncontrollably. The collar was wrapped so tightly around her neck she was not able to dig her fingers inside her collar. The only thing she succeeded was giving herself nasty scratches on her neck.

"If you want to be able to breathe again, all you have to do is stand up, Leah." Alpha said calmly. His words went into one ear and out the other. She was trapped in her own hell within hell as her struggling doubled. It reminded her of her session with Buddy when he forced herself to dunk her head underwater. Not being able to breathe was a big fear for Leah. This was a new kind of torture, however.

Leah barely heard what Alpha said but she pieced together that he would let her breathe again if she just stood up. Her struggling didn't die down as her conscious was slowly failing her. She almost welcomed being rendered unconscious again by these monsters. It did cross her mind that knocking her out this way was not good for her. She had heard of cases of head trauma that was a result from numerous unconscious states. If this continues, she may not be able to get out of here in once piece.

With a last bit of effort, Leah quickly shot up to her feet still clutching the collar for dear life. Sounds of gasps and squeals came out of her mouth. Her vision was starting to get blurry. As soon as she was on her feet, Alpha pushed a button from his remote which in turn loosened the collar's grip around her neck. Leah sucked in a big amount of air before she coughed coarsely.

It was tempting to fall back down, but didn't want to risk being suffocated again. So she settled in resting her hands on her knees, keeping her head down.

"See? That wasn't so hard, was it?" Alpha teased.

Leah didn't look up at him. In her mind, she cursed him. Without saying a word, she continued to take in deep breaths, working on controlling her breathing.

"The next part will also be easy." Leah was very doubtful about that. She didn't want to look defeated in front of him, so, with all the strength and pride she could muster, she straightened herself up looking at her captor straight in the eye. Alpha felt the daggers shooting from them.

"Striscia."

It was a simple command, but Leah was in no hurry to be naked again. It was something she never got used. Todd was the only boy in her life who saw her naked. She made up her mind that he was going to be the only man in her life who had this privilege. Now, not only has other men seen her naked, but these were the most atrocious scumbags she ever had the displeasure of meeting. The longer she could hold out being naked in front of them again, the better.

Alpha held up the remote, letting her know he was ready to use it again. She focused on his finger on the button. She would be ready to take a deep breath before he pressed it again. When Alpha felt he had given her sufficient time to obey him, he pushed the button. Leah didn't notice it the first time, but the first button he pushed was not the same button he pushed now. It was another unfathomable painful feeling Leah had ever felt. It felt as if a thousand needles were plunging her entire body over and over again.

Her body tensed up before dropping to the ground like a sack of potatoes. She squirmed wildly on the ground as the collar produced continuous electric shocks throughout her whole body. Alpha held his finger on the button for only ten seconds. Each second was an eternity for Leah.

In all honesty, it did nothing for Alpha to see his slaves in pain or tortured. It was their compliance that did it. And like dogs, the only way to train a slave is through special conditioning. He would give them the opportunity to help themselves, but he was not going to make it easy for them. It would have shocked Leah (besides the collar) that Alpha would've genuinely kept his word had she been able to best him and escape from her predicament. Anyone who was willing to work hard for whatever they wanted deserved what they got in the end. Yet, this fact will never be known to Leah. She already made up her mind that Alpha was a sick son-of-a-bitch who got his kicks in torturing women physically and mentally.

With the collar no longer electrocuting her, Leah's body relaxed on the cold ground. A new layer of sweat covered her entire body. Her heavy breathing also returned, as did her sobbing. It was all too much for her to resist her crying. It was the only outlet she could use.

"That was only 30%. If you don't wish to find out what it feels like when the percentage is higher, I suggest you stand back up and take off your clothes like the obedient slave you are."

Alpha returned his hands behind his back, waiting. Leah let out an angry yell. It wasn't out of fear, but more of rage. She wasn't only fighting against the three men, but with herself as well. She wanted her pride to go away just for the time being so she could do whatever sick acts they wanted her to do. It was easier said than done.

She very much wanted the floor to swallow her up. As much as she pressed her body on the ground, it wouldn't happen. Leah banged her fist on the ground out of frustration, before standing back up. Looking at Alpha with the same defiant look, only with tears coming out of her eyes.

"Bene?" Alpha didn't sound impatient. He was still enjoying the moment.

Leah was imagining the girls they had before her. They were probably all scared shitless and cried constantly. Leah did not want to give them the same satisfaction but it was dawning on her how hard this really was. She pictured them having to undress before them because they had no other choice. It was probably how these fuckers liked it: slow and scared.

With that in mind, she rapidly stripped away all her clothes. It took less than thirty seconds for her to strip away the jacket, t-shirt, jeans and the shoes. Once again, Leah was naked in front of one of her three captors.

"IS THIS WHAT YOU WANT?! HUH?! IS THIS WHAT YOU FUCKING WANT, YOU SICK MOTHERFUCKER!?!? TAKE A GOOD FUCKING LOOK BECAUSE I AM GOING TO KILL YOU WHEN I GET THE CHANCE!!! I SWEAR TO GOD I'M GOING TO KILL ALL OF YOU!!!!! YOU WILL NEVER GO TO PRISON BECAUSE I WILL-

Leah dropped to ground before she could finish her sentence. Alpha once again electrocuted her thanks to the collar and remote.

"That's enough. You made your point."

He cranked up the voltage to 50%. It would be enough to keep her quiet for a while. This time he kept it on for thirty seconds. Leah repeated her thrashing much like the first time. Alpha took this opportunity to walk to the cellar door that was still open, only to close it. He had to walk around the Leah making sure he did not get in the way of her twisting and writhing. When he walked back, he turned off the device.

Leah's collapsed back to the ground. She was a hot mess. Her body was in serious turmoil and did not know if she would be able to survive another shock like that. It was much worse than the first time. In her mind, she already concluded she would do or say anything to avoid another electrocution. It was that unbearable.

Leah rolled over to her side, trying to form her body in a fetal position. Alpha went up and knelt next her.

"I understand your need to lash out, both physically and verbally. It's in your nature to do so. I'm sure you noticed Kenny and Buddy don't give you much leeway on that. They don't tolerate it as much as I do. The reason I let you get away with it is because I believe in fairness. If you really wanted to get out of here, you would've subdued me and walk out that door."

More like kill you, Leah thought.

"I have been more than generous giving you plenty of opportunities, but you just don't seem to want to follow through. I'm starting to question if you really do want to get out of here?"

She had nothing to say to him. It was obvious he was toying with her. This was his sick way of messing with the victim's psyche. If he really thinks she was going to trick her into thinking she wanted to be there, then he was more stupid than she thought.

"Well, as long as you're here, we might as well train you as the proper slave you are meant to be."

Please, she was telling herself, please stay down. Leah wasn't telling herself to stay rebellious. She was talking to her pride, telling it to stay down. That part of her needed to go away. Just temporarily. If it didn't, it would get her into a whole lot of trouble. These animals would never put their guard down if she continued to fight them. She did not know how long it would take before they would slip, but she knew she needed to comply long enough for them to believe they have broken her.

It was the only plan she could think of. It wasn't the best plan, but her resources were severely restricted. She will choose not to like it but she will also choose to live. These were the type of monsters that took great pleasure in seeing women suffer in all sorts of unimaginable ways. Leah knew it was going to be a harrowing ordeal, but will not break for them. They may get satisfaction from torturing her physically but mentally she will stay whole. Her spirit will not break for them.

The only other way to escape this nightmare was in her mind. She will imagine a safe haven, somewhere far from this place. The only time she will come back is when she is finally rescued. That's her plan.

Without being told to, Leah slowly stood back up. Alpha followed suit. It was more evident her body was covered in sweat. Her raven hair was sticking to her face because of it. She was definitely a sight to see. Too beautiful to waste time on playing video games, Alpha thought. Everything about her screamed of sex; her toned body figure, ample tits that looked as if she was wearing an invisible push-up bra, small waist with a tight stomach, and thighs and ass that would make any man want to take a bite out of. Leah may have been completely nude for his viewing pleasure, but Alpha stared only straight into her eyes as she stood up.

Had his stare been more piercing, he would've been looking right into her soul. Instead of giving a defiant look, Leah only gave him a blank expression. It wasn't easy. Still not willing to look defeated or exhausted, even if the feeling was too much.

Atta girl. Don't make it too easy for us just yet.

Standing tall and strong, not caring she was naked again in front of Alpha, Leah waited what he had planned for her next.

Alpha gave enough time for Leah to recover before he resumed to train his new slave more properly.

"Now then, shall we begin?"

Storie simili

Il debito lesbico (capitolo 5) - Le prime sessioni di Mayim

Capitolo 5 LE PRIME SESSIONI DI MAYIM Laura è andata in bagno verso la fine della giornata di lavoro e ha preso le pillole che le aveva dato il dottor Windred. Le ricordarono quanto fosse stata eccitata quella mattina, una eccitazione che non aveva mai soddisfatto, e per un momento pensò di rinchiudersi in un gabinetto e di sbronzarsi. Ma non si fidava di se stessa per masturbarsi al lavoro senza essere beccata, e comunque Amy le aveva detto di non giocare con se stessa prima di presentarsi in clinica. Quindi ha appena lasciato il lavoro, la sua figa già bagnata...

81 I più visti

Likes 0

Tette enormi

Il mio primo incontro con il sesso è avvenuto quando avevo 14 anni. Per cominciare il mio nome è sara e avevo delle tette enormi per la mia età. Ero praticamente un'adolescente, non mi piacevano molto le cose femminili. amavo e praticavo tutti i tipi di sport. lascia che mi descriva allora, avevo 5'4 115 capelli castani e occhi verdi. avevo un corpo molto femminile con tette 36d. beh, ogni ragazza sa che praticare qualsiasi sport con tette enormi può causare problemi.quindi li odiavo con passione.il giorno in cui tutto è iniziato, sono appena tornato a casa dall'allenamento di calcio e...

393 I più visti

Likes 0

Condiviso con lo sperma: Amanda usata?

Capitolo 1 Rivelato Cumslut Chiunque incontri Amanda pensa che sia una donna molto bella e intelligente con alti standard personali e un atteggiamento serio nei confronti della vita. E lei è quello, ma solo fuori dalla camera da letto! Di media statura, con capelli castani fini e ben arricciati, Amanda ha un corpo attraente e ben proporzionato creato da un'infanzia di nuoto agonistico e atletica leggera, e mantenuto da un interesse adulto per la danza e il netball. Le sue gambe sono proporzionate e ben tonificate, i suoi fianchi ben fatti, la sua vita stretta con una pancia liscia e i...

475 I più visti

Likes 0

Kerri e Angie (Capitolo 2 - Il turno di Mel)

Questo è il secondo capitolo della mia serie. I nomi delle schermate inclusi in questo SONO FALSI. Kerri ed io eravamo migliori amiche ma due sere prima eravamo amanti, entrambi abbiamo vissuto la nostra prima esperienza lesbica. Anche se poteva sembrare che questo avrebbe reso la nostra relazione imbarazzante, ci ha quasi reso più forti per quanto riguarda l'amicizia. Eravamo entrambi così eccitati che quando ci siamo parlati al telefono sabato sera abbiamo fatto sesso telefonico appassionato, parlando dei nostri altri desideri profondi e pianificando la prossima volta che saremmo stati insieme, da soli. Lunedì è arrivato. Ho camminato lungo l'atrio...

422 I più visti

Likes 0

Il fidanzato di mia sorella

Il fidanzato di mia sorella di Larry Malone Anche quando ero molto giovane, amavo giocare con il mio buco del culo. Sono sempre stato, quello che ho scoperto in seguito, chiamato erotismo anale. Mi è piaciuto avere qualcosa nel mio piccolo buco del culo. È iniziato quando mia madre ha infilato un dito lubrificato con vaselina nel mio buco per facilitare l'inserimento di un clistere quando ero davvero piccolo. È stato così bello che ho sempre cercato di duplicare quella sensazione con il mio dito, il beccuccio del clistere, le carote, i bastoncini lisci e man mano che crescevo, la testa...

477 I più visti

Likes 0

Cinema_(1)

Sono stato fortunato ad essere giovane negli anni '70 per godermi i cinema di sesso. Avevo 25 anni mia moglie aveva 34 anni sposata e divorziata con 3 figli da uomini diversi. È una bionda con un trucco occhi blu e nero molto aspro.34.24. 36..eravamo nel nord di Londra a fare shopping un sabato. Passammo davanti a un vecchio cinema chiuso che si trasformò in sala bingo e poi tornammo al cinema per i film porno. così, invece di fare shopping, ha comprato una minigonna di cotone attillata giallo brillante e un tubo abbinato. Siamo andati a casa, si è truccata...

431 I più visti

Likes 0

The Rogue's Harem Book 2, Chapter 10: The Hermaphrodite's Passion

L'harem del ladro Libro due: L'harem malvagio di Rogue Parte dieci: La passione dell'ermafrodita Con il mio pseudonimo3000 Diritto d'autore 2018 Nota: grazie a B0b e WRC 264 per la versione beta di questo. Capitolo ventotto: Ispirare l'arte cattiva Sven Falk - La foresta di Lhes, Le terre di conflitto di Zeutch La dolce bocca di Nathalie è stata meravigliosa mentre succhiava il mio cazzo per ripulire i succhi della figa di Aingeal, le sue trecce che si riversavano sulle mie cosce. Gemevo, il piacere correva su e giù per il mio cazzo mentre guardavo l'aoi si. Il suo cazzo si...

517 I più visti

Likes 0

Club Gomorra. La saga delle femminucce. Prologo Giorno Zero.

Scorri la tana del coniglio. Mi chiamo Ryan Everest, sono un maschio di 22 anni, il mio colore di capelli è castano scuro, arriva quasi alle spalle, ho gli occhi di colore verde e sono alto poco più di un metro e ottanta, non sono il più dotato ma ne parlerò più in dettaglio più avanti. Da dove comincio... beh, immagino che il posto migliore per iniziare sia il giorno in cui ho incontrato Lady Gomorra... Era solo un altro giorno. Una giornata trascorsa seduta al laptop, saltando da un blog porno Tumblr all'altro. Non riesco nemmeno a ricordare come sono...

462 I più visti

Likes 0

FAMIGLIA DI 4_(0)

[b]FAMIGLIA DI 4, FAMIGLIA INSIEME Mia moglie Pari, sua sorella minore (di un anno), Ara, e la loro madre, Mae. 3 Signore – e io, uomo di casa per così dire, la nostra Famiglia. È diventato un ruolo piuttosto estenuante. Dove viviamo in Asia, io sono uno straniero, nato nel sottosuolo. Ma ormai vivo da molto tempo in Asia e capisco quanto sia importante la Famiglia. Nel caso della famiglia di mia moglie, suo padre è morto (per malattie legate al fumo e all'alcol) più di 15 anni fa; da allora, le 3 Signore sono state insieme, nonostante i singhiozzi e...

94 I più visti

Likes 0

Intervista Privata

Ci sono molti vantaggi nell'essere il presidente del consiglio di amministrazione di un conglomerato internazionale, belle donne single e divorziate adulatrici ai tuoi piedi, dirigenti emergenti che lavorano nel lontano impero e le loro mogli. Due volte all'anno tengo una convention a New York per incontrare questi dirigenti e le loro mogli. L'affare solo su invito si svolge in un hotel a 5 stelle, riservo dieci piani di camere e suite per i dirigenti. Ho anche sei inviti inviati a donne che mi hanno colpito o che hanno attirato la mia attenzione in un ristorante o in qualche altra gita. Stasera...

683 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.