The Rogue's Harem Book 2, Chapter 10: The Hermaphrodite's Passion

533Report
The Rogue's Harem Book 2, Chapter 10: The Hermaphrodite's Passion

L'harem del ladro

Libro due: L'harem malvagio di Rogue

Parte dieci: La passione dell'ermafrodita

Con il mio pseudonimo3000

Diritto d'autore 2018

Nota: grazie a B0b e WRC 264 per la versione beta di questo.

Capitolo ventotto: Ispirare l'arte cattiva

Sven Falk - La foresta di Lhes, Le terre di conflitto di Zeutch

La dolce bocca di Nathalie è stata meravigliosa mentre succhiava il mio cazzo per ripulire i succhi della figa di Aingeal, le sue trecce che si riversavano sulle mie cosce. Gemevo, il piacere correva su e giù per il mio cazzo mentre guardavo l'aoi si. Il suo cazzo si ridusse in un piccolo clitoride, svanendo nelle pieghe rosa della sua figa. La sua pelle aveva un colore così unico. Così scuro. Più nero anche allora il colore di una danzatrice del ventre halaniana. Si sedette all'ingresso della tenda, i suoi grandi seni che si alzavano e si abbassavano, i suoi occhi gialli si spostarono su di me.

Erano piatti, imperscrutabili. Cosa le è passato per la testa? Cosa pensava dell'harem? Era appena apparsa dal nulla. Il suo arrivo era stato tempestivo, ma non si sentiva di appartenere a noi. Si sedette in disparte dall'harem.

Ha suscitato in me dei desideri così strani. Quando ha tirato fuori il cazzo, scopando, è stata una delle cose più calde del mondo. Il suo corpo femminile, le sue tette così grandi e generose, contrastavano con il suo cazzo. Le sue tette si sollevavano mentre spingeva, il suo viso si contorceva, i suoi gemiti così morbidi e meravigliosi. Mi ha fatto palpitare e contorcersi il cazzo nella bocca di Nathalie.

Il forte sbadiglio di Kora attirò la mia attenzione. Mia sorella si coprì la bocca mentre inarcava la schiena, i suoi seni tremolavano davanti a me, l'amuleto di rubino che ondeggiava tra di loro. I suoi capezzoli, in cima a quelle tette paffute, si spingevano duro e rosa davanti a lei, la vite in fiore che le avvolgeva il seno sinistro. Il suo sbadiglio si trasformò in un gemito afoso. I suoi occhi svolazzarono per un momento.

Poi il suo sguardo zaffiro si posò su di me.

Mi sorrise, la stanchezza sul suo viso svanì. Si avvicinò strisciando a me, le sue tette che ondeggiavano davanti a lei, una delle sue due trecce che le scivolava dalla spalla per penzolare davanti a lei, una corda d'oro che oscillava avanti e indietro. Mi raggiunse, premendo il suo corpo contro di me mentre Nathalie continuava a succhiare. Il piacere mi ha attraversato, le labbra di Nathalie si sono sigillate strettamente attorno al mio cazzo e mi ha adorato.

"Vuoi scoparla, vero, fratello mio?" Kora fece le fusa, le sue labbra quasi toccarono il mio orecchio. I suoni della foresta, il grido di un gufo e il fruscio degli alberi, si attenuarono mentre la mia lussuria aumentava.

"Nathalie?" chiesi, fissando la ragazza mentre mi amava. La mia schiava del sesso mi guardò con i suoi occhi azzurri, i suoi fianchi si dimenavano da un lato all'altro mentre muoveva la bocca ancora più velocemente. La mia attenzione sembrava ispirarla a succhiare più velocemente. "Sempre."

Kora mi ha morso l'orecchio. “Non essere ottuso. Ealain.

I miei occhi tornarono all'aoi si. Mi fissava, i suoi occhi gialli correvano su e giù per il mio corpo nudo. Si appoggiò allo schienale, i suoi seni morbidi ondeggiavano. I suoi capezzoli erano scuri come la sua pelle, due punte di ossidiana che spuntavano dai suoi seni che le facevano segno.

“Sì,” ammisi. Ealaín voleva scoparmi? Non mi guardava come una donna che vuole essere scopata. Sembrava... scrutare. Come se stesse studiando me, una filosofa che esamina un nuovo testo. Avevo visto uno sguardo simile negli occhi degli studiosi del College of Az che meditavano su una nuova idea, valutando se gli piaceva o no.

"Allora vai e goditela." Kora agitò l'orecchio. “Lei è eccitante. Lei mi piace. Voglio che voi due andiate d'accordo.

"Ha quelle grandi tette", ho detto mentre Ealaín ha aperto le cosce, un gesto di benvenuto.

"E tu ami quelli, fratello mio."

Nathalie ha succhiato più forte.

Le ho accarezzato i capelli. "Mi piacciono anche le tue piccole tette."

Ha emesso un piccolo piagnucolio sul mio cazzo. Poi fece scivolare via la bocca con uno schiocco umido. "Lo so che lo fai, maestro."

"Adora le nostre piccole tette", ha detto Zanyia, sollevando il viso dalle cosce di Aingeal, il mio sperma e i succhi di figa della fata le macchiavano il viso.

"Vai a scoparla, marito mio", disse Aingeal, con uno scintillio birichino nei suoi occhi. "Sai che vuoi picchiarla."

"Pervertito arrapato", ha detto Kora e mi ha morso l'orecchio.

Ealaín fece scorrere le mani lungo le cosce fino alle pieghe bagnate. Lo sguardo nei suoi occhi, pur continuando a farmi sentire come un testo esaminato per la sua accuratezza fattuale, era anche invitante. La rugiada luccicava sulle labbra rasate della sua figa, le sue labbra grasse e carnose, le sue delizie rosa che facevano capolino tra di loro.

Il mio cazzo pulsava. Mi sono avvicinato a lei, il mio cazzo ondeggiava forte davanti a lei. La semidea emise un gemito fusa che mi ispirò a raggiungerla più velocemente. Il racconto confuso di Zanyia mi ha sfiorato il fianco mentre le passavo accanto, il sedere stretto della lamia si dimenava avanti e indietro mentre banchettava con la figa di Aingeal.

«Sven», disse Ealaín. "Dobbiamo ispirare tua sorella con un po' di passione?"

"È tutto ciò a cui pensi?" le chiesi, toccando con le mani le sue cosce toniche. Aveva forza sotto la sua pelle setosa. Feci scivolare giù le mani, amando la sua sensazione mentre inspirava un respiro profondo, le sue grandi tette tremolavano e ondeggiavano.

“È il mio scopo. Sono la sua musa ispiratrice". Mi ha leccato le labbra. «Tua sorella ha talento che va coltivato. E voglio solo vederlo sbocciare. Non è vero?"

“Sì,” risposi senza pensarci. Una fitta di senso di colpa mi pervase. Avevo trascinato Kora in questo pasticcio. La mia relazione con la principessa Ava aveva portato il principe Meinard a uccidere i nostri genitori e la nostra sorella. Era una fuggitiva a causa mia. Avrebbe potuto lasciare il paese, trovare un altro tempio di Rithi in cui studiare. Ma è rimasta con me, volendo aiutarmi a distruggere il principe Meinard.

Quindi si meritava di creare la sua arte. E se Ealaín poteva aiutarla, allora... bene.

"Voglio vedere la sua arte fiorire", dissi mentre appoggiavo il viso sul seno grande di Ealaín.

Le sue braccia scure si avvolsero intorno al mio collo, attirandomi in quelle tette generose. Gemetti mentre si sentivano così meravigliosamente sulla mia faccia. Ho spremuto quei morbidi monticelli, premendoli nel mio bacio. Ho respirato il suo profumo, dolce e femminile. Rabbrividii, il mio cazzo pulsava mentre le mie labbra mordicchiavano le pendici interne dei suoi seni.

Gemeva, la sua schiena si inarcava, il suo corpo si contorceva e si contorceva mentre io amavo le sue tette. Ho mordicchiato e succhiato la sua carne, amandola, facendola impazzire. Baciai e gemetti, la testa che si contorceva avanti e indietro mentre amavo i suoi seni. Le mie mani le strinsero, le mie dita affondarono nei loro meravigliosi tumuli. Scivolarono fino al suo apice e le sfiorarono i capezzoli.

Emise un gemito di puro piacere femminile. La mia fiducia si è gonfiata sentendo quel suono. La sua reazione. Le sue braccia si rilassarono attorno al mio collo, le sue mani che mi spingevano lungo la schiena. Le sue dita accarezzarono la mia carne, esponendomi, mandando fuoco a correre attraverso il mio corpo.

Il mio cazzo pulsava.

"Mmm, sì, tua sorella ci sta guardando", fece le fusa l'aoi si. La sua voce ora suonava come una passione liquida. "Si sta ispirando così tanto a guardarti giocare con le mie tette."

“Sono grandi tette,” gemetti mentre le mie dita le pizzicavano i capezzoli con forza.

Ha piagnucolato, un suono che mi ha fatto pulsare forte il cazzo. Ho fatto rotolare le sue protuberanze tra le mie dita, torcendole. Ho allungato i suoi cumuli di cuscini tirandoli. Alzai il viso dai suoi seni, osservando il suo seno che tremava e ondeggiava.

Ho rilasciato le sue protuberanze e ho adorato il modo in cui tornavano alla loro forma normale. Le sue unghie mi hanno graffiato la schiena. Lei voleva questo. Le ho dato piacere. Adoravo dare estasi a una donna. Non c'era niente di più eccitante che regalare felicità a una donna. Per farla rabbrividire, gemere e gemere. Per dominare il suo corpo con la mia abilità. Le donne non erano come gli uomini. Semplicemente non sono venuti da una piccola stimolazione.

Dovevi giocare con i loro corpi.

Le mie mani si spostarono dal suo seno mentre mi chinavo e le succhiavo il capezzolo. Le mordicchiai la protuberanza grassa con le labbra, poi le feci scorrere la lingua intorno. Emise un altro gemito mentre affondava di nuovo il suo corpo sul letto.

L'ho seguita, il mio cazzo palpitante e dolorante.

Ho succhiato e rosicchiato le sue protuberanze, adorandole mentre giocavo con lei. Le accarezzavo i fianchi e il corpo. Ho adorato la sensazione setosa della sua pelle. I suoi gemiti diventavano sempre più forti mentre amavo il suo capezzolo. Ho succhiato più forte, inghiottendo la sua aerola.

“Sven,” gemette mentre le mie dita le accarezzavano lo stomaco. “Oh, sì, sì, ispira tua sorella! Mostrale la tua passione. Fammi venire.

“Sì, fratello mio,” gemette Kora, la voce roca. Scommetto che Nathalie ha giocato con il suo corpo, amando mia sorella come ha fatto con me. “Mostrami la tua passione. Falla venire come fai con tutte le troie.

“Ooh, è bravo in questo,” disse Aingeal, la sua voce così gutturale, Zanyia che faceva le fusa mentre leccava ancora la fica di mia moglie fatata.

La passione nella voce di mia sorella e la fiducia in Aingeal hanno mandato un brivido caldo attraverso il mio corpo. Ho scambiato i capezzoli, attaccando l'altro. Ho succhiato la maggior parte della sua protuberanza e areola nella mia bocca mentre le mie mani le giravano lungo i fianchi e le spingevo tra le cosce.

Ho sentito la carne rasata della sua figa con entrambe le dita. Gemeva più forte mentre la accarezzavo. Le mie dita accarezzarono la sua carne succosa. Ho esplorato le sue grosse labbra, accarezzando le sue labbra gonfie tra le mie dita. Il suo succo ricopriva le mie dita, la sua passione appiccicosa e dolorante per essere goduta.

Mi sono lamentato della sua protuberanza mentre le infilavo un pollice nella fica. Sono sprofondato nelle sue calde profondità. Le sue pareti si schiacciarono su di esso, il mio cazzo pulsava di invidia. Volevo essere in lei. Scopandola. Volevo infilare il mio cazzo nelle sue profondità liquide e farla esplodere.

“Oh, sì, Sven,” piagnucolò. “Oh, ecco tutto. Mostra a tua sorella la tua passione.

Ho spinto anche il pollice dell'altra mano nelle sue profondità. Li ho pompati dentro e fuori di lei, amando il calore setoso della sua fica. Gemevo per il suo capezzolo, succhiando e mordicchiando quella protuberanza grassa, dandole più piacere.

Tremava e gemeva, la sua passione echeggiava attraverso la nostra tenda, mescolandosi con Kora e Aingeal. La sua voce si fondeva con la passione del mio harem. I suoi occhi color citrino sbattevano, la sua testa si spostava da un lato all'altro mentre la sua figa si serrava sui miei pollici.

“Ooh, sta per esplodere,” gemette Aingeal. “Fatela venire. Mostrale la tua abilità.

Ho strappato i pollici dalla figa di Ealaín e ho infilato tre dita nella sua fica. Li ho pompati dentro e fuori dalla sua fica velocemente e con forza. Le ho morso forte il capezzolo. Sussultò e gemette, la sua presa si strinse intorno alle mie dita che si tuffavano.

“Sì,” gemette. «Oh, sì, è così. Oh, sì, fallo. Ispira tua sorella... Ispira me! Le dita talentuose di Rithi!

Il suo corpo si contrasse. La sua figa tremava per le mie dita. La sua carne calda si contraeva intorno alla fica. Il mio pollice strofinato sul suo clitoride mentre il suo orgasmo si riversava attraverso di lei. Il suo corpo si contrasse mentre gemeva e boccheggiava. La sua carne si contorceva intorno a esso. Il piacere esplose attraverso il suo corpo. Le sue tette tremolavano sotto la mia bocca.

Le mordicchiai e le succhiai la protuberanza grassa mentre gemeva e boccheggiava. La sua fica ebbe uno spasmo intorno alle mie dita, mungendomi le dita. La sua presa da succhiare mi ha fatto male il cazzo. Volevo essere in lei, scoparla così forte, mostrare la sua passione. I suoi gemiti gridavano, ne avevano bisogno.

Strappai le mie dita dalla sua presa e salii su per il suo corpo convulso.

"Sì, sì", gemette. “Dio, ne ho bisogno. Mettilo dentro di me e... il talento straordinario di Rithi!

Affondai nella sua carne in preda agli spasmi. gemetti, amando la sensazione di sprofondare nella figa di una donna. Per sentire già il suo piacere contorcersi intorno al mio cazzo e sapere che gliela avrei dato ancora di più mentre spingevo via la sua fica. Ho seppellito fino in fondo in lei. Le strinsi i seni con le mie dita appiccicose mentre fissavo i suoi occhi color citrino.

"Ti piace, eh?" le ho chiesto, spingendo via i miei fianchi. "Il mio cazzo che ribolle quella fica succosa."

“Sì,” gemette, le sue cosce che si stringevano intorno alla mia vita. Mi strinse forte a sé, le punte dei suoi seni, quei capezzoli duri, strofinandomi sul petto. “Metti quel cazzo dentro. Fammi venire. Continua a ispirare Kora!”

“Sei solo la mia troia, vero? Sei la mia troia aoi si!

"Ho proprio ora!" gemette, le sue dita che affondavano nella mia schiena, le unghie che si graffiavano. Le sue cosce si strinsero forte intorno alla mia vita mentre si sollevava nelle mie spinte. La sua figa ha succhiato il mio cazzo, i suoi orgasmi si increspano ancora e ancora attraverso il suo corpo.

Le mie palle, doloranti di sborrarle dentro, schiaffeggiavano più e più volte la sua contaminazione. Ho adorato quel thwunk carnoso. Strinsi le sue tette, premendo la mia fronte contro la sua, fissando quegli occhi gialli. Una tale passione ardeva in loro.

Passione che ho ispirato.

Ho spinto dentro di lei con tutta la mia forza, stimolando la sua figa con il mio cazzo. La sua guaina calda si contrasse più forte, stimolandomi. La punta del mio cazzo faceva male e pulsava mentre l'attrito mi accarezzava, succhiandomi le palle. Sono diventati sempre più stretti.

“Ti inonderò la fica,” ringhiai. "Questo è ciò che vuoi."

"Questo è ciò che vuole Kora!" gemette, la sua voce così piena di piacere. "Fallo! Sborrami dentro! Riempimi del tuo sperma per l'arte di tua sorella!”

Gemevo e mi seppellii nelle sue convulse profondità. Le sue profondità setose accarezzavano il mio intero albero. Il suo calore è salito lungo il mio albero fino alle mie palle. La stimolazione mi ha attraversato. Ringhiai mentre la mia schiena si inarcava, il mio sperma ribolliva.

E ha dato alla troia quello che voleva.

Il mio sperma schizzò nella sua fica. La sua figa ha munto il mio cazzo, spasmo sempre più forte. Ogni esplosione mandava estasi in me. La tenni stretta a me, schiacciandola al mio petto, i suoi seni morbidi come un cuscino. Grugnivo ad ogni scoppio, il piacere che mi attraversava il corpo.

Lo amavo. Goduto in esso.

"Fratello mio!" Kora piagnucolò. “Ooh, è così caldo. Le stai riempiendo la fica con tutta quella sborra. È fantastico."

"Sì!" gemevo, le stelle danzavano attraverso i miei occhi. "Dio, sì."

Ealaín piagnucolava sotto di me, la sua figa strizzava le ultime gocce del mio sperma. Un sorriso le giocava sul viso. I suoi occhi svolazzarono, vitrei per un momento, poi si concentrarono su di me. Il suo corpo si mosse e si contorse sotto di me.

«Sei abile, Sven. Una tale ispirazione per tua sorella. I suoi occhi divennero di nuovo attenti, calcolando, come se non l'avessi appena fatta sborrare ancora e ancora.

Cosa stava pensando?

"Fottimi adesso, maestro!" urlò Zanyia, atterrando accanto a noi, la faccia appiccicosa con i succhi di figa di Aingeal. "Per favore. Voglio provare il suo cazzo, maestro. Mi guardò con i suoi occhi dorati da gatto.

Non potevo dirle di no.

Capitolo ventinove: La passione dell'ermafrodita

Ealain

Ho lasciato che il mio clitoride germogliasse. Rabbrividii mentre la mia protuberanza diventava più spessa e più dura. La sua carne rosa si scuriva per adattarsi alla mia pelle di ossidiana mentre si gonfiava sempre più grande. Spinse il culo dimenante della lamia, la sua coda che si agitava avanti e indietro, la pelliccia fulva che dava una sensazione di solletico sul mio seno mentre il suo manicotto di pelliccia faceva cenno al mio cazzo.

Fece le fusa mentre succhiava rumorosamente il cazzo di Sven, le sue orecchie che si contraevano in evidenti segni di godimento. Kora ha osservato, bevendo nelle nostre azioni, fornendole più ispirazione per la sua arte. Ma quante delizie uniche potrebbe creare se rimanesse nell'harem di Sven, scopando lo stesso uomo e le stesse donne ancora e ancora? Sì, ho fornito una nuova esperienza.

Ma nemmeno io potrei ispirarla a realizzare opere uniche per sempre.

Il suo attaccamento a suo fratello era... malsano. Come poteva vivere di più incatenata al suo harem? L'amore poteva fornire bellissime opere d'arte, ma non era certo l'unica emozione che poteva creare maestà. Ciò potrebbe aiutare a scoprire il mondo e toccare le anime di coloro che hanno assistito alle sue creazioni.

Mentre Kora tremava sulla bocca leccata di Nathalie, l'amuleto che oscillava tra i suoi seni attirò la mia attenzione. Questo doveva essere affrontato prima. Doveva essere la loro priorità. Non la loro meschina vendetta su questo principe Meinard. Il dolore che ha causato potrebbe spingere nuova arte, ma questa ricerca di vendetta non ha fatto nulla per portare nuova bellezza al mondo.

"Vuoi scopare la mia piccola lamia?" chiese Sven, la voce tesa dal piacere di succhiare la sua schiava del sesso. "Lei è una cosa eccitata."

Zanyia fece le fusa ad alta voce sul cazzo di Sven.

Rivolsi la mia attenzione alla lamia. La sua figa gocciolava succhi lungo le sue cosce, il suo cespuglio fulvo intriso della sua eccitazione. Il suo dolce muschio mi riempì il naso mentre la sua coda si attorcigliava intorno al mio seno sinistro. Lo fece scorrere, sfiorandomi i capezzoli.

I formicolii corsero lungo il mio corpo fino alla punta del mio cazzo da ragazza. Rabbrividii, portando il mio cazzo trasformato nella figa calda della ragazza gatto. La sua seta bagnata ha sfiorato la mia punta, poi le sue labbra calde della figa. Ho assaporato questo momento. Adoravo scopare una donna. Essere picchiato da Sven era carino, sapeva come accontentare una donna, ma niente in confronto a questo.

Ho spinto.

Zanyia ha fatto le fusa più forti sul cazzo di Sven mentre io sprofondavo nella sua fica. La sua carne calda ha inghiottito il mio cazzo. Il mio piacere è salito lungo il mio albero. La mia figa si strinse mentre assaporavo la gioia della sua fica. I miei seni tremavano mentre emettevo un gemito di gioia.

“Lo so,” Sven mi sorrise. "Ha una figa stretta."

"Sì, lo fa", ho fatto le fusa, mentre i suoi occhi guardavano la sua coda che guizzava sulle mie tette.

"Ooh, picchia la troia", gemette Aingeal. “Fottila così forte. Adoro guardare il sesso. È così caldo."

Ho assaporato le emozioni che la nostra arte ha ispirato in Aingeal.

I miei fianchi si sono ritirati attraverso la figa stretta della ragazza gatto. Ha stretto la sua carne attorno al mio albero, il piacere di sparare al mio clitoride. Gemetti mentre il piacere mi attraversava. Ondate di calore hanno spazzato via il mio corpo dalla mia fica succosa. Cum e la mia crema scorrevano lungo le mie cosce.

Ho spinto in profondità nella sua presa, la sua coda che si contrae sulle mie tette. I miei capezzoli pulsavano, la folta gioia mi stimolava, ispirando i miei fianchi a pompare via sempre più velocemente. Ho spinto il mio cazzo nella sua fica, godendomi le sue succose delizie.

“Dannazione, è eccitante,” gemette Sven, i suoi occhi azzurri che fissavano le mie tette e la coda svolazzante di quella ragazza gatto. “Fottila. Si lamenta del mio cazzo e succhia così forte.

“Sì, è una sfrenata,” gemetti, mentre i miei occhi si posavano sul petto pallido di Sven. Così muscoloso e forte. Non aveva le spalle larghe, ma aveva comunque la forza di un combattente. "Una figa così succosa."

“Ti farà venire,” ringhiò, le mani che afferravano i capelli fulvi del suo schiavo. Le sue orecchie si contrassero di più. "Giusto, troia?"

La figa di Zanyia si strinse così forte sul mio cazzo che si tuffava mentre le sue fusa rimbombavano fuori dalla sua gola.

"Oh, sì, ti farà venire così forte, Ealaín", gemette Kora, la sua voce così gutturale di piacere. “Fottila. È una cosa così dolce.

"Lo sono, Radiant", ansimai.

"Merita di esplodere sul tuo cazzo e bere tutto lo sperma di mio fratello!"

"Adora così tanto lo sperma", gemette Nathalie. "Solo una troia per questo!"

"Oh si!" Kora gemette. "Dagli da mangiare tutto il tuo sperma, fratello mio!"

“Glielo pomparò dritto in gola,” grugnì Sven, spingendo forte. Potevo sentire il tonfo carnoso delle sue palle contro il suo mento, il suo cazzo che sbatteva giù per la gola di Zanyia.

Lei lo ama.

La sua coda si agitava sempre più veloce, sfiorando i miei capezzoli e le mie tette mentre i suoi fianchi si muovevano da un lato all'altro. La sua figa ha succhiato il mio cazzo. La sua figa calda e succosa mi ha implorato di sborrarle dentro. Agitò il suo fodero intorno a me, accarezzandomi con la sua seta.

Ho spinto sempre più velocemente nelle sue profondità. Le mie tette si sollevavano e rimbalzavano davanti a me. Ho assaporato la sensazione della sua fica e gli occhi di Sven che mi bramavano. Non riusciva a distogliere lo sguardo dai miei seni rimbalzanti mentre scopavo la sua schiava sessuale con il mio cazzo da ragazza.

"Picchiala", ringhiò, la sua voce così roca. I suoi stessi fianchi spingono sempre più velocemente, spingendo il suo cazzo in profondità nella gola di Zanyia. "Il cazzo di Pater, devi far venire la mia puttana!"

"Sì!" gemevo. “Dio, lo voglio. Voglio sentire la sua carne sussultare intorno a me. Le abili dita di Rithi, sì!

La mia carne schiaffeggiò la groppa di Zanyia. Ha dondolato tra noi, arrostita allo spiedo sui nostri cazzi. Faceva così caldo. Così emozionante. gemetti, pompando con tutte le mie forze. Volevo versare ogni goccia del mio sperma nelle sue profondità. Volevo che gocciolasse fuori da lei, gocciolando lungo le sue cosce. Che deliziosa sorpresa da testimoniare.

Che ispirazione per Kora.

"Sì, sì, sì", gemette il mio accusa. Poi sussultò quando Aingeal si mise improvvisamente a cavalcioni sul suo viso.

"La tua bocca deve fare di più che gemere!" la fata sussultò, le sue ali rosa si allargarono. Sembrava così completa con le ali all'indietro. Le sue tette si sollevarono davanti a lei, i capelli rosa le ricadevano sul viso mentre si contorceva sulla bocca di Kora.

La mia carica leccò e mordicchiava, divorando la figa della fata con tale estasi. Ma non riusciva a vedere l'arte che avevo creato. Non poteva più prendere ispirazione dalla mia passione. Ringhiai mentre un'ondata di frustrazione mi travolgeva, i miei fianchi si spingevano in avanti il ​​più forte possibile.

Il mio uccello ha gioito per l'aumento dell'attrito. Beveva le sensazioni che le pareti della figa setosa di Zanyia fornivano. La mia stessa fica si strinse, il mio piacere cresceva e cresceva in me. Le mie tette rimbalzavano e si sollevavano mentre le mie ovaie ribollivano.

"Il cazzo potente di Pater, adoro quello spettacolo", gemette Sven, fissando le grandi tette della sua fata moglie che si agitavano mentre si contorceva su Kora.

"Mmm, sì, sì, sì", gemette Aingeal, accarezzando le sue grandi tette morbide, gli anelli dei capezzoli che luccicavano mentre trafiggevano le sue grosse protuberanze. “Feste festa alla vista di questi, marito mio! Non puoi distogliere lo sguardo».

“Sono così deliziosi,” grugnì, le palle che battevano più e più volte sul mento di Zanyia.

La lamia gemette, la sua coda sibilando sempre più velocemente sul mio seno, solleticandomi i capezzoli. La mia figa si strinse mentre la fata rideva. Sven ringhiò, emettendo gli stessi suoni che faceva appena prima di entrare dentro di me.

Più del suo sperma è uscito dalla mia figa mentre il mio cazzo di clitoride faceva male nelle succose profondità della sua schiava del sesso. Ho rabbrividito, sbattendo nella sua fica. L'attrito ha colpito il mio albero fino alle mie ovaie. Si sono stretti. La mia schiena si è inarcata.

“L'arte maestosa di Rithi!” Ho urlato, gettando indietro la testa.

La mia ragazza ha sparato fuori dal mio cazzo nella fica stretta della lamia. Lei gemette, le sue orecchie tremando, e si unì a me in estasi. La sua figa ha avuto uno spasmo sul mio cazzo duro. Ha munto il mio cazzo, strizzandolo con la sua passione mentre urlava sul cazzo del suo padrone.

Sven grugnì, il suo viso maschile si contorceva per la passione. Sbatté il suo cazzo in profondità nella sua bocca e grugnì. Mentre inondavo la fica della troia lamia, il suo sperma le pompava dritto lungo la gola nella pancia. La sua figa si contraeva più forte sul mio cazzo di ragazza, il suo orgasmo si intensificava mentre il piacere saliva attraverso il suo corpo.

“Ooh, sì, stai dando alla piccola troia quello di cui ha bisogno,” gemette Aingeal, massaggiandosi le tette mentre si appoggiava sulla bocca di Kora. Le sue dita si sfiorarono i piercing ai capezzoli, facendo scorrere gli anelli dorati su e giù. "E anche la tua dolce sorella, marito mio."

“Sì, lo è,” gemette Sven per il suo piacere.

Il mio orgasmo ha raggiunto il picco. L'estasi vertiginosa mi pervase. E Kora non lo vide. Rabbrividii, il mio ultimo getto di sperma inondò le succose profondità della ragazza gatto. Il piacere mi pervase. Feci un respiro così profondo mentre il mio corpo vibrava di gioia.

"Dio, è stato bello, eh, Ealaín?" chiese Sven.

Annuii con la testa, lanciando su di lui il mio sguardo calcolatore. Una volta che l'amuleto fosse stato distrutto, comunque fosse stato compiuto, avrei dovuto separare Kora da suo fratello. Aveva bisogno di nuove esperienze, esperienze più sicure, per far crescere la sua arte. Suo fratello l'avrebbe solo incatenata al suo stile di vita volgare e pericoloso. Era una rosa che meritava di sbocciare nel giardino più spettacolare.

Era un'erbaccia. E sebbene un'erba potesse essere bella nel loro stesso volgare, erano ancora così comuni.

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Kora Falk

Aingeal rotolò via da me, ansimando e rabbrividendo per il suo orgasmo. Le sue ali sbattevano mentre tremava di gioia. Mi leccai le labbra, assaporando il sapore di miele della sua figa, diverso dal muschio più terroso di una figa umana o di una lamia.

Un'ondata di esaurimento mi travolse. Sbadigli, felice di aver potuto far sborrare Aingeal, ma ero così stanco. Erano stati giorni così lunghi. Una lunga settimana. Dieci giorni fa abbiamo incontrato la pattuglia che ci ha inseguito nel bosco. Ci siamo appena riposati mentre giravamo per i boschi, reclutavamo Nathalie, incontravamo Aingeal e poi arrivavamo a Faerie. E lì...

I miei occhi non volevano rimanere aperti mentre Nathalie mi faceva scivolare su per il corpo e si rannicchiava contro di me. Ho sentito l'odore del mio muschio piccante che le adornava il viso mentre mi teneva stretto. La sua forma era così calda e setosa contro di me, il suo abbraccio così confortante.

“Sembri così stanca, padrona. Sonno." Mi baciò sulla guancia, lasciando la mia pelle appiccicosa per la mia passione.

“Mmm, sì,” gemetti, quella stanchezza che mi trascinava giù, mescolata al ronzio rilassante dei meravigliosi orgasmi che la schiava del sesso che si rannicchiava contro di me mi regalava.

Ero sicuro che mi sarei sentito meglio domani.

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Aingeal

Improvvisamente mi sono sentito così assonnato mentre scendevo dal meraviglioso orgasmo che Kora mi aveva dato. Non sorprende dopo aver passato tutta la notte incatenato in una cella. Non riuscivo affatto a dormire, temendo il mio destino imminente. Ma ora... ora ero libero. Ero con la mia famiglia.

Il sonno potrebbe aspettare. Volevo giocare ancora un po'.

Ealaín affondò nel suo culo, il suo clitoride luccicante dei succhi di figa di Zanyia, le sue cosce nere macchiate dallo sperma lattiginoso di Sven. Aveva le gambe divaricate, il suo sperma fuoriusciva dalle sue profondità. Mi ha fatto venire l'acquolina in bocca.

Volevo giocare ancora un po'. Ho riavuto le mie ali. È stato tutto così sorprendente. Spinsi giù quella stanchezza plumbea e strisciai verso l'aoi si, le mie grandi tette che ondeggiavano davanti a me. I suoi occhi citrini guizzarono verso di me, palpebrati dal suo piacere.

"Il tuo cazzo è così affascinante", ho fatto le fusa. Mi piacevano i cazzi. I pensieri del mio povero levriero, Cú Mheá, mi balenarono in mente. Fu distrutto nella lotta con il duca Gallchobhar.

Mi ha fatto male il cuore. Cú Mheá non era una creatura vivente, ma l'ho scolpito e animato per darmi compagnia. Era un amante meraviglioso. Dovrei farne uno nuovo ora che ho avuto mio marito, le sue schiave sessuali, Kora e l'aoi si? E come si è inserito Ealaín nella famiglia? Un amico con vantaggi? Un potenziale compagno di Sven. L'aveva scopata duramente. Era stato così caldo da guardare.

E ora il suo sperma le ha riempito la figa.

Ho abbassato la testa, respirando il suo profumo succoso. Mi ha riempito le narici di questa spezia inebriante che mi ha fatto venire l'acquolina in bocca. Mi sono lanciato in avanti, seppellendo la mia faccia nella sua fica rasata e accarezzando lo sperma di mio marito che le usciva.

Crema piccante e sperma salato. Yum.

Rabbrividì, il suo clitoride bagnato che pulsava proprio davanti alla mia faccia. Ho trascinato la lingua tra le sue pieghe e ho spazzolato la base. Non avevo mai provato il piacere di leccare dalla figa di una ragazza al suo cazzo. Rabbrividii, il sapore della crema di figa diventava dolce. La gioia di Zanyia. Ho fatto le fusa, sbattendo le ali, mentre lo tiravo fino alla punta del suo cazzo.

"Maestro!" Zanyia ululava dietro di me, la carne schiaffeggiando la carne. “Sì, sì, la deliziosa sborra di Las! Amo il tuo cazzo in me!”

Rabbrividii, ascoltando il suono di mio marito che scopava la sua schiava sessuale mentre la mia lingua raggiungeva l'apice del cazzo dell'ermafrodita. Ci girai intorno, raccogliendo il suo precum salato e altra crema dolce di Zanyia. L'aoi si continuava a fissarmi con i suoi occhi citrini. Erano così difficili da leggere. Le è piaciuto questo?

"Mmm, porti così tante possibilità intriganti nell'harem", ho fatto le fusa, i miei fianchi che si dimenavano da un lato all'altro. "Lo adoro."

“Oh,” disse. "E come pensi di usarmi?"

"Usare?" Ho obiettato. "No, no, giocando". Ho afferrato le mie grandi tette morbide e le ho ammucchiate attorno al suo albero. Ho sentito la scorrevolezza dei succhi di figa di Zanyia mentre i miei capezzoli trafitti si strofinavano sul suo ventre piatto. "Come questo."

Lei gemette mentre facevo scivolare le mie tette su e giù per il suo cazzo da ragazza. La mia figa è diventata più calda, i fulmini mi sono passati dai capezzoli fino alla fica. I succhi scorrevano lungo le mie cosce mentre le mie ali di farfalla svolazzavano, agitando l'aria intorno a noi.

I suoi seni si sollevarono mentre aspirava in una forte inspirazione, la punta del suo cazzo stimolata dai miei seni morbidi. L'ho adorato e ho pompato le mie tette più velocemente. La crema di Zanyia lubrificava il percorso mentre i miei capezzoli bevevano al tatto della pancia liscia come la seta dell'aoi si.

La mia figa si rallegrava di quelle sensazioni, diventando sempre più succosa di momento in momento.

"Ti piace, eh?" Ho fatto le fusa. "Le mie grandi tette sul tuo cazzo da ragazza?"

"Certo", gemette. "La stimolazione è sempre apprezzata."

"Ooh, e come mostrerai il tuo apprezzamento?" chiesi, la mia fica diventava sempre più calda. La stimolazione che sfregava i miei capezzoli trafitti - gli anelli d'oro che si attorcigliavano e si spostavano attraverso le mie protuberanze - sui suoi seni sparavano direttamente alla mia figa, creando piacere nelle mie profondità. "Mi fai la doccia nella tua deliziosa ragazza-sborra?"

"Potrei essere persuasa a farlo", disse, con la voce che faceva le fusa.

«Scommetto» dissi con un sorriso. “Mmm, so anche come farlo. Proprio quello che ti serve. Mi sborrerai in faccia, vero? Sei cattivo ermafrodita. Le mie tette ti convinceranno a eruttare. Ti stanno dando tutte le loro argomentazioni sul perché devi eruttare.

"Argomenti così persuasivi", concordò, il suo cazzo palpitante tra le mie tette.

Questo ha fatto stringere di nuovo la mia figa. Il piacere costruito in me. Mi contorcevo sempre di più, il mio strappo diventava sempre più umido. Rivoli di crema mi hanno rigato le cosce mentre compiacevo a questa splendida creatura. Volevo sentirla gridare in estasi. Volevo che il suo sperma sgorgasse dal suo cazzo e mi piovesse sul viso.

Che delizia assolutamente deliziosa sarebbe.

La mia lingua è sfrecciata verso il basso delle mie tette, leccando la punta del suo cazzo da ragazza quando è emerso tra le mie grandi tette. I miei capezzoli pulsavano mentre leccavo il suo precum. La mia figa si strinse forte, il piacere increspava il mio corpo.

"Oh, sì, sì", gemette Ealaín. “Le dita talentuose e l'occhio riconoscente di Rithi! Dio, sei abile con le tue argomentazioni.

"Amo lo sperma tanto quanto Zanyia!"

"Sì!" ululava la ragazza gatto mentre Sven si scopava la fica sciatta.

Mio marito grugnì e gemette, assaporandola come io compiacevo l'ermafrodita. Ho lavorato le mie tette sempre più velocemente, il suo cazzo si contrae e palpita tra i miei cumuli di cuscini. I miei anelli di capezzolo si attorcigliarono, stimolando sempre di più i miei capezzoli, sparando estasi fino alla mia fica. La mia lingua accarezzò la punta del suo cazzo, facendola gemere sempre più forte.

Poi inarcò la schiena. Il suo viso si contorse. I suoi occhi gialli si chiusero. Ho fatto scivolare le mie tette su e giù per il suo cazzo. La mia lingua mosse la punta palpitante, raccogliendo una grossa cucchiaiata del suo precum. Il dolce salato si sciolse sulla mia lingua mentre urlava in estasi.

"Dio, sì!"

Il suo sperma è esploso.

"La fica nera di Cernere!" Urlai mentre il suo sperma mi schizzava in faccia. I miei capezzoli pulsavano contro la sua pancia mentre pompavo le mie tette su e giù per il suo albero, mungendo il suo sperma. Il piacere è sceso nella mia figa. "Sì!"

L'ho fatta venire. Quel brivido combinato con accarezzare i miei capezzoli contro la sua pancia. Mentre il suo sperma schizzava le mie tette e mi dipingeva la faccia, il mio orgasmo è esploso nelle profondità della mia fica. Il piacere mi attraversò quando lo sperma di una ragazza mi schizzò in bocca.

Ho ingoiato il dolce salato mentre entrambi gemevamo di piacere. La crema è sgorgata dalla mia fica. La mia presa ha avuto uno spasmo, onde di estasi che salivano attraverso il mio corpo, adoravo venire solo dalla stimolazione dei capezzoli, assaporando quella meravigliosa sorpresa.

Il suo sperma mi ha ricoperto le guance e il mento. Mi è sceso fino al collo e ha gocciolato sulle mie tette grasse. L'impulso finale del suo cazzo ha inviato un rivolo di sperma perlato che scorreva lungo il suo albero per immergersi nella valle delle mie tette.

"Mmm, guardati", fece le fusa, fissandomi con tanta fame negli occhi.

L'aoi si prese a coppa la mia faccia e mi sollevò. Ancora tremante per il mio orgasmo, mi portò il viso alle labbra e leccò il suo stesso sperma che gocciolava sulla mia carne. Sven gemette dietro di noi, sbattendo forte nella figa di Zanyia.

"Ora è caldo!" gemette. "Dio, lo adoro."

"Maestro!" strillò Zania. “Sì, sì, vienimi dentro! Riempimi la figa e... Il cazzo che sgorga di Las, sì!

Rabbrividii quando la lingua ricoperta di sperma di Ealaín trovò le mie labbra. Ci siamo baciati forte, condividendo la sua passione mentre il mio corpo vibrava di gioia. Il piacere esplose attraverso la mia carne. Dimenavo i fianchi e sbattevo le ali mentre facevo palle di neve da ragazza-jizz avanti e indietro con l'ermafrodita, le nostre grandi tette si strofinavano insieme, spalmando il suo sperma sulle sue tette.

Ho fatto le fusa quando abbiamo rotto il nostro bacio. "Sì, porti qualcosa di delizioso nell'harem."

“Harem...” Her eyes flicked away from me for a moment. “I suppose I do.”

I cuddled against her body, loving the feel of her jizz staining my flesh, and watched Sven rip his cock out of Zanyia's pussy. The catgirl fell into a heap before him, curling up into a ball, her tail twitching, and was asleep in moments, a smile on her lips.

Sven yawned, too. He sank down on the other side of the aoi si, lying on his back, staring up at the tent wall. He sucked in a deep breath, his chest rising and falling, matted by his glistening sweat. I breathed in, the tent filled with the musk of our combined passions, hot pussies and salty cum.

Lo amavo.

“What are your plans now?” Ealaín asked.

Chapter Thirty: Exhausted Plan

Aingeal

My husband Sven glanced at the sleeping Kora as Ealaín's question seemed to echo through the tent. His face tightened. “I want to go after that bastard. We've destroyed his army and I want to ram my sword into his guts. But...”

"Ma?" the aoi si asked, her voice sounding almost bored, disinterested.

“The amulet.”

A shiver ran through me. The Biomancer Vebrin's soul laid locked Kora's amulet. Panthopus, his terrifying amalgamation of octopus and panthers, prowled the Forest of Lhes. I'd seen them, tentacles thrusting from their bodies, searching for prey. They displaced their bodies, using an innate form of illusions that not even my keen eyes could penetrate. And those weren't the worst things he created. He experimented on all creatures, even faeries, in his dark castle in the Haunted Forest.

The world was better off without him around.

“We can't let him be revived. And I doubt we can just smash it.” Sven shook his head. “That never works with powerful magical artifacts. He would have warded it against that.”

“The Collegiate Tower down in Esh-Esh would have ideas,” I said. “They are mages, too. And they condemned Vebrin's work. They wouldn't want him back. They hate warlocks.”

“Warlocks?” Nathalie asked, cuddled against Kora.

“Rogue mages who don't follow the Magery Council's rules,” Sven answered. “But that's a long trip. And the Magery is embroiled in their war with the Kingdom of Allain.”

“There's the Lesbius Oracle in the Deorc Forest,” I added. I gave Sven a naughty grin. “She doesn't like men, but there's plenty of women in the party she might be willing to aid.”

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Sven Falk

I rolled my eyes at my faerie-wife cuddling against the aoi si, a mischievous grin playing on her face.

“That's a big help.”

“Well, Kora's a woman,” Aingeal pointed out. “Even if she's made the mistake of sleeping with a guy. The Oracle might overlook that.”

“And what will her price be?” I asked, leaden exhaustion puling down at me. I was feeling the long two days after cumming in Zanyia's pussy. “We need something closer.”

Ealaín shifted. “You have an idea.”

My face grew tense. Pain throbbed in my heart. Flashes of my old life exploded through my mind. Carousing with Ava with other nubile students, regaling my sisters with my exploits. “The University of Az. Between its various colleges, they will know how to destroy it.”

“Yes, I can see that. The Bardic College guards much old knowledge, and the Philosophic College studies the esoterics,” Ealaín said.

“We just have to go west, skirting the southern edge of the forest, and we'll reach Az in a few days.” I yawned again and my eyes closed, lids so heavy. “We can meet up with Ava on the way. We'll be slow traveling through the woods until we hit the southern edge.” gemevo. “I should tell her the plan.” I forced my eyes back open, fighting against sleep, and reached for my pack.

Gods, I was tired.

“I think going to Az is a good idea,” Ealaín said. "Riposo. I will take the first watch.”

She rose as I pulled out Ava's alabaster proxy. Aingeal snuggled closer to me, her breasts sticky. She hugged me tight, her pink hair spilling across my chest as her breathing slowed into sleep. I caressed Ava's proxy.

Lei ha risposto.

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Princess Ava – Koyth, The Strifelands of Zeutch

Traveling had left me tired, but it was wonderful knowing their was a plan. I worked out with Sven where to meet him and his harem when they emerged out of the southern edge of the Forest of Lhes. Then I let him get some rest.

He sounded so tired.

I wanted to sleep myself as I lay in the lumpy mattress in the rude village in. Greta shifted beside me. I wore my thickest nightgown, fearing that we wouldn't be sleeping alone in this bed. This inn looked so shabby. I had never stayed in anything so poor before in my life.

But I could handle the discomfort if it got me away from my father. If it brought me to Sven. And in Az, I bet I could find a way to break the lust enchantment my father placed on me. My pussy twinged, aching for his touch. But he was a day's ride away now.

I just hoped my plan worked. If he came hunting towards the forest after me. I needed to know.

I sank into my jade beetle. I'd left this proxy in my father's office after I discovered about the Lodestone hidden in Faerie two weeks ago. My soul rushed out of my body and inhabited the little statue. I came awake in the dark crevasse formed by crumbling mortar in the study's walls. I peered into the dark room and...

My father wasn't there.

I clicked my little mandibles in irritation. Of course he wasn't here. It would have been the greatest coincidence in the world if he was. I let out an annoyed sigh, buzzing my little jade wings in the tight crevasse. I settled into wait, my mind numb with exhaustion.

I just wanted to sleep.

It would be so easy. To just sink down into my dreams...

My thoughts drifted as I struggled to stay awake. My father spent so much time in the study. I had to learn something. I couldn't let myself sink into oblivion yet. I needed to stay up for as long as I could and...

Sven's arms engulfed me. “I'll never let you go. You're mine.”

“Yes,” I moaned, trembling in his arms as he carried me in my wedding dress towards the black and white altar of Luben. “Make me your bride tonight!”

A door slammed.

I jumped awake still trapped in the tight crevasse. Light flooded in through the crack. My father had returned. My dream spilled off of me as I gazed out into his study. I caught sight of his dark boots marching across the room. Then he sat down heavily at his desk. A drawer opened and then slammed shut.

He sounded... angry? Worried? I wished he would talk to himself, let me know what he was thinking. Instead... he began writing. The scratch of his quill filled the room. It was monotonous, drawling, lulling me back into sleep and—

A loud rap hammered the door.

“Enter,” my father said, his voice cool. Since mother's death, the passion had bled out of him.

The door creaked open and I caught the hem of a black robe. Master Mage Shevoin swept into the room and stood before my father's desk. Era questo. With his magic, he could track me down. I had my lies all ready if Father caught up with me, how I had to flee because I feared his power. He was a mage. Armies couldn't stand up to them.

"Bene?" Father asked, his voice still devoid of any emotion. “Where did she go? Was she captured? Is she hurt?”

“You're not even asking if I found her?”

“If you found her, she'd be with you.” Father's chair creaked. “Stop wasting my time. It won't be long until my enemies realize that my new armies are no longer activated. I don't need this distraction. Where did my daughter go?”

“She went south towards Thlin,” he said. “She's riding fast. I fear... I fear she is fleeing your castle.”

Father let out almost an angry grunt. “And what about the enchantment. You assured me it would make her love me. She...” His voice softened. “She did love me. She gave herself to me.”

“I... I am not a mind reader, your majesty. Perhaps her maid... conspired with your enemies in Thlin. Non lo so. I have already ordered your men to ride after her. Do you wish me to accompany them?”

Ci fu una lunga pausa. "No. I can breed other heirs.”

Indignation shot through me. He didn't actually care about me? I thought he at least loved me.

“I need you to recreate the Lodestone. Send your agents to the mines and find me another piece of magnetic iron big enough to work for your spell.”

“Of course, your majesty,” Shevoin said.

“And send in Gunther. I can spare some men to find my daughter. She would make a great heir for me, but... But I can't be weak right now.”

My ruse worked. I pulled out of my beetle and sank into my thoughts. My eyes opened to stare at the dark rafters of the inn room's ceiling. He didn't love me. I shouldn't be hurt by that, I despised my father, but... But he said he loved me and...

Sven loved me. I needed to focus on that. On what was important. Once I was with Sven, we would stop my father before Shevoin could recreate the Lodestone. It was time to move on him. It was time to end his reign for good.

To be continued...

Storie simili

Brianne

Era bella come sempre oggi. Indossava una gonna blu, piuttosto corta, e una maglietta verde. Lei stessa era piuttosto bassa, solo circa 5'4 . Aveva capelli di media lunghezza, castani, leggermente ricci, che le arrivavano fino alla spalla. I suoi seni erano di taglia media, probabilmente una coppa C. Aveva anche un bel sedere, era leggermente grande sulla sua piccola struttura. I suoi occhi erano sorprendentemente verdi e il suo sorriso era sempre gentile e caloroso. Avevo una cotta per lei da quando potevo ricordare, fin dalle elementari. Il suo nome era Brianne. L'ho vista camminare accanto a me a pranzo...

777 I più visti

Likes 0

La grande guerra 3033 parte 2

Quando Jack aveva appena finito sul poligono di tiro quando Jack, come fai a sparare con quell'arma, tutti quelli che hanno sparato sono stati bruciati dall'interno con etere o sono stati semplicemente uccisi nel modo giusto. Jack ora notò che era stato scoperto e disse semplicemente Ho preso le armi e ho iniziato a sparare. Perché c'è qualcosa che non va. chiese jack. John ora era al telefono con il presidente dicendo che avevano trovato una delle due Umbra e che lui non sa cosa sia. OK, grazie per il lavoro, chiedigli se voleva essere allenato e se lo manda al...

688 I più visti

Likes 0

Porca puttana

Sono stato gangbanizzato da 37 uomini in una sporca sala VIP in cima a un bar di New York, mio ​​marito mi ha portato a una festa e se ne è andato con un'altra bionda, mi sono seduto al bar tutto solo quando 15 uomini si sono avvicinati a me, loro mi ha detto che ero molto bella e ho chiesto se potevano farmi delle foto, ho detto ok, ma hanno detto che era troppo affollato nel bar possiamo andare in una stanza dove è un po' più tranquilla, ho detto ok, uno dei gli uomini mi hanno portato di sopra...

398 I più visti

Likes 0

A Fantasy Too Far Capitolo 3

CAPITOLO 3 Si è ricomposta in tempo per andare a lavorare come se nulla fosse successo. Solo un normale lunedì mattina. Supponeva che, tutto sommato, non fosse davvero tagliata per essere una schiava nel seminterrato per il resto della sua vita, ma vivere la fantasia sarebbe stato meglio se fosse durato più a lungo. Anche se proprio come le fiabe e le commedie romantiche che finiscono al matrimonio, le storie e i giochi di ruolo di rottura della volontà di uno schiavo rapito si fermano sempre dopo le parti emozionanti. La monotona routine della vita quotidiana degli schiavi in ​​seguito non...

696 I più visti

Likes 0

La mia vita sessuale Episodio 6 La sorella del migliore amico

Quindi riavvolgiamo gli orologi indietro ai miei giorni di scuola in cui ero con la mia amica/compagna di sesso Amy, sono abbastanza sicuro che non fossimo esattamente amici in quel momento perché ero impegnato in una relazione ma ho finito per uscire da poco non mentirò questa relazione mi ha colpito duramente normalmente ne esco da una e in qualche modo sono felice perché ora posso scopare di nuovo altre ragazze ma questa volta mi ci è voluto un po' per riprendermi. Sono trascorse circa 2 settimane dalla mia brutta rottura e all'epoca la sorella del mio migliore amico Jeff, Paige...

643 I più visti

Likes 0

S.S. Shotguneagle (Sesta parte)

Non sarebbe del tutto vero se Leah dicesse che il suo spirito non è incrinato. Anche dopo aver ripetuto a se stessa come starà bene, il dubbio è sempre rimasto nella sua mente. La sua mente potrebbe essere ancora intatta al momento, ma la sua volontà di rimanere forte e positiva stava crollando. Si chiedeva quanto tempo sarebbe passato prima di perdere completamente la testa. Non aiutava, inoltre, il fatto che Leah si stesse picchiando mentalmente. Odiava il modo in cui permetteva a questi animali di farsi strada con lei. Leah non ha mai voluto essere un'altra vittima indifesa che non...

625 I più visti

Likes 0

La mia prima volta con Cindy

La storia: Sulla via del ritorno dall'ospedale, dopo aver lasciato mia moglie per un'operazione alla schiena molto seria, Cindy, mi stava dicendo come avrebbe fatto tutte le cose che la mamma faceva in casa, come lavare i piatti e fare il bucato e che si prenderà cura di suo padre come fa la mamma. Fu detto in una specie di sussurro sommesso e lei aveva la sua mano sul mio braccio, toccandomi dolcemente e guardandomi negli occhi. Ho sentito un fremito nei pantaloni e ho guardato le gambe formose di Cindy e la minigonna che indossava, ho subito costretto il mio...

575 I più visti

Likes 0

Il dilemma di Donnie

TUTTI IN QUESTA STORIA HANNO ALMENO DI 18 ANNI O PI. Donnie Hamilton è il tipico fratellino adolescente fastidioso. C'erano solo due anni di differenza nell'età tra lui e sua sorella maggiore, Lucy. Dal modo immaturo in cui si è comportato, si potrebbe pensare che ci fosse molto più di un divario di età. Tollerava il comportamento giovanile di Donnie perché lo amava. Ha imparato a sopportare i suoi scherzi perché ha capito che Donnie stava attraversando la pubertà e stava iniziando a interessarsi alle ragazze. Sapeva anche che era troppo giovane e inesperto per capire perché fosse attratto dal sesso...

605 I più visti

Likes 0

Insegnante trans parte 4 miss barnes padrona rachel_(0)

La signorina Barnes è andata a incontrare la sua amica Rachel, l'ha portata a casa sua bussare alla porta rachel, aprire la porta, lasciare che la signorina Barnes chiudesse la porta, Rachel ha venduto un drink che ha venduto sì, per favore. Dopo 5 minuti erano in vita a bere. C'è caffè rachel venduto perché vuoi sapere se ho una fattoria La signorina Barnes le ha raccontato la storia del buco che ha venduto portala in un paio di giorni possiamo divertirci Rachel guardala scommetti che sei eccitata per la mia figa di 55 anni Miss Barnes ha venduto sì padrona...

358 I più visti

Likes 0

Commercio equo e solidale

Fa un lavoro stressante. Le scadenze sono strette e lui è costantemente sotto controllo. La paga è buona, ma a volte si chiede se ne vale la pena. Se non fosse stato per la sua moto, è una buona possibilità che avrebbe perso la sanità mentale molto tempo fa. Diversi anni fa, si è comprato una motocicletta usata. È una moto sportiva, o un razzo inguinale, anche se quel secondo mandato lo ha sempre infastidito per qualche motivo. Gestisce le curve come nient'altro, è stupido veloce e con lo scarico personalizzato che ha indossato emette un suono incredibile. Ha speso un...

304 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.