Al mio ragazzo piace smascherarmi. Parte 02

388Report
Al mio ragazzo piace smascherarmi. Parte 02

Al mio ragazzo piace smascherarmi

o forse dovrebbe essere chiamato

L'esibizionista negato

di Vanessa Evans

Parte 02 - Giornate post universitarie

-----------------------

Ryan mi ha invitato ad andare a stare con i suoi genitori con lui per alcune settimane mentre aspettavamo i nostri risultati e pianificavamo cosa avremmo fatto per il resto della nostra vita. Avevo già deciso che se Ryan me lo avesse chiesto, sarei andato con lui ovunque avesse trovato un lavoro e poi ne avrei cercato uno io stesso.

Ho discusso delle mutande con Ryan. Ho detto che pensavo che avrei dovuto prenderne alcuni e indossarli a casa dei suoi genitori. Gli ho detto che non volevo turbare i suoi genitori o il fratello se avessi accidentalmente dato loro un lampo del mio sedere o della mia figa.

Gli ho detto che se per sbaglio avessi mostrato le mie mutandine ai miei genitori o a qualsiasi ospite, avrei ricevuto un sermone da mia madre. Continuava a parlare di ragazze che dovevano stare più attente. Disse che solo le prostitute mostravano le mutande e che mi avevano allevato meglio di così.

Ryan rise dicendo che nessuno nella sua famiglia si sarebbe arrabbiato. La sua famiglia è piuttosto di larghe vedute e lo considererebbe semplicemente un incidente.

I genitori di Ryan sono davvero carini; mi hanno accolto come se fossi la loro stessa figlia. Erano anche felici che io condividessi la vecchia stanza di Ryan con lui.

I genitori di Ryan lavorano entrambi, quindi siamo stati molto a casa loro da soli; suo fratello minore - Tom era nel suo ultimo anno di scuola.

Dopo i primi giorni di scopate per tutta la casa abbiamo deciso che dovevamo uscire un po'. Una delle idee che avevamo era che Ryan mi mostrasse il quartiere in bicicletta. Ryan aveva la sua vecchia bici e ha detto che potevo prendere in prestito quella di suo padre (sua madre non ne possedeva una).

Ovviamente era una bici da uomo con una traversa, ed era troppo grande per me, potevo riuscire a guidarla, e l'ho fatto, ma sicuramente è stata un'esperienza interessante.

Non indossavo ancora (lo sto ancora) non indossavo biancheria intima e indossavo sempre gonne corte. Ho dovuto aspettare che nessuno mi guardasse prima di salire sulla bici, e quando ci sono sopra non potevo toccare terra quando mi sedevo in sella. Per poter toccare terra dovevo scivolare in avanti dalla sella. La fredda traversa di metallo premette sulla mia figa nuda. Ryan si è divertito molto a far rotolare la bici avanti e indietro quando ero in piedi in quel modo.

Per guidare la bici ho dovuto far scorrere il sedere da un lato all'altro mentre vendevo. Non sono state solo le mie gambe ad allenarsi. Ho avuto difficoltà a concentrarmi su dove stavo andando per un bel po' del tempo; Penso che avrei visto di più del posto se avessi camminato.

Ryan non è stato di grande aiuto; tutto ciò che faceva era cavalcare dietro di me e guardare il mio sedere mentre il vento mi faceva saltare in aria la gonna.

Un altro posto in cui siamo andati è stato il centro ricreativo locale. Ryan giocava a squash e volevo che me lo insegnasse. Prima che potesse, dovevamo andare in città a prendermi delle scarpe da ginnastica e un top e una gonna bianchi.

I top che Ryan ha scelto erano tutti attillati e di materiale molto sottile. Ne volevo uno con materiale più spesso, con due strati, ma Ryan mi ha convinto che la sua scelta fosse la migliore. La parte superiore che abbiamo acquistato alla fine ha una fascia di pizzo attorno alla parte superiore. Quando lo indosso normalmente, la fascia di pizzo è sopra il mio seno, ma se lo tiro verso il basso fino a quando le cinghie lo consentono, il pizzo è sopra la maggior parte del mio seno. Quando i miei capezzoli si induriscono, spuntano dai piccoli fori del pizzo. Inutile dire che Ryan lo tira giù ogni volta che lo indosso, e lo tiro su quando non sta guardando.

Anche la gonna da tennis era realizzata in materiale setoso molto sottile. Era leggermente pieghettato e svasato; e così corto che mi copriva a malapena il sedere. Era così leggero che a malapena sapevo di averlo acceso.

Ovviamente Ryan voleva vedermi provarli in negozio. Continuava a tirare indietro la tenda e sono sicuro che almeno 3 persone mi hanno visto senza vestiti.

Quando ho indossato i miei vestiti nuovi al centro ricreativo, sembravo decisamente indecente. I miei capezzoli spuntavano fuori e sono sicuro che chiunque mi seguisse mentre camminavo sarebbe in grado di vedere il mio sedere. Sono stato contento quando siamo arrivati ​​al campo da squash.

Quando Ryan mi ha mostrato come far oscillare la racchetta, si è messo dietro di me e ha premuto contro di me. Deve averlo trovato difficile perché aveva sempre un'erezione che mi premeva nel sedere.

Quando si trattava di correre per prendere la palla, spesso inciampavo e finivo a terra a terra.

La seconda volta che siamo andati ho avuto un malfunzionamento del guardaroba quando ho indossato la gonna. L'unico bottone in vita si è staccato. Sono andato da Ryan tenendo su la gonna con una mano. Ho detto a Ryan cosa era successo e che avremmo dovuto cancellare.

Ryan non ne aveva niente. Mi ha portato al campo da squash e mi ha chiesto quante persone ci stessero guardando. Poi mi ha chiesto da dove qualcuno potesse guardarci. Non potevo vedere nessuno e non potevo vedere da nessuna parte da cui le persone potessero guardare e gliel'ho detto.

"Bene, ora che è impossibile per chiunque vederti, lascia cadere la gonna e giocheremo con te senza fondo." ha detto Ryan.

Sono rimasto sbalordito. Non l'avevo mai nemmeno considerato. Ho iniziato a protestare, poi ho capito che aveva ragione; nessuno avrebbe potuto vedermi, a parte Ryan; così ho tolto la gonna.

Ok, la gonna era così leggera che sapevo a malapena di averla addosso, ma sicuramente sapevo quando non l'avevo addosso. Era una sensazione strana, ma piacevole.

Essere senza fondo non mi ha reso un giocatore di squash migliore e sono comunque finito a terra per un bel po'.

Verso la fine della lezione una volta ero di schiena e ho guardato in alto, verso il fondo del campo.

Vuoto, vuoto! C'erano 3 uomini che ci guardavano dall'alto in basso. Mi sono alzato velocemente e sono corso in fondo al campo dove non avrebbero potuto vedermi. Ho chiamato Ryan e gli ho chiesto

"Come sono arrivati ​​li? Da quanto tempo sono lì?"

“Relax TT, sono appena arrivati; e comunque non avrebbero potuto vederti molto.» ha detto Ryan.

"Beh, non mi piace." Ho detto: "Possiamo andare ora, per favore?"

“No TT, non possiamo. Devi padroneggiare quello swing di rovescio.

A malincuore, abbiamo continuato la lezione. Continuavo a guardare in alto per vedere se gli uomini se ne fossero andati. Non l'avevano fatto; sono rimasti lì fino allo scadere del nostro tempo.

Siamo anche andati in piscina al centro ricreativo. Prima di poterlo fare dovevamo andare a comprarmi un bikini. Volevo un bikini vero e proprio, ma alla fine Ryan mi ha comprato un reggiseno semitrasparente da abbinare all'unico perizoma che possedevo.

Ho detto a Ryan che non ero felice di indossare un vestito così breve e trasparente in un luogo così pubblico, ma lui mi ha assicurato che non mi sarei sentito fuori posto una volta arrivato lì.

Era fine luglio e io e Ryan ci eravamo preparati per andare in piscina. Mentre scendevamo le scale, Ryan vide Tom che guardava la televisione. Ryan ha chiesto a Tom se voleva venire con noi. Non ero molto felice che Tom potesse vedermi praticamente nudo, ma non dissi nulla.

Tom ha detto che non voleva venire se si fosse intromesso in qualcosa. Ryan rise e disse a Tom che non saremmo andati a fare sesso sul trampolino.

Abbiamo aspettato che Tom andasse a prepararsi.

Quando ho indossato il "bikini" nello spogliatoio mi sono guardato allo specchio e ho pensato:

“Merda, sono praticamente nudo; tutti vedranno tutto”.

Ho guardato le altre ragazze lì. La maggior parte indossava bikini convenzionali e due avevano i pantaloni tagliati in alto in modo da mostrare una discreta quantità di glutei. Ho visto uno slip di bikini perizoma. Almeno non sarei stato l'unico a indossare un perizoma, anche se il mio era un perizoma intimo.

Feci un respiro profondo e me ne andai.

Ryan e Tom mi stavano aspettando.

Ryan sorrise e Tom fischiò da lupo. Sono arrossito.

Siamo saltati in piscina e abbiamo nuotato un paio di lunghezze prima di decidere di andare a provare i 2 scivoli che c'erano. Uscimmo dalla piscina e ci unimmo alla coda. Ho controllato che il mio perizoma stesse ancora coprendo la mia figa. Lo era, ma potevo vedere la parte anteriore della mia fessura attraverso il materiale. Potevo anche vedere le mie areole scure e ogni piccola protuberanza sulle mie piccole tette. Tenevo le mani sotto il mento per coprirmi le tette e speravo che nessuno potesse vedere le mie parti.

Mentre salivamo i gradini sentivo gli occhi di un paio di giovani, sotto e dietro di me, che mi bruciavano il sedere. Ho tenuto le gambe ben chiuse. In cima il bagnino mi ha guardato da capo a piedi e ha sorriso.

Nella parte inferiore di entrambe le diapositive ho controllato rapidamente il perizoma. Ogni volta ho avuto un wedgie davanti e ho dovuto tirare fuori il perizoma dalla mia figa. Penso di essere riuscito a farlo senza che nessuno se ne accorgesse.

Gli scivoli non erano così buoni, quindi siamo tornati in piscina. Ryan mi teneva il braccio intorno alla vita mentre tornavamo indietro.

Abbiamo iniziato a scherzare in piscina perché c'erano troppe persone lì per fare le lunghezze in sicurezza.

Abbiamo giocato a giochi stupidi come "tag" e vedere chi di noi potrebbe rimanere più a lungo. Tom aveva un po' di vantaggio perché aveva con sé una maschera per il viso.

Siamo finiti nella parte bassa, tuffandoci tra le gambe dell'altro e facendo verticali e capriole.

Sono emerso di fronte a Ryan e mi sono chinato in avanti per baciarlo. Mi ha messo una mano sui fianchi.

"Non slacciare il mio perizoma." Ho detto.

"Non ti preoccupare per questo, non lo farò." ha detto Ryan.

Non fidandomi completamente di lui a causa del suo precedente track record, ho messo le mani sui fianchi per controllare che i lati fossero ancora legati correttamente. Sono andato nel panico, non riuscivo a trovare il perizoma. Era andato.



Ho detto a Ryan. Mi ha detto che lo sapeva già. L'avevo perso subito dopo essere rientrati in piscina.

“Vuoi dire che ho nuotato senza fondo per tutto questo tempo e non me l'hai detto. Voi 2 vi siete tuffati tra le mie gambe e io ho fatto le verticali. Il mio sedere doveva essere fuori dall'acqua; e per di più, Tom ha quella maschera sul viso. Ecco perché ha nuotato tra le mie gambe a faccia in su. Deve avermi guardato bene; e quante altre persone sembreranno la mia figa?"

Ryan sorrise e io lo picchiai.

“Devi trovarlo per me; Non posso uscirne così". Ho detto.

Eravamo in piedi nella parte bassa. Mi sono guardato davanti. Almeno il mio reggiseno era ancora lì, anche se tutti potevano vedere i miei capezzoli duri e le mie areole. Mi sono abbassato in modo da coprirmi il petto.

Ryan e Tom sono andati alla ricerca del mio perizoma mentre io sono rimasto fino al collo contro il bordo della piscina a guardare tutti intorno a me per vedere se mi stavano fissando.

Circa 5 minuti dopo Ryan e Tom sono tornati da me e mi hanno detto che non riuscivano a trovare il perizoma.

Ho avuto un rapido attacco di panico. Sapevo che sarei dovuto tornare nello spogliatoio senza fondo.

Ryan mi ha detto di rilassarmi e mi ha tenuto contro di lui. Potevo sentire il suo cazzo duro premere contro il mio stomaco. Si stava godendo la mia situazione.

Ho chiesto a Ryan e Tom se avrebbero camminato davanti e dietro di me. Furono d'accordo e nuotammo il più vicino possibile all'ingresso dello spogliatoio. Ryan è uscito per primo mentre Tom è rimasto indietro aspettando che uscissi. Mi sono tirato su sulle braccia, poi ho fatto oscillare una gamba sul lato della piscina. Improvvisamente ho capito che Tom avrebbe avuto un'ottima visuale della mia figa aperta. Non c'era niente che potessi fare.

Stavo lottando per tirarmi su e ho chiesto a Ryan di tirarmi su. Sapevo che Tom stava guardando la mia figa, ma non c'era niente che potessi fare.

Ryan mi ha tirato su, poi Tom è saltato fuori. Avrei voluto uscirne così facilmente.

Noi 3 abbiamo iniziato a camminare e ci siamo messi in fila. Perché Ryan camminava così lentamente? Una donna e 2 ragazzi mi hanno visto (che conoscevo) e ho sentito un fischio di lupo; ma nessuno ha detto niente.

Quando arrivammo all'ingresso dello spogliatoio e io mi voltai, una bagnina stava uscendo. Mi ha visto e mi ha fermato. Voleva sapere dov'erano i miei culi. Mi ha chiesto se fossi andato in piscina in quel modo. Sono arrossito e le ho detto che ne avevo alcuni addosso, ma si staccavano e non riuscivo a trovarli.

Come mi ha detto di lasciare il mio nome e indirizzo alla reception e se si fossero presentati mi avrebbero contattato. Mentre me lo diceva, guardai indietro verso la piscina e vidi un paio di ragazzi che mi fissavano.

Fui felice di girare l'angolo dove c'erano solo ragazze. Ho fatto la doccia e mi sono vestito. Ryan e Tom mi stavano aspettando alla reception.

Non ho lasciato il mio nome e indirizzo alla reception.

Tornato a casa di Ryan, ho portato le nostre cose bagnate nel cesto della biancheria. Mentre srotolavo l'asciugamano di Ryan, mi è caduto il perizoma. Ryan l'aveva fatto di nuovo.

Un'altra cosa che abbiamo fatto per uscire e passare il tempo è stato il bowling a 10 birilli. È stato solo quando ho visto che un gruppo di uomini si era radunato intorno alla nostra corsia che mi sono reso conto che dovevano guardarmi chinarsi ogni volta che lanciavo.

Vedi, quando abbiamo iniziato il gioco io e Ryan eravamo gli unici vicino alla nostra corsia e non ero preoccupato che Ryan vedesse la mia gonna corta. Inoltre, Ryan mi aveva detto che non poteva vedere la mia figa quando ho giocato per la prima volta.

Ero così coinvolto nel gioco che non avevo notato gli uomini. Da quel momento in poi ho cercato di tenermi in piedi ma mi ha rovinato il gioco. Ho perso.

C'è stato un altro incidente davvero imbarazzante che è successo mentre ero a casa dei genitori di Ryan. Ryan ed io eravamo stati alzati fino a tardi una mattina, ed era una giornata di sole per cambiare così abbiamo deciso di uscire sul retro e sdraiarci sui lettini. I genitori di Ryan erano entrambi al lavoro e suo fratello Tom era a scuola.

Ryan ha detto che avrei dovuto ricaricare la mia abbronzatura totale, quindi mi sono tolto la gonna e il top e mi sono sdraiato per godermi la calda somma sul mio corpo.

Sonnecchiai e ricordai vagamente che diceva qualcosa sull'andare dentro per qualcosa. Pochi minuti dopo ho sentito un rumore nelle vicinanze. Ho iniziato ad aprire gli occhi per vedere cosa stava facendo Ryan, ma non appena si sono aperti un po', il sole mi ha accecato, quindi li ho chiusi di nuovo. Ero sicuro di aver visto la sagoma di Ryan ai miei piedi, quindi ho detto,

"Ehi piccola, puoi strofinarmi un po' di crema solare per favore?"

Pochi secondi dopo ho sentito aprire il flacone di crema solare abbronzante, poi l'ho sentito gocciolare su gambe e braccia. Mi sono rilassato ancora di più mentre le mie gambe e le mie braccia si sono strofinate la lozione.

"Non dimenticare di fare il resto della mia parte anteriore, per favore." Ho detto.

Ho sentito la lozione gocciolare sulle mie spalle e poi sulla mia pancia; poi si è diffuso su di me.

"Non dimenticare le mie bambine". Ho detto.

Pochi secondi dopo le mie tette sono state massaggiate.

"Bello." dissi, sempre tenendo gli occhi chiusi.

Ho sentito la lozione gocciolare sullo stomaco e poi le mani strofinarla dappertutto.

“Non dimenticare il mio gatto; non vogliamo che si bruci, vero?" Ho detto.

Le sue mani si fermarono per alcuni secondi, poi una mano si posò sulla mia figa.

"Hmm, è carino." dissi e aprii le gambe.

"Le tue dita faranno di nuovo la loro magia su di me?" Ho chiesto.

Le dita sondarono delicatamente le mie labbra e poi il mio clitoride. mi sono lamentato.

"Dentro per favore." Ho detto.

Le dita iniziarono a fottermi e io gemevo di nuovo. Ho iniziato ad avvicinarmi al cumming quando ho sentito Ryan dire,

"Vuoi un drink TT?"

"È un momento stupido per chiedere qualcosa da bere" ho pensato. Poi, aspetta un minuto, la sua voce proveniva da vicino alla porta sul retro.

"Di chi erano le dita nella mia figa?"

Ho portato la mia mano per proteggermi gli occhi dal sole e ho aperto gli occhi.

OH MIO DIO! Era Tom che mi scopava con le dita.

Tom fece un salto indietro. Sono saltato in piedi e mi sono coperto la figa e le tette. Entrambi abbiamo iniziato a scusarci con l'altro.

Tom stava dicendo che pensava che io sapessi che era lui, e gli ho chiesto di farlo; e stavo dicendo che pensavo che fosse Ryan.

Ryan ci ha chiamato per stare zitti e poi ha detto,

“Va bene, tante incomprensioni e scusate tutti. Siete entrambi ancora vivi e nessuno dei due è stato ferito. Riduciamolo a un malinteso e andiamo avanti; Va bene?"

Ero ancora lì, nudo, a coprirmi i pezzi; il mio cuore batteva forte e la mia faccia era rossa, e non aveva niente a che fare con il sole.

Sia Tom che io eravamo d'accordo, e dopo pochi secondi ho chiesto a Tom perché non era a scuola. Ci ha detto che quel pomeriggio aveva delle mestruazioni libere, quindi aveva deciso di tornare a casa.

Tom è entrato e io mi sono seduto e ho raccolto il mio top. Ryan ha detto che non avremmo visto Tom per secoli. Era troppo imbarazzato per mostrare la sua faccia per qualche ora, quindi dovrei rilassarmi e godermi il sole.

Ho cercato di rilassarmi, ma proprio non ci riuscivo. Ho chiesto a Ryan se era sconvolto dal fatto che suo fratello mi avesse toccato le dita. Ha risposto dicendo,

"Sembrava che ti stessi divertendo, vero?"

"Beh sì, ma pensavo fossi tu." Ho detto.

“Se ti è piaciuto, non sono arrabbiato. Dopotutto, Tom è mio fratello, non è che fosse un estraneo".

Ho lasciato perdere, ma mi chiedevo da quanto tempo Ryan lo guardava.

Poco dopo mi sono vestita ed siamo entrati.

Parlando di Tom, una volta ci ha beccato a fare sesso. La scuola era finita e solo noi tre eravamo a casa. Era metà mattina e io e Ryan non ci eravamo ancora alzati. Non eravamo svegli da molto ed ero sopra Ryan con le ginocchia su entrambi i lati di lui, di fronte a lui. Lo stavo cavalcando e avevo sborrato prima di lui.

Mi appoggiavo all'indietro e mettevo le braccia dietro di me per sostenermi in modo che potesse vedere il suo cazzo seppellito in profondità nella mia figa. Questo lo fa sempre venire più velocemente.

Ad ogni modo, l'ho appena sentito riempirmi di sborra quando la porta della sua camera da letto si è spalancata.

A questo punto dovrei spiegare che la porta è accanto alla testata del letto, quindi chiunque si trovi sulla soglia può vedere tutto il letto accanto alla testata del letto.

Quindi, la porta si aprì ed entrò Tom. Non appena ci ha visto si è bloccato, anche io. Ryan non aveva scelta, ero sopra di lui. Tom ci fissava e la mia figa con il cazzo di Ryan ancora dentro.

Pochi secondi dopo Tom disse:

“Scusa, mi sono appena alzato e ho pensato che fossi uscito. Volevo prendere in prestito quel DVD di cui abbiamo parlato”.

"È sul tavolo." ha detto Ryan quando ho sentito il suo cazzo diventare più duro e sobbalzarmi dentro.

Tom prese il DVD e se ne andò, guardandomi mentre andava.

Ryan ha continuato a sparare un altro carico dentro di me. Immagino che suo fratello, vedendomi spalancata in quel modo, lo avesse davvero eccitato.

Ho sorpreso Tom a guardare la mia gonna alcune volte; anche suo padre. Dopo circa una settimana che ero lì, mi sono reso conto che ogni volta che andavo di sopra uno di loro mi seguiva. All'inizio pensavo fosse solo una coincidenza, ma li ho anche visti fissarmi le gambe mentre guardavamo la televisione.

Una volta Ryan ed io eravamo seduti sul divano a guardare la televisione e il padre di Ryan era seduto di fronte. Il padre di Ryan continuava a parlare con Ryan di cose stupide. Naturalmente quando suo padre gli parlava ci guardava.

Non ha aiutato il fatto che Ryan mi avesse aperto le gambe in modo da potermi mettere la mano sulla coscia. Stava tirando la mia gamba più vicino a lui, quindi le mie gambe erano un po' divaricate. Immagino che il padre di Ryan sarebbe stato in grado di vedere il mio pube calvo e forse un po' della mia figa.

Abbiamo anche fatto jogging un paio di volte. Ryan ha detto che sarei stato d'accordo con la gonna da tennis e un top. A parte la corsa campestre a scuola, non avevo mai corso prima. Ryan ha pianificato una rotta e siamo partiti.

Quando ho iniziato a correre mi sentivo come se fossi senza fondo, la gonnellina rimbalzava e potevo sentire l'aria che scorreva veloce attraverso la mia figa. Si sentiva bene. Ho convinto Ryan a correre dietro di me per un po' per vedere se qualcuno poteva vedere il mio sedere. Ha detto di no, ma non ne ero sicuro.

Abbiamo fatto jogging solo per circa 3 miglia la prima volta, verso la campagna, attraverso un parco e ritorno. Mi è piaciuto davvero. Potrei dare una buona occhiata in giro e riflettere su alcune cose.

Ovviamente Ryan voleva fermarsi mentre stavamo attraversando il parco; mi ha messo contro un albero prima di rimetterci in marcia. Quell'albero è diventato un po' popolare quando Ryan mi ha fottuto contro ogni volta che andavamo da quella parte.

Ryan ha iniziato a sostenere un colloquio di lavoro in alcune delle città circostanti e ogni volta se ne andava da solo, lasciandomi a casa. Disse che era meglio che io restassi indietro in modo che potesse concentrarsi sull'intervista e non preoccuparsi che io aspettassi in qualche strana città da solo.

La prima volta che è andato ero a casa da solo. Era la prima volta che ci separavamo da settimane. Non era una giornata di sole, quindi non potevo prendere il sole. Dopo un paio d'ore di noia ho deciso che potevo andare a fare jogging da solo. Conoscevo il percorso che avremmo preso, quindi non ero preoccupato di perdermi.

Stavo appena allacciando le mie scarpe da ginnastica quando ho deciso che sapevo cosa potevo fare per ricordarmi del nostro amore quella mattina. Ho tirato fuori il vibratore telecomandato e ho fatto scivolare la parte commerciale nella mia vagina. Mi sono dato un rapido ronzio poi l'ho spento mentre finivo di prepararmi. Giusto per ravvivare un po' di più le cose, ho indossato la parte superiore con la fascia di pizzo in alto e l'ho tirata giù in modo che i miei capezzoli uscissero dai fori. Non vedevo l'ora che l'aria fresca scorresse veloce attraverso i miei capezzoli e la mia figa.

Poco prima di uscire di casa ho acceso l'atmosfera bassa e ho rimesso il controllo nel cassetto, quindi mi sono messo a correre.

Ho pensato al cazzo di Ryan mentre correvo lungo la strada con la mia gonnellina che rimbalzava su e giù. Ho ignorato i commenti scortesi di un paio di costruttori che stavano lavorando a una casa e ho proseguito verso il parco.

Quando sono arrivato lì, sembrava che qualcuno avesse aumentato la velocità del vibratore. Mi stavo abbastanza agitando. La mia figa formicolava e le mie cosce interne erano bagnate. Ho iniziato a pentirmi di aver inserito l'atmosfera.

Quando sono arrivato al nostro cazzo di albero mi sono ricordato delle volte in cui Ryan mi aveva scopato contro e ha iniziato a sborrare. Ho smesso di correre, mi sono piegato in avanti e ho tenuto le ginocchia per sostenermi.

Non stavo pensando alla gonna che mi montava il sedere rivelando al mondo il mio sedere nudo. Questo è stato fino a quando un uomo in bicicletta è volato all'improvviso da dietro di me. Quando mi è passato accanto ha gridato

“Bei panini!”

Per una volta non mi importava; Avevo il mio orgasmo di cui preoccuparmi.

Alla fine l'orgasmo passò e riuscii ad alzarmi; ma l'atmosfera stava ancora facendo le fusa dentro di me.

Ho ripreso a correre, anche se un po' più lentamente.

Sono uscito dal parco e ho iniziato a vivere in un complesso residenziale. C'era gente in giro e alcuni giovani si stavano dirigendo verso di me. Potevo sentire un altro orgasmo crescere.

Man mano che mi avvicinavo ai giovani, iniziavano i commenti.

"Dannazione, le sue gonne corte."

"Non ha il reggiseno."

"Non sembra nemmeno che abbia le mutandine, sono sicuro di aver appena avuto un lampo della sua fica."

"Guarda quei capezzoli!"

Quando li ho superati devono essersi voltati a guardarmi.

“Che cazzo di culo. Mi piacerebbe metterci le mani sopra".

"Cazzo, di certo non ha le mutandine."

Tutti quei commenti hanno avvicinato il mio orgasmo in sospeso.

Ho girato un altro angolo e ho visto degli uomini che lavoravano in una buca nella strada. Dovrei superarli per tornare a casa di Ryan. Quando mi sono avvicinato, uno degli uomini mi ha visto e i commenti sono ricominciati.

"Flash la tua figa per noi."

"Mostraci le tue tette."

Un uomo gli afferrò le palle e gridò:

"Vuoi un po' di questa carne luv?"

Mi stavo avvicinando al cumming e non mi stavo concentrando abbastanza sul percorso. Proprio mentre passavo davanti al furgone dell'operaio, un altro uomo è uscito dalla porta laterale. Siamo andati per lo stesso pezzo di sentiero nello stesso momento e mi sono imbattuto in lui.

Era circa il doppio della mia taglia, quindi sono uscito peggio. Sono rimbalzato su di lui e sono volato sul prato di qualcuno.

Senza fiato e scioccato, rimasi lì sdraiato cercando di capire cosa fosse successo. Il vibratore era ancora in funzione e la mia figa continuava a pulsare.

La prossima cosa che ho capito è che stavo guardando 5 robusti operai con i loro vestiti ricoperti di fango. Mi sono accorto che la mia gonna era in vita e ho mosso una mano per tirarla giù.

"Non muoverti amore", disse uno degli uomini, "Dave qui è un soccorritore; faresti meglio a lasciarti controllare prima di trasferirti.

Ho rimesso la mano a terra mentre l'orgasmo mi ha colpito. Ho iniziato a tremare e a gemere. Potevo sentire i muscoli della mia figa tremare.

"Dannazione, sembra che stia venendo." Ho sentito dire da uno degli uomini.

"No, sarà lo shock di imbattersi in quel grasso bastardo." Un altro ha detto.

Dave (presumibilmente) si inginocchiò accanto a me e disse:

“Rilassati amore, resta dove sei, starai bene in un minuto. Presto ti farò controllare e potrai riprendere la tua strada.

Se solo lo sapesse.

Smisi di tremare mentre l'orgasmo si placava. Volevo, avevo bisogno, di abbassare la gonna. Le mie ginocchia erano divaricate, la mia figa era aperta e gocciolante; e 5 uomini lo stavano guardando. Potevo sentire la mia faccia bruciare.

Dave allungò una mano per prendermi il braccio e fece scorrere le mani su di esso.

"Niente di ovvio, puoi muovere la mano per favore?"

Ho fatto un pugno.

Dave ha fatto lo stesso con il mio altro braccio.

Ho fatto un altro pugno.

La mano di Dave andò alle mie spalle e cercò eventuali anomalie sulle mie spalle, collo e testa.

"Bene", disse, "sembra che tutto sia normale lì."

Ho iniziato a sedermi ma Dave ha premuto sulla mia spalla.

"Non ancora, potresti aver danneggiato qualcosa in basso." Egli ha detto.

Dave mise una mano su entrambi i lati della mia vita sulla mia gonna alzata e premette delicatamente.

"Fa male?" disse, poi, "qualcosa sta tremando lì dentro, sei sicuro di sentirti bene?"

"Sì." Ho detto mentre andavo una tonalità di rosso più brillante.

Dave si alzò, si alzò in piedi e si inginocchiò di nuovo. Era ai miei piedi e guardava dritto verso il mio buco aperto. Ho quella sensazione nelle viscere e un'altra corsa nella mia figa.

Una delle mie gambe era abbastanza dritta, ma l'altra era piegata al ginocchio con il piede vicino all'altro ginocchio.

Dave iniziò sulla mia gamba dritta e fece scorrere delicatamente entrambe le mani su entrambi i lati. Si fermò a circa un pollice dalla mia figa palpitante.

"Mi sento bene!" ha detto Dave.

Le mani di Dave andarono al piede dell'altra mia gamba e la sollevarono delicatamente. Mi guardò dritto negli occhi mentre raddrizzava delicatamente la mia gamba e la posava vicino all'altra gamba. Almeno la mia figa non era più aperta.

Le mani di Dave iniziarono a scivolare su quella gamba. Proprio mentre si avvicinava alla mia figa, venni di nuovo. Mentre le onde di estasi si riversavano su di me, iniziai a gemere e tremare, di nuovo. Alzai lo sguardo e vidi 10 occhi che ancora mi fissavano.

"Cosa sta succedendo Dave?" chiese uno degli uomini. "Cosa c'è che non va con lei?"

Dave aveva un'espressione perplessa sul viso.

“Sei…” iniziò a dire Dave, poi sorrise e disse: “Non sei tu?”

Stavo iniziando a sentirmi più in controllo, quindi sono balzato in piedi e sono corso a gambe levate. La mia gonna si stava prendendo il suo tempo per tornare al suo posto, ma ho continuato ad andare avanti.

Ero ancora adrenalinico quando sono tornato a casa di Ryan. Corsi di sopra in camera nostra e presi il telecomando. La cosa strana è che, invece di spegnerlo, l'ho alzato al massimo. Mi sdraiai sul letto e ebbi l'ennesimo orgasmo, uno dei più intensi di sempre.

Cosa c'era di sbagliato in me? Perché quell'orribile esperienza mi aveva eccitato così tanto? Mi piaceva davvero che gli uomini mi vedessero nudo? No, no, non era possibile. Non sono quel tipo di ragazza. Il mio corpo nudo è per me e Ryan da vedere, nessun altro.

Riuscii a mettere da parte la mia confusione per un po' e mi addormentai. Quando mi sono svegliato mi sono spogliato e sono andato a farmi una doccia.

Sentendomi molto meglio mi misi un vestito e scesi le scale. Tom era lì a guardare la televisione. Ho mangiato un boccone e mi sono unito a lui. Il programma era noioso, ho iniziato a pensare, a cercare risposte. Improvvisamente mi sono ricordato dell'atmosfera. Era ancora dentro di me.

“Merda, mi sto anche abituando ad avere quella cosa dentro di me. Cosa c'è di sbagliato in me?"

Pochi minuti dopo è entrato Ryan, sono balzato in piedi e sono corso ad abbracciarlo. Siamo saliti al piano di sopra e appena siamo entrati nella nostra stanza ho aperto la cerniera del mio vestito e l'ho lasciato cadere a terra.

"Prendimi!" Ho detto. Poi mi sono ricordato dell'atmosfera, "ma prima di farlo c'è una piccola cosa dentro di me che dovrai rimuovere".

Ryan sorrise,

“Wow TT ti stai trasformando in un vero sexaholic. Ce l'hai tutto il giorno?"

"Per favore!" Ho detto: "Toglilo fuori e fottimi, poi ti dirò tutto".

Lui l'ha fatto, noi l'abbiamo fatto e io l'ho fatto. Poi gli ho raccontato tutto delle mie preoccupazioni per me stesso.

Ryan sorrise, mi baciò e poi mi disse che gli suonavo abbastanza normale. Ok, essere buttato a terra non è normale, ma tutti i miei sentimenti erano normali.

Mi sentivo un po' meglio, ma non ero del tutto convinto. Semplicemente non sembrava giusto.

La cosa pazzesca era che ogni volta che Ryan andava per un'intervista mi mettevo gli stessi vestiti, l'atmosfera dentro di me (accesa) e andavo a fare jogging. Ok, ho avuto orgasmi in luoghi diversi e non sono stato travolto; e non ho deliberatamente lampeggiato a nessuno; ma mi sono divertito moltissimo.

Alla fine a Ryan è stato offerto un lavoro in una città a circa 30 miglia di distanza. Avevamo circa una settimana per trovare un posto dove vivere. Fortunatamente il suo nuovo datore di lavoro gli aveva fornito un elenco di agenti immobiliari e suggerito aree della città in cui vivere.

Per i successivi 3 giorni abbiamo preso un treno in anticipo per la città e abbiamo trascorso l'intera giornata alla ricerca di un posto in affitto. Il terzo giorno abbiamo trovato un posto. È un appartamento con una camera da letto in un piccolo condominio. È abbastanza moderno, ma ha pochissimi mobili.

Il deposito che abbiamo dovuto versare sull'appartamento ha preso quasi tutto ciò che ci era rimasto dai nostri prestiti studenteschi. Ryan non sarebbe stato pagato fino alla fine del mese successivo, quindi avremmo dovuto stare molto attenti con i soldi per alcune settimane.

Il padre di Ryan ci ha accompagnato in macchina lì il giorno prima del primo grande giorno di lavoro di Ryan per vivere. Suo padre era davvero bravo; ci ha aiutato a fare tutte le cose che dovresti fare quando ti trasferisci in una casa in modo da non poter essere derubato.

Avevamo un'auto piena di borse e scatoloni che dovevamo portare fino all'appartamento al terzo piano. In ogni viaggio era sempre

"Prima le signore,"

E il padre di Ryan è salito dietro di me. Deve aver dato un'occhiata alla mia gonna corta, soprattutto perché dovevo chinarmi per posare le borse, per aprire le porte ecc. Per una volta non mi importava, ero così felice di avere un posto tutto nostro, e dopotutto, è quasi una famiglia.

Eravamo entrambi molto grati e ho dato al padre di Ryan un grande abbraccio e un bacio sulla sua guancia prima che ci lasciasse.

Il nostro primo appartamento

===============

È stato fantastico avere un posto tutto nostro. Abbiamo festeggiato quella sera con un take-away e una bella scopata.

L'appartamento al terzo piano non aveva tende o persiane e c'erano altri condomini sul davanti. Quando si fece buio potemmo vedere in alcuni degli altri appartamenti; quindi immagino che sarebbero in grado di vedere nel nostro.

Ryan mi ha detto di ignorare questo fatto; nessuno si preoccuperebbe di guardarci. Non ne ero così sicuro, ma ero così felice che quando Ryan mi ha spogliato in soggiorno non ho obiettato.

Ci siamo alzati presto la mattina successiva in modo che Ryan avesse tutto il tempo per arrivare al suo primo giorno di lavoro. Il piano era che avrei passato il primo giorno a pulire il posto, poi uscire, scoprire cosa si trovava e iniziare a cercare un lavoro.

Pochi minuti dopo aver iniziato la pulizia mi sono reso conto che stavo per diventare tutto sudato e sporco. Ho pensato per un minuto; nessun altro era nell'appartamento e non mi aspettavo che qualcuno chiamasse così ho deciso che se avessi fatto tutte le pulizie senza vestiti avrei potuto farmi una doccia appena prima che Ryan tornasse a casa e avrei comunque avuto una gonna e un top puliti .

Così ho fatto.

Nel tardo pomeriggio avevo quasi finito quando ho ricevuto una telefonata da Ryan che mi diceva che sarebbe stato a casa tra circa mezz'ora. Sembrava felice, quindi ho deciso che gli avrei fatto una bella sorpresa non appena fosse tornato a casa. Ho messo via la roba per pulire e sono andato a farmi una doccia.

Ho sentito suonare il campanello (a quel punto avevamo solo una chiave), quindi sono corso alla porta ancora nudo. Ho spalancato la porta e ho gridato

"Sorpresa……. Oh merda!" Ho sbattuto la porta, poi l'ho aperta abbastanza per girare la testa.

"Chi sei?" Ho chiesto.



“Siamo i tuoi nuovi vicini; siamo venuti per darti il ​​benvenuto e darti questi”.

La donna mi porse un mazzo di fiori mentre l'uomo mi sorrideva.

Proprio in quel momento Ryan è apparso sull'atterraggio.

“TT, don’t be rude, invite our new neighbours in.” He said as he pushed the door open.

I made a run for the bedroom. Our new neighbours had seen me full frontal when I opened the door, and they were now watching my butt as I run away from them.

I heard Ryan say,

“Sorry about that, my girlfriend’s a bit shy.”

“That’s okay; we shouldn’t have come without warning. Here, you’ve obviously got a lot to do, we’ll leave you to get on with it. If there’s anything that you want to know about the area please come and see us; we’re at number 37 over the landing. By the way we’re John and Sandra.”

I heard Ryan tell them our names, then they left.

I came out to Ryan and apologised to him. He told me that it was okay, and that we must get a spy hole put in the door, and another key cut.

I then asked him if we could start again.

Ryan went out onto the landing and shut the door. A few seconds later he knocked on the door and I opened it,

“Surprise!”

We had a pleasant evening.

The next morning after Ryan left for work I got my laptop out and started looking for jobs.

By lunchtime I’d given up and decided to go for a walk to get to know the place a bit better.

Then I had an idea, why don’t I go for a jog? I could cover a lot more ground and get some exercise on the way. I got changed into my white tennis skirt and the same top that I’d worn on that horrible day when I’d collided with a road worker.

As I checked myself out in the mirror my body took control over my brain again. I’d sworn to myself that I would never go out jogging again with the vibrator inside me, but there I was pushing the damn thing up my pussy.

What was I doing? Sex was starting to control my life. I switched it on low, shivered a bit as it burst into life, and pulled my top down a bit so that my now hard nipples were poking through the lace holes.

I got the key and let myself out, hid the key and started down the stairs.

I’d got down 2 flights of stairs when I met our neighbours coming up. Thinking about what happened the previous evening I wanted to ignore them and keep going, but I couldn’t; they were our neighbours, and probably nice people.

“Hi!” I said, “Look, I want to apologise for last night, it was very rude of me to slam the door like that and then to run off. I shouldn’t have done it and I’m sorry.”

“That’s okay,” Sandra said. ”I used to surprise John like that when we first got together. We’ll have to get together for a coffee sometime.”

As Sandra was talking I looked at John and smiled. He was looking me up and down. That got me embarrassed and more aware that my nipples were poking through my top and the vibe was purring away in my pussy.

“I’m just off out for a run, I’ll come over sometime and we can get to know each other better.” Ho detto.

“Okay, have a good run.” Sandra said and we all got on our way.

The fresh air hit me as soon as I got outside and started running. I felt my nipples harden even more and the air rush passed my naked pussy.

Off I went down the road, not sure where I was going. I didn’t intend going too far, I didn’t want to get lost. I was happy that there weren’t many people around.

I jogged round a few streets and passed a park and came to a busy shopping street. I didn’t want to run down there with a flushed face, throbbing pussy and my nipples poking out of my top. I wasn’t ready to have an orgasm with so many people around.

WASN’T READY!

WTF was I thinking, Of course I wasn’t ready. I’d NEVER be ready for that. I just couldn’t do anything like that. Shit, was that my body trying for control my mind again?

I turned round and headed back home. I was 2 streets from home when I felt the orgasm building. I wasn’t sure that I could make it home so I looked round and, seeing no one, I ducked behind a parked car.

I leaned against a wall and bent forward putting my hands on my knees.

A few seconds later it arrived.

“Aaaarrrgggghhh.” I uttered and started shaking.

Just as I started to come down I heard something behind me. I stood up straight and turned round.

Shit, there was a big, fat, ugly, caring traffic warden stood behind me. I saw a camera in his hand.

“Are you all right Miss?” chiese.

“Err yes. I was just getting my breath back. I’ll be okay in a minute. Thank you for your concern.

“Are you sure? I can call for an ambulance if you want.” Egli ha detto.

“No, it’s okay. I’ll be fine in a minute thank you.”

“Right, I’ll be off then.” The man said and he turned and walked away.

Shit! I was bent over; he’ll have been able to see my naked butt and pussy. I hope he wasn’t bright enough to take a photo.

That thought triggered a mini orgasm. I shook myself and started jogging again.

The next afternoon when I went jogging I decided to go into the park. Again, I couldn’t stop myself from pushing the vibe up my pussy and turning it on; this time, up a notch. I think that going into the park was a sub-conscious decision; I must have known that I was going to cum at least once.

The park turned out to be quite big. It had a football pitch, wooded area, a small stream train running through it and a big kids play area.

I jogged round the football pitch and the through the woods. Just as I got to the end of the woods the first orgasm hit me. I stopped and leaned against a tree until I could get going again. Fortunately, the park was really quiet. I’d only seen one old couple walking through.

I ran on, passed the kids play area and came to the other end of the park. There was a little car park (empty) then a main road. As I turned to go back I felt another orgasm building. As I got to the kids play area I had a crazy idea. There was no one there, and no one in sight anywhere.

I went over to the climbing frame and climbed up a bit. I wasn’t sure that I could hold back until I got into the position that I wanted.

I sat on one of the crossbars (it was cold on my butt) then slid back so that my spread knees were over the bar. Then I lowered myself backwards so that I was hanging upside down. Gravity had sent my skirt close to my face and I was total exposed from waist to ankles.

I wanted to experience an orgasm while upside down. I reached up and touched my clit. Within seconds it hit me. It was slightly different – still good. I think that the extra blood in my head caused it. I wondered if having one after being upside down for a lot longer would make it even better. I thought about bringing Ryan there late one night and letting him fuck me while I was upside down. I didn’t work out how we could do that.

As I calmed down I looked round. I saw swings, a see-saw, climbing ropes and a little fort with little slides for the little kids.

The climbing ropes looked interesting. I pulled myself up, climbed down and went over to the ropes. Could I climb up and then slide down with the rope pressing against my pussy?

I looked all around and couldn’t see anyone. I jumped up and grabbed the rope. It was hard work, but I managed to get to the top – only about 15 feet.

Holding onto the top bar with one hand, I adjusted the rope so that it went over my pubic bone and pussy (it pressed on my clit). I wrapped my legs round it and gripped it with my legs. I let go of the top bar and gripped the rope with my hands.

Hoping that I wouldn’t get rope burn on my pussy, I eased my grip and started slowly sliding. I’d only got about a third of the way down when I got hit with a big one. I gripped the rope hard.

“Fuck that was good.” Ho pensato.

As the orgasm subsided I loosened my grip. A couple of feet later another one hit me.

Shit, I’m going to come here every day. I’ve got to bring Ryan so that he can see the effect it has on me.

Another couple of feet lower and I had another one.

My feet reached the ground and I stood there calming down.

Then I heard a voice,

“Hello little girl, where’s your mummy? You shouldn’t really be climbing those ropes without your parents being here.”

I looked round. It was an elderly man with a dog on a long lead.

The dog walked over to me and started sniffing at my pussy. I pushed it away but it came back. I had to push it away again before the man pulled it away.

Putting on my best little girl voice I said,

“My daddy is just over there, he’ll be here in a minute. He lets me climb on these ropes and he knows I’ll be careful.” Ho detto.

The man told me to be careful then walked off.

I decided that I’d had enough for that day and headed back home. As I jogged I felt a bit guilty, thinking,

“What a slut! Why did I do that? What’s wrong with me? I’ve got to stop doing these things; but I just knew that I wouldn’t stop.”

When I told Ryan all about it that night he told me that we were going to go back there one night.

I went back there on a few of my afternoon jogs. Most of the times I couldn’t have any fun because there were people around; but I did manage to have some fun a couple of times.

There was one time when I was hanging upside down on the climbing frame with my legs spread wide, my skirt round my chest, and my right hand bringing me to climax when I saw a man cycling passed. He saw me and nearly ran into the fence round the play area. Knowing that he was looking at me made my orgasm come quicker.

The rope was (still is) my favourite. Sliding down with those rough, nobly bits rubbing against my bare pussy is pure pleasure.

My problem is that I always feel guilty afterwards. Ryan says that I shouldn’t, but I always do.

The first few weekends there we decided to go into town and have a look round. We knew of a few things that we wanted but didn’t have the money. They would have to wait, but there was nothing stopping us looking.

We trawled around a few shops then saw that the city had an Ikea so we decided to get the bus out there.

When it’s a double decker bus Ryan always wants to go upstairs. When we’re going upstairs he wants to go up first; going downstairs he wants me to go first. He says that going up, he wants to see where we’re going to sit; and going downstairs, he says that he wants to be able to grab me if I slip.

I suspect that he wants anyone following me up to be able to see up my short skirt to my bare butt and pussy; and hoping that anyone going down in front of me will turn round and maybe see my pussy.

Anyway, Ikea; we got some great ideas. One thing that we need is a new bed; we’re both not all that keen on sleeping on a second-hand mattress.

Ikea has lots of beds on display, and you can lay on them to try them out. Ryan wanted me to lay on lots of them. He wasn’t at all worried by the fact that I had a very short skirt and no knickers on. He told me to lay on each bed, flat on my back, on my side, and curled up in a ball. In each position I had to tell him if I was comfortable.

The beds were comfortable, but I wasn’t most of the time. I was okay when he was the only person watching me, but a couple of men started following us. They always seemed to be standing at the bottom of the bed that I was trying out. I tried to keep my legs together and my skirt pulled as far down as it would go, but they must have had a great show. Ryan was often stood near them and must have seen what they were seeing. He seemed to be enjoying my exposure; I could see a nice bulge in his trousers.

I started to get that randy tingling in my pussy and I felt my pussy get quite wet. When I got off the last couple of beds that I tried out I could see a little wet line where my exposed pussy had slid across the mattress. I got embarrassed, even more so when Ryan told me that the wet lines had the nickname of ‘snail trails’. Okay, I can understand the comparison, but that name only made my face redder.

We moved on to the market area after my second ‘snails trail’.

My first Job

========

One evening about 2 weeks after we moved in, Ryan came and told me that he had got me a part-time job for a couple of weeks. He then told me that he’d seen an advert for a model for an art class.

“What sort of model?” Ho chiesto.

“A nude model of course; what other type are there?” Ryan said.

“I can’t be a nude model.”

“Why not?”

“Well, for starters” I said. ”I haven’t got the body for it.” Cupping my little tits I continued, “They’ll want someone with bigger tits than these 28AAAA. Then there’s my modesty. I’ve never done anything like that and I just couldn’t. The humiliation and embarrassment would be way too much for me.”

“TT, it’s okay,” Ryan said, “I’ve told them all about how big you are and they aren’t bothered. In fact the teacher that I spoke to told me that it would be good for the students to draw a woman that doesn’t have massive breasts. As for your embarrassment, it’s not as bad as you make out. You even go jogging in a really short skirt on your own; and besides, it’s cash-in-hand and we need the money.

“Ryan,” I said, “it’s one thing running passed someone in a short skirt that covers my puss and butt, but it’s something completely different standing in front of a group of people for 2 hours without any clothes on.”

“Yeah, you’re right, but think of the money, and I want you to do it. Please say yes?”

I looked at Ryan; he looked as if he’d be heartbroken if I refused. What else could I say?

“Okay, I’ll do it, just for you though.”

“Great, I’ll phone the teacher and confirm it. Oh, the first session’s tomorrow night.” Ryan said.

Shit, what had I just let myself in for. My nerves went into overdrive. I just knew that I’d die of embarrassment.

Fortunately Ryan didn’t give me much chance to think about it that night. He had other things on his mind.

The next morning was spent hunting for jobs again. I had a bit more enthusiasm as I just didn’t know what other humiliating job Ryan would find for me.

The afternoon was spent jogging. I didn’t put the vibrator in that time as I didn’t want reminding of what I had to do that evening.

That evening I got a bus to the college where I was going to have to get naked in front of lots of stranger. I had butterflies in my stomach and felt sick. It was something that I really didn’t want to do, but knew that I had to.

As I walked into the college and followed the signs to the art room I did something that I never thought I would do again; I prayed that there would be no one there.

As usual, my prayers weren’t answered. I knocked on the door and was really disappointed when I heard a voice say,

“Come in.”

There were about 2 dozen people in there. Their ages ranged from my age to pensioners and about half of them were men.

A middle-aged man came up to me and said,

“Hi, you must be Tanya. I’m Dan.”

A hand came out for me to shake.

“Thank you so much for volunteering to be our model, it’s so difficult to get people these days. I’m sorry to ask you and I know that your boyfriend said that you’re 20 years old and look a lot younger; but you really do look a lot younger than 20. Do you have anything on you that will confirm your age? I’m sorry but the college governors have demanded that I get proof that all models are over 18.”

In total silence I put my hand in my bag and got out my passport. I opened it at the appropriate page and showed it to Dan.

“Sorry about that Tanya, but I could get in real trouble if I didn’t ask. Now, the way it works here is that students have been selected to put you in a pose, one at a time that is. You will then hold that pose for 20 minutes. After that you will have a 5 minute break then another student will put you in a pose, followed by another 5 minute break. This will go on until we run out of time.

The same will happen at the next 2 sessions that you have volunteered for, but with different students. The next week will be a repeat of this weeks; but with different students putting you in poses.

I’ll bring your money in at the last session.

Is that okay?”

I was shaking and stunned. Something like 60 people were going to see me naked. Not only see me naked, but stare at me for 20 minutes at a time. Ryan, what have you done to me?

I felt like turning and running but I didn’t want to disappoint Ryan.

“Is that okay?” Dan asked again.

I just nodded.

“Right then, you can go and take you clothes off behind that screen, then come out and we’ll get started. Oh, I do hope that you haven’t got any strap marks, we don’t want to spoil things for the students, do we?”

I wanted to laugh at the strap marks comment, but I was too numb. I turned and walked to the screen.

I put my bag down and held my hand out flat. It was shaking. I slowly took off my jacket and top, then my shoes. Finally resigning myself that I had to do it, I unfastened my skirt and dropped it to the floor.

I was naked. I took a deep breath and with a very red face, I stepped out from behind the screen.

I was so tempted to cover my breasts and pubes, but somehow resisted.

Dan was there waiting.

“Good, good Tanya, the students will not be disappointed. It’s so good not to get a girl with ginormous breasts.” Turning to his left Dan continued,

“This is Sheila, she’ll get things started.”

Sheila smiled at me then led me to a table in front of the class.

“Climb up.” Sheila said.

She then told me to stand facing the class with my legs about shoulder width apart, my left hand on my left hip, and my right index finger just touching my lower face lip. She asked me to put a puzzled expression on my face.

As I opened my legs I suddenly realised that my pussy was dripping. My lips were swollen and all wet and shiny. Then I thought about my nipples; they were rock hard. All those people would be able to see that I was aroused.

OMG – why does my body do that? I wanted to die.

After a couple of minor adjustments Sheila has happy and she told me not to move.

Not move! Ho pensato. I was shaking and my face was burning. The woman cannot be serious.

I looked round the room. Yes, about 2 dozen people were staring at me, but none of them had that lustful look to their faces. Well, maybe 1 man.

Somehow I managed to stay reasonably still for the 20 minutes. What’s more my face was burning, my pussy was still swollen and wet and my nipples were still rock hard; for all of that 20 minutes. If anything, my pussy was wetter.

Sheila came over and thanked me; then told me that I could climb down and walk around.

Walk around! I wanted to run and hide.

I stood there for a minute and Dan came over to me. He asked me if I was okay. After I lied and said that I was, he told me that I could walk round and look at the drawings.

I was feeling like a pig at a Jewish wedding so I started to move around. It helped my legs as well.

I walked amongst the students trying to look interested in their drawings of me. Most ignored me, a couple smiled at me and said. “Hi.” Two men and one young woman looked me up and down and I’m sure that they were thinking about sex. The woman even licked her lips.

“Tanya, Vicky, can you both come to the front please?” Dan shouted.

Vicky said “Hi” then asked me to get back up on the table. She then surprised me by asking me if I’d done any yoga. One of my friends at school had taken me along to one of her classes so I said,

“A little.”

“Have you done the Warrior II position?” Vicky asked.

“Is that the one where you spread your legs and then hold your arms out straight?” Ho chiesto.

“Basically, yes.” Vicky said, then directed me into the position that she wanted me in.

I wasn’t happy about that pose on 3 counts; firstly it was hard keeping my arms up like that. Secondly, I was naked; and thirdly, my pussy was spread wide and I could feel the cool air inside my hole. If I thought that my pussy was totally exposed on the first pose then this was obscene. What’s more, my body was being nasty to me again; I could feel my juices leaking out of me. I just hoped that they weren’t dripping down onto the table.

Thankfully I managed to last the 20 minutes and was sooo relieved when Vicky told me to climb down.

I wandered around the room again, looking at the drawings. Most of students had drawn my pussy lips as hanging down a bit; a couple of them had even drawn my clit as being more like a little dick.

Did I really look like that down there?

The third student to tell me how to pose was a man. My initial reaction was that he was going to produce a dildo and tell me to stick it half way in my pussy and hold it there for 20 minutes; but thankfully I was wrong. The man just wanted me to lie on my side, propping may head up with one arm. My top leg had to be bent with my foot next to the other knee.

Again, my pussy was spread and my hole was open, but the pose was easy to hold.

At the end, Dan came and thanked me and reminded me when the next session was. He told me that I could go and get dressed.

I was out of there within a minute, and running to the bus stop. I really did hope that none of the students got on the same bus.

The next 2 sessions were very similar to the first one. Okay, the poses were different, but none of them were any more obscene than the first 2 sessions. It was only by the third session that I started to relax just a little bit. I wasn’t shaking as much, but my face was still red with embarrassment for the whole session.

As I was getting ready to leave to go to the fourth session Ryan decided that he needed to spice thing up a bit. When I asked him what he meant, he went and got the remote controlled vibrator.

“No, no, Ryan you can’t possibly expect me to go and pose naked with that thing inside me. Please say that I’ve got it wrong.” Ho detto.

“Why not, you said that the bus trip there and back was boring; this will spice it up a bit.”

“Yes but,” I said, “what about standing on that table with my legs spread wide?”

“You’ve always managed to keep it in before, why would it slide out then?” Ryan asked.

“It’s not it sliding out that I’m worried about,” I replied, “that thing will be purring away in my pussy for over 3 hours. I can’t possibly survive that long without cumming at least once. It’s one thing having an orgasm out on the street with a skirt and top on, where no one is really looking at me, but when I’m stood on that table, naked, with 20 people staring at me all the time it will be something else. What are they going to think of me; and what’s more important, think how humiliating it will be for me.”

“They’ll look at you and see a beautiful woman. It will be a wonderful experience for you. Think how strong those orgasms will be; think about what’s waiting for you as soon as you get back here.”

I wasn’t convinced, but I always end up doing what Ryan wants.

Ryan switched the vibe on to the lowest setting and put the control back in the drawer.

I picked up an extra pack of tissues and walked out of our apartment with that thing vibrating in my pussy, hoping that the battery would run flat pretty quickly. I even considered sitting at the back of the bus and getting the damn thing out of me; but that wouldn’t have been fair on Ryan.

I was already quite wet and aroused when I arrived at the college. When I went behind the screen to take my clothes off I had to wipe my pussy dry before going for the first session.

Dan told me that the second week’s sessions were going to be a bit different. He told me that the theme for that week was ‘erotic art’. The students would be putting me in various yoga poses that could be considered erotic.

I looked a bit puzzled. Did he mean that someone was going to fuck me on that table? They wouldn’t be able to do that because I had the vibe, purring away, inside me.

“Don’t be alarmed Tanya.” Dan said, “We’re not expecting you to climb on that table and masturbate or have sex with anyone. It’s just that the poses will be based on some yoga positions and some people could call them erotic, especially when performed by a naked, beautiful girl.

Pete here will put you in the first pose, you’ll be just fine.”

What was Dan’s version of ‘just fine?’ Pete told me to get on the table and stand facing away from the students. He then told me to spread my legs as wide as I could.

“God, this is going to be embarrassing.” Ho pensato.

Next I had to bend forward until my head rested on the table. Finally I had to move my hands so that they were on my feet. When Pete was satisfied he told me that I was in the ‘wide leg forward bend’ pose. He told me that I shouldn’t have a problem keeping that pose for 20 minutes.

That was true, unless I died from embarrassment. My pussy was spread wide and I could feel the air on the inside of my pussy. The students would be looking right inside me. I saw so worried that the vibe would slide out. What’s more, the vibe was doing what it was designed to do. If Ryan started to eat me out there and then he would probably drown.

The more I thought about what I was displaying and how it was being displayed, the closer I got to an orgasm. I tried to think about other things, but my thoughts always came back to my pussy. That damn vibe was giving me hell.

I was hoping that I could survive the 20 minutes then rush behind the screen and cum with no one looking. In the end I just couldn’t hold out any longer.

I started to cum. I started shaking and had all on not to moan or scream. I opened my eyes and saw everyone looking at me. Were they drawing, or were they staring at me as I had an orgasm?

Then I saw the drips.

OMG my pussy was leaking that much that I was dripping onto the table.

How I didn’t die there and then I will never know.

Finally the 20 minutes was up and Pete came and told me that I’d been great. I bent my knees and collapsed onto the table. After a minute composing myself I got off the table and went and used some tissues to dry myself. As I was doing that I seriously considered squeezing the vibe out, but that would have been letting Ryan down.

I just managed to have a look at a couple of the drawings before Dan introduced me to Mary. Those drawings were so detailed, and so obscene. It was a good job that they’d concentrated on drawing my pussy and not my face.

Mary told me that I was going to do the ‘wheel pose’. My initial reaction was that I’d have to curl up unto a ball. How wrong could I be?

The table was turned length ways and I was told to stand at the front end with my feet slightly more than shoulder width apart. I than had to lean over backwards until my hands were on the table.

At least this was another pose that the students couldn’t draw my face. No doubt that they would be concentrating on my pussy again. So was the vibrator.

The one thing about that pose was that my back hurt. I think that the pain over-rode the pleasure coming from the vibrator, and I didn’t cum during those 20 minutes. I did feel my juices escaping and running down my legs.

I was sooo relieved when the 20 minutes was up. I had to ask Mary to help me to get up.

Fortunately the pain soon went and I was able to go behind the screen and dry myself again.

Again I managed to look at some of the drawings. Is my clit really that big? I must ask Ryan.

Pete introduced me to Kim. She told me that she was going to put me in a slight variation of the ‘king pigeon’ pose. I had to get on the table and kneel facing the students. Then I had to open my knees wide and lean back so that my head touched the table. Finally I had to twist my arms round so that my hands touched my feet.

Shit, yet another pose where my pussy was wide open and facing the students. The thing was; this pose was very much like how Ryan and I sometimes fuck. I remembered the time that Ryan’s brother walked into our room and I was riding him like that.

I couldn’t get that moment out of my mind as that damn vibe purred away. I soon got that randy tingling in my pussy again. I could feel my pussy getting wetter and wetter. My juices trickled down to my butt and I felt the orgasm coming on.

The students must have seen my stomach going up and down with the heavy breathing; and my convulsing pussy.

I was so relieved when the 20 minutes was up. I quickly got up and was off behind the screen to dry and get dressed. I was out of there within 5 minutes.

When I got back to the apartment Ryan was doing a bit of homework. He stopped when I went in and came and hugged me. He just kne

Storie simili

Cinema_(1)

Sono stato fortunato ad essere giovane negli anni '70 per godermi i cinema di sesso. Avevo 25 anni mia moglie aveva 34 anni sposata e divorziata con 3 figli da uomini diversi. È una bionda con un trucco occhi blu e nero molto aspro.34.24. 36..eravamo nel nord di Londra a fare shopping un sabato. Passammo davanti a un vecchio cinema chiuso che si trasformò in sala bingo e poi tornammo al cinema per i film porno. così, invece di fare shopping, ha comprato una minigonna di cotone attillata giallo brillante e un tubo abbinato. Siamo andati a casa, si è truccata...

423 I più visti

Likes 0

FAMIGLIA DI 4_(0)

[b]FAMIGLIA DI 4, FAMIGLIA INSIEME Mia moglie Pari, sua sorella minore (di un anno), Ara, e la loro madre, Mae. 3 Signore – e io, uomo di casa per così dire, la nostra Famiglia. È diventato un ruolo piuttosto estenuante. Dove viviamo in Asia, io sono uno straniero, nato nel sottosuolo. Ma ormai vivo da molto tempo in Asia e capisco quanto sia importante la Famiglia. Nel caso della famiglia di mia moglie, suo padre è morto (per malattie legate al fumo e all'alcol) più di 15 anni fa; da allora, le 3 Signore sono state insieme, nonostante i singhiozzi e...

85 I più visti

Likes 0

Intervista Privata

Ci sono molti vantaggi nell'essere il presidente del consiglio di amministrazione di un conglomerato internazionale, belle donne single e divorziate adulatrici ai tuoi piedi, dirigenti emergenti che lavorano nel lontano impero e le loro mogli. Due volte all'anno tengo una convention a New York per incontrare questi dirigenti e le loro mogli. L'affare solo su invito si svolge in un hotel a 5 stelle, riservo dieci piani di camere e suite per i dirigenti. Ho anche sei inviti inviati a donne che mi hanno colpito o che hanno attirato la mia attenzione in un ristorante o in qualche altra gita. Stasera...

674 I più visti

Likes 0

Sorelle, figlie, nipoti e mogli!

Tutto questo è successo molto tempo fa. Ero al lavoro e facevo quello che ancora provo molto piacere nel fare....... no! non quello...... anche se ovviamente mi impegno ancora in quella particolare attività quando la cosa reale non è disponibile come fanno la maggior parte degli adulti, dovrei immaginare! No, stavo osservando le donne in ufficio con cui ho avuto il piacere di lavorare e immaginandole impegnate nel genere di cose su cui tutti noi ogni tanto fantasticamo!. Ne ho già parlato in altre storie, ma ho sempre ricavato molta soddisfazione nel guardare i membri del sesso femminile fare cose 'quotidiane';...

676 I più visti

Likes 0

Condiviso con lo sperma: Amanda usata?

Capitolo 1 Rivelato Cumslut Chiunque incontri Amanda pensa che sia una donna molto bella e intelligente con alti standard personali e un atteggiamento serio nei confronti della vita. E lei è quello, ma solo fuori dalla camera da letto! Di media statura, con capelli castani fini e ben arricciati, Amanda ha un corpo attraente e ben proporzionato creato da un'infanzia di nuoto agonistico e atletica leggera, e mantenuto da un interesse adulto per la danza e il netball. Le sue gambe sono proporzionate e ben tonificate, i suoi fianchi ben fatti, la sua vita stretta con una pancia liscia e i...

469 I più visti

Likes 0

Kerri e Angie (Capitolo 2 - Il turno di Mel)

Questo è il secondo capitolo della mia serie. I nomi delle schermate inclusi in questo SONO FALSI. Kerri ed io eravamo migliori amiche ma due sere prima eravamo amanti, entrambi abbiamo vissuto la nostra prima esperienza lesbica. Anche se poteva sembrare che questo avrebbe reso la nostra relazione imbarazzante, ci ha quasi reso più forti per quanto riguarda l'amicizia. Eravamo entrambi così eccitati che quando ci siamo parlati al telefono sabato sera abbiamo fatto sesso telefonico appassionato, parlando dei nostri altri desideri profondi e pianificando la prossima volta che saremmo stati insieme, da soli. Lunedì è arrivato. Ho camminato lungo l'atrio...

416 I più visti

Likes 0

Tette enormi

Il mio primo incontro con il sesso è avvenuto quando avevo 14 anni. Per cominciare il mio nome è sara e avevo delle tette enormi per la mia età. Ero praticamente un'adolescente, non mi piacevano molto le cose femminili. amavo e praticavo tutti i tipi di sport. lascia che mi descriva allora, avevo 5'4 115 capelli castani e occhi verdi. avevo un corpo molto femminile con tette 36d. beh, ogni ragazza sa che praticare qualsiasi sport con tette enormi può causare problemi.quindi li odiavo con passione.il giorno in cui tutto è iniziato, sono appena tornato a casa dall'allenamento di calcio e...

388 I più visti

Likes 0

Insegnante trans parte 4 miss barnes padrona rachel_(0)

La signorina Barnes è andata a incontrare la sua amica Rachel, l'ha portata a casa sua bussare alla porta rachel, aprire la porta, lasciare che la signorina Barnes chiudesse la porta, Rachel ha venduto un drink che ha venduto sì, per favore. Dopo 5 minuti erano in vita a bere. C'è caffè rachel venduto perché vuoi sapere se ho una fattoria La signorina Barnes le ha raccontato la storia del buco che ha venduto portala in un paio di giorni possiamo divertirci Rachel guardala scommetti che sei eccitata per la mia figa di 55 anni Miss Barnes ha venduto sì padrona...

333 I più visti

Likes 0

Il debito lesbico (capitolo 5) - Le prime sessioni di Mayim

Capitolo 5 LE PRIME SESSIONI DI MAYIM Laura è andata in bagno verso la fine della giornata di lavoro e ha preso le pillole che le aveva dato il dottor Windred. Le ricordarono quanto fosse stata eccitata quella mattina, una eccitazione che non aveva mai soddisfatto, e per un momento pensò di rinchiudersi in un gabinetto e di sbronzarsi. Ma non si fidava di se stessa per masturbarsi al lavoro senza essere beccata, e comunque Amy le aveva detto di non giocare con se stessa prima di presentarsi in clinica. Quindi ha appena lasciato il lavoro, la sua figa già bagnata...

80 I più visti

Likes 0

Brianne

Era bella come sempre oggi. Indossava una gonna blu, piuttosto corta, e una maglietta verde. Lei stessa era piuttosto bassa, solo circa 5'4 . Aveva capelli di media lunghezza, castani, leggermente ricci, che le arrivavano fino alla spalla. I suoi seni erano di taglia media, probabilmente una coppa C. Aveva anche un bel sedere, era leggermente grande sulla sua piccola struttura. I suoi occhi erano sorprendentemente verdi e il suo sorriso era sempre gentile e caloroso. Avevo una cotta per lei da quando potevo ricordare, fin dalle elementari. Il suo nome era Brianne. L'ho vista camminare accanto a me a pranzo...

755 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.