Un compleanno incesto Capitolo 17

82Report
Un compleanno incesto Capitolo 17

Uno sfortunato incidente mi ha tenuto lontano dal computer per molto tempo, ma sono tutto guarito e pronto per tornare a scrivere. Spero solo di essere il più vicino a dove stavo scrivendo saggiamente prima della mia improvvisa scomparsa. Quindi, dopo oltre 8 mesi di assenza, la storia di Rita e Randy Stevens continua proprio qui, spero che vi piaccia.





Mi sono agitato nel sonno, svegliandomi quando ho sentito qualcosa che mi spingeva il petto più e più volte, al punto in cui ho dovuto affrontare il problema. Con gli occhi sfocati ho guardato attraverso l'oscurità finché non si sono adattati abbastanza da chiarire l'immagine di fronte a me, Rita con un sorriso sul viso.

"Prendiamoli!"

Sorrisi tra me e me mentre tornavo a dormire, chiedendomi cosa le stesse passando per la testa Rita e cosa avesse intenzione di fare a mamma e zia Lisa. Potevo già dire che sarebbe stato un giorno da ricordare.

--------------------

Mi sono svegliato di nuovo, questa volta da solo, in una stanza piena di luce diurna per vedere Rita nella stessa posizione in cui era solo poche ore fa... di fianco, guardandomi fisso negli occhi, sorridendo.

"Sei sdraiato così tutta la notte?"

"No, mi sono appena svegliato cinque minuti fa e mi sono ricordato com'era oggi."

"Sai cosa gli farai?"

“Ho delle idee, ma abbiamo tutto il giorno per capirle. non vedo l'ora! Sarà fantastico!” Rita ha urlato mentre si rotolava sopra di me e ha iniziato a rimbalzare su e giù, facendomi eccitare un po'.

“Aspetta, papà potrebbe essere ancora qui. Andiamo a controllare prima di fare qualsiasi cosa".

“Oh Randy sei sempre preoccupato, devi vivere un po'. Sai che se non fossi stato così carino ti avrei lasciata molto tempo fa,” scherzò mentre si alzava e si dirigeva verso la porta.

“Ti mancherebbe tutto questo e lo sai,” scherzai di rimando mentre la colpivo con un cuscino.

Rimasi lì per un secondo cercando di avere un'idea della situazione. Avevamo un pass gratuito per mamma e zia Lisa e tuttavia non riuscivo a pensare a niente da fare per loro, si spera che col passare della giornata avrei potuto inventare qualcosa. Mi precipitai verso il bagno e mi ripulii molto velocemente e scesi le scale per vedere che mamma e zia Lisa avevano preparato una ricca colazione; uova, french toast, salsiccia, pancetta, prosciutto, biscotti, riso, persino hash browns, sono andati tutti fuori. Mi sono subito insospettito sapendo esattamente cosa stava succedendo, ma non avrebbe funzionato, non oggi, non una possibilità all'inferno, niente fagioli, diavolo no, no.

No.

"Lo so, ho fatto la stessa cosa quando sono venuta e l'ho visto", ha detto Rita.

"Non stavamo cercando di risucchiare, è solo per dire di essere almeno onesti, niente di troppo estremo", ha detto la mamma.

"Dice la donna che ci ha lavorato come un burattino più e più volte", ha risposto Rita.

"Puoi andare piano con me, non ero cattivo come tua madre", intervenne zia Lisa.

"Per favore, eri il suo braccio destro, non fare l'innocente", ho seguito.

Ci siamo seduti tutti e abbiamo iniziato a mangiare l'enorme colazione preparata davanti a noi. La tensione nella stanza era finalmente a nostro favore poiché né mamma né zia Lisa sapevano cosa aspettarsi.

"Il tempo inizia non appena papà se ne va, solo così lo sai", ha detto Rita attraverso un boccone di cibo. "Aspetta, è qui adesso?"

"Purtroppo è dovuto partire un po' presto stamattina, di tutti i giorni", ha detto la mamma.

Il viso di Rita si illuminò. "Perfetto, allora il tempo inizia adesso e finisce a mezzanotte, e dato che inizia adesso, penso che dovreste spogliarvi entrambi, subito."

Ne è valsa la pena lo sguardo sul loro viso anche se non si sono spogliati, specialmente la mamma. "Che cosa? Non puoi essere serio, tuo padre potrebbe tornare qui in qualsiasi momento!

“Sappiamo entrambi che non tornerà mai più dopo che se ne sarà andato finché non esce dal lavoro, mamma, quindi non provarci nemmeno. Questi sono abiti davvero carini, ma staranno ancora meglio sul pavimento, quindi spogliati! Comandò Rita.

Potrei dire che Rita si stava godendo tutto questo, sapeva esattamente come uscire dalla situazione, e da me, amico, sembrava calda a dare loro ordini. Alla fine, mamma e zia Lisa sapevano di essere state picchiate e spogliate fino al reggiseno e alle mutandine, la mamma in nero e la zia Lisa in rosso, entrambe sembravano uscite da un catalogo di Victoria's Secret.

“Manca solo un giorno, Anna, dopodiché li riavremo”, rassicurò la mamma zia Lisa.

“Sì, ma fino ad allora devi fare quello che diciamo, e fidati di me ci saranno un sacco di cose che dovrai fare; cose imbarazzanti, cose divertenti, cose stupide, l'elenco potrebbe continuare", ha gongolato Rita.

Siamo tornati a fare colazione e ho subito notato quanto fosse diventato più tranquillo, Rita li aveva proprio dove li voleva, ed erano intimiditi, ma io non ho ancora fatto niente, tranne sedermi e guardare Rita entrare nel loro teste. Dovrei essere coinvolto, questa è un'opportunità troppo d'oro per lasciar perdere. Ho guardato tutti al tavolo; la mamma aveva un "Giuro che ti riporterò indietro, piccola puttana!" guardarla in faccia fissando Rita, zia Lisa continuava a guardare ogni piccolo suono sperando che papà non tornasse attraverso la porta, e Rita aveva il sorriso più grande sul viso mentre mangiava il cibo, e i suoi capezzoli erano duri come una roccia ( sì, l'ho notato sicuramente). Non era neanche lontanamente freddo in casa (almeno per noi non lo era) quindi sapevo che non era così, in realtà era eccitata, e il suo essere eccitato mi stava facendo eccitare, così tanto che non lo ero anche se più affamato di cibo, volevo mangiare qualcos'altro...

Finita la colazione abbiamo chiesto a mamma e zia Lisa di ripulire tutto e ci siamo diretti al piano di sopra, e lungo la strada ho preso Rita e l'ho portata nel nostro letto, pronta a divorare il suo dolce corpicino.

"Mmmmm aspetta Randy, non ancora."

“Cosa intendi con non ancora? Ora è il momento perfetto!”

"Ho un piano. Credimi, anch'io ti voglio, lo sai, ma voglio renderlo il più tortuoso possibile per mamma e zia Lisa, non avremo più questa possibilità. Credimi, sarà molto meglio".

Per quanto volessi portarla lì, lo sguardo nei suoi occhi quando me l'ha detto mi ha detto che era meglio aspettare, quindi mi sono calmato con riluttanza mentre tornavamo entrambi al piano di sotto.

Ci siamo seduti sul divano a guardare la tv, senza prestare molta attenzione a cosa c'era, ma aspettando che finissero di pulire la cucina. Quando ebbero finito, raccolsero i loro vestiti e cercarono di correre davanti a noi per salire le scale, ma sapevamo tutti che non sarebbe successo così.

"E dove pensate di andare voi due?" chiese Rita.

"Avevamo finito con la cucina, quindi stavamo andando al piano di sopra per rilassarci", ha detto zia Lisa.

“Puoi rilassarti qui, sederti e guardare la tv con noi.”

"Immagino che non abbiamo scelta", ha detto la mamma.

"No, non proprio. Dai, qual è la cosa peggiore che può succedere?" Rita sorrise.

Lasciarono i loro vestiti sul pianerottolo delle scale e andarono a sedersi sull'altro divano, ma ancora una volta Rita aveva un altro asso nella manica.

"Aspetta, prima di sederti, ho una piccola sorpresa per te", disse mentre allungava una mano tra i cuscini del divano e tirava fuori qualcosa. “So quanto vi piace diventare perversi, quindi abbiamo dei giocattoli per voi. Uno di voi può indossare le pinze per capezzoli e l'altro ottiene il plug anale, a vostra scelta.

Entrambi sembravano stupiti, ma non scoraggiati dall'idea. Sebbene fosse un buon piano da parte di Rita, aveva un difetto, ha lasciato loro una scelta su cui scegliere. Se ho imparato una cosa su mamma e zia Lisa è ciò che le eccita. La zia Lisa adorava giocare con le sue tette, anche con i capezzoli, non importa cosa stavi facendo, lo adorava. La mamma era una maniaca dell'anale, chiara e semplice. Non ricordo una volta da quando è iniziata tutta questa faccenda che non avesse qualcosa su per il culo. Era ovvio quali giocattoli avrebbero scelto, e avevo ragione, mamma ha scelto il buttplug e zia Lisa ha scelto le pinze. Dal momento che questo giorno doveva essere tortuoso per loro, non potevo semplicemente sedermi lì e lasciare che si godessero il loro piccolo momento di piacere sapendo quello che sapevo, quindi ho dovuto intervenire.

“Oh no, non credo! Non pensi che sia stato stupido vero? Mamma prendi le pinze e zia Lisa prendi il buttplug, oh e un'altra cosa, devono stare tutto il giorno, a meno che non diciamo diversamente. Se ti becchiamo a scherzare con loro, diciamo solo che non ti piacerà il risultato.

Il loro piccolo barlume di speranza svanì quando il loro piccolo piano si ritorse contro di loro. Abbiamo guardato mentre la mamma si toglieva il reggiseno e si metteva le mollette il più delicate possibile, dandoci un aspetto diabolico come faceva lei, e zia Lisa spingeva giù le mutandine e infilava lentamente il plug anale nel suo culo stretto, era troppo concentrata su cercando di non spingerlo troppo in fretta e ferirsi per prestare attenzione a noi.

"Ok, penso che abbiamo fatto abbastanza, per ora", ha detto Rita mentre girava di nuovo il film.

Si sono seduti sull'altro divano, zia Lisa più lenta della mamma, e hanno guardato il film con noi, non ci piaceva quello che c'era in onda, quindi ho navigato sul canale finché Rita non ha visto un film che le piaceva.

“Oh, torna indietro! Guardiamolo! Mettilo su Monsters Ball.

“Palla dei mostri? Che cos'è? Sembra stupido".

“Fidati di me, ti piacerà sicuramente,” disse sorridendo.

L'ho spostato sul film dopo circa cinque minuti e ho notato che c'era Halle Berry, ok ora avevo un motivo per guardarlo. È iniziato molto lentamente, ma poi ha iniziato a riprendersi un po'.

"Voi due non vi sentite nemmeno in colpa per averci fatto questo, vero?" chiese zia Lisa dal nulla.

“No, per niente. Dopo tutte le cose che ci hai fatto, il rimborso è atteso da tempo. Inoltre, non ti abbiamo ancora FATTO niente,” Rita sorrise e guardò di nuovo verso la tv.

"Da quando hai cominciato a essere così astuto e ingannevole?" chiese la mamma.

“Beh, tu sei mia madre, quindi immagino sia genetica. Dovrei dire grazie".

"Grazie per cosa?"

"Lo scoprirai, molto presto."

Il modo in cui Rita è rimasta così calma durante l'intera conversazione mi ha reso felice di essere dalla sua parte, non che mi avrebbe mai fatto una cosa del genere, ma comunque, felice di essere nella sua squadra. Era diventato di nuovo abbastanza tranquillo quando siamo entrati nel film, e dal mio punto di vista aveva iniziato a diventare un po' noioso, cioè fino a quando la scena migliore non è apparsa sullo schermo, quando Halle Berry ha detto a Billy Bob Thornton di "farla sentire bene. " Lo giuro, i miei occhi sono stati incollati alla tv praticamente per tutta la scena, fino a quando ho sentito dei leggeri gemiti provenire da Rita e ho guardato oltre per vederla giocare con se stessa. Il mio cazzo era duro come una roccia, e aveva bisogno di un po' di attenzione, ea quanto pare anche Rita. Per quel momento dimenticai che mamma e zia Lisa erano nella stanza mentre Rita e io cominciavamo a pomiciare. Ha gettato la sua gamba coperta dalla gonna sulla mia, lasciando che le sue mutandine rosa si mostrassero nel processo e ha strofinato il mio cazzo attraverso i miei pantaloncini. L'ho tirata in grembo, stringendole forte le chiappe tra le mie mani mentre le infilavo la lingua in bocca mentre si sbatteva in grembo, per tutto il tempo possiamo ancora sentire la scena di sesso volgare in corso in tv.

"Sai che eravamo ancora nella stanza, giusto", intervenne la mamma.

"Lo sappiamo, puoi andartene o goderti lo spettacolo", ha detto Rita mentre mi toglieva la maglietta.

Si è appoggiata a me e mi ha tolto la maglietta, poi è scivolata lungo il mio corpo per togliermi i pantaloncini. Ha preso loro e i miei boxer in un unico movimento pulito, facendo spuntare il mio cazzo come un colpo di una talpa. Ha sorriso in direzione di mamma e zia Lisa, poi ha preso il mio cazzo in mano, l'ha accarezzato un paio di volte, poi ha preso la testa tra le sue labbra.

Non ho potuto fare a meno di emettere un forte gemito mentre la sua lingua scorreva tracce sulla mia testa e le sue labbra si strinsero attorno al collo del mio cazzo. Le ho spostato i capelli da parte mentre prendeva lentamente tutto il mio cazzo in bocca, poi si tirava indietro verso la testa, poi riprendeva tutto, ogni volta accelerava un po' più velocemente di prima. Prima che ce ne rendessimo conto abbiamo sentito mamma e zia Lisa gemere e guardate oltre per vederle giocare con se stesse, zia Lisa che si pizzica le tette e mamma che si tocca le dita, entrambe ci fissavano intensamente mentre cercavano di raggiungere l'orgasmo.

“Sembra che voi due vi stiate divertendo laggiù, troppo divertente in realtà. È tempo di nuove regole, o puoi guardarci mentre facciamo sesso e non toccarti, oppure puoi toccarti e non guardarci, ascolta solo, la tua scelta", ha detto Rita mentre mi accarezzava il cazzo.

"Che cosa?! Dai, che razza di regola è quella! La zia Lisa si lamentò.

"Uno che faresti meglio a seguire se non vuoi essere punito!"

“Non hai niente contro di noi,” sfidò la mamma.

"In realtà, sappiamo cosa entrambi odiate di più, e sembra che sia la stessa cosa, puoi ringraziare papà per aver rovesciato accidentalmente i fagioli", ho forzato mentre Rita continuava ad accarezzarmi.

"Dannazione. Ho qualche parola per tuo padre quando tornerà a casa.

"Va bene parlare, cosa sarà, guardare o suonare?" disse Rita compiaciuta.

"Oh, e nel caso stavi pensando di trovare una scappatoia, non puoi nemmeno toccarti o strofinarti contro nulla, so come la pensi", ho aggiunto, sentendomi orgoglioso di me stesso che molto probabilmente ho posto fine a qualsiasi piano avrebbero potuto avere in corso.

Entrambi hanno sbuffato quando la mamma si è voltata e ha continuato a giocare con se stessa e zia Lisa ha lasciato andare le sue tette e ha continuato a guardarci, senza dubbio stavamo entrando sotto la loro pelle. Rita riportò la sua attenzione su di me mentre si infilava le mutandine lungo le gambe ma si lasciava addosso la gonna, si infilava la camicia sottile sopra la testa e si metteva a cavalcioni sul divano. Ha afferrato il mio cazzo e l'ha messo proprio sotto la sua figa, ha fatto scivolare la testa dentro e ha macinato i fianchi in un cerchio per il resto della strada fino a quando il mio cazzo è stato completamente sepolto dentro di lei.

"DIO MIO! È così bello avere un cazzo duro dentro di me! Rita gongolava.

Li ho guardati abbastanza velocemente da vedere la mamma che si toccava a fondo la figa con la schiena girata e la zia Lisa che si mordeva il labbro costringendosi a non toccarsi, ma la mia attenzione è stata rapidamente dirottata su Rita mentre mi ha messo le mani spalle, si alzò e si sbatté sul mio cazzo.

"Merda Rita, sembra che tu diventi più stretto ogni volta che scopiamo", dissi.

"Questo perché lo faccio, mamma e zia Lisa sono state così gentili da farmi conoscere alcuni dei loro segreti, vale la pena solo sentire quel grosso cazzo allungare la mia figa ogni volta."

L'ho presa per il culo e l'ho aiutata a cavalcarmi, il tutto mentre cercavo di catturare una delle sue tette che rimbalzavano con le mie labbra. Ci è voluto un po', ma alla fine le ho afferrato il capezzolo destro e l'ho succhiato come un matto mentre i suoi gemiti diventavano più forti, e lei ha iniziato a rimbalzare su di me sempre più forte.

"Vi pentirete di averci fatto questo", ha detto la mamma mentre pompava le dita dentro e fuori dalla figa a una velocità incredibile, ma non sembrava che stesse scendendo, immagino che avesse bisogno di una visuale, ahah anche cattivo.

La zia Lisa non stava meglio. Era dannatamente sull'orlo del collasso che voleva toccarsi così tanto, i suoi capezzoli erano così gonfi se avesse indossato le pinze che sarebbero saltate fuori molto tempo fa.

“Lasciali soffrire, non apprezzano questo cazzo come me,” gemette Rita.

“E non apprezzano queste tette,” dissi mentre le succhiavo. "Questo culo", dissi mentre le stringevo le guance nella mia mano e giocavo con il suo buco del culo, ricevendo qualche altro gemito da lei. "O questa figa", ho detto mentre l'ho sollevata da me e l'ho gettata sul divano e ho affondato la mia faccia nel suo inguine.

“Oh sì è proprio così! Lecca quella figa piccola, leccala per pulirla!

Ho sollevato le sue gambe in aria e le ho leccato da cima a fondo, assicurandomi di coprire ogni centimetro della sua figa. Mi ha afferrato la testa con entrambe le mani e ha guidato (più come trascinato) la mia faccia in cerchio sulla sua figa, coprendomi praticamente l'intera faccia con il succo di Rita, ma non mi ha disturbato affatto.

"Oh merda! Scommetto che voi due vorreste che vi stesse leccando le fighe in questo momento, vero? Peccato, è tutto mio e sarà gonnooooooooh mio dio! Rita ha detto prima che fosse tagliata dalla mia lingua che le toccava il clitoride.

Ho tirato fuori le sue labbra fino a quando il suo clitoride si è completamente esposto e poi l'ho succhiato così forte che ho fatto inarcare il suo corpo dal divano. I suoi occhi erano ben chiusi in modo da non vedere l'espressione di pura gelosia sul viso di zia Lisa, o il braccio di mamma che lavorava rapidamente sulla sua figa cercando ancora di farsi sborrare, e continuando a fallire, quasi si sentiva dispiaciuto per lei, quasi. Proprio mentre tornavo a leccarle la figa, Rita spinse la mia testa tra le sue gambe e si posizionò sul bracciolo del divano.

“Rimettimelo dentro Randy, per favore! Ho bisogno di quel cazzo dentro di me ora!

Stava dimenando la figa verso di me tentandomi di riempirla di cazzo, quindi mi sono messa dietro di lei e l'ho fatto. Ho messo la punta del mio cazzo sulla sua figa e l'ho tirata indietro su di essa.

"Uuuuuuuuuuuuugh sì, riempi quella figa!"

Ho lasciato cadere le mie mani dai suoi fianchi e lei ha colto l'indizio e ha iniziato a lavorare di nuovo il culo sul mio cazzo, usando le braccia contro il braccio del divano come leva per spingermi dentro. Non riuscivo a vedere il suo viso completamente, ma da quello che potevo vedere, stava decisamente sorridendo in direzione di mamma e zia Lisa.

“Mmmm voi ragazzi dovreste sentirlo, è così fottutamente bello! Potrei scoparlo tutto il giorno proprio qui!

Rita si stava divertendo così tanto a prenderli in giro così ho pensato di saltarci dentro da sola. “Ora Rita, perché li prendi in giro così? Sai che non possono toccarci, non possono sentirmi afferrare i loro fianchi mentre il mio cazzo scivola dentro e fuori di loro così forte che il loro culo batte sul posto!

"Oh cazzo Randy continua a scoparmi così, sbattimi quel cazzo nella figa!"

“Voi due siete malvagi! Questo non è giusto!” Zia Lisa pianse mentre si girava e iniziava a giocare con le sue tette e la sua figa per darsi, si spera, una sorta di liberazione, e allo stesso tempo mamma smise di toccarsi le dita e si voltò appena in tempo per guardarmi afferrare una ciocca dei capelli e dell'arco di Rita alzarsi mentre si forza di nuovo sul mio cazzo.

"Voi due pagherete per questo, te lo garantisco", disse la mamma, senza toccarsi con forza.

“Sì, ma non oggi! Fottimi piccola, continua a fottermi, ugh, oh dio! Rita gemette.

Questo era perfetto. Sembravano che fossero nel completo inferno non essendo in grado di divertirsi pienamente e noi eravamo in un paradiso completo poterci godere il corpo a vicenda mentre allo stesso tempo torturavamo le due donne che avevano i nostri numeri da quando è iniziata tutta questa faccenda, la vendetta è dolce . La mamma continuava a guardarci con le braccia incrociate come se fossimo ingiusti, ma non ci importava, continuavamo solo a scopare davanti a lei, immagino che ora sappia com'è essere noi.

“Cazzo, voglio venire così tanto Randy! Fammi sborrare su quel cazzo! Rita gemette.

Senza dire nulla e guardando la mamma per tutto il tempo, ho girato Rita sulla schiena missionaria e l'ho spinta indietro mentre sorridevo alla mamma come faceva con noi così tante volte che ho perso il conto. Non ho interrotto il contatto visivo con lei mentre scopavo Rita finché non mi ha tirato giù a lei e l'ha baciata.

"Quanto mi ami in questo momento per aver detto che dovremmo torturarli?" sussurrò Rita.

"Tanto, questo si è rivelato molto meglio di quanto pensassi!"

"Aspetta, il giorno non è affatto finito!"

Quando lo ha detto, l'espressione sul suo viso mi ha eccitato al punto in cui ho ottenuto questa esplosione di energia dal nulla, e l'avrei sfogata sulla sua figa. Mi sono seduto per ritrovare l'equilibrio e ho beccato la mamma che ci guardava e giocava con se stessa allo stesso tempo, stava tradendo. Quando ha visto che la stavo guardando, ha cercato di sbrigarsi e di muovere le mani, ma io l'avevo già vista e lei lo sapeva. Non ho detto niente, l'ho solo distolta mentre riportavo la mia attenzione su Rita, le mettevo le caviglie sulle spalle mentre le afferravo le cosce e sbattevo il mio cazzo nella sua figa stretta ancora e ancora.

"Dio mio! Non mi hai mai fottuto come questo Randy! Stai andando così in profondità!”

Non l'ho fatto, ma stavo per iniziare. Le sue gambe così vicine tra loro e la posizione in cui mi trovavo le facevano sentire la figa estremamente stretta perché non avevo altra scelta che toccare il fondo ogni volta che entravo perché era così bagnata. I suoi occhi erano chiusi e stava cercando qualsiasi cosa potesse afferrare. La stavo scopando così forte che il divano stava scivolando sul pavimento a poco a poco, e potevo sentirmi sul punto di venire, ma proprio come ogni altra volta, proprio prima che stavo per venire, Rita si stava preparando per prima.

“Proprio come quel randy, sto per venire! Continua a farlo, continua a farlo!”

Ho guardato indietro nella direzione di mamma e zia Lisa per vedere che zia Lisa si era voltata a guardare, ma stava ancora lottando per non toccarsi, e la mamma stava tradendo di nuovo. Aveva le dita seppellite in profondità nella sua figa e si stava sditalinando come pazza, al punto che sapeva già di essere stata catturata e avrebbe affrontato la punizione più tardi, ma voleva solo togliersi di dosso ora. La voce di Rita continuava ad aumentare di 1/8 ad ogni gemito che emetteva finché non raggiungeva il suo punto di rottura.

“Fuuuuuuuuuck randy FUUUUUUUCCCCCKKKKKKKKKKKK!!!!!!!!!!!”

Si è attaccata alle mie braccia e ha affondato le unghie nella mia pelle mentre la sua figa si spasmava attorno al mio cazzo per quelli che sembravano cinque minuti. Per tutto il tempo stavo costruendo il mio orgasmo, ma lentamente, finché la figa di Rita non ha accelerato il processo per me. Ho stretto i denti ed ero pronto a soffiare il mio carico dentro di lei fino a quando non ha detto di non farlo nel miglior modo possibile dopo aver appena avuto un orgasmo estremo.

"No, n-non dentro di me, sperma sul mio corpo, c-sborra su tutto il mio b-corpo Randy."

Ho dovuto costringermi a tirare fuori la sua figa morbida e bagnata. Ci è voluta un sacco di forza di volontà, ma alla fine l'ho fatto, e appena in tempo. Quando mi sono tirato fuori, ha afferrato il mio cazzo con la mano ed è arrivata solo fino a tre tiri prima che io gemessi e iniziassi a sborrarle su tutto il corpo. Le sue tette, il suo stomaco, il suo collo e anche parte della sua faccia avevano il mio sperma dappertutto. Dire che ero esausto era un eufemismo, ero così senza fiato che non appena ho smesso di sborrare, sono caduto a schiaffi su Rita, imbrattando lo sperma che le ho letteralmente spruzzato addosso sul petto. Potevo sentire la viscosità e il calore di esso mentre agiva come un agente legante, tenendo insieme i nostri corpi in un modo molto naturale. Fu in quel momento che Rita finalmente riprese fiato e aprì gli occhi per guardarmi.

“Non so esattamente cosa fosse, ma è meglio che tu creda dannatamente bene che scoprirò qualunque cosa ti abbia fatto scopare così dannatamente bene, voglio dire, cazzo wow! La mia figa sta ancora pulsando!"

"Penso che tu abbia un'idea di cosa potrebbe averlo causato", dissi lanciando un'occhiata a mamma e zia Lisa, che a quanto pare sono riuscite a togliersi di dosso nel mezzo del nostro orgasmo. So che hanno tradito, cazzo, ma con il modo in cui la giornata è andata così lontano, so che ci adatteremo bene a una punizione. Lentamente rotolai via da Rita, lo sperma che si allungava tra noi come il formaggio su una pizza finché non fui accanto a lei sul divano.

"FANCULO! La mia figa si sente A-MAAAAAAA-ZING!!!!!!!!!!!!!” disse Rita allungando le braccia e le gambe in segno di vittoria. “Sapete, è un peccato che voi ragazzi non vi sentiate così in questo momento, giuro che è come se un gruppo di badanti stesse facendo la mararena nella mia figa, è un posto così felice in questo momento. Sai cosa ottieni però? Puoi leccare la sborra da me, e da quando Randy è caduto su di me prima, so che anche lui ne ha un po' addosso, quindi puoi leccare anche lui. Vedi, dopotutto sono generoso.

“Culo generoso, ti stai godendo ogni minuto di questo diavoletto,” sogghignò mamma.

“Saresti deluso da me se non lo facessi,” rispose Rita con un sorrisetto sul viso.

La mamma aveva uno di quegli sguardi che dice che sua figlia l'ha resa orgogliosa prendendosi cura di lei, ma ha rapidamente ripreso la sua faccia da poker mentre si avvicinava a Rita e ha iniziato a leccarle lo sperma, iniziando dai suoi capezzoli, figure. La zia Lisa si è poi avvicinata a me e, molto di nascosto, potrei aggiungere, ha trovato una piccola scappatoia nella punizione "assaggio di sperma" di Rita.

"Zia Lisa che diavolo stai facendo?" gridò Rita.

"Che cosa? Mi sto leccando lo sperma proprio come hai detto! Rispose zia Lisa.

"No non siete! Gli stai succhiando il cazzo!

“Ha della sborra! Hai detto che dovevamo leccare lo sperma, come puoi vedere c'è ancora un po' di pioggia sul suo cazzo, e scommetto che ce n'è ancora un po' anche lì, quindi devo succhiarlo per leccarlo. Non ho infranto nessuna regola, ho semplicemente trovato una scappatoia”.

Sorrise mentre tornava a succhiare il mio cazzo ammorbidente, sapendo che ne aveva tirato uno veloce. Anche la mamma sorrise, sapendo che probabilmente non ne avrebbero ricevuti troppi oggi. Potrei dire che Rita voleva dire qualcosa, ma sapeva quando è stata picchiata, ma se avessi saputo una cosa, non l'avrebbe lasciato impunito.

Dopo dieci minuti di leccate sborra (tre se conti il ​​tempo effettivamente impiegato), mi sentivo così rancoroso che avevo bisogno di fare una doccia, non lunga, solo una per pulirmi e uscire. Rita ha detto che si sentiva allo stesso modo, ma voleva restare un po' più a lungo, quindi abbiamo concordato docce separate. Sono andato a usare il nostro mentre Rita, essendo scettica nei confronti di mamma e zia Lisa, le faceva andare entrambe alla doccia della mamma con lei. Ora, quando dico veloce, intendevo veloce. Entravo e uscivo da quella doccia così velocemente che la stessa canzone alla radio stava ancora suonando quando sono uscito, ma ero pulito, quindi era tutto ciò che contava. Sono andato a sdraiarmi sul nostro letto mentre aspettavo che le donne uscissero dalla doccia, e sai cosa succede quando fai la doccia e ti metti comodo, ti addormenti. Rimasi lì, ancora avvolta in un asciugamano e decisi di riposare un po' gli occhi. Tre donne stavano facendo la doccia, poi hanno dovuto rimettersi a posto, quindi ho fatto un bel pisolino... un'ora e mezza? Scommessa.

Mi sono addormentato e mi sono ritrovato a sognare le cose più strane... scene di film casuali, spazio esterno, ho persino formato l'immagine di carebear che fanno la macarena, ma poi il mio sogno è diventato strano. Mi trovavo in una stanza con due porte di legno, ognuna aveva una lettera sopra, R e S. Ho aperto la porta con la R e Rita mi ha affrontato a terra e mi ha baciato ripetutamente su tutto il viso.

"Sapevo che saremmo stati insieme per sempre, altrimenti la porta non si sarebbe aperta!"

Ci siamo aiutati a vicenda e abbiamo iniziato ad allontanarci quando abbiamo visto la porta con la S sopra. L'ho guardata e anche se era scettica, Rita ha fatto un cenno con la testa per farmi aprire. Quando l'ho fatto, Stephanie è saltata attraverso e mi ha dato un grande abbraccio e bacio.

"Sono così felice! Dato che la porta si è aperta, significa che entrambi mi volete veramente nelle vostre vite! disse Stephanie mentre mi baciava e poi baciava Rita ancora e ancora.

Non sapevo completamente cosa significasse, ma a volte i sogni non hanno senso, quindi l'ho scrollato di dosso e ho camminato lungo il sentiero che era apparso nel sogno. Quasi immediatamente, quando abbiamo iniziato a camminare lungo il sentiero verso l'uscita, un'altra porta è apparsa direttamente di fronte ad essa, bloccando il percorso. Questa porta non era come le altre, questa era di metallo, aveva tre serrature e sopra c'era la lettera A. Abbiamo cercato un modo per aggirarlo ma non ce n'era, a indicare che dovevamo passare attraverso questa porta per arrivare dove dovevamo essere. Ho provato ad aprire il primo lucchetto, il lucchetto a combinazione, ma senza indizi non sapevo da dove cominciare.

"Aspetta, penso di saperlo!" ha detto Stephanie mentre provava il lucchetto, e in pochissimo tempo ha fatto scattare la combinazione e ha tolto il lucchetto. "È come se fosse destinato a me per aprirlo", ha detto quando lo ha sbloccato.

Un lucchetto fuori dal modo in cui sono andato ad aprire quello successivo, quello con il gancio che va nel buco, ma per la mia vita non riuscivo a muovere il gancio, mi sembrava di provare a dare vita al martello di Thor.

"Forse questo è mio, allora", disse Rita mentre si avvicinava e sollevava il lucchetto con facilità. "Credo di non conoscere la mia forza."

Le sorrisi e fissai l'ultima serratura, un catenaccio. Immaginando che questo doveva essere mio, mi sono avvicinato e ci ho messo la mano per girare, aspettandomi che facesse il contrario, ma ha girato completamente senza problemi. Chiunque fosse dietro questa porta c'era dietro per un motivo, ma la porta doveva essere aperta perché non potevamo liberarci con questa porta che bloccava la strada. Ho preso un respiro profondo, ho guardato Rita e Stephanie mentre mi salutavano con un cenno del capo e ho iniziato a girare la maniglia della porta. Proprio quando stavo per vedere chi era, la stanza iniziò a tremare, e tremare e tremare e tremare, finché mi resi conto che mi stavo svegliando dal mio sonno, e quando finalmente aprii gli occhi, vidi il volto implorante di zia Lisa mi guarda.

“Randy svegliati! Devi farmi togliere questa spina, mi sta uccidendo! Non so come Anna possa fare questo giorno dopo giorno ed essere ancora in grado di camminare dritta".

Ancora stordita, ma scattando rapidamente verso di lei le dissi: “Non ancora, è colpa tua se lo indossi ricordi? Tenerlo dentro ancora per un po' non ti ucciderà".

Proprio mentre ho finito di parlare, Rita ha girato l'angolo e ha dato una pacca sul culo a zia Lisa.

«Sapevo che saresti stato qui! Non sai quando smettere, vero?"

"Non stavo provando niente Rita, stavo solo..."

“Oh, so cosa stavi facendo, o cercando di fare! Ti sei appena comprato più punizione, ora muoviti!

La zia Lisa si massaggiò il sedere ed entrò nella stanza della mamma sconfitta, ma aveva ancora quel barlume di speranza. Rita poi mi è salita sopra, ancora avvolta nel suo asciugamano e ha iniziato a mordicchiarmi il labbro inferiore.

"Volevi lasciargliela fare, vero?"

"Fare?"

"Oh, non darmi quel "fare cosa?" linea, ti dà quella faccia da cagnolino e tu sei come stucco nelle sue mani!

"Beh, se qualcuno lo sa, immagino che saresti tu, giusto?" Ho sorriso.

"Ehi, è diverso, quando lo faccio è per amore, quando lo fanno è per lussuria."

"Sì, ma a volte le tue motivazioni non sono sempre così pure, ma va bene, mi piace comunque."

"Faresti meglio, non uso le mie buone mosse su qualsiasi vecchio corpo", ha detto mentre girava la lingua nella mia bocca, prima di tirare indietro la testa per guardarmi.

"Cosa dovremmo fargli fare per cena?" chiese Rita.

"Cosa odia fare la mamma?"

Rita sorrise mentre chiamava la mamma nella stanza. "Ehi mamma, abbiamo deciso cosa vogliamo che voi ragazzi ci prepariate per cena, vogliamo pollo alla parmigiana."

La faccia della mamma si bloccò. "Forza tesoro, sai che ho paura di farlo, non riesco mai a farlo bene la prima volta, inoltre qui non abbiamo le cose di cui ho bisogno per farlo."

"Allora immagino che andasse al negozio, quindi è meglio che vi vestiate", sorrise Rita.

La mamma è tornata in camera sua e Rita è saltata giù da me per vestirsi. Mentre mi alzavo, la mia mente tornava a quello strano sogno che avevo fatto prima che zia Lisa mi svegliasse. Mi chiedevo se significasse qualcosa, o se fossi solo in quella fase di "sogno strano", in entrambi i casi, non ci pensai più e mi tolsi di mente.
Il viaggio verso il negozio è iniziato come qualsiasi altro viaggio, ma poi Rita ha iniziato a ridere, poi a ridacchiare ancora un po', poi ha iniziato a diventare permalosa. Avrebbe raggiunto il sedile del guidatore e afferrato le tette della mamma mentre guidava, e tirava le pinze per assicurarsi che fossero ancora lì, suscitando un piccolo gemito dalla mamma.

"Tesoro, per favore, almeno non mentre guido, non voglio morire mentre mia figlia ti fa sentire."

"Non riuscivo a pensare a un modo migliore per andare, beh, in realtà sì, posso", ha detto mentre mi guardava di nascosto. "Va bene, ma la zia Lisa non sta guidando", ha aggiunto mentre si scambiava di posto con me e afferrava due manciate giganti di tette di zia.

"Farai meglio a sperare che nessuno di quelli che conosciamo ti veda fare questa Rita", disse zia Lisa.

"Non lo faranno, ecco perché stavano andando al negozio dall'altra parte della città."

"Che cosa? Stavano per passare il negozio ora! I'm not going all the way out there to get the same stuff we can get at this store,” mom said.

“Looks like you don't have a choice mom,” I jumped in.

“You two think you're clever don't you, I know what you're thinking, but were going to this store.”

I could tell she needed some more persuasion, so I reached around the drivers seat and grabbed my own handfuls of titties, but then I instantly went to the clamps on her nipples and began to tug at them, making mom groan in pain as her nipples were being pulled from her chest.

“Ow! Ow stop that right now! That hurts!”

“Well its not supposed to feel good mom or it wouldn't be a punishment. So whats it gonna be? Head to the store across town or turn your nipples into raisins?” Ho chiesto.

She took a while answering, so I pulled on them a little harder until she groaned in pain and conceded. “OK OK you win were going to the other store! Ooh you two are gonna be in for it!”

I finally let them go when she made an illegal u-turn (probably because her nipples were really starting to hurt) and hopped on the freeway, a big sigh of relief leaving her mouth. The rest of the way there was spent between Rita squeezing Aunt Lisa's tits with her small hands to trying to get my pants off for a quickie, she should have focused on the the latter because we pulled into the store in no time.

When we got out of the car and started to head for the entrance mom quickly made a wall in front of us.

“Ok you two, in here, no funny business. I don't want anyone I know seeing me being felt up by one of my children, and in a public place I might add.”

“No beans mom! Why do you think we had you come to the store way on the other side of town? Just for this very reason, so we wouldn't run into anyone we knew, so no excuses!” Rita followed. “You too Aunt Lisa get going! Just because you were quiet on the way here doesn't mean you're off the hook, now come on I wanna hurry up and get back,” she followed.

When we walked into the store they immediately tried to split up from us but we weren't having it, we grabbed a cart and had Aunt Lisa push while mom grabbed everything from the shelves. We had pretty much gotten everything without incident and I thought Rita might give them a break from the torture, that was until she got that patented Rita grin on her face when she looked at me. She waited for everyone in the aisle to leave before she finally spoke.

“Mom there it is up there, get that parmesan cheese on the top shelf,” Rita said.

Mom, thinking nothing of it, started to reach out to the top shelf to grab it, then Rita pulled what looked like a little switch out of her pocket, grinned at me again while she mouthed “watch this” and flipped the switch. Mom, who had her hand on the container of cheese jolted like she'd just been shocked and consequently knocked almost every container of cheese in her wingspan on the floor, continuing to knock down the ones on the lower shelves as she slunk down to the floor shaking and gritting her teeth. I was just getting ready to ask what was going on when I could just hear the sound of buzzing in my left ear, then I put it all together. The loud buzzing and destroyed shelves and mom quivering on the ground unable to speak, and I glanced back Rita open mouthed, knowing what she did.

“Yep, made her put it on after she cheated while watching us, I was just waiting for the perfect time to break it out,” Rita grinned, looking at mom shaking on the floor.

“T-t-turn it off, its up t-t-too high,” mom said still trying to fight through the pleasure.

“I don't think its too high, do you Aunt Lisa?” Rita asked looking right at her.

Aunt Lisa looked at Rita, then me, then at mom and back at Rita. “N-No I don't think so,” she finally answered and then slumped her head down, not wanting to look at mom.

“Good answer Aunt Lisa. Ok mom you gotta get up before someone comes over and sees you.”

“I c-can't get up until you turn it off, its t-too high!”

Rita sighed. “Ok I'll turn it down, but I'm not turning it off, so you can get up now.”

Mom slowly used the near empty shelves beside her to pull herself to her feet, all the while you can still hear the faint buzzing of the vibrator still lodged inside her. When she finally stood all the way up she glared at Aunt Lisa with that “you coulda helped me” face and fixed her clothes, just as one of the stores workers had came around the corner.

“Is everything ok over here? What happened?”

“I tried to reach one of the cans on the top shelf and lost my footing, sorry. Its ok though, I got one,” mom said as she picked up a can from the floor and put it in the cart, laughing it off embarrassed.

“Probably shouldn't be reaching like that in heels but ok, as long as noone got hurt. CURTIS,” the kid yelled to the end of the aisle. “CLEANUP ON AISLE THREE!”

“Oh you don't have to clean this up? Aunt Lisa asked.

“What? Noooo! My shifts about to end, and Curtis is the new guy, so he gets to have all the fun.”

Just as he finished talking another teenage kid our age turned the corner and slumped his shoulders at everything he had to pick up. “Have fun bro,” the guy said as he patted him on the back and left the aisle.

Mom apologized profusely before she turned and pushed the cart out of the aisle as fast as she could.

“You see! Now that boy has to clean all that up. Are you happy?”

“Yeah mom cuz it was completely worth it,” I said trying to suppress a laugh.

“Ok are you done having fun now? This thing is really making my skin tender.”

“I guess we can stop for now, but were not done by a long shot,” Rita said as she turned the vibrator off much to moms relief.

Aunt Lisa was still feeling the effects of having a buttplug in her for most of the day, so much so that she was straining trying to walk, and Rita noticed.

“That plug really hurts huh?” Rita asked.

“You try wearing a plug all day and let me know how it feels!” Aunt Lisa retaliated.

“I don't need a plug, I got the real buttplug right here,” Rita said as she locked my arm smiling. “Anyway, since you gave the right answer earlier I think its time we finally let you take the plug out.”

“Oh thank god! This thing was really starting to hurt,” she said as she started to walk away.

Just then, I got an idea that would make that simple task of removing the plug that much better. “Wait Aunt Lisa where are you going?”

“To the bathroom, I'm taking it out. You guys said I could, you can't renege on that!”

“Were not, but you don't need to go to the bathroom to do that,” I said with a grin on my face, followed by a grin from Rita and a look of understanding then surprise from mom. “You can do it out here, in fact, why don't you take it out in front of Curtis then give it to him, it'll be a nice consolation prize for having to clean up that aisle.”

Aunt Lisa was shocked. “What? Are you crazy? Why do I have to do that? It wasn't my clumsiness that knocked the cans over it was Anna who couldn't control herself!”

“Ha! Serves you right for turning on me,” mom said, reveling in Aunt Lisa's misery.

“No gloating!” Rita said as she flicked moms nipples that still had the clamps on them, causing her to groan in pain, but still had a grin on her face at Aunt Lisa's expense. “If you hadn't tried to cheat earlier you wouldn't have to do it, but you did, so you brought this on yourself.”

“That's the deal Aunt Lisa, either take it out in front of that kid and give it to him, or keep it in for the rest of the day, your choice. To be honest I don't know how much more your ass can take,” I said.

She crossed her arms pissed, but she knew she didn't have any other choice if she wanted to be rid of the buttplug once and for all, so she slowly turned around and headed back towards the aisle.

“You two are the devil! I hope they don't have cameras in this store.”

We all followed close behind her but not too close until we got back around to the aisle where the kid had made a small dint in the mess, but still had a long way to go. Aunt Lisa looked at us for confirmation and we looked back in anticipation of what was to come, she was really about to do it.

As she approached him he looked up from his kneeled spot on the ground and stood up to face her. “You know, next time you want something off the top shelf can you just call someone? They're always gonna make me clean it up because I'm the youngest and I'm new guy, and its gonna stay that way until they get another new guy.”

We're really sorry about that, I don't know why she would reach like that in heels, it was her, she did it,” Aunt Lisa said as she pointed to mom who waved back in embarrassment. “No hard feelings? We promise it won't happen again,” she added as she held out her arms for a hug.

You could tell he was still pissed, but he wasn't stupid. He saw Aunt Lisa's huge breasts looking back at him waiting to be squeezed into his chest, so for the moment, he sucked it up and smiled.

“Ok, but next time you have to help me,” he said as he accepted the hug, holding himself to her chest. Aunt Lisa didn't help things either when she rubbed her tits into him and leaned them down, giving him a great shot of her cleavage before she let him go.

“Deal. Ow!”

"Che cos'è? What happened?” Curtis asked suddenly afraid he'd hurt her somehow.

“Somethings been bothering me all day I can't...” Aunt Lisa said as she reached under her dress. We all stood there in shock as we knew she had just pulled the buttplug out just by the look of relief that came over her face. “Ohhhh, that's much better, can you hold onto this for me? I won't be needing it anymore,” she said as she dropped it into his held out hand.

He looked at it and in no time realized what he was holding. He looked like he was gonna have a panic attack then squeezed it in his hand and hid it from noone in particular out of paranoia, looking back at Aunt Lisa with a stunned look on his face while she innocently smiled back at him.

“Thank you, see you later Curtis,” she said with a wink as she turned and walked back to us.

“I can't believe you did it, and you were so calm,” mom said in amazement.

“I wanted that damn thing out so I didn't have a choice. I'll be happy if I never see another buttplug for the rest of my life!”

“By the way, that was one of my favorite plugs you two, so bet or not you will replace it.”

“Ok mom, besides, its not like you don't have like fifty-seven more hid around the house,” Rita said.

We gathered everything else we needed and a few oddball things, and headed to the checkout lane. Since we had more than ten things we couldn't use the self-checkout lanes, which were all full anyway, so we went to the only lane open with an actual person there and a bagger and began putting the stuff on the belt. As we nearly put the whole cart of food on the belt, I got an idea myself with inspiration from Rita's incident earlier and reached into her pocket and went for the switch. She tried to fight me at first, but when she saw the grin I was giving her she let me have it. In the short little debacle to see what we were bickering about mom looked over to see what was going on, only to see me pull the switch from Rita's pocket. She started to give me a sad face and was about to say something but was cut off by the cashier lady trying to get her attention.

“Miss? Miss? MISS!”

As soon as mom turned around to acknowledge the girl I flipped the switch all the way up. You could hear the buzzing clear as day it was that loud, even with all the people in the store. Mom was fighting to stay on her feet, squishing her closed fists against the belt while she squinted her eyes tightly closed.

The cashier lady looked concerned. “Miss are you ok? Do you need to see a doctor?”

Mom took a minute before she could regain her conposure. “No I'm f-fine, just have a h-headache is all, so what's the total?”

“It comes up to $57.68.” The lady made a weird face while looking around and then stuck her ear out to the air. She looked at the guy bagging the groceries then back at us and back at mom again. “Do you hear a buzzing sound or is that just me?”

Aunt Lisa, Rita and I pretended to be clueless as mom tried her best to put on an act. “Buzzing? N-No I don't hear anything, must be the machine,” she said as she still struggled to keep her composure.

“No I definitely hear buzzing, I just can't tell where its coming...from.” The lady look down at mom's shivering crotch and put two and two together. She looked at the bagger who was looking back at her sporting the same grin she had as they figured out where the buzzing came from. Mom, realizing she'd been found out gave them a pleading look not to say anything as she gently crushed her fist against the belt, while all of us still pretended to remain clueless, but were laughing heavily on the inside.

The cashier and the bagger were all smiles now as mom handed her sixty dollars. “Must be one of those days where you're feeling...” she paused as she looked at us then back at mom. “Adventurous.”

“Just having a rough day is all, thought some “medication” might help.”

“Been there. Are you sure you're taking the right “dosage?”

“I should be. But I did just increase it to a bigger prescription.”

We were getting a real kick out of their “code” talk, so much that I turned off the vibrator just so they could continue. We kept acting clueless so they wouldn't have to worry about us understanding what they were saying.

“Maybe you're getting too used to your prescriptions, if you want, I can refer you to a “doctor” of mine, he's really good, you know, at prescribing medications,especially to new patients.”

“That's ok,” I have my own doctor,” mom said holding up her ring hand. “He's just had a busy schedule as of late, but if its ok with my doctor maybe we can swap prescriptions?”

“Sounds good. In the meantime there's a clinic around the corner and up the street a few blocks that just got a new shipment of top of the line “pills”, really good stuff, I go there all the time,” the lady grinned as she gave mom her change.

“I'll have to check it out one day, thanks for the info,” mom said as she took the change and the cart of food from the bagger, who smiled and winked at her, letting her know their act didn't fool him, while sizing her up as she walked past, not even bothering to be subtle, but who could blame him, after hearing that conversation I was ready to go home and pound her brains out myself, as I'm sure just might happen, unless Rita has a plan where it won't, and knowing her, she might.

As we were leaving the store, we saw Curtis standing near the door, grinning at Aunt Lisa and still clutching the buttplug in his hand. Aunt Lisa smiled at him and conspicuously rubbed her ass as we walked out, reminding him just where the plug had came from. Rita and I had to suppress a laugh, if we didn't know better, she was trying to hit on him, just another side of Aunt Lisa we didn't know about, yet.

------------------------------------------

“You do know you weren't fooling anyone with your fake code talk right mom?” Rita asked.

“Please, you didn't understand a word I was saying.”

“Oh yeah, like we couldn't figure out “I thought medication might help” means I was horny so I had to frigg myself all day!”

“Just as I thought, clueless as ever,” mom laughed, Aunt Lisa laughing with her.

As we got in the car and were about to drive off mom's phone rang, and by the song playing we knew it was dad, so she turned the car back off ad answered it.

“Hey honey, how's work?”

“Again? How long?”

“Its always the same client, tell him to just suck it up and buy the damn house!”

“I know, but you've never had to stay late so much for any other clients...”

“Me and Jim are gonna have a talk, he's putting way too much work on you.”

“Well why'd you pick someone whose so picky?”

“(sigh) I was really counting on you being home today.”

“You're damn right you're gonna make it up to me, big time.”

“Ok honey, love you too. Bye.”

“I'm guessing dad has to stay late at the office again?”

“Its that damn client of his whose supposed to be moving back here taking up his time. I was counting on him being home on time.”

"Perché? Oh, because we couldn't tell you what to do around dad! Good job dad's job ruined your plans. I figure he'll be in around midnight like usual, which means we have a good seven and a half hours left of telling you what to do,” Rita gloated.

“I'll be happy when this day is over,” Aunt Lisa jumped in as mom turned on the car and drove off.

The ride home was quiet, but not out of boredom, but because Rita and I were too busy frisking one another, so mom and Aunt Lisa got a free pass that time. We pulled in the driveway and took all the groceries in and made it seem as if we were gonna leave them alone a little more, but no.

“OK! Off with the dresses and into the kitchen, you two have dinner to make,” Rita said eagerly.

“Umm, no, not happening. We don't know what time your fathers coming home, and he's not about to walk in here to see his wife and sister-in-law naked and his kids just carrying on like its normal. Don't forget, if your father finds out, its bad for you two as well,” mom protested.

Rita frowned looking at me. “Dammit she has a point. Ok fine, but you're at least going down to your bra and panties, if we need to we'll just stop dad at the front door.”

They wanted to argue, but could see it would just end up going around in circles, so they reluctantly agreed and shed their dresses, carrying them into the kitchen where they were about to make us a fantastic once in a lifetime dinner, a half naked once in a lifetime dinner, life was good.

Rita and I were leaving the kitchen to go who knows where to do who knows what when simultaneously both our phones rang, Stephanie and Chris. I don't know why, maybe we thought we had some kind of gender based secret we didn't want the other to know, but we split in different directions, with me going to the basement, and Rita upstairs.

----------- Randy's Call ---------------

“What's up man.”

“Hey. Stephanie told me about the bet your mom and aunt made with you guys, did you win?”

“Yeah but barely, I didn't think it was gonna be that hard, we almost didn't make it.”

“I bet it was that hard, with nothing to fuck but your hand for a day,” he said snickering.

“I meant I didn't think the bet was gonna be that... you're so gay sometimes man.”

“Yeah yeah, but all jokes aside, what you make em do?”

“They're our slaves for the whole day, until midnight tonight.”

“Really? Completely seen that one coming, with as much shit as they put you through I'm not surprised. At least you didn't pick something like they have to leave you alone for a day.”

“We almost did, but something like this probably won't happen again, so we had to take it.”

“So what did you make them do?”

“Can't tell you, they'd kill me if I told anyone, and you'd probably slip up and say something.”

“Yeah true. Especially if it had anything to do with your mom, she's beyond hot dude.”

“Yeah you stay away from my mom, you got your sister to worry about. By the way hows that going?”

“I don't know man, she's been getting more lovey dovey by the day. Before we would just fuck each other silly and that was it, now she wants to go slow and cuddle more.”

“That's step one man.”

“Step one my ass, We fuck, simple as that. My body doesn't register slow and soft.”

“Ok I don't wanna start talking about your body...”

“What? You wanna talk about my body? And you're calling me fruity...”

“So gay man. Stop using Stephanie as a cover and just come out already.”

“Yeah you wish. Speaking of Stephanie I'm gonna go get some of that now, mom just left with her checkbook, so she's not coming back for a while, check back with you later.”

“Alright man, don't wait until after you have sex to tell her you're coming out of the closet, that'll be a dick move,” I laughed.

He couldn't help but let out a little laugh. “Homo.”


----------------Rita's Call -------------------

“Hey Steph, what up?”

“You guys won the bet didn't you?”

“Yeah, but it wasn't easy. I almost gave in like two hundred times!”

“If it was just about sex with you guys you would have.”

“Yeah because towards the end it was like it didn't even matter, I don't know how to explain it.”

“I know what you mean. So what did you pick as a reward thing?”

“Both mom and Aunt Lisa have to be our slaves for the whole day.”

“Really? I didn't see that one coming. I thought for sure you would try to find a way to be alone with Randy, with as much as you think and talk about him, let alone fuck his brains out everyday...”

“Yeah I know, but we figured this was a once in a lifetime thing, so we had to take it, plus I have a plan for that anyway.”

“They won't take any more bets from you, especially if you've been an ass to them all day.”

“Probably not, and we have. We made them eat breakfast naked, they had to watch us have sex, but if they watched they couldn't touch themselves, and vice versa, they had to wear a buttplug, a vibrator and nipple clamps all day, and when we went to the store I turned the vibrator on mom was wearing and made her knock down a whole shelf of food.”

“Wow that must've been funny!”

“Not just that, but we made Aunt Lisa give her buttplug to the guy who had to clean up the mess mom made, and then we turned the vibrator on again while she was in the checkout line, and the cashier and bagger guy noticed! The look on her face was priceless!”

“You two are evil!”

“And the day isn't even over yet. I still wanna try to get some time with just me and Randy though.”

“Because you looooove him, you want to kiiiiiiiiiiss him, you want to fuuuuuuuuuuuuck him,” Stephanie sang in a sing-song voice.

“And that's only the stuff you know about,” I grinned, even though she couldn't see it.

“I'm so jealous of you two, I'm trying to ease into being like that with Chris, but were just not where you guys are so its a little hard, and I don't wanna force it, plus he's not budging. He has been a little more ass-kissy lately, so that's a good sign.”

“Just stick with it, if its supposed to happen it will, if not, then at least there's the sex. And don't worry, you'll break him down eventually. He just has to be all tough about it, that macho thing.”

“I know. Speak of the devil here he comes now with that “I wanna fuck” look on him.”

“Go easy on him, he's still fragile.”

“And you go hard on Randy, but not too hard, I still got my hopes up one day...”

“Nope, you got your own, Randy's mine, all mine.”

“Stingy.”

“You know it. Well since Chris has his hands full with some part of your anatomy I'll call you later.”

“Much later, its gonna take some time to... Ugh, fuck! I'll call you back Rita... (click).”

What a way to end a conversation.

-----------------------------------------------

After hanging up from Chris I stole an ice cream sandwich from the freezer downstairs and rearranged it like I hadn't touched anything, ate it then disposed of the evidence and went back upstairs just as Rita was coming back downstairs.

“Rushed off the phone too?” Rita asked.

“Yep, sounded like he was about to plow into her from where I was standing,” I said as I walked out the front to sit on the porch, Rita followed.

“So I'm guessing you're having way too much fun with this right?” Ho chiesto.

“Oh you have no idea, I just wish it could last longer.”

“You think we should cut back a little? I mean this only lasts for one day, and they're gonna go ham on us when its over.”

“I just have a couple more things I wanna do then I'll be satisfied.”

“I'm telling you, it'll come back to haunt us.”

“It already is, so we might as well make the best of it since were gonna get reamed anyways.”

“Ok then, lets settle this with a game of questions, first one to get stumped loses, game?”

“Game, and I'm going first. Questions about “us” only. Hmmm, ok I got one. What game were we playing when you completely manhandled me and forced a kiss on your sweet, innocent, never done anything bad in her life sister, me?” She giggled as she finished the sentence.

“Umm, yeah,” I laughed. “We were playing Super Mario Bros. And might I add I whooped you. Come on you gotta get better than that. My turn. Where was the first place we ever fooled around in public?”

“Easy, the lifeguards building at the beach, my bikini bottoms just happened to accidentally fall down as I was bending over a table,” she giggled, accident my ass. “Where did we go for our first date?”

“Ummm, oh yeah, we went to the pizza place, then to the movies where we got “heated”, then to the hill behind the park to finish off the night, that was a great day. Who caught us having sex the most?”

“That's a tricky one, that could be either dad or Aunt Lisa, but I'm gonna go with Aunt Lisa just because dad didn't know exactly what was going on. “Who's been a bigger freak with us, mom or Aunt Lisa?”

“Definitely mom, but Aunt Lisa's not far behind, but yeah mom hands down. What was the most amount of orgasms you had at once?”

“Five, I remember that day, we were both so horny we just couldn't stay off each other, definitely need to have another day like that. Where were we when we had our first make up sex?”

“In the back of dad's friends pickup truck, that was also the first time we tried anal, bonus points!”

We had been going at it for a while without an end in sight, we knew way more than we thought we did, and we were still firing out questions.

“Ok, apparently noones gonna win so we'll just call it a draw,” I said.

“Nope, no draw, I win since you couldn't think of a question.”

“Then I win for all the question I had bonus points for!”

“Nobody said anything about bonus points, you can't just add rules...”

The door opened and mom peeked her head out and nothing else since she was still in her bra and panties. “Ok you two, dinner's ready. At least its nice to know you still have the ability to bicker like siblings,” she said as she slid her head back in the door.

“Don't think even for a second were done here,” she grinned as she headed for the door.

“I don't plan on being done with you until later,” I grinned back as I followed her.

We went back into the house to see mom and Aunt Lisa had cheated by putting their clothes back on, but once we saw the spread of chicken parmesan with mashed potatoes spread out on the plates like they came out of a five star restaurant we were all but happy to let it slide, it looked great. We all sat down and within seconds we were devouring the best meal we've had in a long time.

“Did you get get it right on the first try mom?” I asked in between mouthfuls.

“Yeah, surprisingly your aunts not useless after all,” mom joked.

“Says the person who almost burnt the chicken trying to...” Aunt Lisa stopped when she saw a weird look on moms face.

“Trying to what?” Rita asked. “Trying to cheat somehow?”

“Honestly Rita, you don't think you've gotten a little crazy with this whole slave thing? I mean yeah I wasn't all that great either but I didn't make you do anything in public like you did me.”

“That's only because we'll never get to do this again, so I'm making it count.”

“You're damn right it won't happen again, no more slave bets with you. Give a girl a little power and look what happens, she goes crazy.”

“Ahh mom you're fine, don't dish it if you cant receive it, and you dished a whole lot of it. Besides, I've pretty much had all my fun anyway, just maybe one more thing and I'll be done.”

Mom groaned, then realized I hadn't said anything through the whole conversation. “Randy you ok over there, you haven't said anything since we started eating.”

“Good

Storie simili

Brianne

Era bella come sempre oggi. Indossava una gonna blu, piuttosto corta, e una maglietta verde. Lei stessa era piuttosto bassa, solo circa 5'4 . Aveva capelli di media lunghezza, castani, leggermente ricci, che le arrivavano fino alla spalla. I suoi seni erano di taglia media, probabilmente una coppa C. Aveva anche un bel sedere, era leggermente grande sulla sua piccola struttura. I suoi occhi erano sorprendentemente verdi e il suo sorriso era sempre gentile e caloroso. Avevo una cotta per lei da quando potevo ricordare, fin dalle elementari. Il suo nome era Brianne. L'ho vista camminare accanto a me a pranzo...

896 I più visti

Likes 0

Nonno Joe

Questa è una storia su di me e mio nonno. Mio nonno Joe era sulla sessantina, calvo, alto e aveva un bel corpo da orso. Era davvero forte. Era anche molto peloso. Ero un paffuto di 16 anni. Culo grosso e tette da uomo appesi. Ero un ragazzo liscio e senza peli. Avevo un cazzo minuscolo. Inoltre non avevo alcuna conoscenza del sesso o altro. Non mi sono mai nemmeno masturbato, l'unica volta che sono venuto è stato durante i sogni bagnati. Un giorno mi è stato detto dalla mia famiglia di andare a stare con Joe. Joe stava invecchiando e...

874 I più visti

Likes 0

Intervista Privata

Ci sono molti vantaggi nell'essere il presidente del consiglio di amministrazione di un conglomerato internazionale, belle donne single e divorziate adulatrici ai tuoi piedi, dirigenti emergenti che lavorano nel lontano impero e le loro mogli. Due volte all'anno tengo una convention a New York per incontrare questi dirigenti e le loro mogli. L'affare solo su invito si svolge in un hotel a 5 stelle, riservo dieci piani di camere e suite per i dirigenti. Ho anche sei inviti inviati a donne che mi hanno colpito o che hanno attirato la mia attenzione in un ristorante o in qualche altra gita. Stasera...

800 I più visti

Likes 0

Attrazione proibita 2 (riveduta)

Erano trascorsi due anni da quando il signor Connor e io abbiamo portato la nostra relazione a un nuovo livello. Era anche sicuro dire che facevamo sesso in quasi tutte le stanze della scuola... E non è un'esagerazione. La nostra situazione era piuttosto complicata. Io e Tim (odiava quando lo chiamavo Mr. C se non stavamo facendo sesso) passavamo così tanto tempo insieme, ma non eravamo fidanzati e fidanzati... ma allo stesso tempo lo eravamo. Non so come chiameresti la nostra relazione. Forse amici con benefici o solo la sua cagna laterale. Ma noi eravamo molto di più. Lasciava note citazioni...

817 I più visti

Likes 0

A Fantasy Too Far Capitolo 3

CAPITOLO 3 Si è ricomposta in tempo per andare a lavorare come se nulla fosse successo. Solo un normale lunedì mattina. Supponeva che, tutto sommato, non fosse davvero tagliata per essere una schiava nel seminterrato per il resto della sua vita, ma vivere la fantasia sarebbe stato meglio se fosse durato più a lungo. Anche se proprio come le fiabe e le commedie romantiche che finiscono al matrimonio, le storie e i giochi di ruolo di rottura della volontà di uno schiavo rapito si fermano sempre dopo le parti emozionanti. La monotona routine della vita quotidiana degli schiavi in ​​seguito non...

799 I più visti

Likes 0

I 120 giorni di sodoma - 17 - parte1, IL SEDICESIMO GIORNO

IL SEDICESIMO GIORNO I nostri eroi si alzarono vivi e freschi come appena arrivati ​​dalla confessione; ma a ben guardare si sarebbe potuto notare che il Duc cominciava a stancarsi un po'. La colpa di questo avrebbe potuto essere attribuita a Duclos; non c'è dubbio che la ragazza avesse completamente padroneggiato l'arte di procurargli delizia e che, secondo le sue stesse parole, i suoi scarichi erano lubrificanti con nessun altro, il che confermerebbe l'idea che queste cose dipendono esclusivamente dal capriccio, dall'idiosincrasia , e che l'età, l'aspetto, la virtù e tutto il resto non hanno nulla a che fare con il...

749 I più visti

Likes 0

La nostra amorosa amicizia

Ciao, sono nuovo nella scrittura di storie di sesso, quindi per favore sii gentile. Per la storia renderò le cose più facili con me stesso usando persone che conosco come personaggi. In questo caso, sarò me stesso e lo farò in prima persona e il frutto di questa avventura letteraria sarà una ragazza che conosco chiamata Sarah. Prima lascia che mi descriva, mi chiamo Craig, sono alto 6 piedi e 184 libbre. Ho una bella immagine (credo/spero), che include una confezione da sei, occhi azzurri e una bella linea della mascella. Oh e capelli castani. Quindi, la ragazza... non conosco la...

748 I più visti

Likes 0

Solo un viaggio in autobus... Onesto 3

Il mondo sembrava congelarsi. Non potevo crederci, mi sentivo come se mi avesse tradito completamente, anche se ci conoscevamo solo da un giorno e un po', mi è sembrato un pugnale nel cuore, perché era così civettuola oggi, deve sapeva quello che stava facendo, ma lo faceva lo stesso anche se aveva un fidanzato. Non volendo pensarci un attimo di più ho chiuso la pagina e il mondo ha ricominciato a girare. “RALPH STAI ASCOLTANDO? Urlò l'insegnante dalla parte anteriore della classe mentre lo facevano. Sì ho chiamato debolmente non avendo la più pallida idea di cosa fosse stato detto negli...

751 I più visti

Likes 0

Angelo 2

Angelo 2 © Questa è una fantasia. Qualsiasi somiglianza con persone o luoghi reali è casuale. ************************************************** **************** Angel lo fissò sorpreso, mentre l'uomo dall'aspetto divertente è i pantaloni a righe tamponati le lacrime che gli scorrevano sul viso con la coda. Chi sei? Lei chiese. Smise di piangere abbastanza a lungo per rispondere. Pensavo che lo sapessero tutti. Egli ha detto. Sono il gatto dalla coda spogliata. Disse agitando la coda con orgoglio. “La maggior parte mi chiama Stripe. Vedi quanto è lunga la mia coda? Non sono belle le strisce? Angel ha convenuto che la coda era davvero carina...

709 I più visti

Likes 0

William Potter

William Potter La storia di William Potter è più difficile da raccontare rispetto alle precedenti. Forse sarebbe meglio iniziare con il suo arresto a New Haven Connecticut nel 1662. (Nota: i processi alle streghe di Salem ebbero luogo nel 1692.) Suo figlio adulto John Porter aveva confessato al ministro della chiesa di aver visto suo padre commettere un atto sessuale con un vitello. Il ministro andò dalle autorità e raccontò loro ciò che gli era stato detto da Giovanni. Quando le autorità andarono da Giovanni per ascoltare la storia da lui, si rifiutò di parlare con loro. Lo hanno arrestato con...

699 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.