Regina dei draghi

71Report
Regina dei draghi

Ho iniziato a scriverlo anni fa e di recente l'ho trovato sul mio hard disk. È un work in progress, fatemi sapere se vi piace.

***

Dana, la maestra di caccia del Re Serpente, colei che era conosciuta nel paese come la Regina dei Draghi, percorse il corridoio polveroso con un passo potente. I servitori si precipitarono negli angoli per consentirle il passaggio, le loro teste abbassate in segno di sottomissione. Le guardie scattarono sull'attenti e pregarono che non avesse il tempo di notare qualche piccolo errore nel protocollo.
“Signora Dana! Davvero un piacere prenderti - potrei disturbarti per un momento del tuo tempo? Un nobile minore, un ragazzo di appena sedici estati, ha cercato di avvicinarla ed è stato ricompensato dal suo carattere.
“Vattene Tebid; Oggi non mi servono il tuo cazzo sottile o le tue mani maldestre. Lei lo congedò con un gesto altezzoso che lo fece arrossire. Era già dietro l'angolo.
Re Theodonos attendeva nelle sue sale delle udienze. Davanti a lui sedeva una schiera di consiglieri, consiglieri e generali che si contendevano la sua attenzione.
“Non possiamo rischiare la sicurezza della nostra terra in questa faccenda. L'invio immediato dei nostri eserciti è la nostra unica linea d'azione. Fare altrimenti e mettere in pericolo la nostra più grande risorsa e il potere del nostro regno. Ha parlato il generale Harkor. Era un giovane guerriero, neopromosso che aveva dimostrato la sua abilità in battaglia nella guerra contro Loronia, ma l'anno scorso.
"Dobbiamo temperare la nostra forza con la saggezza." Consigliato Cordonis, un uomo più anziano, capo dell'intelligence del re. “Ricorda che abbiamo dei nemici che aspettano che commettamo un errore. Agisci ora e allerteremo i nostri vicini. Lasciamo i confini vitali con il pericolo di un attacco a sorpresa. Non possiamo rischiare su voci non confermate. Dobbiamo essere sicuri di ciò che sappiamo prima di agire. Invia un inviato fidato a queste persone e scopri la natura di questa notizia.
La gente riunita iniziò a discutere, schierandosi con Harkor o Cordonis, lanciando accuse di impetuoso orgoglio o codardia. Theodonis, il sessantacinquesimo Re Serpente, si distese come un ragno sul trono ornato e si limitò a contemplare il procedimento.
Fu a quel punto che le grandi porte si aprirono e Lady Dana entrò nella grande sala. Non c'era nessuno che non segnasse il suo ingresso. Le discussioni esitarono e si placarono.
Tutti conoscevano Lady Dana. Era lei che portava il titolo di Signora Cacciatrice del Re e il comando dell'arma più grande e potente del Re Serpente: i Cavalieri del Drago di Karne. Solo i draghi maschi avevano le ali e si libravano sopra i campi di battaglia e il temuto alito di fuoco che decimava i nemici del Re Serpente. Solo le donne guerriere, attraverso un segreto gelosamente custodito, erano in grado di comandarli. E solo il Re Serpente di Karne aveva la loro lealtà. Con questo potere l'impero di Karne si estendeva attraverso le nazioni. E Dana era una delle donne più potenti del paese.
Era alta, con i capelli neri che le arrivavano quasi alla vita. Era muscolosa in modo femminile, agile e forte, leggera sui suoi piedi ma in grado di far cadere la maggior parte degli uomini. Era più veloce di un serpente e il suo sguardo tremava di più. I suoi occhi penetranti, dicevano alcuni, contenevano il fuoco del drago. Nonostante la sua pericolosa reputazione, gli uomini la desideravano, perché era tanto bella quanto mortale. È venuta alla cerimonia con una lunga veste grigio chiaro che metteva bene in risalto i suoi ampi seni. Una coscia possente si allungò quando si fermò al centro della stanza.
«Signora Dana.» Così parlò il Re. Era giovane, da poco uscito dall'adolescenza, ma già temuto. Aveva una carnagione scura, occhi che erano come fossette nere. Aveva lineamenti giovanili e sebbene non fosse eccessivamente alto, aveva arti che sembravano allungati. “È piacevole da parte tua unirti alle nostre riflessioni. Sono contento che il mio messaggio ti sia arrivato alla fine. È stato inviato qualche tempo fa. Le sue labbra si arricciarono e i suoi occhi scuri lampeggiarono. Il sorriso crudele di Theodonos faceva temere per la propria vita la maggior parte degli uomini, poiché aveva un umorismo contorto che nascondeva una rabbia mortale e silenziosa. Dana, tuttavia, incontrò il suo sguardo con calma.
«I doveri della maestra di caccia di un re sono molti, mio ​​re. Vivo solo, come sai, per servire il tuo piacere. Aspetto con impazienza il tuo comando. Il mio re." Dana ha pronunciato le ufficialità di corte con una svolta nelle sue parole che suonavano pericolosamente vicine alla presa in giro. Pochi osavano parlare così al re. Ancora meno sopravvissero per raccontarlo.
«Certo che lo fai, mia cara signora. Certo che lo fai. Confido che il tuo tempo sia stato ben speso. Come sempre. Visto che sei in ritardo per il nostro incontro, devo aggiornarti sulla nostra discussione. Non era questa la tua intenzione, ne sono certo, di ingannare il nostro tempo in questo modo. Tuttavia, queste cose non possono essere evitate. Oridil, ti prego di leggere alla nostra amata maestra di caccia il motivo del nostro incontro.
Oridil, un vecchio dai capelli bianchi, si fece avanti nervosamente, temendo di entrare in questo pericoloso scontro di volontà. Il suo sguardo guizzò dal re a Dana. Srotolò una pergamena e si schiarì la gola.
"Una missiva al Suo più Grazioso e Potente Re Serpente Theodonos, Signore delle terre dalle desolazioni di Azkal alle foreste di Nordheim, sovrano di tutto Karne, uccisore di mille guerrieri.." un improvviso movimento del polso di Theodonos fermò Oridil morto nel suo discorso.
«Oridil, se insisti a sprecare ulteriormente il tempo di questa corte, ti farò trasferire nelle nostre stanze degli interrogatori, dove non ti verrà fatta alcuna domanda, ma semplicemente il mio dispiacere si manifesterà sul tuo corpo. Vai, caro uomo, al punto.
Oridil tremò davanti a questa minaccia e scosse la testa. “Sì, mio ​​re. Certo. Ehm. A noi, cioè al consiglio dell'intelligence del suo impero di Re Incoronato, è stata trasmessa una notizia importante riguardante voci che si sono diffuse nelle terre di Gestat, all'estremo ovest di Karne, da un regno che purtroppo non è stato ancora acquistato sotto il grazioso dominio del Suo Nobile Re Serpente. Ehm. Le storie abbondano, si dice, su una tribù di persone in questo luogo che affermano di avere, nella loro conoscenza, il luogo in cui si trova una creatura uguale per forma e potere a quella che è attualmente sotto il nostro comando. Nello specifico, di un drago. Non un drago maschio, ma una regina drago, una matriarca in grado di deporre uova e covare prole. Così, si dice, un altro popolo ha quello che è stato il nostro potere principale per secoli indicibili. La capacità di produrre, forse cavalcare e comandare, draghi. Così termina il nostro rapporto all'indiscusso Signore di Karne, il nobile sovrano... ehm, e così via... il Re Serpente Theodonos. Questa lettera è stata ricevuta dal nostro consiglio solo ieri ed è stata trasmessa a questa corte per essere esaminata. Così ci riuniamo ora. Ehm. Oridil si guardò intorno incerto, lieto di aver terminato il rapporto senza che la minaccia del re di far praticare la loro arte su di lui ai suoi torturatori. Si inchinò furiosamente e si ritirò a distanza di sicurezza.
Il re e la maestra di caccia non si erano disinteressati durante il discorso. Né Dana aveva mosso la sua espressione gelida, né Theodonos, le sue labbra arricciate. Scoppiò un piccolo silenzio. I consiglieri del re riuniti si guardarono l'un l'altro.
«Allora, cara signora Dana. Puoi capire perché questa intelligenza riguarda la tua attenzione. In effetti, porta cattive notizie a tutte le nostre porte, se queste voci fossero vere. Può darsi che le tue affascinanti signore drago non siano le uniche persone in questa bella terra con il tuo enigmatico dono del volo. Che ne dici di queste notizie?
"Quanto sono affidabili questi rapporti?"
Cordonis ha parlato. “Questi rapporti sono numerosi ma vari. Alcuni raccontano di un vero e proprio esercito di draghi che minaccia i nostri cieli. Altri dicono che hanno solo una debole, piccola creatura, incapace di produrre uova. Alcuni sono racconti che sono chiaramente fantasie selvagge, che gli esseri magici sono venuti dal popolo di Gestat e hanno donato loro la creatura, che il drago è fuggito dalla nostra stessa stirpe, alcuni dicono che venderanno la bestia ai nostri nemici per il riscatto di un re. Niente è certo. Ma abbiamo tutte le ragioni per pensare che stia accadendo qualcosa in questa terra e che si debba sapere".
"Hm." Dana finalmente spostò lo sguardo dalla figura flessuosa sul trono dall'alto schienale alla stanza, e attraverso la nobiltà riunita ei signori della battaglia. "Senza dubbio il saggio Harkor qui presente vuole spazzare la terra e portare ogni spada per combattere contro i draghi fantasma." Harkor si arrabbiò per la strambata.
“Questo non può rimanere incontestato. Tutti sanno che Karne è il signore dei cieli. Carne da solo. Non possiamo permettere che tali discorsi continuino. Sicuramente dovresti saperlo più di chiunque altro. Dopo tutto, sono le tue puttane che cavalcano quelle grandi bestie.
Mormorii scomodi si diffusero nella sala, poiché Harkor raccontò una voce a volte raccontata, secondo cui i cavalieri di draghi si accoppiano con le loro cavalcature per guadagnarsi la loro lealtà. Theodonos arricciò ulteriormente le labbra. Spostò lo sguardo su Maldin, un generale più anziano, un guerriero dai capelli d'argento e segnato dalle battaglie. Lo sguardo del re disse silenziosamente che aspettava la sua opinione. Maldin lo ha riconosciuto.
«Sarebbe avventato, in questo momento, muovere le nostre legioni. Abbiamo guadagnato molto nella nostra campagna in Loronia l'anno scorso e la popolazione appena acquisita deve essere rafforzata. Indebolire le nostre forze in questo momento delicato significherebbe rischiare e invitare a un contrattacco che potrebbe vedere perse le nostre avanzate. Anche se capisco perfettamente il tuo desiderio di dimostrare che le tue vittorie non sono state fortuna, Harkor, qui bisogna essere cauti.»
Harkor incrociò le braccia e lo fissò. Lo stesso Theodonos diede solo il minimo cenno del capo. Cordonis ha scelto questo momento per fare una proposta.
“Saggio re, è mia modesta opinione che sia necessario sapere di più prima di poter intraprendere qualsiasi azione. Il mio signore mi permetterebbe di inviare alcuni dei miei uomini migliori per fare domande segrete?
Theodonos sollevò un sopracciglio e rifletté un momento. Quando parlò, si rivolse di nuovo a Dana.
«Mia cara maestra di caccia Dana. Diresti che c'è qualcosa riguardo alla natura dei draghi che non ti è noto?
Dana gli rivolse uno sguardo strano. “Certo che non c'è. È mio dovere imparare ogni aspetto riguardante il comando dei draghi. Come capo dei cavalieri, nessuno è meglio informato di me.
"E saresti disposto a trasmettere questa conoscenza alla rete di raccoglitori di informazioni di Cordonis?"
Dana fece una pausa. «Il mio re deve conoscere molto bene il patto tra i Cavalcadraghi e la corona che servono. Ti serviamo instancabilmente, ma la conoscenza di allevare e comandare draghi deve rimanere sempre completamente nostra.
«In effetti, così è stato scritto molto prima del vostro o del mio tempo, Lady Dana. Quindi è stato deposto prima che le madri di nostro padre venissero ingobbite. Così è stato decretato dai nostri saggi antenati. In quanto tale, ti viene trasmesso per trovare queste persone che ci viene detto possono allevare draghi e vedere quale minaccia offrono. Lascio al vostro saggio consiglio decidere quale azione intraprendere, se necessario. Questo è il comando che dà il re-serpente. Accetti questo ordine?"
Dana si irrigidì. Theodonis pronunciò le parole che ogni re pronuncia quando impartisce un ordine alla sua cacciatrice. La formalità che lega i cavalieri del drago al trono del serpente. Nessuna padrona di caccia, nei secoli trascorsi dalla stipula del patto, ha mai rifiutato un ordine del suo re. La domanda è posta con leggerezza ma rifiutare significherebbe rompere il patto più antico dell'impero di Karne. Lei rispose.
“Mio leig, i miei guerrieri sono al tuo comando. Accetto il tuo ordine. Si inchinò rigidamente mentre pronunciava la risposta richiesta. Theodonis fece uno dei suoi scarsi cenni del capo. Tuttavia le sue labbra si arricciarono e il suo sguardo rimase risoluto.
«È così, Lady Dana. Ti lascerò nelle abili mani di Cordonis e Maldin per elaborare i dettagli del tuo viaggio verso la Gestat. Ora mi ritirerò e ti lascerò alle tue deliberazioni.
La sala riunita si alzò sull'attenti e rimase all'erta mentre Theodonis usciva. Si dispiegò agilmente dal suo trono e se ne andò. Una persona lo seguì mentre camminava, una vecchia, curva e vestita con abiti smunti. Aveva gli stessi occhi scuri e l'espressione sinistra di Theodonis.

***

Theodonis venne nelle sue stanze. Fuori c'era la sua guardia d'onore, due uomini enormi immobili come statue. Le armi li adornavano come abiti. La vecchia signora lo seguì.
«La mia cara maestra di caccia ultimamente sta diventando una vespa. Sospetto che non le piaccia servire il suo monarca.
“Piaccia o no, non può spezzare il legame che la lega alla corona. Farlo sarebbe impensabile. Lasciala ai suoi capricci. Se diventa un vero problema, può essere affrontato.
“Lo so, cara mamma. Lo so. Ma mi addolora che il comandante della mia arma più potente possa diventare un tale problema. Il mio caro padre avrebbe davvero dovuto scegliere di meglio. Theodonos abbassò le sue magre membra su una sedia al centro della stanza. Allungò una mano sul tavolo accanto a lui e raccolse un piccolo frutto. Iniziò a tagliarlo a pezzi con il suo coltello da cintura decorato, infilando con cura le fette come se eseguisse un intervento chirurgico. O tortura.
“Sappiamo entrambi che ci sono molte cose che tuo padre avrebbe potuto fare meglio. Gaia riposa la sua potente anima. Lei stessa era in piedi dall'altra parte della stanza accanto a una finestra. I suoi occhi non sembravano interessati a nulla di fronte a lei.
Il sorriso storto di Theodonos tornò a insinuarsi sul suo viso. "Come sempre hai ragione, cara mamma." Fece un gesto attraverso la stanza. Nella camera da letto reale, diversi giovani giacevano sul letto. Due donne e un giovane. Erano drappeggiati in sottili toghe. Uno di loro, al suo comando, si alzò dal letto e venne ad inginocchiarsi presso il re. Le mise in bocca una fetta di frutta e lei la masticò. "Non mi piace Dana." Disse in un raro momento di schiettezza. “Attraversa il tribunale come se tutti fossero al di sotto di lei. Porta discordia nella mia casa finemente sintonizzata. Rende i miei uomini e le mie donne meno concentrati sui loro doveri verso il loro re. Mentre la ragazza masticava il frutto che aveva in bocca, Theodonis le portò una mano sul seno e la accarezzò attraverso la sua veste sottile.
«Non ti piace, Theod, perché era l'amante di tuo padre. Non ti piace perché rimane lontana dagli avvenimenti della sua corona, rintanata nel nido del suo sporco drago. Non ti piace perché la tua gente la chiama la Regina Drago, e perché dicono che era uguale, o anche più grande, del tuo governo. Rimase indifferente accanto alla finestra. Tirò fuori una pesante pipa e la riempì con un'erba maleodorante.
Theodonis annuì leggermente. Il suo volto ora era vuoto. Una mano si infilò nel vestito della ragazza e scoprì un seno piccolo e morbido. Le sue dita continuarono la loro esplorazione, premendo sul suo capezzolo scuro. L'altra mano continuava a dare frutti sia alla sua bocca che a quella del suo servo. «C'è anche quello. Sai, le mie spie mi dicono che ora ha rivolto la sua attenzione a Machil, il capitano della mia guardia d'onore. Non posso distogliere la sua attenzione in un momento così vitale. Le minacce di quei druidi ciechi adoratori dell'ombra continuano a creare un'atmosfera pericolosa per il mio personaggio reale. Non vogliono altro che un'opportunità per puntarmi alla gola un coltello da assassino, e la loro magia nera maledetta potrebbe benissimo dargli quella capacità. Perché continuo ad avere persone così inaffidabili che mi guardano le spalle?
La vecchia aspirava la pipa, riempiendo la stanza di fumo denso. Adesso era lei che storceva il viso in un piccolo sorriso cupo. «Quei cultisti pagani? Quei vecchi stronzi impotenti? Non possono rappresentare una minaccia così terribile per la tua salute, Theod. Sospetto che ti risenta per chiunque riceva le attenzioni di Lady Dana. Potrebbe essere che abbia negato le tue richieste una volta di troppo? Vuoi scoparla, hm? Montarla come una di quelle bestie che cavalca? È così?
Theodonos non mutò la sua espressione perfettamente neutra. Invece tirò con noncuranza le vesti del servitore e queste caddero a terra. Entrambi i seni pallidi erano ora scoperti e la sua mano li accarezzava ancora. Il suo cazzo in aumento era evidente contro i pantaloni. «Machil è il benvenuto nell'insulsa puttana. Dovrebbe godersela finché ne ha ancora l'opportunità. Se torna da questo soggiorno, mi aspetto che Dana cambi idea, oppure...» riprese il coltello e lo portò alla gola della ragazza. Non mutò la sua espressione altrettanto vacua. Si limitò ad aprirgli l'inguine dei calzoni e cominciò ad accarezzargli il cazzo.
«Attento, Theod.» Lei si accigliò. «Quello che suggerisci non è cosa da poco. La rimozione di una cacciatrice è una cosa pericolosa. È sostenuta dalla lealtà dei suoi guerrieri. Se corteggi la loro ira rischi il potere di tutto il tuo regno. Ha degli alleati all'interno della tua stessa corte. Un atto del genere potrebbe significare la tua fine.
Theodonos parlò alla vecchia mentre la testa della serva si muoveva su e giù sulle sue ginocchia. Emetteva piccoli suoni di risucchio mentre lavorava. Continuò a premerle il coltello contro il collo. “Questo è il vero motivo per cui ha bisogno di essere addomesticata. Il suo potere non può eguagliare quello della corona. Una cosa del genere è impensabile, cara mamma. Quelle femmine di drago devono avere la museruola o sarebbero un pericolo per il mio governo. Il patto è stato uno sciocco mercanteggiare da vecchi idioti e non vedo come possa ancora oggi avere credibilità.
"Sei uno sciocco!" Lei sibilò. “Il patto dura da secoli! È l'unica cosa che li lega a te! Se lo fai a pezzi, il trono del Serpente sarà castrato!
“Io sono il re, madre. Non sono vincolato da patti. Non avrò le mie mani incatenate dalle leggi degli antichi stolti. La loro sottomissione alla mia volontà deve essere assoluta. Se percepisco che è minore di così, farò dei passi per porvi rimedio”. Ormai i suoi occhi erano chiusi. Con la mano libera afferrò la ragazza per i capelli e costrinse i suoi movimenti sul suo cazzo. Le sollevò bruscamente la testa e la abbassò con forza, per farle stringere la gola e stringersi attorno a lui. Si dimenò ma non si alzò.
«Questa è idiozia, Theod. Vi lascio alle vostre deliberazioni. Ti suggerisco di studiare alcuni tomi finché non ci vediamo la prossima volta. Raccomando The Serpent Throne's Power di Hardin, va in grande dettaglio per quanto riguarda i dettagli del patto del cavaliere del drago e come è necessario per il dominio del nostro impero. Nessun re serpente può conservare il suo trono senza di esso, Theod. Ogni re prima di te lo sapeva; è ora che te ne accorga anche tu. Ti invito a pensarci bene, Theod. Pensaci bene davvero. Detto questo spalancò la porta e se ne andò.
“Non smetto mai di pensare, cara mamma. Mai." disse alla porta chiusa. Abbassò la testa della ragazza un'ultima volta. Lottò e fece un piccolo suono mentre lui le metteva il seme in gola. La tenne ferma. «Ingoialo, cara ragazza. Ingoia tutto. Ecco qua.» Alla fine il suo seme fu esaurito, e lei ricadde, ansimando in respiri umidi. “Povera piccola cosa. Lascia che ti aiuti." La tirò in piedi, tirò indietro la mano e la schiaffeggiò in faccia, forte. Cadde a terra e il sangue le sgorgò dal labbro. Continuò a respirare affannosamente, ma per il resto non si mosse.
Si diresse verso la sua camera da letto, la ragazza a terra ormai dimenticata. Altri due servitori aspettavano tranquilli sul suo letto: un'altra ragazza, più piccola e più scura della precedente. E un giovane. Le loro espressioni erano neutre come la prima ragazza. Si abbassò i calzoni e ne uscì, il suo membro semiduro che ondeggiava nell'aria, gocce di sperma che pendevano ancora da esso. Tirò l'altra ragazza giù dal letto per le caviglie e seppellì il viso tra le sue gambe. La sua lingua esplorò dentro di lei, i suoi occhi fissi sul viso del giovane. Il giovane ricambiò lo sguardo, apparentemente non vedendo nulla.

* * *

Dana aveva lasciato la sala delle udienze subito dopo il re. Era andata prima nel cortile di addestramento, dove le guardie si esercitavano. La giornata era luminosa, fresca delle piogge della scorsa notte, un buon mattino di primavera. L'umore di Dana non era brillante.
Il cortile si affacciava sulle colline sotto Kamildan, capitale di Karne e sede del trono del Re Serpente. Kamildan era un'enorme città che si ergeva sopra alte e ripide colline. Le mura concentriche circondavano il palazzo vero e proprio e si diceva che fossero inattaccabili. Nessuno era ancora abbastanza sciocco da provarci. Tra ogni serie di enormi mura c'erano ulteriori abitazioni. La nobiltà più importante viveva più vicino al palazzo, e la gente comune della città, più lontano. Fuori dalle ultime mura c'era una massa tentacolare di edifici, la città dei più poveri. Dal cortile di addestramento non si vedevano questi sporchi bassifondi, solo le pianure che si estendevano intorno a Kamildan. Una rete di strade si estendeva attraverso la terra, collegando Kamildan con il suo impero, come un ragno seduto al centro della sua tela.
Guardie e soldati erano in gruppi nel cortile, addestrati e addestrati. Le ancelle di Dana stavano in un angolo, aspettando il suo ritorno. Erano la sua élite, la sua guardia del corpo personale di fanciulle drago. Quando la videro entrare nel cortile, vennero da lei.
"È come ci era stato detto, Lornel." Dana si rivolse al capitano della sua guardia senza cerimonie. "Le voci sono arrivate al nostro re e mi ha ordinato di recarmi in Gestat."
«E spero che tu muoia lì, senza dubbio. Tutti sanno che quei luoghi a ovest hanno resistito ferocemente agli eserciti del Re Serpente. È una terra di illegalità.
«Lo so, Lornel. Ma me l'ha ordinato direttamente. Ha invocato il patto e io non posso rifiutarlo».
"Dobbiamo accompagnarti, Lady Dana?" chiese Teritha, una delle ancelle.
“Vorrei che non lo facessi. Ho bisogno che tu resti a Nimrel e stia all'erta. Sospetto già che Theodonos farà qualche mossa contro di noi mentre sono via. Devo incontrare i suoi lacchè più tardi. Ce n'è uno che desidero venga con me, lo informerò presto.
Le fanciulle la guardarono con aria interrogativa ma Dana non rispose loro. «Dovrò incontrarti a Nimrel entro pochi giorni. Non aspettarmi qui, ma torna subito indietro. Sarò occupato per il momento. Quando tornerò, avremo una cerimonia a cui partecipare.
Le fanciulle si inchinarono leggermente ai suoi comandi. "Vai allora. Le tue cavalcature ti aspettano. Parleremo di più quando ti vedrò la prossima volta. Si voltarono e se ne andarono in direzione dei nidi, nidi temporanei che si tengono a Kamildan per le occasioni in cui i guerrieri drago visitano la capitale del loro re e padrone. Questi nidi si trovano nel punto più alto del palazzo, enormi abitazioni coperte e con pareti aperte per le loro cavalcature di draghi. Dana sapeva che le sue ancelle sarebbero tornate immediatamente a Nimrel, il grande nido, a molte miglia di distanza a nord, in cima alle montagne. Questa è la casa sia dei guerrieri drago, sia della loro madre-drago Rhiannon, la grande bestia incapace di volare che depone le uova delle loro cavalcature. Lornel avrebbe vegliato sulla gestione di Nimrel fino al ritorno di Dana.

***

Dana andò quindi alle camere consultive dove si riuniva il consiglio del re. Il re stesso, ovviamente, era assente, anche se ben presto la sua strega di madre arrivò per sedersi in un angolo e non dire nulla. Dana ha parlato con l'alto consiglio, con Cordonis il capo dell'intelligence e Maldin il generale di guerra, su come esattamente avrebbe proceduto. Insistette per avere almeno un guerriero che l'accompagnasse nel viaggio, e su questo furono d'accordo. Rifornimenti e informazioni le furono ceduti in aiuto di questo. Ha anche insistito sul fatto che non poteva andarsene immediatamente, perché a Nimrel erano previste cerimonie importanti. Non erano contenti di questo. Alla fine tutti gli accordi furono presi, e quando poté ritirarsi nelle sue stanze, si stava facendo sera.
Appena poté andarsene andò sui grandi tetti del palazzo per controllare la sua cavalcatura. Il drago, un'enorme bestia rossa, dormiva, come fanno di solito quando non mangiano o volano. Valkyre, lo aveva chiamato. Era il miglior esempio dell'arte degli schiuditori di draghi che fosse possibile trovare. Dal naso alla punta della coda, era lungo cinquanta piedi. La sua apertura alare era uguale a quella. I suoi occhi ardevano del fuoco eterno di un drago e il suo respiro aveva mandato molti poveri sciocchi alla sua morte straziante. Come tutti i cavalieri di draghi, Dana lo amava.
"Ha preso del cibo?" chiese al servitore presente.
"Si Mia signora." Ha mosso la testa. «Stamattina ha preso la sua scelta delle mandrie.» Quando i draghi si erano sistemati a Kamildan, avevano il permesso di prendere cibo dal bestiame e da altre bestie che venivano ammassate fuori dalle mura della città. Lei annuì e gli tenne la mano lungo il fianco mentre respirava. Le sue squame, sebbene dure come l'acciaio, si muovevano agilmente con il suo respiro lento e addormentato.
"Dormi bene." Ha dichiarato. «Fai riempire il suo abbeveratoio e cambiare la biancheria da letto stanotte. Lo farò volare domani. Non desidero che le sue ali si indeboliscano per il lassismo. Di nuovo l'inserviente si inchinò e lei se ne andò.
Lei stessa prendeva del cibo semplice alla mensa delle guardie del palazzo e mangiava in piedi. Nessuno ha notato la sua presenza o ha tentato di avvicinarla. Quindi tornò nelle sue stanze assegnate, dove trovò Machil seduto al tavolo nella stanza, che studiava un tabellone.
"Gioco affascinante, questo." osservò mentre lei entrava. “Ogni distribuzione crea un puzzle unico. Devo confessare che sto cercando di risolverlo da un po' di tempo ormai.
"Mi importa poco di questi oziosi passatempi." Lei ha risposto. «Ho poco tempo da perdere con loro.»
“Ah, ma è tempo ben speso. Incoraggia la mente a pensare in nuove direzioni e ad affrontare i problemi nei modi abituali. Ti mantiene sveglio, mia signora. Sorrise quando lei si avvicinò, e lei piegò un ginocchio, premendoglielo contro l'inguine. La sua mano si sollevò dietro le sue gambe e si posò sulle sue natiche. «Anche se sospetto che tu ne abbia poco bisogno. Sei abbastanza acuto.
Lei forzò le sue labbra nelle sue e la loro passione si accese ancora una volta. Tirò giù la parte superiore delle sue vesti, i suoi seni grandi e pieni si esposero all'istante, e gli mise un capezzolo in bocca.
"Sono mandato via per ordine del re". Disse mentre succhiava con gratitudine. “Vuole che vada in Gestat. Come mi avevi già avvertito.
Lui annuì tra i giri dei suoi seni. «Ha ricevuto l'informazione qualche giorno fa. Si è preso del tempo per dirlo alla sua corte. Per quali motivi, non lo so”. La sua bocca rivolse la sua attenzione all'altro seno di lei.
“È anche probabile che sappia che ci incontriamo. Quindi sa che potrei sospettare di lui. Si muove contro di noi, Machil. Questo è preoccupante”. Semplicemente annuì di nuovo. La mano di Dana era tra le sue gambe, sentendo il suo grosso rigonfiamento. Poi si abbassò e slegò la sua pesante virilità. Gli scostò il prepuzio e tracciò una linea con la lingua.
«È pericoloso, Dana.» Le disse mentre la guardava lavorare abilmente la sua lingua su di lui. “È imprevedibile. Ho già abbastanza preoccupazioni senza che lui faccia a pezzi i legami che uniscono il nostro regno. Devi stare in guardia. Non devi dargli motivo di disprezzarti”.
Ha parlato con il suo cazzo in bocca. “È un uomo spregevole. Lui e quella puttana. Suo padre era un re. È un topo.
Si alzò, rovesciò il tabellone, facendo volare i pezzi scolpiti. Salì sul tavolo, aprì le gambe e lasciò che lui la penetrasse con la lingua. Le sue mani erano sui suoi seni pesanti mentre la leccava.
In quel momento entrò una cameriera. Bussò, entrò, e vedendoli, lei sul tavolo, lui con la testa sotto le vesti, sobbalzò e fece per andarsene.
"Oh! Cara Gaia... perdonami...».
Dana ha smesso di muoversi, Machil non ha interrotto il suo lavoro. Dana guardò la ragazza, e qualcosa negli occhi della maestra la tenne lì. Dana alzò la mano e fece cenno alla ragazza di entrare.
“Servo. Metti la biancheria pulita accanto al letto”. La ragazza, rossa sulle guance, si mosse per obbedire. Poi rimase lì, senza guardarli. "Pulisci il focolare." Dana allora la istruì. Lo fece, con esitazione, furiosamente, senza guardare nessuno dei due. “Chiudi la porta, sciocca. Dove sono le tue buone maniere? Fece scattare la porta e andò a spazzare via la cenere dal caminetto. Nel frattempo, Machil si era seduto sulla sedia. Dana si abbassò su di lui, voltandosi dall'altra parte, e tenendosi al bordo del tavolo, si unirono appassionatamente. Lui guidava i suoi movimenti, le sue mani sui suoi fianchi. I suoi seni pesanti rimbalzavano a tempo con il loro ritmo.
La cameriera finì di pulire, cercando di non sentire i gemiti crescenti di Dana o lo schiaffo della loro scopata. Ogni volta che finiva un compito, Dana le istruiva su un altro. Rimise a posto le candele nella stanza e strappò le lenzuola. Le ordinò persino di raccogliere pezzi di gioco sparsi per la stanza e di rimetterli sullo stesso tavolo che lei e Machil stavano avvitando.
"Servo". le disse finalmente Dana. “I tuoi vestiti sono sporchi. Non avrò trasandato qui. Era vero: durante le pulizie la ragazza si era macchiata di fuliggine il vestito. "Rimuovili. Lavali nella vasca.
La ragazza la guardò, scioccata. Ormai Machil aveva Dana sul letto spogliato. Le gambe di lei erano sopra le sue spalle, e lui si fermò sopra di lei, spingendo con forza.
"Mia signora...?"
"Vieni qui." Dana istruì. La ragazza lo fece obbediente, cercando di non vedere i grandi seni di Dana che tremavano a tempo con le spinte di Machil, o la lenta umidità che fuoriusciva dal loro sesso. Dana le mostrò la macchia sporca del suo vestito. "Vedi? Sporco. Non accettabile. Togliti il ​​vestito."
La ragazza osò esitare ancora una volta, ma lo sguardo negli occhi di Dana le disse che non era saggio. Tremando leggermente, la ragazza sollevò il vestito e si fermò davanti a loro nuda.
«La vasca contiene acqua pulita. Lava il tuo vestito. Allora lavati.
Lei ha fatto così. Si ripulì il vestito. Poi è entrata nella vasca e ha ripulito le macchie dal proprio corpo. Mentre sedeva nell'acqua calda, Machil raggiunse il suo apice dentro Dana. Poi si alzarono e salirono nella vasca con il servo. Prima di lei si sono ripuliti, Dana che si puliva la figa dal suo seme. Machil ordinò alla ragazza di lavarsi la virilità, e infatti lei prese il sapone e lo pulì. Adesso era al di là del disobbedirgli.
Dana sollevò i fianchi fuori dall'acqua e mise la testa della ragazza tra le sue gambe. «Puliscimi in questo modo, ragazza. Usa la lingua. Usalo bene. La ragazza leccò Dana, ma non la rese più pulita, anzi i suoi succhi scorrevano più facilmente. Quando la ragazza raggiunse l'orgasmo, il sangue di Machil scorreva di nuovo, guardando le due donne lavorare l'una sull'altra. Dana si rilassò in acqua esausta, ma se la ragazza pensava di aver finito, si sbagliava. Uscì e mise il suo cazzo semiduro nella bocca della ragazza. Con il suo incoraggiamento, lo ha succhiato. Dana li osservò, vide il suo palo diventare lentamente più tumescente. Lei gli prese le palle. Dana si mise la mano tra le gambe e si diede piacere.
Mancavano molto prima che fossero finiti. Ad un certo punto si sono spostati sul letto, i tre si sono abituati di più ai corpi l'uno dell'altro. Dana ha fatto venire l'orgasmo alla ragazza con la bocca, mentre continuava le sue attenzioni sul cazzo di Machil. Poi Dana è salita sopra la ragazza. Si baciarono mentre Machil provava piacere con le loro fighe, passando dall'una all'altra come desiderava. Presto fece esplodere ancora una volta il suo seme, non dentro nessuno dei due, ma tra di loro, goccioline bianco chiaro che si diffondevano sui loro corpi mentre continuavano a baciarsi. Si leccarono il liquido lattiginoso dai corpi l'uno dell'altro. Ormai Machil desiderava dormire, ma Dana non aveva finito. Fece in modo che la ragazza la portasse di nuovo all'orgasmo due volte, una volta con le dita mentre Dana le baciava i piccoli seni, e di nuovo con la bocca. Quando la serva uscì di soppiatto dalle stanze, era più vicina all'alba che al tramonto. Prima che se ne andasse, Dana le parlò ancora una volta.
"Come ti chiami, ragazza?"
“My name is Yurale, my lady.”
“Yurale. See that you attend these chambers again tomorrow. I have a proposition for you. One you may find intriguing.”
“Yes, my lady.” She said, hastening out the door.

Storie simili

Sorelle, figlie, nipoti e mogli!

Tutto questo è successo molto tempo fa. Ero al lavoro e facevo quello che ancora provo molto piacere nel fare....... no! non quello...... anche se ovviamente mi impegno ancora in quella particolare attività quando la cosa reale non è disponibile come fanno la maggior parte degli adulti, dovrei immaginare! No, stavo osservando le donne in ufficio con cui ho avuto il piacere di lavorare e immaginandole impegnate nel genere di cose su cui tutti noi ogni tanto fantasticamo!. Ne ho già parlato in altre storie, ma ho sempre ricavato molta soddisfazione nel guardare i membri del sesso femminile fare cose 'quotidiane';...

920 I più visti

Likes 0

Attrazione proibita 2 (riveduta)

Erano trascorsi due anni da quando il signor Connor e io abbiamo portato la nostra relazione a un nuovo livello. Era anche sicuro dire che facevamo sesso in quasi tutte le stanze della scuola... E non è un'esagerazione. La nostra situazione era piuttosto complicata. Io e Tim (odiava quando lo chiamavo Mr. C se non stavamo facendo sesso) passavamo così tanto tempo insieme, ma non eravamo fidanzati e fidanzati... ma allo stesso tempo lo eravamo. Non so come chiameresti la nostra relazione. Forse amici con benefici o solo la sua cagna laterale. Ma noi eravamo molto di più. Lasciava note citazioni...

948 I più visti

Likes 0

Nonno Joe

Questa è una storia su di me e mio nonno. Mio nonno Joe era sulla sessantina, calvo, alto e aveva un bel corpo da orso. Era davvero forte. Era anche molto peloso. Ero un paffuto di 16 anni. Culo grosso e tette da uomo appesi. Ero un ragazzo liscio e senza peli. Avevo un cazzo minuscolo. Inoltre non avevo alcuna conoscenza del sesso o altro. Non mi sono mai nemmeno masturbato, l'unica volta che sono venuto è stato durante i sogni bagnati. Un giorno mi è stato detto dalla mia famiglia di andare a stare con Joe. Joe stava invecchiando e...

996 I più visti

Likes 0

La mia prima volta con Cindy

La storia: Sulla via del ritorno dall'ospedale, dopo aver lasciato mia moglie per un'operazione alla schiena molto seria, Cindy, mi stava dicendo come avrebbe fatto tutte le cose che la mamma faceva in casa, come lavare i piatti e fare il bucato e che si prenderà cura di suo padre come fa la mamma. Fu detto in una specie di sussurro sommesso e lei aveva la sua mano sul mio braccio, toccandomi dolcemente e guardandomi negli occhi. Ho sentito un fremito nei pantaloni e ho guardato le gambe formose di Cindy e la minigonna che indossava, ho subito costretto il mio...

794 I più visti

Likes 0

Mia moglie non sapeva che mi ha reso ricco

Mia moglie non sapeva che mi ha reso ricco da vivoinpr Le mie storie non riflettono necessariamente le mie inclinazioni, desideri, desideri o fantasie personali. Per favore, leggi e goditi questo scritto di fantasia. Charles e Anna Woods vivevano una vita semplice della classe media. L'impiego di Charles pagava uno stipendio sufficiente, quindi Anna non doveva lavorare. Sono sposati da tre anni e sembravano essere una coppia felicemente sposata. Charles guidava un'auto vecchia di dieci anni che è stata ripagata e l'unico debito in sospeso era il loro mutuo. Charles immaginava sua moglie come una moglie trofeo poiché poteva girare la...

756 I più visti

Likes 0

Vengono indietro

Debbie era seduta a un tavolo sorseggiando un drink all'Halfway House Bar quando ha sentito Cripes Deb, è passato molto tempo. Il proprietario della voce si lasciò cadere sul sedile accanto a lei. Era qualcuno che Debbie non vedeva o non sentiva da molto tempo, né voleva. Si chiamava Mick ed era un amico di suo figlio. Da piccola Debbie era stata praticamente una ninfomane. Se avevi droga e un cazzo, avevi Debbie. Ciò aveva portato Debbie ad avere un figlio e ad abbandonare la scuola. Aveva conosciuto suo marito subito dopo la nascita di suo figlio. Dopo essersi ripresa dalla...

667 I più visti

Likes 0

Corteggiare un vampiro 7

Di: StormHerald Capitolo 7 Ho ballato la maggior parte della notte, facendo solo una pausa per l'acqua o l'aria fresca con i tre Lycan. Si sono scambiati me e Damien intervenne solo altre due volte prima che mi monopolizzassero del tutto. Esso Era passata la mezzanotte quando ho sventolato la bandiera della resa e gliel'ho detto che ero esausto. Risero e passarono monete a William prima di farmelo sapere erano accampati nella foresta e sarebbero tornati verso domani pomeriggio. Li ringraziai e li guardai allontanarsi la sala da ballo e subito fuori dal balcone. Mia zia era al mio fianco il...

610 I più visti

Likes 0

Una Santa Femmina incontra il cane da guardia..._(1)

Era stretto. Molto stretto. Improvvisamente si ricordò della casa dell'anno scorso quando il suo vestito attillato graffiava le pareti incrostate di fuliggine del camino. Bella casa, grande soggiorno... residente caldo. Sorrise mentre si trascinava più in basso lungo i muri di mattoni, sentendo improvvisamente una brezza salire dal focolare, un ruscello sotto di lei. Qualcuno era appena uscito... o era entrato nella stanza. La brezza le fece saltare la gonna e lei rabbrividì. Non è la notte per andare senza mutandine, pensò. Poi di nuovo, ha dovuto lasciare qualcosa per un regalo. Trattenne il respiro e scivolò giù, senza sentire più...

598 I più visti

Likes 0

È iniziato come solo uno scherzo (rivisto)

Vengo da Madera California, solo la tua famiglia media. Madre, padre, fratello e me stesso. La mia famiglia è molto vicina e aperta l'una con l'altra, ma non siamo mai stati nudi uno di fronte all'altro o pensato l'uno all'altro in modo sessuale. Tuttavia, quando usciamo al negozio o da qualche parte chiediamo c'è qualcosa che qualcuno vuole dal vuoto e quando siamo abbastanza grandi e andiamo al negozio di pornografia locale, chiediamo se qualcuno vuole qualcosa. Di solito, ci prendiamo solo del lubrificante o dei film e andiamo tutti nelle nostre stanze a guardarli. Questa volta, tuttavia, stavo ottenendo...

416 I più visti

Likes 0

Un compleanno incesto Capitolo 17

Uno sfortunato incidente mi ha tenuto lontano dal computer per molto tempo, ma sono tutto guarito e pronto per tornare a scrivere. Spero solo di essere il più vicino a dove stavo scrivendo saggiamente prima della mia improvvisa scomparsa. Quindi, dopo oltre 8 mesi di assenza, la storia di Rita e Randy Stevens continua proprio qui, spero che vi piaccia. Mi sono agitato nel sonno, svegliandomi quando ho sentito qualcosa che mi spingeva il petto più e più volte, al punto in cui ho dovuto affrontare il problema. Con gli occhi sfocati ho guardato attraverso l'oscurità finché non si sono adattati...

197 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.