Attrazione proibita 2 (riveduta)

1.7KReport
Attrazione proibita 2 (riveduta)

Erano trascorsi due anni da quando il signor Connor e io abbiamo "portato la nostra relazione a un nuovo livello".

Era anche sicuro dire che facevamo sesso in quasi tutte le stanze della scuola... E non è un'esagerazione.

La nostra situazione era piuttosto complicata. Io e Tim (odiava quando lo chiamavo Mr. C se non stavamo facendo sesso) passavamo così tanto tempo insieme, ma non eravamo fidanzati e fidanzati... ma allo stesso tempo lo eravamo. Non so come chiameresti la nostra relazione. Forse amici con benefici o solo la sua cagna laterale.

Ma noi eravamo molto di più. Lasciava note citazioni ispiratrici nel mio armadietto, mi aiutava con i compiti e mi ascoltava persino mentre spettegolavo sulle ragazze a scuola!

Alla fine siamo arrivati ​​a un punto in cui dovevamo solo inventarci qualcosa da dire alle nostre famiglie.

Per togliersi di dosso sua moglie, le disse che la scuola richiedeva "di più" da lui e che non doveva preoccuparsi che non fosse a casa. Ho detto ai miei genitori (e agli amici) che ero solo impegnato con la scuola.

Venerdì, dopo la scuola, sono corsa nell'ufficio del signor C.

"Signor C! Signor C! Signor C!!!!" urlai entrando nel suo ufficio.

Il signor Connor era seduto sulla sedia della scrivania e suonava la chitarra. L'avevo leggermente spaventato.
Mi guardò.

"Che cosa?!" Chiese con un sorrisetto.

Chiusi la porta dietro di me e gli mostrai il foglio che avevo in mano.

"Ho ottenuto un 97% sul mio test Trig!" dissi finalmente.

"Santo cielo Erica, è fantastico!!!"

Si avvicinò dalla sua scrivania e mi diede un grande abbraccio.

Ha sempre un odore così buono. Tim si ritrasse dall'abbraccio e mise le mani ai lati del mio viso.

"Lo sai che sei la ragazza più intelligente del mondo, vero?" Disse fissandomi negli occhi.

"Non ce l'avrei fatta senza di te." Ho sorriso.

*** Oltre ad essere un nerd della teoria musicale, Tim era anche molto bravo in matematica. Mi ha insegnato ogni giorno dopo la scuola, e gli dovevo seriamente un sacco di tempo.***

Tim si avvicinò e baciò le mie morbide labbra rosa.

"Sai una cosa? Andiamo a prendere un gelato." Disse interrompendo il nostro bacio.

"È davvero necessario?" ho ridacchiato.

"Um... S? Non hai mai preso una A su un test Trigonometrico, e vale la pena festeggiare... Vale la pena festeggiare."

Diceva sempre le cose più dolci. Ecco perché mi stavo innamorando così tanto di lui.

"Ma piccola, non siamo mai usciti insieme in pubblico... voglio dire, attira abbastanza l'attenzione che tu sei bianco e io sono nero... e la differenza di età" dissi lasciandomi andare senza intenzione di uccidere l'atmosfera. ..ma sentivo che doveva essere detto.

I suoi occhi marroni si alzarono su di me.

"Erica, non mi interessa cosa è socialmente accettabile e cosa no. Ti amo, e questo è tutto ciò che conta. Se le persone vogliono fissarci mentre mangiamo il gelato, sono quelle fottutamente strane. "

"Questo è esattamente il motivo per cui ti amo." dissi sorridendo.

Il signor Connor si è infilato la giacca e ha preso le chiavi.

"Andiamo partnaaa!" Disse tenendomi la porta.

Sono andato a scuola in macchina, quindi l'ho seguito dal nostro locale Baskin Robbins.

Dopo il gelato, mi accompagnò alla mia macchina.

“Congratulazioni ancora, Erica. Sei fottutamente fantastico."

"Sei fottutamente fantastico." Ho sorriso.

"Ci vediamo domani?" chiesi, per rassicurare.

"Sì, ci vediamo alle 2:00." Disse salendo in macchina.

Ci siamo scambiati un altro bacio prima di salire in macchina e partire.

Sono tornato a casa verso le 6:30 appena abbastanza presto per battere i miei genitori. Erano felici che fossi tornato a casa prima del solito. Ho detto loro che sarei uscito domani mattina per prendere delle provviste per un progetto. (In realtà stavo andando a casa del signor Connor per le nostre lezioni di canto settimanali) Con questo, ho dato loro il bacio della buonanotte e sono andato di sopra per prepararmi.

Mi sono fatto una bella rasatura così la mia figa sarebbe stata bella e morbida per lui. Ho fatto un paio di altre cose, poi sono andata a letto.

Mi sono svegliato la mattina dopo per vedere che Tim mi aveva chiamato diverse volte e mi aveva mandato messaggi almeno 10 volte. L'ho richiamato.

"Tim, cosa sta succedendo?" Ho chiesto ovviamente suonando come se mi fossi appena svegliato.

"Ti ho svegliato? Mi dispiace piccola. Ma devi venire qui adesso!"

"Ti piace casa tua?" dissi sbadigliando.

"Sì. Per favore. Ho bisogno di te."

"Va bene, sarò lì tra un'ora." dissi riagganciando il telefono.

Cosa potrebbe essere successo per cui era così agitato e che doveva chiamarmi alle 8:00 del mattino?


Dopo aver fatto la doccia, mi sono vestito e sono salito in macchina per andare a casa sua. Quando entrai in casa sua (mi diede una chiave perché ci andavo così spesso) era seduto in silenzio sul divano del suo soggiorno.

Sua moglie non era in casa.

"Piccola cosa sta succedendo?" dissi sedendomi accanto a lui.

Si sedette lì con la testa affondata tra le mani.

"Erica... non so nemmeno come dire..." borbottò.

Gli ho massaggiato la schiena.

"Sono stata licenziata, Erica. Non insegnerò più nella nostra scuola."

Il mio cuore è sprofondato a terra.

"Cosa come?"

"La scuola non ha abbastanza soldi." Disse con una lacrima che gli rigava il viso.

Mi sono messo in ginocchio e gli ho tenuto il viso. Ho asciugato la sua lacrima e l'ho abbracciato.

"Ce la caveremo. Ok? Sei l'uomo più intelligente che conosca. Troverai qualcosa." dissi rassicurante.

Alzò la testa dalle mani.

"Avevo davvero bisogno che tu fossi qui."

"Sono qui... ci sarò sempre" Gli baciai la guancia e gli tenni la testa sul petto.

Ho trattenuto le lacrime e ho cercato di essere forte. Stavamo scherzando da due anni allora, e non potevo immaginare di andare a scuola senza che lui fosse lì.

Mi sono seduto accanto a lui sul divano e mi sono sdraiato sul suo petto.

"Ti voglio bene." Disse passandomi le mani tra i capelli.

Non l'avevo mai sentito dire così. Ovviamente lo amavo anch'io, ma era strano sentirlo dire.

Lo guardai e gli baciai le labbra.

Ha fatto scorrere la sua mano su e giù per la mia coscia, stringendomi il culo ad ogni colpo.

"Ti voglio ora." disse piano.

Mi sono tolto la mia semplice maglietta per rivelare le mie tette vivace.

"Niente reggiseno? Mmmmm." Il signor C ha detto prima di infilarsi le mie tette in bocca.

Una cosa tira l'altra, e siamo finiti di sopra nella camera da letto di lui e sua moglie.

Mi sono sdraiato sotto il corpo nudo del signor Connor... sentendo le sue dita scivolare dentro e fuori dalla mia figa bagnata.

Tim allo stesso tempo mi succhiò il collo e mi prese a calci le tette.

"Mmmmm sì. Tesoro!" gemevo.

Ho sentito la mia figa stringersi intorno alle sue due dita e ho sentito un enorme sollievo.

"Dio, perché la tua mano è così fottutamente incredibile!" dissi agitato.

L'ho spinto indietro, così forte, che è caduto dal bordo del letto.

Abbiamo riso all'unisono.

"Quindi dovrei chiamarti Hulk invece di Erica?" Disse per terra ridendo.

Strisciai giù dal letto, a quattro zampe sul pavimento. Ho leccato il suo cazzo.

Le sue dita si arricciarono.

Ho afferrato il suo cazzo e gli ho lasciato che la bocca mi fottesse. Il suo bacino si mosse su e giù, mandando la testa del suo uccello nella mia gola. Ho lasciato che mi fottesse in faccia fino a quando non aveva fatto a modo suo.

La mia bocca ha rilasciato il suo cazzo coperto di saliva e ho cercato di riprendere fiato.

Presi fiato e mi misi a cavalcioni su di lui. Mi chinai in avanti e lo baciai profondamente. Mi sollevai e mi sprofondai sul suo cazzo duro pulsante.

"OH MIO DIO CAZZO." Il signor Connor gridò quasi all'istante.

L'ho cavalcato così forte che ho dovuto tenere le mie tette per impedire loro di volare ovunque. Non appena li ho coperti, Tim ha allontanato le mie mani da loro.

"Mi piace il modo in cui sussultano, piccola." Lui grugnì.

"Oh ti piace? Sì piccola? Mmmm il tuo cazzo si sente così bene" gemetti.

Ho rallentato e ho macinato su di lui in tondo. Guardò i miei fianchi e il mio busto muoversi in cerchio. Non riusciva nemmeno a provare a eguagliare il mio ritmo, si è semplicemente sdraiato lì in soggezione e mi ha guardato scoparlo come se fosse la nostra ultima notte sulla terra.

Il signor Connor si alzò dal pavimento e si alzò, portandomi tra le braccia. Mi ha portato nella sua grande cabina armadio e mi ha piegato.

Mi chinai abbastanza da toccarmi le dita dei piedi. Ha trovato il mio buco e ha spinto dentro.

Mi ha stretto i fianchi così forte che pensavo avesse lasciato dei lividi. Si è fatto forza con me così forte che ho urlato il suo nome con la prima spinta.

"Tim!....OH MIO DIO.. MR...CONNOR..YESSSS!"
Si sentivano le sue palle che schiaffeggiavano copiosamente contro di me.

Ho afferrato la scarpiera davanti a me per prepararmi e per non farmi crollare.

Il suo cazzo era così profondo e non sapevo come facesse a raggiungere il mio punto g con (quasi) ogni pompa.

Ho sentito il suo cazzo contrarsi, quindi sapevo che sarebbe venuto presto. Continuava a picchiarmi e a picchiarmi.

Poi, all'improvviso, ho sentito la porta d'ingresso aprirsi. Tim si lamentava così forte che non lo sentiva nemmeno!

Sapevo che era sua moglie.

La parte egoista di me voleva che lei ci trovasse, in modo che lui fosse costretto a scegliere, ma la metà logica mi ha ricordato che quello che stavamo facendo era illegale e proibito.

Quindi ho lasciato un sospiro.
"Tim, Tim Tim! Ho sentito qualcuno al piano di sotto!" dissi freneticamente.

"Tim, tesoro?"

Potevamo sentirla nel corridoio anteriore, in procinto di salire le scale!

Il signor Connor ha trovato rapidamente dei pantaloni e si è diretto al piano di sotto per salutare sua moglie.

Ho riso internamente al fatto che il suo cazzo fosse ancora duro come una roccia, e lì stava cercando di avere una conversazione normale con sua moglie.

Non mi aspettavo di essere a casa dei Connor prima di altre 3 ore, quindi non potevo scendere senza che lei sospettasse qualcosa.

Nel frattempo, mi sono vestito in fretta e furia e mentre scendevo le scale, il signor Connor mi ha fatto cenno discretamente con la mano di uscire usando la porta sul retro mentre distraeva sua moglie.

Sgattaiolai silenziosamente fuori dalla porta sul retro e salii in macchina. Mi sono pettinato i capelli cercando di sistemarli, perché avevo quelli che chiameresti "capelli sessuali".

Proprio mentre stavo per decollare, vedo il signor Connor uscire dalla porta sul retro.

Tim è salito sul sedile posteriore della mia macchina.

"Penso che abbiamo degli affari in sospeso qui." Disse con un sorrisetto.

Tirò fuori il suo cazzo palpitante e lo accarezzò.

Scesi dal posto di guida e lo raggiunsi sul sedile posteriore.

"Cattivo cattivo ragazzo." Ridacchiai mentre mi toglievo i pantaloncini e chiudevo la porta dietro di me.

Con la schiena premuta contro la portiera del sedile posteriore, ho allargato le gambe, invitandolo a venire a finire la nostra 'affare'.

Si sputò sulla mano, se la strofinò sulla testa del suo membro e spinse dentro. I suoi colpi furono più morbidi questa volta ma follemente profondi.

I miei gemiti si sono trasformati in piagnucolii, perché semplicemente non avevo le parole... Per come mi ha fatto sentire sia sessualmente che emotivamente.

Eravamo già così sudati, e anche la temperatura di 80 gradi in macchina non ha aiutato.

I nostri gemiti e il respiro caldo hanno riempito la macchina lasciando i finestrini appannati e la mia figa si è riempita del suo sperma.

"Cazzo, ti amo." Disse baciandomi sulla fronte e abbracciandomi.

Ci abbracciammo per un po' finché non fu troppo caldo anche solo per toccarci. Il signor C è sceso dalla macchina.

"Ci vediamo verso le 2 per le lezioni?" Chiese.

"Ci vediamo allora, ragazzo innamorato." Ho detto tirando fuori.

Erano circa le 11:30 quando ho lasciato la casa del signor Connor, quindi ho avuto un po' di tempo da ammazzare prima di tornare. Ho deciso di andare al Panera Bread per mangiare un boccone e ho fatto i compiti. Il tempo è passato in fretta e quando ho alzato lo sguardo erano già le 1:45.

Salii in macchina e tornai a casa di Connor. Ho suonato il campanello, perché è quello che ho fatto quando la moglie di Tim era a casa.

Il signor Connor ha aperto la porta.

"Oh, entra Erica. È bello vederti." Disse abbracciandomi.

"È bello vedere anche te, signor C." Dissi stancandomi di questa farsa che dovevamo fare davanti a sua moglie.

Sua moglie era al piano di sopra nella loro camera da letto, e immagino che non mi abbia sentito entrare perché è venuta precipitosamente giù per le scale..

"TIM??? Di chi cazzo sono queste mutandine nella nostra camera da letto????"

Mi ha visto seduto sul divano e ha cercato di fingere che tutto andasse bene. Ma non lo era. Era rossa come una mela!

Mi alzai.

"Ci vediamo lunedì, signor C." dissi in silenzio, correndo fuori dalla porta.

Sono salito in macchina e l'ho avviato. Ho preso un respiro profondo e improvvisamente il mio cuore è affondato. Ho guardato in basso e ho capito che non avevo la biancheria intima.

"FANCULO!"

Ho tirato fuori e speravo che il signor Connor potesse inventare una bugia, buona quanto il nostro sesso.

Storie simili

Viaggio di caccia 2

{di nuovo, questa non è solo una di quelle storie di coglioni... se vuoi leggi una delle mie altre storie} prima parte Aspetta... aspetta il massimo? Jacob quasi ridacchiava mentre parlava. Lei annuiva e alzava la spalla sinistra verso di lui. Va bene... sei pronto, se è così la montagna sta aspettando. lei diceva di sì e partivano, il camion sfrecciava lungo l'autostrada e cominciava a fare buio. Maxine si svegliava con la testa appoggiata sulla spalla di Jacobs e lui non sembrava accorgersene o preoccuparsene. Si alzò a sedere stropicciandosi gli occhi quanto ancora? si girava e la guardava... la...

660 I più visti

Likes 0

La mia sorellina_(0)

La mia sorellina Sono cresciuto in una fattoria con solo i miei genitori, la mia sorellina e, naturalmente, molti animali. Mia madre ci ha istruito a casa, quindi non siamo riusciti a vedere molto oltre la fattoria. Mi sentivo solo, quando non mi occupavo degli animali o non facevo le faccende, ma da quando avevo tredici anni avevo i libri e la mano destra per masturbarmi. È iniziato quando ho visto gli animali accoppiarsi per la prima volta. Il mio cazzo è diventato duro e scivoloso e ho sentito che aveva bisogno di un rilascio, quindi ho iniziato a masturbarmi mentre...

651 I più visti

Likes 0

Impero perduto 62

0001 - Tempo 0003 - Conner- Thomas 0097 - Asso - Zimmel 0098 - Lucia 0101 - Shelby (nave madre) - Lucie 0125 - Lars 0200 - Elena 0301 - Rodrick 0403 - Johnathon 0667 - Marco - Marrone 0778 - gen 0798 - Celeste - Shelby (umana) 0908 - Tara - Mara -------------------------- Non cresciuto - non numerato ------------------------ 3 - a bordo di Shelby 2 in re-gen 1000 - Sherry - perso al momento 0999 - Zan - anch'esso perso -------------------------------- Conosciuto e OR numerato ------------------------------- 0501 - Taddeo ???? - Lena --------------------------- Derrick osservò Jonathon apparire dal portale...

616 I più visti

Likes 0

Leila ottiene il suo primo desiderio di compleanno

Si chiamava Jess. Era la tipica ragazza media di 16 anni. Bellissimi capelli castani lunghi fino alla vita, occhi azzurri penetranti e un'abbronzatura dorata. Le sue tette molto più di una manciata e il culo altrettanto bello. Non mi sono mai considerata lesbica, ma spesso la fissavo e mi chiedevo che aspetto avesse il suo bellissimo corpo nudo. Che sapore avrebbe avuto, che sensazione aveva la sua pelle liscia contro la mia. Io stessa ero una ragazza geek di 15 anni, la bocca piena di metallo, occhiali nerd dalla montatura spessa. Petto piatto, corpo minuto, capelli biondo sporco. Ma il mio...

570 I più visti

Likes 0

Cugino ferito

Non appena ho visto mia cugina Ashley, ho capito di essere stato colpito. Erano passati due anni dall'ultima volta che la sua famiglia l'aveva visitata, e da quel momento era cresciuta da una ragazzina magra e lentigginosa nella bellezza sedicenne più splendida che avessi mai visto. Da un lato, era difficile non immaginarla come la ragazzina carina, anche se un po' piagnucolosa, che ricordavo così bene quando era solo una bambina. D'altra parte, adesso non si poteva negare la sua bellezza. È stata la prima cosa che ho notato quando ho varcato la porta principale della casa dei miei genitori e...

560 I più visti

Likes 0

Dopo la festa_(0)

Per me la festa era finita da tempo. Stavo andando a pescare la mattina quindi mi ero scusato con i miei ospiti e ero andato a letto. E mia moglie era un'ottima padrona di casa, quindi ho pensato che avrebbe potuto intrattenere eventuali attaccanti. Ma il sonno non stava accadendo. Potevo sentire le chiacchiere mentre gli ospiti cominciavano ad andarsene. Ogni volta ridendo e tenendomi sveglio. Incredibile quanto le persone abbiano da dire nel momento in cui se ne vanno. E quegli stupidi clacson suonano mentre si allontanano. Finalmente in casa si fece silenzio e mi aspettavo che Mary venisse a...

473 I più visti

Likes 0

Lettera d'amore_(0)

Lettera ad un amore. Tutti abbiamo avuto qualcuno nella nostra vita che abbiamo amato veramente, alcuni di noi lo hanno ancora nella nostra vita, altri, come me, lo hanno perso. Al mio carissimo tesoro, Beh, sono passati tre anni dall'ultima volta che ti ho visto. Tre anni da quando ho sentito la tua risata. Tre anni da quando ti ho abbracciato. Tre degli anni più lunghi e miserabili della mia vita. Non passa giorno che non ti penso, non ti parlo, anche se non sei fisicamente lì, ti parlo ancora e spero che tu possa sentirmi. Ogni volta che chiudo gli...

341 I più visti

Likes 0

Un'esecuzione indecente

Edith aveva solo 12 anni quando i soldati del nuovo re attaccarono il villaggio della sua famiglia. Fu come rappresaglia per il loro sostegno a un pretendente al trono quando il vecchio re morì senza figli. Quando arrivarono i soldati, lei si era aggirata fino al limite del bosco raccogliendo frutta. Si accovacciò terrorizzata nel folto di rovi dove abbondavano le more, osservando mentre i soldati costringevano tutti a entrare nel bosco e nella casetta dal tetto di paglia dei suoi genitori sotto la punta della spada e poi le davano fuoco. Mentre le fiamme si diffondevano rapidamente lungo le pareti...

427 I più visti

Likes 0

Harry Potter Adventures: Capitolo 4 - Parte 2 di 3 - La ricompensa di Ron

Questa storia non riflette gli atteggiamenti oi personaggi della serie di Harry Potter, né ha alcuna affiliazione con l'autore. Capitolo 4 – parte 2 Harry, Ginny, Katie e Demelza sono entrati tutti nella sala comune di Grifondoro per trovare le celebrazioni della festa in pieno svolgimento. La stanza era buia tranne che per le luci brillanti che emanavano dalle punte delle bacchette delle persone, mentre le agitavano come bastoncini luminosi. La musica suonava ad alto volume dallo stereo e qualcuno era andato nelle cucine e aveva portato da bere alla festa. Eccitate ragazze del 4° anno ballavano sui tavoli mentre erano...

1.6K I più visti

Likes 0

Corteggiare un vampiro 7

Di: StormHerald Capitolo 7 Ho ballato la maggior parte della notte, facendo solo una pausa per l'acqua o l'aria fresca con i tre Lycan. Si sono scambiati me e Damien intervenne solo altre due volte prima che mi monopolizzassero del tutto. Esso Era passata la mezzanotte quando ho sventolato la bandiera della resa e gliel'ho detto che ero esausto. Risero e passarono monete a William prima di farmelo sapere erano accampati nella foresta e sarebbero tornati verso domani pomeriggio. Li ringraziai e li guardai allontanarsi la sala da ballo e subito fuori dal balcone. Mia zia era al mio fianco il...

1.4K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.